Home » Authority, News, Nord » Accordo tra Authority e Comune di Venezia per la realizzazione di un parcheggio multipiano

Accordo tra Authority e Comune di Venezia per la realizzazione di un parcheggio multipiano

VENEZIA – Si è tenuta oggi a Ca’ Farsetti, alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e del presidente dell’Autorità Portuale di Venezia, Paolo Costa, la conferenza di servizi finalizzata alla sottoscrizione dell’“Accordo di programma per la realizzazione di un parcheggio multipiano e opere connesse” tra i due enti, reso possibile grazie alla revisione del Piano particolareggiato n.2 dell’Isola della Marittima, approvato lo scorso 24 novembre dal Consiglio comunale.

In base all’Accordo, che interessa l’area della Marittima in prossimità della fermata intermedia del People Mover, Venezia si arricchirà di una nuova piazza che fungerà da porta di ingresso alla città, di un parcheggio multipiano con oltre 2000 posti auto, di un locale ricreativo e di attività commerciali, nonché di una struttura ricettiva e di spazi da destinarsi ad uffici direzionali nell’attuale fabbricato 280, ex Capitaneria di Porto. I concessionari realizzeranno inoltre a costo zero per il Comune di Venezia un parcheggio da adibire allo stallo di biciclette e motociclette. Infine, sarà efficientato l’acquedotto che serve Venezia.

L’intera operazione avverrà in finanza di progetto, cosa che si è resa possibile grazie alla revisione del Piano particolareggiato, che consentirà la sostenibilità dell’investimento. La concessione della zona da parte dell’Autorità Portuale – che in passato ha già investito nell’area, finanziando il People Mover – durerà 40 anni, allo scadere dei quali quanto realizzato entrerà a far parte del patrimonio del Porto.

“L’idea è che la Pubblica amministrazione deve saper essere elastica – ha commentato il sindaco Brugnaro proprio in merito al coinvolgimento dei privati – per intercettare gli investitori nel momento in cui hanno interesse ad effettuare determinate operazioni. Se riusciamo a dimostrare che questo progetto funziona, possiamo portarlo come esempio di buona amministrazione e in futuro si potrà dire che un qualcosa di importante è stato fatto. Il pubblico deve tutelare gli interessi di chi c’è già in un’area, ma, negoziando appunto col privato, deve avere come obiettivo più ampio quello di nuovi posti di lavoro, come avverrà in questo caso”. I posti di lavoro stimati per la realizzazione e gestione dell’opera si aggirano infatti attorno alle 100 unità.

Il primo cittadino ha poi sottolineato le ricadute positive che il progetto avrà sull’utilizzo del People Mover, con la fermata intermedia tra Piazzale Roma e Tronchetto messa finalmente in funzione, e sul sistema idrico urbano. Un altro vantaggio per la cittadinanza sarà poi dato dalla realizzazione di nuovi parcheggi, che avranno una quota gratuita riservata al Comune pari a 250 posti e un’altra, pari a 500 posti, da dare in abbonamento a chi risiede o lavora a Venezia ad un prezzo scontato del 15% rispetto alla tariffa dell’abbonamento annuale che il gestore stabilirà per il nuovo parcheggio (che non potrà comunque superare quella dell’Autorimessa comunale).

“Non nascondo – ha concluso infine il presidente dell’Autorità Portuale Costa – che è un’operazione che ci ha fatto perdere un po’ di anni, ma è anche vero che nel frattempo è andata evolvendosi ed arricchendosi e che ha portato ai risultati di oggi, che sono fondamentalmente quattro: il contributo al sistema di arrivi in città con il People Mover, la sistemazione dell’acquedotto, la nuova offerta di parcheggi direttamente in centro storico con una quota riservata a chi risiede o lavora a Venezia e, non da ultimo, una nuova porta d’accesso di Venezia con la creazione di una piazza grande come quella di San Marco”.

Il Comune introiterà 4 milioni di euro dal contributo per la costruzione versato dai concessionari; il costo per la sistemazione dell’acquedotto sarà pari invece a 3,4 milioni, per un investimento complessivo di 100 milioni di euro. Concretamente i lavori potrebbero partire tra un anno, secondo l’iter previsto, che comprende lo screening Vas, la ratifica dell’Accordo, la dichiarazione di pubblico interesse da parte dell’Autorità portuale, l’indizione e la conseguente aggiudicazione del bando di gara.

Leggi anche:

  1. Accordo tra i porti di Venezia e Lubecca
  2. Porto di Venezia: inaugurazione nuova area parcheggio Autamarocchi
  3. Porto di Brindisi: accordo tra Comune e Authority per la stagione crocieristica
  4. Grandi navi a Venezia: l’ Authority boccia il ricorso del Comune
  5. Porto di Venezia: lunedì accordo per Marghera

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=44022

Scritto da Redazione su dic 24 2016. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab