Home » Authority, News, Nord » Porto di Venezia: modificato all’unanimità il Pot

Porto di Venezia: modificato all’unanimità il Pot

VENEZIA – Nel corso della riunione del Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale di mercoledì 27 febbraio è stata approvata all’unanimità la prima revisione del Piano Operativo Triennale 2018 – 2020 che conferma le strategie finalizzate a promuovere la crescita e lo sviluppo del sistema portuale dei porti di Venezia e Chioggia, in coerenza sia con gli strumenti di indirizzo sovraordinati, sia con la pianificazione territoriale.

Sotto un profilo più generale, nel corso del 2018 l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale ha avviato numerose azioni con l’obiettivo di migliorare l’accessibilità nautica, l’accessibilità ferroviaria, l’accessibilità stradale e quella digitale. Allo stesso tempo sono state portate avanti iniziative atte a migliorare la sostenibilità ambientale delle attività portuali al fine di garantire uno sviluppo equilibrato e sostenibile del sistema portuale di Venezia e Chioggia.

Più in particolare, dalla prima revisione del Piano Operativo Triennale, emerge che, nel corso del 2018, l’Ente è stato impegnato nella fase di gestione ed attuazione dei progetti europei in corso e nella fase di avvio di nuovi progetti approvati nell’ambito della programmazione Europea 2014-2020, per un totale di contributi gestiti pari ad oltre 34 milioni €.

Sotto il profilo dell’accessibilità nautica, sono stati avviati i lavori di escavo del Canale Malamocco Marghera per garantirne la navigabilità e sono stati adottati ausili immateriali e digitali per favorire la sicurezza e l’operatività della navigazione.Altrettanta attenzione è stata riservata all’accessibilità ferroviaria e all’accessibilità stradale, sia sotto il profilo infrastrutturale, sia sotto il profilo operativo.Particolare rilievo assume poi l’approvazione da parte della Regione del Veneto, in via definitiva, del progetto di Adeguamento Tecnico Funzionale del Piano Regolatore Portuale relativo all’arretramento della banchina del Canale Industriale Ovest in corrispondenza dell’area di Montesyndial.

L’arretramento di 35 m dell’attuale sponda è contestuale alla realizzazione di una nuova banchina. L’intervento è volto a garantire la piena accessibilità nautica del Canale Industriale Ovest, consentendo il transito in sicurezza alle navi che devono raggiungere le aree più interne del canale stesso anche in presenza di navi ormeggiate in banchina Liguria e banchina Emilia, nonché sulla sponda dell’area Montesyndial.

È stata infine approvata all’unanimità, l’attività svolta per lo sviluppo del progetto per la realizzazione di un terminal costiero di stoccaggio di LNG nel canale Sud (l’investimento complessivo è stimato in circa 105 milioni di euro ed ha ottenuto un importante co-finanziamento europeo nell’ambito della programmazione CEF pari a c.a. 18,5 milioni di euro).

Infine, nel corso della seduta, sono stati espressi pareri positivi da tutti i membri del Comitato di gestione relativamente all’esito dei lavori della Commissione Consultiva di Venezia e della Commissione Consultiva di Chioggia sul rilascio delle autorizzazioni per la fornitura di servizi specialistici, complementari e accessori al ciclo delle operazioni portuali, per l’anno 2019 nei rispettivi porti.

Leggi anche:

  1. Porto di Genova: su concessioni unanimità in comitato portuale
  2. Porto di Venezia: per Costa Offshore non ha alternative
  3. Porto di Venezia: nuovo servizio Adriatico – Far East
  4. Porto di Venezia: aggiudicato il nuovo Piano regolatore del porto
  5. Porto di Venezia: nuova accessibilità scalo commerciale di Marghera

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=59059

Scritto da Redazione su mar 12 2019. Archiviato come Authority, News, Nord. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab