Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: Southgate Europe Terminal chiede la concessione del Molo Polisettoriale

Porto di Taranto: Southgate Europe Terminal chiede la concessione del Molo Polisettoriale

TARANTO – In data 14.11.2017 la Società Consortile “Southgate Europe Terminal” – costituita tra i Soci: Zeta System Spa e Taranto Iniziative Produttive Srl – ha prodotto apposita istanza al fine di acquisire la concessione demaniale marittima, ai sensi del comb. disp degli artt. 16 e 18 L. 84/94, per la durata di anni trenta, di una porzione di banchina ed area retrostante in località Molo Polisettoriale del Porto di Taranto.

Ciò al fine di rendere operativo un terminal multipurpose con la gestione del ciclo completo di movimentazione di merce containerizzata e merce varia. La Società ha chiesto l’anticipata occupazione limitatamente ad una parte della superficie oggetto della domanda di concessione medesima. L’AdSP del Mar Ionio implementerà l’iter istruttorio di rito.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: gara per le concessioni del Molo Polisettoriale
  2. Porto di Taranto: sul Molo Polisettoriale il Tar accoglie il ricorso di Italcave
  3. Porto di Taranto: bando per le concessioni del Molo Polisettoriale
  4. Porto di Taranto: aggiudicato il bando per la riqualificazione del Molo Polisettoriale
  5. Porto di Taranto: Prete firma il decreto per avviare lavori al Molo Polisettoriale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=50789

Scritto da Redazione su nov 15 2017. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab