Home » Authority, Centro, News » Rinviata la Conferenza Stato – Regioni sulla portualità italiana

Rinviata la Conferenza Stato – Regioni sulla portualità italiana

ROMA – Doveva essere il giorno decisivo per la riforma dei porti. La Conferenza Unificata (sede congiunta della Conferenza Stato-Regioni e della Conferenza Stato-Città ed autonomie locali), convocata nel primo pomeriggio di giovedì 24 marzo 2016, presso la Sala riunioni della Via della Stamperia, 8 in Roma, proprio la questione sulla portualità italiana è stata rinviata alla prossima settimana.

Tra i molti punti posti all’ordine del giorno si doveva dare il parere sullo schema di decreto legislativo recante “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali di cui alla legge 84/94 (Semplificazione e Pubblica Amministrazione – Infrastrutture e trasporti – Economia e Finanze). La maggioranza delle Regioni, presente ieri alla Conferenza Unificata,  ha evidenziato delle perplessità strutturali  sulla riforma che trasforma le Autorità portuali in Autorità di sistema.

Ancora una volta decidere sulla governance portuale diventa complesso. Il Governo, in sostanza, ha respinto tutti gli emendamenti proposti dai rappresentanti delle Regioni rinviando a nuova convocazione la Conferenza Stato – Regioni.  I ministri preposti, ieri, durante la seduta,  volevano chiudere definitivamente l’iter sulla portualità approvando il decreto sui porti, inserito come sappiamo nella riforma della Pubblica Amministrazione; per evitare lo stallo sull’intera riforma si proponeva di spostare la discussione degli emendamenti  di modifica da parte delle Regioni separatamente in una nuova riunione. E così è stato  rinviando il tutto.

Da registrare che alle Regioni storiche che non condividono la riforma, Liguria e Campania, si sono aggiunte ora Piemonte, Lombardia e Veneto. Fra i vari emendamenti, bisogna registrare quello che mira alla “continuità” geografica, economica e marittima dei territori,  proposto dalla Liguria e dalla Campania. In particolare “rinviare” di tre anni l’integrazione  e/o accorpamento dell’Autorità portuale di Savona a Genova e di Salerno a Napoli; “trasformare” le Autorità di sistema in Società pubbliche  e “realizzare” le Autorità di sistema logistico sulle macro-regioni servite dai porti delle Autorità di sistema.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Livorno: seminario sulla riforma della 84/94
  2. Conferenza delle Regioni cauta sul Piano della portualità italiana
  3. Matteo Renzi e la portualità italiana di Assoporti
  4. Filt Cgil: la portualità italiana sull’esempio di Genova
  5. Cassa Depositi e Prestiti: pubblicato studio sulla portualità italiana

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=36952

Scritto da Abele Carruezzo su mar 25 2016. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab