Home » Authority, News, Nord » Firmato al Mise accordo per rilancio area di Livorno del valore di 580 milioni

Firmato al Mise accordo per rilancio area di Livorno del valore di 580 milioni

ROMA – E’  stato siglato oggi al Ministero dello Sviluppo Economico l’atto conclusivo relativo all’Accordo di programma, del valore complessivo di 580 milioni, per la riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa del polo produttivo ricompreso nei Comuni di Livorno, Collesalvetti e Rosignano Marittimo.

Il documento è stato firmato dal Ministro Carlo Calenda, dal Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano  Delrio, dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, dal Ministero del Lavoro, dal Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, dalla Provincia e Comune di Livorno, dal Comune di Collesalvetti, dal Comune di Rosignano Marittimo, da RFI e dall’Autorità Portuale di Livorno.

Complessivamente sono previsti interventi per oltre 580 milioni di euro, in prevalenza destinati alla realizzazione della Darsena Europa, la cui ultimazione è prevista entro il 2023.
Il MiSE coordinerà le attività previste dall’Accordo di Programma e presiederà il confronto fra parti sociali e istituzionali contribuendo con 10 milioni al finanziamento delle iniziative imprenditoriali volte alla creazione di nuove unità produttive o all’ampliamento di imprese esistenti.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sarà impegnato a concorrere al miglioramento della dotazione infrastrutturale dell’area di crisi, tramite gli interventi di propria competenza, indicati nel PRRI (tra i quali la realizzazione della Darsena Europa nel porto di Livorno, la realizzazione dello scavalco ferroviario Porto di Livorno-Interporto di Guasticce  il riconoscimento Zona Franca Doganale, razionalizzazione e sviluppo infrastrutture energetiche)

A seguito della firma dell’Accordo sarà possibile avviare l’intervento agevolativo ai sensi della legge 181/89 (finalizzato al finanziamento di programmi di investimento produttivo e/o di tutela ambientale e di eventuali progetti di innovazione dell’organizzazione di importo superiore a 1,5 milioni) attraverso specifico avviso.

Le risorse sono altresì destinate alla realizzazione di infrastrutture ferroviarie, alla creazione di un polo tecnologico e di un incubatore di imprese, ai protocolli di insediamento, e a percorsi di formazione e riqualificazione per i lavoratori.

Il ministro Graziano Delrio, che ha siglato oggi al MISE con il ministro Carlo Calenda l’atto conclusivo dell’Accordo di programma per la riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa del polo produttivo dell’area di Livorno,  ha commentato positivamente l’accordo. “Come MIT –  ha dichiarato – abbiamo fatto la nostra parte come  Ministero “al servizio”, perché le infrastrutture non sono un fine ma  un mezzo al servizio della crescita sociale ed economica del Paese”.

Il ministro ha, inoltre, sottolineato l’importanza dell’accordo nato grazie ad una “visione integrata di sviluppo del territorio, dove le scelte logistiche assumono un ruolo determinante”.
“Puntiamo molto sullo sviluppo dei porti e, in questo caso, del porto di Livorno per fare dell’Italia il più grande molo europeo: credo che questa firma sia un importante risultato per tutta la zona e per l’occupazione” ha concluso il ministro Graziano Delrio.

Leggi anche:

  1. Porto di Livorno: intesa da 10,6 milioni per l’interporto
  2. Porto di Livorno: per la Piattaforma Europa 50 milioni di euro dal Cipe
  3. Porto di Livorno: dalla Bei un prestito di 90 milioni di euro
  4. Porto di Livorno: da UE 40 milioni di euro per i binari sulle banchine
  5. Porto Taranto: a Roma siglato accordo con investimenti per 190 milioni di euro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=42461

Scritto da Redazione su ott 23 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab