Home » Authority, News, Nord » Porto di Trieste: da porto franco a aggregatore di innovazione

Porto di Trieste: da porto franco a aggregatore di innovazione

TRIESTE – Il futuro del porto di Trieste passa da una parola: “innovazione”. Più il Comune, la Regione, l’Autorità di sistema, il mondo della ricerca e quello delle imprese saranno in grado di declinarla, ciascuno nel proprio ambito e in funzione delle proprie competenze, più il porto di Trieste sarà in grado di competere sul mercato e di assicurarsi uno sviluppo di successo. In questo senso si sono espressi il presidente dell’Autorità di Sistema, Zeno D’Agostino, il direttore di Area Science Park, Stefano Casalegggi, il presidente di Aiom Trieste, Sergio Bologna, e il responsabile sviluppo robotica di Saipem, Giovanni Massari, parlando al Museo Revoltella su questo tema: “I Porti come spazi di innovazione”.

“Il porto inteso solo come luogo di lavoro – ha detto D’Agostino – oggi non basta più. Deve reinterpretare la sua funzione, diventare un ‘aggregatore’, un soggetto capace di attrarre e mettere sinergie di interesse comune. Trieste può farlo, e la sua dimensione di porto franco certamente aiuta”.

Può essere infatti questa una delle condizioni fondamentali per la quali alcune aziende siano disposte ad investire su questo territorio e non su altri., Come il caso di Saipem, per esempio, che ha fatto del porto di Trieste una delle sue sedi principali per quanto riguarda lo sviluppo della robotica e della ricerca. “Qui a Trieste – ha detto Massari – abbiamo il nostro famoso ‘tappo’ petrolifero messo a punto in seguito al disastro del pozzo Macondo, nel Golfo del Messico. La nostra tecnologia è unica al mondo, e abbiamo deciso di tenerla a Trieste proprio per la capacità che ha il nuovo porto di guardare al futuro”.

Analoghi gli interventi di Casaleggi e Bologna. “Innovazione non è solo ricerca applicata, non è solo tecnologia – ha detto il presidente di Aiom -. Tutta la realtà della logistica per Trieste è fondamentale, e saperla declinare in termini innovativi significa, banalmente, essere più competitivi. Essere consapevoli che significa anche nuovi modelli di organizzazione e di innovazione sociale.”. Trieste, non a caso capofila dei porti italiani, ha tutte le carte in regola per essere strategicamente all’avanguardia.

Leggi anche:

  1. Porto di Trieste: Delrio passa la gestione del Punto Franco all’Authority
  2. Porto di Trieste: in Cina per rilanciare i vantaggi del Porto Franco
  3. Porto di Trieste: dalla Regione assenso a trasferimento del Punto franco
  4. IL PORTO FRANCO DI TRIESTE SPIEGATO AGLI IMPRENDITORI
  5. Porto di Trieste: logistica e Punto Franco trovano sostegno a Roma

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=49674

Scritto da Redazione su set 22 2017. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab