Home » Authority, News, Nord » Venice Blue Flag 2017

Venice Blue Flag 2017

VENEZIA – Questa mattina a Cà Farsetti, sede del Comune di Venezia, è stato firmato il Venice Blue Flag, accordo volontario tra Comune di Venezia, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale e le compagnie di navigazione crocieristica che scalano il porto di Venezia.

Grazie al Venice Blue Flag, le compagnie di navigazione si impegnano a utilizzare combustibili con un basso tenore di zolfo (meno dello 0,1% di molto inferiore a quanto previsto dalle normative UE e italiane) non solo durante lo stazionamento in porto ma anche lungo i canali portuali a partire dalla bocca di porto.Il Venice Blue Flag, che si rinnova annualmente dal 2007 e che conferma la mission green del Porto di Venezia, si traduce in una significativa riduzione di emissioni inquinanti nell’aria.

Per l’edizione 2017 sono state introdotte alcune novità che riguardano la trasparenza: i risultati dei controlli effettuati dalla Capitaneria di Porto verranno pubblicati sul web e le Compagnie firmatarie accettano di comunicare la conformità o meno al “Venice Blue Flag” in base ai controlli effettuati. In alternativa, le compagnie potranno comunicare tempestivamente alla Capitaneria di Porto l’uso di diversi sistemi ugualmente efficaci come i filtri “scrubber”.

Leggi anche:

  1. Galietti (CLIA): “Soddisfazione per rinnovo accordo Venice Blue Flag”
  2. Dopo il primo tavolo di confronto al M.I.T. Summit al Port of Venice
  3. Grandi navi a Venezia: manifestazione del Comitato Cruise Venice
  4. Comitato Cruise Venice: ecco il portale web
  5. Comitato Cruise Venice: le iniziative dell’associazione

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=45901

Scritto da Redazione su mar 24 2017. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab