Home » Authority, Isole, News » Crescita record per i primi tre mesi del 2016 nei porti del Nord Sardegna

Crescita record per i primi tre mesi del 2016 nei porti del Nord Sardegna

OLBIA – Oltre 256 mila passeggeri in tre mesi, il 31,4 per cento in più dello stesso periodo 2015.Il trimestre gennaio – marzo 2016 chiude con il primo record passeggeri dopo 5 anni di crisi. Sessantun mila in più quelli sbarcati ed imbarcati nei tre porti del Nord Sardegna. Numeri che lasciano intravedere una stagione più che positiva nelle banchine degli scali di Olbia, Golfo Aranci e Porto Torres.

Nel dettaglio, il porto dell’Isola Bianca è passato da 839 a 995 movimenti nave (+18,59% rispetto al 2015), per un totale di 165.761 passeggeri, poco più del 21,8 per cento rispetto al 2015 (pari a 30 mila unità). In crescita del 37,5 per cento anche le auto e i camper al seguito che, da 41.460 del 2015 passano a 57.029 del 2016.

Più consistente la crescita in percentuale del porto di Golfo Aranci. Con un incremento del numero delle corse navi, che passano da 162 a 189 (+16,67%), aumentano anche i passeggeri: da 14 mila a 22.364 unità, pari al 58,65% in più rispetto allo scorso anno. Quasi al 60% in più anche le auto ed i camper al seguito.
Supera il 51 per cento il numero delle navi in arrivo e partenza dallo scalo di Porto Torres. Sono 296, quelle registrate al 31 marzo, 100 in più rispetto a quelle arrivate e partite nel 2015. Aumento che si riflette anche sul numero dei passeggeri in sbarco ed imbarco, che passano da 45.178 del primo trimestre 2015 a 68.629 dello stesso periodo dell’anno in corso. Quasi al 60 per cento in più anche le auto al seguito, che passano da 14.620 del 2014 a 23.289 del 2016.

In leggera flessione, nonostante l’incremento del 3 per cento dei mezzi pesanti trasportati, il tonnellaggio delle merci in entrata ed in uscita, che, nel globale dei tre porti, passano da 1.384.592 tonnellate a 1.337.161.

“E’ sicuramente prematuro fare delle previsioni sul 2016 – spiega Pietro Preziosi, Commissario Straordinario dell’Autorità Portuale del Nord Sardegna – ma i primi tre mesi danno già l’idea che questo sarà l’anno della svolta per i traffici marittimi da e per i nostri tre porti. Se dovessimo mantenere la media di crescita del 30 per cento registrata nel periodo gennaio – marzo, sono sicuro potremo recuperare una grossa fetta del crollo degli ultimi 5 anni, riportando il sistema portuale del nord isolano sempre più vicino ai 6 milioni di passeggeri del 2009”.

Tre milioni e 780 mila i passeggeri in arrivo e partenza dal Nord Sardegna nel 2015 (2.552.962 ad Olbia, 523.837 a Golfo Aranci e 703.283 a Porto Torres), più del triplo di quelli (1.167.493) registrati nel porto di Barcellona nello stesso periodo (80 mila in più se si aggiungono anche i crocieristi transitati nel porto spagnolo); il doppio del porto di Civitavecchia (1.538.311) e Livorno (1.962.799), oltre un milione in più di quelli registrati nello scalo di Genova (2.005.626).

“L’obiettivo – conclude Preziosi – è quello di riportare il sistema del Nord Sardegna ad essere il primo in Italia per traffico passeggeri oltre le 50 miglia, riguadagnando il giusto posto nelle classifiche europee dei porti più importanti. Se il dato del primo trimestre sarà confermato, siamo sicuri di essere sulla buona strada”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=37435

Scritto da su Apr 14 2016. Archiviato come Authority, Isole, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab