peyrani
Home » Authority, News, Nord » Siglato il protocollo per le verifiche sui carburanti delle navi a Genova

Siglato il protocollo per le verifiche sui carburanti delle navi a Genova

GENOVA – Capitaneria di porto e Agenzia delle dogane insieme per verificare i combustibili delle navi che transitano dal porto di Genova. Ieri è stato siglato un protocollo d’intesa che snellisce le procedure di verifica delle quantità di zolfo. I campioni prelevati a bordo delle navi dagli uomini della capitaneria saranno esaminati presso i laboratori delle dogane per controllare che le quantità di zolfo siano entro i limiti previsti dalle leggi.

La convenzione nasce da un accordo quadro stipulato a livello centrale tra il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e l’Agenzia delle dogane e dei monopoli e si inserisce nel novero delle iniziative volte alla salvaguardia della salute dei cittadini e di tutela ambientale delle città e delle coste genovesi.

“Con questo protocollo – ha spiegato l’ammiraglio Giovanni Pettorino – si velocizzano le operazioni di controllo sul corretto uso dei carburanti impiegati dalle navi che stazionano nel nostro porto”.

Leggi anche:

  1. SIGLATO PROTOCOLLO TRA AREA SCIENCE PARK E AUTORITÀ DI SISTEMA PORTUALE DEL MARE ADRIATICO ORIENTALE
  2. Porto di La Spezia: accordo per monitorare emissioni delle navi
  3. Unione Europea: via lo zolfo dalle emissioni delle navi
  4. Porto di Genova: navi da crociera a Portofino
  5. Porto di Genova: protocollo per valorizzare economia del mare

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=48399

Scritto da Redazione su lug 13 2017. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab