peyrani
Home » Authority, News, Nord » D’Agostino: “Per Trieste e Koper più treni che per Rotterdam”

D’Agostino: “Per Trieste e Koper più treni che per Rotterdam”

TRIESTE – “Il numero dei treni intermodali che ‘fanno’ settimanalmente i porti di Trieste (200) e Koper (Capodistria; 120) supera quello dei treni operati da Rotterdam, 250 alla settimana”. Lo ha detto il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino, intervenendo al Sdgz Alpe Adria Business forum, alla Stazione Marittima di Trieste, la cui sessione conclusiva si è focalizzata su un interessante confronto tra i due vicini scali di Trieste e di Capodistria (Slovenia), e le opportunità di sviluppo che possono apportare alla regione Alpe Adria. Due porti in competizione, ma che collaborano su molti fronti.

D’Agostino ha più volte rimarcato il ruolo importante che può svolgere il Napa, associazione porti Nord Adriatico, anche alla luce della riunione di ieri a Ravenna per sancire il rientro del porto dell’Emilia Romagna nell’associazione che vede tra i membri anche Trieste, Capodistria, Venezia e Fiume (Croazia) e che ha visto proprio ieri il passaggio del semestre di presidenza da Capodistria a Trieste.

“Il Ruolo del NAPA – ha puntualizzato D’Agostino – diventa strategico anche alla luce dei dati statistici che stiamo raccogliendo nel 2017. Stiamo vedendo per la prima volta, che tutti i porti del Nord Adriatico hanno una crescita importante dal punto di vista dei traffici. Il primo elemento da analizzare è questo: c’è un corridoio marittimo Adriatico al servizio dei traffici internazionali, che sta diventando un corridoio di riferimento”. D’Agostino considera il Nord Adriatico una “fondamentale cerniera di questi ragionamenti, è dunque molto utile che ci sia un tavolo in cui la portualità dell’Alto Adriatico e che dialoghi”.

In quest’ottica, ha concluso D’Agostino, “il NAPA sta vivendo una nuova fase di rilancio, dunque in questo momento storico è strategica per la portualità europea e per la portualità internazionale”.
Come fondamentale è il Protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso marzo tra l’Authority e Area science park, “perché lo sviluppo futuro è costruito dalle intelligenze”.

Leggi anche:

  1. IL COMMISSARIO EUROPEO AI TRASPORTI VIOLETA BULC HA INCONTRATO IERI A CAPODISTRIA I PORTI NAPA
  2. PORTO DI TRIESTE: SUPERATA LA SOGLIA DEI 400 MILA TEU
  3. SERRACCHIANI: SU BALTICO-ADRIATICO, SLOVENIA DEVIA SU KOPER
  4. PORTO DI TRIESTE: MARINA MONASSI A LUKA KOPER DA GREGOR VESELKO
  5. SERRACCHIANI: “SLOVENIA DICE NO A FERROVIA TRIESTE-KOPER”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=50718

Scritto da Redazione su nov 13 2017. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab