Home » Authority, Centro, News » Porto di Livorno: Gallanti convoca a Palazzo Rosciano Sintermar, LTL e LTM

Porto di Livorno: Gallanti convoca a Palazzo Rosciano Sintermar, LTL e LTM

LIVORNO – Un Contratto di rete che impegni le imprese interessate a collaborare tra di loro per incrementare la competitività del porto in uno dei traffici leader di Livorno: quello dei Ro/RO, ovvero dei traghetti merci che sbarcano e imbarcano veicoli gommati. Sarà questa una delle proposte che il commissario dell’Autorità Portuale labronica, Giuliano Gallanti, sottoporrà il prossimo 27 gennaio all’attenzione dei tre terminalisti RO/Ro Sintermar, Lucarelli Terminal Livorno e Livorno Terminal Mediterraneo, in una riunione organizzata congiuntamente con il Comandante della Capitaneria di Porto, Vincenzo Di Marco.
Si tratta della prima riunione che il commissario Gallanti organizza sull’argomento e la proposta del contratto di rete, prevista dalla legge 33 del 2009, sarà sicuramente sul tavolo. L’obiettivo è quello di riordinare il porto sulla base delle predisposizioni del Piano Regolatore Portuale approvato il 25 marzo scorso, ponendo fine alle promiscuità relative alle destinazioni d’uso dei fronti di banchine e delle aree di servizio retrostanti.
La questione del riordino degli ambiti portuali, che si è concretizzata con il P.O.T. 2013/2015, è stata una delle sfide più importanti che l’amministrazione Gallanti-Provinciali ha cercato di affrontare da quando è al timone dello scalo labronico. Con il nuovo PRP sono state individuate le aree e le infrastrutture portuali ed è stata assegnata loro da subito una specifica funzione logistica. Ora si tratta di passare dai progetti ai fatti: una riorganizzazione più efficiente degli spazi dedicati ai rotabili è una delle priorità per il 2016.
«La creazione del Polo Unico per la gestione dei ro/ro – ha detto Gallanti – è uno dei punti qualificanti del Piano Regolatore Portuale. Dopo esserci concentrati sulla predisposizione dei documenti per la gara finalizzata alla realizzazione della prima fase della Piattaforma Europa, è ora giunto il momento di affrontare il problema; una comunità portuale si riconosce quando alcune porzioni dell’interesse individuale vengono sacrificate in nome dell’interesse collettivo: se uniscono le forze, le imprese Ro/Ro avranno la possibilità di raggiungere obiettivi di sviluppo superiori a quelli che riuscirebbero a perseguire singolarmente».

Leggi anche:

  1. Porto di Livorno: i saluti di Natale del commissario Gallanti
  2. Porto di Livorno: la Fortezza Vecchia in una mostra a Palazzo Rosciano
  3. Porto di Livorno: presentato a Palazzo Rosciano il progetto Vet-Port
  4. Porto di Livorno: il ministero nomina Gallanti commissario dell’Authority
  5. Porto di Livorno: per Gallanti l’approvazione del Prp è “giornata storica”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=35453

Scritto da Redazione su gen 21 2016. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab