Home » Authority, News, Nord » IUAV, CA’ FOSCARI, APV INSIEME PER LO SVILUPPO DI SAN BASILIO

IUAV, CA’ FOSCARI, APV INSIEME PER LO SVILUPPO DI SAN BASILIO

VENEZIA – Università veneziane e Autorità Portuale di Venezia insieme per lo sviluppo di San Basilio: spazi in concessione a Iuav e Ca’ Foscari, nuove aule per gli studenti e attività aperte al pubblico in collaborazione con le istituzioni del territorio e partner internazionali. Le prime aule da 600 posti sono previste per marzo 2017.

I progetti sono il frutto di una serie di accordi che hanno coinvolto gli atenei veneziani e l’Autorità Portuale di Venezia con l’obiettivo di contribuire alle attività didattiche, di divulgazione, formazione e ricerca nonchè della creazione di eventi anche nel settore dellla portualità, uno dei fondamenti della cultura e tradizione marittima veneziana.

MAGAZZINI 5 E 6: IN CONCESSIONE A IUAV E CA’ FOSCARI PER 24 ANNI

Grazie a un accordo raggiunto nei giorni scorsi tra Università Iuav di Venezia, Autorità Portuale e Università Ca’ Foscari Venezia, i due atenei hanno ottenuto la concessione dei magazzini 5 e 6 nell’area di San Basilio – occupati dalle due università dal 2008 – per un periodo di 24 anni (a decorrere dal 2008), con un canone ridotto del 50% come riconoscimento degli investimenti sostenuti.

TESA 4: IN CONCESSIONE A CA’ FOSCARI PER AULE E ATTIVITÀ SCIENTIFICHE E CULTURALI

Grazie al Protocollo d’intesa tra l’Autorità Portuale e Ca’ Foscari APV darà in concessione anche il fabbricato 4 facente parte dell’insediamento storico delle provveditorie marittime, ubicato nella zona demaniale marittima portuale di Venezia San Basilio e adiacente al magazzino 5. La tesa, che si sviluppa in tre piani fuori terra con una superficie complessiva coperta di circa 3.800 mq e un’area esterna di pertinenza, verrà utilizzata da Ca’ Foscari per costruirci aule per studenti e spazi per attività scientifiche e culturali in sinergia con enti, istituzioni, imprese.

‘EX MAGAZZINI FRIGORIFERI’: AULE DA 600 POSTI ENTRO MARZO 2017

In virtù di un accordo tra Fondazione Iuav e Ca’ Foscari, parte del terreno “Ex magazzini frigoriferi” viene messo a disposizione da Iuav a Ca’ Foscari per la realizzazione di sei aule con architettura temporanea per un totale di 600 posti. Le nuove aule verranno realizzate ponendo particolare attenzione agli aspetti di armonizzazione ambientale e paesaggistici. Si prevede di poter disporre delle nuove aule a partire da marzo 2017 in attesa che venga completata da parte di Ca’ Foscari la ristrutturazione della Tesa 4.Alberto Ferlenga, Rettore dell’Università Iuav: «Attraverso la scelta di spostare le sue funzioni didattiche e laboratoriali nell’area di Santa Marta-San Basilio, Iuav da tempo persegue una politica di rivitalizzazione dell’area, a partire dalla presenza universitaria.

Una scelta che ha portato al recupero di edifici storici come il convento delle Terese, di complessi industriali come l’ex Cotonificio o di edifici degradati come gli ex magazzini Ligabue. Luoghi sottratti all’abbandono che oggi ospitano i corsi di Architettura, di Design e Moda, di Arti e di Teatro, la cui presenza genera la frequentazione quotidiana degli studenti, ma anche manifestazioni importanti come i workshop internazionali di Architettura (Wave), Fashion at Iuav e il Festival del Teatro Universitario. Oggi l’accordo con l’Autorità Portuale e Ca’ Foscari dà la possibilità di rafforzare questa politica, coinvolgendo altri spazi come l’area degli ex magazzini frigoriferi e la tesa 4 e trasformando questo settore del porto in un ambito urbano in cui studio e ricerca, cultura e attività del porto concorrono alla costruzione di un luogo singolare e aperto alla città.»

Michele Bugliesi, Rettore dell’Università Ca’ Foscari Venezia: «L’intesa con Iuav e l’Autorità Portuale è l’esito di un complesso lavoro di squadra, che finalmente ci permette di dare corso ad alcuni progetti importanti della nostra programmazione per gli studenti e iniziative aperte al pubblico, in collaborazione con le istituzioni scientifiche cittadine e partner internazionali. San Basilio è un’area strategica della città e costituisce, con la vicina area di Santa Marta dove Ca’ Foscari sta costruendo una residenza universitaria da 600 alloggi, un vero e proprio polo studentesco. Le iniziative scientifiche e culturali che ospiteremo nella tesa 4 contribuiranno inoltre ad animare e sviluppare ulteriormente quest’area della città.

L’intesa con Autorità Portuale e IUAV segna un passaggio molto importante, e costituisce una fondamentale premessa per un percorso comune a favore del delle nostre istituzioni e della nostra città».

Paolo Costa, Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia: «Grazie a questi accordi, abbiamo fatto del Waterfront di San Basilio un luogo dove il capitale umano e i talenti possono trovare casa. Un luogo dove studiare, fare ricerca e contribuire assieme a vincere le sfide che il mondo ci pone davanti. Questi accordi contribuiscono alla creazione di un campus misto “università-porto” e di laboratori incrociati che pongono a contatto mondo della ricerca e dell’innovazione, operatori del settore marittimo-portuale e giovani cui porre domande o dare risposte.

Venezia come Rotterdam ha finalemente un “waterfront 2.0” dove cultura, ricerca e portualità insieme costruiscono lo sviluppo sostenibile a partire dai giovani. L’Autorità Portuale da oltre 18 anni è attiva con un suo ente di Formazione – CFLI, che forma tutti gli operatori della catena logistica, dalle figure operative alle professioni manageriali e, dallo scorso anno ha uno dei pochissimi Istituti Tecnici Superiori in Europa dedicato al sistema portuale e aeroportuale (ITS Marco Polo) – e se da sempre collabora con le Università nell’ambito di dottorati, master e ricerche congiunte, oggi poniamo le basi di una relazione rinnovata e più strutturata che parte porprio dalla condivisione dei luoghi.»

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=43590

Scritto da su Dic 6 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab