Home » Authority, News, Sud » Porto di Barletta: l’Adsp MAM avvia l’intervento di spostamento dei sedimenti

Porto di Barletta: l’Adsp MAM avvia l’intervento di spostamento dei sedimenti

BARLETTA – L’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale ha avviato oggi i lavori di spostamento dei sedimenti presenti nell’imboccatura del porto di Barletta. Un intervento necessario al fine di garantire il ripristino della navigabilità e ottenuto all’esito di un iter procedurale complesso, compiuto in sinergia con Regione Puglia, Comune di Barletta, Arpa Puglia e Capitaneria di Porto.

L’Ente portuale, attraverso la proposizione di una procedura amministrativa che di fatto ha reso possibile la concretizzazione di un’attività non dettagliatamente normata, ha così sbloccato una situazione che penalizzava fortemente lo scalo portuale. Lo scorso anno, infatti, valutati i rilievi batimetrici, al fine di garantire la sicurezza della navigazione, la Capitaneria di porto di Barletta, con apposita ordinanza ridusse la larghezza del canale con pescaggio a 6,75 mt., da 100 metri a 65 mt, limitando il regolare svolgimento delle attività portuali. Attraverso l’operazione avviata quest’oggi, l’AdSP MAM movimenterà i sedimenti nei pressi dell’imboccatura rimodellando i fondali e riportando il canale di accesso a profondità utili di 6,75 m, per una larghezza di almeno 100 m.

L’intervento si articola in quattro fasi:verifica preliminare dell’eventuale presenza di masse metalliche; escavazione dei sedimenti; movimentazione dei sedimenti in ambito portuale; rilievo batimetrico di verifica.

“Il porto di Barletta era in ostaggio della burocrazia, commenta il presidente dell’Adsp MAM Ugo Patroni Griffi, finalmente siamo riusciti a sbloccare la situazione. Restituendo allo scalo la sua piena operatività ne gioverà l’economia di tutto il territorio, atteso che il porto di Barletta è uno dei più apprezzati dell’Adriatico per ampiezza di bacino e sicurezza.”

Per il Comune di Barletta si tratta di un risultato importante che oltre a rendere maggiormente attrattivo il porto, dà nuovo ossigeno ai numerosi pescatori le cui attività erano fortemente ridotte a causa della limitazione imposta. “Sono particolarmente soddisfatto- commenta l’assessore alle Attività Produttive del Comune di Barletta, Giuseppe Gammarota. L’Amministrazione comunale e l’AdSP MAM hanno avviato un proficuo percorso teso alla valorizzazione e alla promozione del porto. Con l’Ente portuale, conclude l’assessore, stiamo effettuando altri interventi come la ricostruzione del trabucco e il recupero di parte del braccio di Levante, progetti di notevole rilevanza per la città di Barletta.”

Leggi anche:

  1. Primo protocollo di collaborazione tra AdSP: firmato a Bari tra Spirito e Patroni Griffi
  2. Porto di Barletta: approvato il progetto di dragaggio
  3. Porto di Barletta: protocollo per la salvaguardia ambientale
  4. Porto di Napoli: Conateco e Soteco chiedono intervento del ministero
  5. Porto di Barletta: l’ufficio circondariale diventa Capitaneria

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=53439

Scritto da Redazione su apr 13 2018. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab