Home » Authority, News, Nord » Porto di Venezia: nel bilancio investimento di 90 milioni di euro per Marghera

Porto di Venezia: nel bilancio investimento di 90 milioni di euro per Marghera

 

VENEZIA – Il Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale riunitosi sotto la presidenza di Pino Musolino, affiancato dal Direttore della Direzione Programmazione e Finanza dott. Gianandrea Todesco, ha approvato il bilancio di previsione dell’Ente per l’esercizio finanziario 2018.

“Un buon bilancio che ci consente consistenti investimenti in infrastrutture, e di guardare ai prossimi anni con fiducia, pronti ad affrontare le sfide del mercato ma anche a rispondere con puntualità alle esigenze della comunità portuale. Oggi siamo a livello di bilancio di previsione; in prospettiva ed in corso d’anno si studieranno interventi per rafforzare l’azione e per ridurre ulteriormente i mutui sottoscritti”, ha dichiarato il Presidente Pino Musolino.

Per quanto riguarda le entrate, si prevede per il 2018 un andamento positivo delle tasse portuali e di ancoraggio, in linea con il 2017 così come per le entrate provenienti da canoni demaniali. Queste voci di bilancio hanno registrato, infatti, nel corso dell’anno una dinamica molto favorevole che si prevede nel prossimo esercizio porterà nelle casse dell’Autorità di Sistema quasi 42 milioni di euro.Ulteriori entrate sono previste dal fondo perequativo e fondo IVA, dai fondi già stanziati dallo Stato nell’ambito della Legge di Stabilità 2016 e dall’Accordo di Programma siglato con il MISE entrambi, destinati all’infrastrutturazione dell’area Ex Montesyndial e del potenziamento della rete infrastrutturale di Porto Marghera e per un totale di 79 milioni di euro.

La spesa è fortemente orientata agli investimenti con l’obiettivo di potenziare le infrastrutture di Porto Marghera a beneficio delle attività logistiche e industriali già attive nell’area per un importo complessivo in escavi e opere pari a 90 milioni di euro, il valore più alto mai registrato dal 2010 ad oggi.Prevalgono nella previsione gli investimenti in infrastrutture ed opere anche se aumenta l’impegno finanziario per gli escavi e per la manutenzione dei canali portuali, in risposta ad una specifica aspettativa degli operatori.

Sul fronte della navigabilità è stato preso l’impegno di assicurare i massimi sforzi per superare le criticità legate alla navigazione con condizioni meteo marine sfavorevoli, condizione che in passato ed in alcuni frangenti ha richiesto la chiusura dello scalo.“Un approccio attento che tiene conto di una ripresa economica ancora fragile e non omogenea ma orientato a sostenere gli investimenti per mantenere competitivo ed attrattivo lo scalo e, in generale, l’economia della Regione, in linea con il ruolo che la riforma dei porti affida ora alle Autorità di Sistema”, ha dichiarato Gianandrea Todesco, Direttore della Direzione Programmazione e Finanza dell’AdSP.

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: approvato il bilancio, 330 milioni di investimenti
  2. Porto di Venezia: investimento di 1,5 milioni di euro per il Fresh Fruit Corridor
  3. Porto di Genova: varato il Bilancio di Previsione 2016, spese per 236 milioni di euro
  4. Porto di Venezia: 12 milioni di euro da Ue per Autostrade del mare con Grecia
  5. Porto Nuovo di Crotone: 10 milioni di euro di investimento

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=50667

Scritto da Redazione su nov 9 2017. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab