Home » Authority, News, Nord » Porto di Genova: Iran grande opportunità ma le banche italiane frenano

Porto di Genova: Iran grande opportunità ma le banche italiane frenano

GENOVA – Iran grossa opportunità per l’Italia e per il porto di Genova che potrebbe arrivare a centomila contenitori di traffico, ma le banche italiane frenano. E’ la denuncia partita dalla conferenza su ‘Iran, opportunità di scambi e relazioni commerciali’ organizzata oggi a Genova dalla Fratelli Cosulich, presenti l’ambasciatore della Repubblica islamica dell’Iran Jahanbakhsh Mozaffari e il rappresentante di Irisl, la compagnia di bandiera iraniana che ha grandi progetti di sviluppo, Naser Bateni.

“Abbiamo navi che scalano regolarmente il porto di Genova, ma il nostro grosso problema è che gli esportatori italiani hanno una serie di contratti già firmati e merci in magazzino ma non hanno le lettere di credito. Siamo tutti pronti, abbiamo le navi, potremmo fare anche un servizio settimanale, portare a Genova centomila contenitori però le banche non danno il via a grossi gruppi italiani.

Sarebbe una cosa importante per il porto di Genova, ma vale anche per altri scali” spiega Augusto Cosulich, ad della Fratelli Cosulich che ha costituito una joint venture con Irisl per l’Italia e parte del Mediterraneo, portando a Genova ad aprile, primo approdo in Italia dopo la fine delle sanzioni, le navi portacontenitori iraniane.

Un traffico che rischia di fermarsi a 5 mila teu l’anno proprio per i problemi con le banche, denunciati anche dal presidente di Confindustria Genova, Giuseppe Zampini: “Il sistema bancario non aiuta ancora come dovrebbe, non vorrei fosse conseguenza della forzatura degli Usa”.
L’ambasciatore ha sottolineato come l’Iran offra grandi opportunità per tutti i Paesi e per l’Italia in particolare.

“Abbiamo bisogno di imprese in quasi tutti i settori e soprattutto di piccole e medie imprese” ha detto ricordando che dopo cinque anni di sanzioni ci sono investimenti enormi da fare e che “il governo darà garanzie a transazioni e investimenti in Iran che può essere anche ponte di accesso ad altri Paesi nel Medio Oriente”.

Leggi anche:

  1. Nel porto di Genova nuovi spazi a traghetti per la Tunisia
  2. Porto di Genova: Cosulich chiede regole certe e presidente dell’Authority
  3. UCINA: opportunità Brasile per le aziende italiane
  4. Porto di Genova: ipotesi check point zona pedonale per rischio terrorismo
  5. Porto di Genova: record semestrale dei traffici

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=39446

Scritto da Redazione su giu 21 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab