Home » Authority, Isole, News » Porto Torres: pianificata la strategia per la salvaguardia della posidonia

Porto Torres: pianificata la strategia per la salvaguardia della posidonia

PORTO TORRES – La procedura di realizzazione dell’Hub portuale di Porto Torres segna un altro passo avanti fondamentale. Nella giornata di lunedì 12 dicembre, a Roma, presso la sede del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stato raggiunto un primo accordo su una strategia condivisa per superare il leggero rallentamento provocato dal rinvenimento di circa un ettaro di posidonia nelle aree interessate dai lavori e dal necessario studio di una soluzione nel pieno rispetto delle norme ambientali.

Alla presenza dei funzionari della Direzione Generale e di alcuni membri della Commissione per la Valutazione di Impatto Ambientale, il Commissario Straordinario dell’Autorità Portuale Pietro Preziosi ed il Segretario Generale Giovanni Sechi, accompagnati dai responsabili dell’Ufficio Tecnico dell’Ente, hanno messo a punto un elenco di proposte per la redazione di un progetto che prenderà corpo subito dopo le festività.

Tra queste, così come già adottato in diversi porti, il primo passo è quello di prevedere un vero e proprio spostamento della prateria di posidonia rispetto all’attuale posizione. Tecnicamente si proporrà di attuare un trapianto delle piante interessate dall’impronta del molo in un sito limitrofo e con caratteristiche analoghe. La nuova posizione consentirà, quindi, la prosecuzione dell’ossigenazione dei fondali, dell’attività di contrasto del trasporto dei sedimenti marini, oltreché, chiaramente, la sussistenza di un’area di riparo e di riproduzione per la fauna ittica.
Inoltre, a compensazione dell’intervento, previo accordo con l’Ente Parco Nazionale dell’Asinara e sulla base di specifiche linee guida dell’Unione Europea e dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, la proposta da avanzare è quella di posare di dissuasori antistrascico nell’omonima Area Marina Protetta. Suggerimento, questo, avanzato dagli esperti del Ministero dell’Ambiente, per salvaguardare le piante presenti e riequilibrarne gli effetti benefici per l’habitat marino.

“Quella di lunedì si è rivelata una riunione molto proficua e fondamentale per il proseguo delle attività di realizzazione dell’Hub portuale – spiega Pietro Preziosi, Commissario Straordinario della Port Authority del Nord Sardegna -. L’impegno e la sensibilità dei funzionari del Ministero dell’Ambiente ci porterà ad avanzare la formulazione di alcune proposte condivise che, sono sicuro, prenderà corpo entro qualche settimana. Da parte del nostro Ente e della ditta aggiudicataria dell’appalto c’è tutta la massima disponibilità a procedere in tempi rapidissimi per soddisfare quanto verrà concordato, certi di trovare altrettanta collaborazione da parte dell’Ente Parco dell’Asinara con il quale avvieremo immediatamente un’interlocuzione per addivenire ad un protocollo d’intesa”.

Un’opera strategica, quella dell’Hub Portuale, aggiudicata definitivamente nel 2014, che, una volta completata, consentirà di rendere agevole l’ingresso e l’uscita delle navi riducendo l’agitazione ondosa nell’avamporto e nel porto interno.

Leggi anche:

  1. Ripartono i lavori per la realizzazione del terminal passeggeri a Porto Torres
  2. Via ai lavori del cantiere per la nuova viabilità nel porto commerciale di Porto Torres
  3. Porto Torres: al via i lavori per la realizzazione del “Primo lotto Darsena Enti di Stato”
  4. Via libera ai lavori del Terminal passeggeri di Porto Torres
  5. Primo passo del nuovo Piano Regolatore dello scalo di Porto Torres

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=43785

Scritto da Redazione su dic 15 2016. Archiviato come Authority, Isole, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab