Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: implementate le concessioni per il Molo Polisettoriale

Porto di Taranto: implementate le concessioni per il Molo Polisettoriale

TARANTO – Con riferimento all’Avviso Pubblico del 22.02.2018 con il quale l’AdSP del Mar Ionio, viste le istanze del  Consorzio SOUTHGATE EUROPE TERMINAL e dalla SOUTH MARINE GATE Srl, ha implementato la procedura di evidenza pubblica per l’assentimento di una o più concessioni, ex art. 18 L. 84/94, afferenti il Compendio denominato “Molo Polisettoriale” per la finalità dello sviluppo dei traffici commerciali e della logistica, con particolare riferimento alla movimentazione dei contenitori unitamente alla movimentazione di merce varia e ro-ro, si comunica come siano pervenute all’AdSP – nel termine all’uopo assegnato – le sottoindicate istanze concorrenti:

1. Taras Terminal Srl – costituita tra i soci Peyrani Trasporti Spa e Servizi Portuali Taranto Srl – con istanza pervenuta in data 05.03.2018 ed annessa documentazione di supporto ha chiesto la concessione demaniale marittima, ai sensi del comb. disp degli artt. 16 e 18 L. 84/94, per la durata di anni trenta, di una porzione di banchina ed area retrostante in località Molo Polisettoriale del Porto di Taranto, allo scopo di rendere operativo un terminal multipurpose privato in conto terzi che garantisca un servizio pubblico di handling.

2. La richiesta attiene a ml. 300 circa di banchina a partire dalla radice ed area retrostante per una superficie complessiva di circa mq. 92.399 con utilizzo di un insistente manufatto di circa mq. 4472 da adibire a magazzino. Interminal Srl – in qualità di capogruppo/mandataria della costituenda ATI “Taranto Multipurpose Terminal” tra Interminal Srl ed Ecologica Spa – con istanza pervenuta in data 07.03.2018 ed annessa documentazione di supporto ha chiesto la concessione demaniale marittima, ai sensi dell’art. 18 L. 84/94, per la durata di anni trenta, di una porzione di banchina ed area retrostante in località Molo Polisettoriale del Porto di Taranto, allo scopo di rendere operativo un terminal multipurpose per le attività di imbarco, sbarco, stoccaggio, magazzinaggio, manipolazione e confezionamento di merci varie e containerizzate.

La richiesta attiene a ml. 400 circa di banchina a partire dalla progressiva + 800 ml ed area retrostante per una superficie complessiva di circa mq. 340.000 con utilizzo di tre manufatti (officina e magazzini) per una superficie coperta complessiva di circa mq. 11.500.La Società ha chiesto, altresì, l’anticipata occupazione delle aree di che trattasi.

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: concessione per il Molo Polisettoriale
  2. Porto di Taranto: Southgate Europe Terminal chiede la concessione del Molo Polisettoriale
  3. Porto di Taranto: conclusi i lavori per la banchina del Molo Polisettoriale
  4. Porto di Taranto: contratto per la riqualificazione del Molo Polisettoriale
  5. Porto di Taranto: niente Distripark, soldi al Molo polisettoriale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=52699

Scritto da Redazione su mar 8 2018. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab