Home » Authority, News, Nord » Il porto di Venezia inaugura il Fresh Fruit Corridors per alimentare

Il porto di Venezia inaugura il Fresh Fruit Corridors per alimentare

VENEZIA – E’ partito dal porto di Venezia il primo treno “pilota” del “Fresh Fruit Corridors” che vede impegnata l’Autorità Portuale di Venezia, lo spedizioniere VLS Veneta Lombarda Srl e l’operatore ferroviario Rail Cargo Austria nella realizzazione della prima catena logistica per i container refrigerati e le merci deperibili destinate ai mercati europei.

Un sistema interamente intermodale che fonde assieme nave e treno, cofinanziato dall’Unione Europea con 10 milioni di euro (di cui 1.5 milioni investiti a Venezia) con l’obiettivo di sostenere, sperimentare e implementare servizi di trasporto veloce per i prodotti agri-food (alimentari freschi) provenienti da Israele-Giordania-Palestina. Sbarcati a Venezia i primi 30 containers refrigerati contenenti patate provenienti da Israele e giunte in banchina via nave.

Dopo i controlli fito-sanitari e le formalità doganali di transito, nella sono stati instradati via ferrovia e spediti a Rotterdam su un treno a temperatura controllata, la vera innovazione del progetto.

Leggi anche:

  1. Il porto di Venezia al Fruit&Veg System
  2. Partito il Fresh food Corridors: primo corridoio fresco Medio Oriente – Alto Adriatico – Nord Europa
  3. Porto di Venezia: parte l’iniziativa Fresh food corridors
  4. Porto di Venezia: investimento di 1,5 milioni di euro per il Fresh Fruit Corridor
  5. Porto di Venezia: nel primo semestre -13,9% del traffico merci

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=38226

Scritto da Redazione su mag 11 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab