Home » Authority, News, Nord » PORTO DI VENEZIA: INVESTIMENTI PER OLTRE 3 MILIONI DI EURO AL TERMINAL MULTI SERVICE

PORTO DI VENEZIA: INVESTIMENTI PER OLTRE 3 MILIONI DI EURO AL TERMINAL MULTI SERVICE

VENEZIA – E’ stata collaudata oggi la gru di ultima generazione che sarà presto operativa nel terminal Multi Service a Porto Marghera. Si tratta di una gru Biargano Model 6 prodotta dalla Konecranes Gottwald, le cui sezioni sono giunte direttamente in nave da Dusseldorf, sede produttiva.

Le operazioni di assemblaggio, che si sono svolte direttamente al terminal, sono durate due settimane, trattandosi di un mezzo che raggiunge i 39 metri di altezza e fino a 51 metri di sbraccio massimo per un peso di oltre 450 tonnellate.La gru, con portata fino a 125 tonnellate ha una configurazione a doppio argano, fondamentale per l’utilizzo delle benne a funi che permetteranno di garantire un elevato rate di sbarco nelle navi, con migliori prestazioni soprattutto in termini di velocità e consumi rispetto alla altre analoghe dotazioni già in uso presso il terminal: la Biargano va infatti ad aggiungersi alle altre 7 gru portuali da 80 a 200 tonnellate, e potrà essere alimentata anche tramite energia elettrica.

Un investimento di oltre 3 milioni che andrà a potenziare ulteriormente le performance di Multi Service, terminal d’eccellenza riconosciuto a livello europeo nel settore breakbulk e in particolare dei project cargo.“Si tratta di un investimento importante per la nostra azienda che, in questo modo, continua a scommettere sullo scalo di Venezia – dichiara Paolo Dello Iacono, AD di Multi Service -. Siamo convinti della potenzialità del Porto e dell’intero sistema portuale italiano e confidiamo di aumentare i nostri traffici in futuro, continuando a investire in risorse umane e tecnologiche”.

“Quando un nostro terminalista sceglie di rafforzare la sua presenza nel nostro scalo, investendo risorse in tecnologia e innovazione, significa che siamo sulla strada giusta – conferma il Presidente dell’AdSP Pino Musolino – La nostra missione continua ad essere quella di creare le condizioni adatte affinché gli imprenditori continuino a scommettere sul Porto del Veneto con i suoi scali di Venezia e di Chioggia, l’efficienza dei quali è condizione necessaria affinché le aziende si possano approvvigionare di materie prime e possano esportare i loro prodotti finiti nel mondo”.

Leggi anche:

  1. Investimenti per 118 milioni di euro per i porti di Venezia e Chioggia
  2. Venezia Terminal: 33 milioni di euro di fatturato nel 2015 (+1,7%)
  3. Porto di Venezia: 600mila euro per ampliare Terminal Rinfuse
  4. Porto di Venezia: 12 milioni di euro da Ue per Autostrade del mare con Grecia
  5. Porto di Trieste: 188 milioni di euro di investimenti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=56268

Scritto da Redazione su set 12 2018. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab