Home » Authority, News, Nord » Porto di Vado: accordo porta 350 milioni di fondi pubblici

Porto di Vado: accordo porta 350 milioni di fondi pubblici

GENOVA – Vale circa 350 milioni in investimenti pubblici con interventi a livello infrastrutturale, viabilistico per mitigazione di impatto ambientale, waterfront, messa in sicurezza dei rii e dell’erosione costiera, l’Accordo di programma sottoscritto tra Regione Liguria, Autorità di sistema portuale Mar Ligure Occidentale, Provincia di Savona, Comune di Vado Ligure e Autostrada dei Fiori per la piattaforma multifunzionale Maersk di Vado Ligure.

“Un documento – ha spiegato l’assessore regionale allo Sviluppo economico e ai Porti Edoardo Rixi – che fissa tempi certi, coperture finanziarie e un cronoprogramma delle opere accessorie per la piattaforma”.

Tra gli impegni, la realizzazione del casello di Bossarino e l’adeguamento per la messa in sicurezza della strada a scorrimento veloce Vado-Quiliano-Savona con un investimento di circa 40 milioni da parte di Autostrada dei Fiori e 74 milioni di euro di investimenti dell’Autorità di sistema portuale che serviranno a mitigare l’impatto dell’aumento dei traffici sui cittadini.

“E’ stata studiata una fluidificazione della viabilità di accesso all’attuale casello di Savona che verrà realizzato a breve – spiega il presidente, Paolo Emilio Signorini -, la messa in operatività dei collegamenti ferroviari in uscita dalla piattaforma per spostare quote crescenti di traffico da gomma a ferro, mentre il terzo è la realizzazione del nuovo casello autostradale, che dovrebbe terminare nel 2022″. E se l’impatto della piattaforma sul territorio sarà comunque importante molte sono le misure messe a punto per migliorare il rapporto con i cittadini.

“Tra gli aspetti principali il raccordo ferroviario che, a regime, permetterà di movimentare il 40% delle merci su rotaia e il nuovo casello, per bypassare il centro abitato – ha spiegato il sindaco di Vado, Monica Giuliano – e poi l’aspetto occupazionale, che abbiamo fortemente voluto, e che riguarda 400 posti nei prossimi due anni”.

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: via libera terminal contenitori Vado
  2. Porto di Vado: 19 gru da 20 milioni per piattaforma Maersk
  3. Porto di Vado: i cinesi di Qingdao sono interessati alla piattaforma Maersk
  4. Porto di Savona: a Vado Ligure 3 milioni di euro per i magazzini dell’interporto
  5. Porto di Savona: a Vado nel 2017 sarà attiva piattaforma Maersk

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=51434

Scritto da Redazione su dic 19 2017. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab