Home » Authority, Isole, News » Il 2017 si apre con segno più per i tre porti del Nord Sardegna

Il 2017 si apre con segno più per i tre porti del Nord Sardegna

OLBIA – Circa undicimila passeggeri in più in un solo mese e nuove linee marittime da e per i porti del Nord Sardegna. Inizia con un segno positivo il 2017 per gli scali portuali di Olbia, Golfo Aranci e Porto Torres.Rispetto al 2016, ultimo anno record per i traffici portuali del settentrione isolano, il mese di gennaio ha segnato un ulteriore aumento del 12 per cento, con 99.024 passeggeri in più rispetto agli 88.385 dell’anno passato.

Nel porto di Olbia passano a 346 i movimenti nave, pari al 7,45 per cento in più del mese di gennaio 2016 (erano in tutto 322 quelle in arrivo e partenza). Crescita il cui riflesso si è reso evidente sui passeggeri registrati, poco più di 58 mila e 500, ossia il 2,43 per cento in più in proporzione allo stesso mese di gennaio 2016 con 57.146 unità. Molto più consistente il dato di Golfo Aranci, con appena 7 movimenti nave in più (da 61 a 68), ma un incremento sui passeggeri pari al 76,52 per cento, con un balzo dai 8.088 del gennaio 2016 ai 14.277 dello scorso mese.

Percentuale di crescita a due cifre anche su Porto Torres, che sale del 28 per cento nei movimenti nave (da 100 a 128) e del 13,23 per cento sui passeggeri rispetto al primo mese dello scorso anno (da 26.213 a 23.151). Positivo anche il dato delle merci su gommato che, ad Olbia, crescono del 3,51 per cento, con 327.779 tonnellate rispetto alle 316.651 del 2016. Incremento del 26,83 per cento su Porto Torres, che apre il 2017 con 107.041 tonnellate rispetto alle 84.394 dell’anno passato.

“E’ un primo dato incoraggiante – spiega Pietro Preziosi, Commissario Straordinario dell’Autorità Portuale del Nord Sardegna – Nonostante sia prematura qualsiasi previsione, si tratta di un segnale positivo che lascia intravedere una stagione altrettanto entusiasmante in arrivo”.

Sono stati 4 milioni e 430 mila i passeggeri a bilancio nel 2016 nei tre porti del Nord Sardegna. Una crescita superiore al 17,2 per cento, pari a circa 650 mila unità in più rispetto al 2015. Il primo record consistente dagli anni 2009 – 2010.“Se riuscissimo a mantenere il trend del mese di gennaio – continua Preziosi – potremmo ritenerci molto vicini al pareggio con gli anni d’oro del trasporto marittimo.

È una sfida molto ambiziosa, ma l’attenzione che le compagnie di navigazione stanno rivolgendo a questa realtà portuale, con l’attivazione di nuove altre linee nei prossimi mesi, ci dà motivo di credere che siamo sulla strada giusta e che questa parte di Isola si rivela ancora una volta strategica per l’economia interna e per i trasporti marittimi in generale”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=45168

Scritto da su Feb 21 2017. Archiviato come Authority, Isole, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab