Home » Authority, News, Nord » Il patrimonio ferroviario del porto di Venezia

Il patrimonio ferroviario del porto di Venezia

VENZIA – Il Porto di Venezia ha registrato un +31% nei primi 4 mesi del 2016 delle merci movimentate via ferrovia che incidono oggi per l’8%: dati raddoppiati rispetto al 2015 e con la previsione di movimentare almeno il 10% delle merci via treno entro il 2017.

Questo è stato reso possibile grazie al patrimonio infrastrutturale ferroviario del porto che conta 45 km di rete ferroviaria interna, un proprio scalo merci (Marghera Scalo) inserito nella rete nazionale e il raccordo capillare di 25 imprese private.

L’infrastruttura ferroviaria che serve l’area di Marghera, circa 45 km di binari, include la stazione scalo Marghera e il Raccordo ferroviario base gestito dalla società di manovra.

Leggi anche:

  1. IL PORTO DI VENEZIA ALLA CONQUISTA DEL NORD EUROPA VIA FERROVIA
  2. Porto di Savona: avviato un collegamento ferroviario sperimentale con il porto
  3. Porto di Brindisi: pronto il bando per il collegamento ferroviario a Costa Morena Est
  4. Porto di Venezia: 5 navi e 100mila tonnellate di merci in 36 ore
  5. Porto di Brindisi: presto un collegamento ferroviario diretto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=39525

Scritto da Redazione su giu 26 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab