Home » Authority, News, Sud » Porto Gioia Tauro: raggiunta l’intesa tra sindacati e Mct sugli esuberi

Porto Gioia Tauro: raggiunta l’intesa tra sindacati e Mct sugli esuberi

GIOIA TAURO – E’ stato raggiunto in nottata l’accordo tra le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil e Ugl e la MedCenter Terminal Container che prevede il collocamento in un’Agenzia del Lavoro di 400 portuali in esubero del Porto di Gioia Tauro.

L’intesa non è stata accettata dal Sul e dal Coordinamento dei Portuali secondo i quali il numero degli addetti da collocare nella struttura è sproporzionato rispetto alla media dei movimenti dei container nel porto di Gioia Tauro. L’accordo sblocca il varo dell’Agenzia che sarà gestita dall’Autorità Portuale e per la quale il Governo si è impegnato a stanziare 15 milioni di euro per i prossimi tre anni.

Si tratta di creare una sorta di contenitore che dovrà gestire i portuali in esubero fino al loro reinserimento, dopo un periodo di riqualificazione professionale, nelle attività di differenziazione portuale già previste e pronte ad essere inserite in un nuovo Accordo di programma quadro che chiama in causa la realizzazione del gateway ferroviario, il varo della cantieristica navale con la realizzazione di un bacino di carenaggio e altre attività in via di programmazione.

Leggi anche:

  1. Porto di Gioia Tauro: per Bankitalia, moderato recupero del traffico
  2. Porto di Gioia Tauro: Domenico Bagalà non è più Ad Medcenter
  3. Porto di Gioia Tauro: Andrea Agostinelli è il nuovo commissario dell’Authority
  4. Porto di Gioia Tauro: Matteoli incontra sindacati e istituzioni
  5. Porto di Gioia Tauro: i sindacati chiedono l’intervento del governo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=43142

Scritto da Redazione su nov 18 2016. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab