peyrani
Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: istituita l’Agenzia del lavoro

Porto di Taranto: istituita l’Agenzia del lavoro

TARANTO – Nel corso della seduta del Comitato Portuale, tenutasi ieri mattina presso la sede dell’AdSP, si è discusso, tra gli altri argomenti, anche dell’istituzione dell’”Agenzia per la somministrazione del lavoro in porto e per la riqualificazione professionale (transhipment)” prevista dal D.L. 29 dicembre 2016, n. 243 .

La norma ha previsto, infatti, all’art. 4 l’istituzione, per un periodo massimo non superiore a trentasei mesi, della predetta Agenzia da parte dell’Autorità di Sistema Portuale, sentito il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con delibera del Comitato di Gestione o del Comitato Portuale operante in prorogatio le proprie funzioni.L’Agenzia, come anticipato anche dal Ministro Claudio De Vincenti nel corso dell’ultima riunione del 21 dicembre u.s., avrà lo scopo di sostenere l’occupazione, accompagnare i processi di riconversione industriale delle infrastrutture portuali e evitare grave pregiudizio all’operatività ed all’efficienza portuale, tramite attività di supporto alla collocazione professionale dei lavoratori iscritti nei propri elenchi.

Il Comitato Portuale, a conclusione del confronto tra i vari componenti, ha votato all’unanimità la delibera a favore dell’istituzione, nel porto di Taranto, dell’Agenzia per la somministrazione del lavoro in porto e per la riqualificazione professionale (transhipment), confidando nella conferma del continuo supporto della Regione Puglia, che lo stesso Decreto Legge individua quale cofinanziatore di iniziative di formazione o riqualificazione del personale.

La delibera del Comitato Portuale sarà trasmessa al compentente Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per l’espressione del proprio parere, così come la redigenda documentazione relativa alla costituzione dell’Agenzia.Il Presidente Prete ringrazia il Governo ed i Sindacati per il raggiungimento di un risultato estremamente importante a supporto dell’economia portuale, inserito nella più ampia politica di sviluppo territoriale che andrà consolidandosi sempre più nel corso dei prossimi anni.

Leggi anche:

  1. TARANTO e GIOIA TAURO: APPROVATE LE AGENZIE PER IL LAVORO PORTUALE
  2. Porto di Taranto: due nuove vasche di stoccaggio per la riqualificazione
  3. Porto di Taranto: respinto il ricorso dal Tar, possono partire i lavori per il Molo Polisettoriale
  4. Porto di Taranto: giovedì presentazione del pre-clearing
  5. Porto di Taranto: Piano industriale del Tct

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=44279

Scritto da Redazione su gen 11 2017. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab