Home » Authority, Isole, News » Porto di Cagliari: accordo Grendi-indiana Electrosteel per hub

Porto di Cagliari: accordo Grendi-indiana Electrosteel per hub

CAGLIARI – Un hub per l’intero Mediterraneo. E’ ciò che si appresta a diventare il Porto Canale di Cagliari grazie all’accordo di collaborazione siglato dalla multinazionale indiana Electrosteel, leader nel settore delle canalizzazioni e raccordi in ghisa sferoidale, e il gruppo logistico Grendi in partnership con l’azienda di trasporti e logistica Cam di Cagliari.

L’accordo è stato presentato al terminal Grendi dall’a.d. Antonio Musso, Alfio Firpo (Elettrosteel), Giampaolo Amitrano (Cam), Leandro Ferrari (Cict) e Roberto Isidori, commissario Autorità portuale di Cagliari. Electrosteel, con una capacità produttiva di due milioni di tonnellate di acciaio, 900mila di tubazioni in ghisa sferoidale con tutti i rivestimenti idonei ad ogni tipo di territorio e affluente, 20mila tonnellate di raccordi, e forte delle numerose commesse in Sardegna per oltre 10mila tonnellate, presso Abbanoa e Consorzi di Bonifica, intende rafforzare la propria presenza in Europa. E fare di Cagliari la sua base strategica.

Da parte loro, i partner Cam e Grendi, grazie alla capillare presenza sul territorio e all’organizzazione che comprende mezzi stradali, terminal portuali e una linea di collegamento tra Cagliari e la penisola, sono in grado di garantire la movimentazione dei prodotti Electrosteel su tutto il territorio nazionale. “Si tratta di un’ottima opportunità di sviluppo per la realtà portuale cagliaritana – ha detto Musso – con questo accordo raggiungiamo l’obiettivo di invertire il trend della logistica e far sì che alcune commesse anche dirette in continente, passino da Cagliari e vengano trattate qui”.

Leandro Ferrari, responsabile marketing di Cict, ha precisato che “il nostro nasce come terminal di trasporto, molto efficace perché le navi che fanno scalo restano poco tempo e l’imprenditoria oggi ha molto bisogno di abbattere i costi”. “I container che arrivino al Porto Canale, il giorno dopo sono già vuoti, per questo e per la posizione strategica del terminal, la nostra scelta è ricaduta sulla Sardegna”, ha confermato Alfio Firpo di Electrosteel.

Leggi anche:

  1. Porto di Cagliari: a Tangeri per promuovere la logistica
  2. Porto di Cagliari: martedì presentazione del calendario crociere 2016
  3. Porto di Cagliari: nuovi traffici commerciali con Vado Ligure
  4. Porto di Cagliari: domani accordo con Uruguay e Argentina
  5. Porto di Cagliari: lunedì “I NUOVI ORIZZONTI DEL PORTO di CAGLIARI”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=40016

Scritto da Redazione su lug 13 2016. Archiviato come Authority, Isole, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab