Home » Authority, Centro, News » Può capitare di chiudere i porti?

Può capitare di chiudere i porti?

ROMA – La possibilità di chiudere i porti alle navi Ong inizia a farsi “proposta” per il ministro dell’Interno, Marco Minniti. Di fatto, già l’arrivo di una nave carica di migranti in un porto dell’Italia meridionale e della Sicilia in particolare, se vuoi organizzare al meglio un’accoglienza degna di umanità, crea dei seri problemi alle attività portuali e alla sicurezza marittima delle infrastrutture, con perdite economiche non sempre sostenibili. In questi ultimi due giorni, sono sbarcati 13.500 migranti nei porti della Sicilia e di Lampedusa e la pressione sulle coste italiane si fa sempre più dura.

Di fatto è in atto un “corridoio umanitario” galleggiante nel Mediterraneo che si estende solo e comunque fino ai porti italiani. Tutte le forze politiche di opposizione al Governo Gentiloni si chiedono solo il perché? Malta, Spagna, Francia, Dalmazia, Marocco Tunisia, e altre regioni sono escluse, visto che le navi soccorritrici non sono militari, perche? “Vorrei che una nave, una soltanto, si dirigesse in un altro porto europeo – aveva detto Minniti in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera lo scorso 4 giugno – certo non risolverebbe i nostri problemi ma sarebbe il segnale di un impegno solidale dell’Europa”.

E allora, un’Europa che è capace solo di emettere sanzioni e di creare con il suo legiferare tanta e tanta burocrazia non sarà certo solidale proprio in questi mesi di campagna elettorale in corso in Germania e conclusa in Francia? La proposta di chiudere i porti alle navi umanitarie che trasportano migranti dalla Libia alla Sicilia inizia a essere valutata come fattibile da parte del ministro Minniti. Ancora non si conoscono le modalità operative di una simile proposta e che dovrebbe interessare più Istituzioni e Autorità. Non sappiamo se sia una minaccia nei confronti dell’Ue o se si stia pensando più a dover fronteggiare un’emergenza, divenuta un “esodo biblico”. Certamente, in questi giorni, l’Italia, e di conseguenza l’Ue, sta registrando due fasi distinte e separate di questo fenomeno: il soccorso è una prima fase ed è cosa giusta; dovrebbe interessare tutte le navi in transito e i porti di tutti gli Stati mediterranei.

Poi viene la seconda fase, quella dell’accoglienza che dovrebbe interessare in primis l’Europa solidale. Sappiamo tutti che il soccorso in mare è obbligatorio (artt. 1113 e 1158 Cod. Nav.) ed un comandante che omette di soccorrere  è punito con pene fino a otto anni di reclusione. Come pure crediamo che il ministro non possa effettivamente chiudere i porti alle navi Ong, perché contro il diritto internazionale e che comunque non fermerebbe le partenze dei migranti dalla Libia. Le navi delle Organizzazioni non governative si finanziano con donazioni volontarie e quelle italiane con il cinque per mille; in questo periodo nel Mediterraneo stazionano tredici navi di nove Ong europee.  Lo scontro sui salvataggi nel Mediterraneo sta interessando in questi ultimi giorni il dibattito politico italiano.

 

Abele Carruezzo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=48133

Scritto da su Lug 3 2017. Archiviato come Authority, Centro, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab