Home » Authority, News, Nord » Porto di Pisa: gruppo europeo realizzerà villaggio residenziale

Porto di Pisa: gruppo europeo realizzerà villaggio residenziale

PISA – Si è svolta stamani l’apertura delle buste davanti al giudice delegato Vittorio Zucconi per individuare il soggetto interessato all’acquisto delle aree edificabili intorno al porto turistico di Pisa nel piano concordatario predisposto dalla società proprietaria dell’infrastruttura per superare la crisi di liquidità degli ultimi anni. Il soggetto aggiudicatario è un gruppo europeo specializzato in recuperi di pregio anche se sul nome è stato mantenuto un patto di riservatezza tra le parti.

“Si tratta però di uno snodo importante – sottolinea Simone Tempesti, amministratore della società che gestisce lo scalo pisano – per procedere con il piano di risanamento e mantenere gli impegni presi con la parte pubblica per saldare i debiti contratti e acquisire i terreni dove sorgerà il villaggio residenziale e commerciale”.

L’adunanza dei creditori è fissata al 18 aprile ed entro quella data saranno ultimate tutte le formalità di rito: il soggetto aggiudicatario ha acquisitole aree al prezzo di 24 milioni e promesso investimenti per un centinaio di milioni di euro.

Leggi anche:

  1. PORTO DI VENEZIA: ARRIVA A 18,5 MLN € IL CONTRIBUTO EUROPEO PER IL TERMINAL GNL
  2. Porto 2000: gara aggiudicata in via definitiva
  3. Il Porto Turistico di Livorno lo realizzerà la Porta a Mare S.p.a.
  4. CAMPIONATO INVERNALE DEI CIRCOLI PISORNO-TROFEO PORTO DI PISA VERSO LA CONCLUSIONE
  5. Campionato di Primavera tra Pisa e Livorno

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=58005

Scritto da Redazione su gen 9 2019. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab