Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: avviso pubblico per l’amministratore unico dell’Agenzia del lavoro

Porto di Taranto: avviso pubblico per l’amministratore unico dell’Agenzia del lavoro

TARANTO – Si comunica che in data odierna è stato pubblicato sull’Albo Pretorio del sito istituzionale dell’AdSP del Mar Ionio – al link http://albopretorio.port.taranto.it  - l’Avviso Pubblico integrale per la selezione di una figura professionale idonea a ricoprire l’incarico di Amministratore Unico dell’Agenzia per la Somministrazione del Lavoro in porto e per la Riqualificazione Professionale per la cui costituzione è stato avviato il procedimento con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l’espressione della prevista “intesa” ai sensi della normativa citata in oggetto.

Nell’Agenzia “…confluiscono i lavoratori [(ex TCT SpA)] in esubero delle imprese che operano ai sensi dell’articolo 18 della legge 28 gennaio 1994, n.84, autorizzate alla movimentazione dei container che, alla data del 27 luglio 2016, usufruivano di regimi di sostegno al reddito nelle forme degli ammortizzatori sociali…” ex art. 4, comma 1, L. 18/2017.

L’Avviso Pubblico in breve sintesi, prevede: il conferimento dell’incarico è da inquadrarsi esclusivamente nell’ambito del lavoro autonomo e senza alcun vincolo di subordinazione con l’AdSP del Mar Ionio; la durata dell’incarico è fino al 31.12.2019; le candidature, corredate dalla documentazione prevista dall’Avviso Pubblico, dovranno pervenire entro le ore 13.00 del 3 maggio 2017; i seguenti requisiti minimi obbligatori:Cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea; età non inferiore ad anni 18; godimento dei diritti civili e politici; i cittadini degli Stati membri dell’UE devono godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza; assenza di condanne penali o di procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione; non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stati destinatari di provvedimenti di licenziamento ovvero di recesso per giusta causa da parte di una Pubblica Amministrazione; idoneità psico-fisica a svolgere l’incarico; non trovarsi in una delle cause di incapacità previste dalla Legge; iscrizione all’Albo dei Consulenti del Lavoro da almeno anni dieci o in alternativa iscrizione all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili da almeno anni dieci; comprovata esperienza professionale di durata non inferiore ad anni cinque, maturata dal 2005 alla data di scadenza del termine di presentazione delle istanze di candidatura, alternativamente in qualità di Dirigente, Quadro/Funzionario nel campo della Fornitura del Lavoro Temporaneo o Somministrazione di manodopera.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: istituita l’Agenzia del lavoro
  2. TARANTO e GIOIA TAURO: APPROVATE LE AGENZIE PER IL LAVORO PORTUALE
  3. Porto di Trieste: avviso per la costituzione dell’Agenzia per lavoro portuale
  4. Porto di Taranto: respinto il ricorso dal Tar, possono partire i lavori per il Molo Polisettoriale
  5. Porto di Taranto: per la Uil il Tct deve “riacquistare carattere pubblico”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=46380

Scritto da Redazione su apr 12 2017. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab