Regione Calabria: Investiti 24 milioni di euro nella portualità calabrese

“I porti regionali nel Programma di Azione e Coesione. La Calabria connessa, green e sostenibile”: è il tema di un seminario scientifico in programma per il 21 ottobre prossimo a Catanzaro Lido, a cui parteciperà anche il Presidente Oliverio.

L’intervento del Piano di Azione Coesione per lo sviluppo dei porti è particolarmente importante. Infatti sono stati investiti fondi per 24 milioni di euro nella portualità calabrese. Di questo si parlerà il 21 ottobre a Catanzaro Lido, nell’ambito di un incontro a cui parteciperà tra gli altri Mario Oliverio, Presidente della Regione Calabria. Il seminario tecnico scientifico, organizzato dalla Regione Calabria, è suddiviso in quattro sessioni.

Nella prima saranno affrontati temi che riguardano: l’inquadramento del Piano di Azione e Coesione come base della Programmazione Regionale; il Piano Regionale dei Trasporti della Calabria, con un particolare focus sulle Misure specifiche per i Porti Regionali; il Programma attuativo Porti Regionali della Calabria ed il supporto del PAC per Catanzaro Lido; Rapporti con i beneficiari e regole del finanziamento. In una sessione più scientifica si parlerà di domanda di turismo marittimo; di rischi e potenzialità delle infrastrutture per i Porti Regionali; del ruolo dell’ICT per il supporto ad un sistema di Porti Regionali di ultima generazione.

Un’ampia sessione vede protagonisti alcuni Comuni aggiudicatari dei finanziati per le infrastrutture portuali del proprio Ente, con l’illustrazione delle proposte progettuali e l’illustrazione delle metodiche di intervento. Ultima sessione dedicata al confronto su prospettive future delle infrastrutture materiali ed immateriali. L’iniziativa rientra in un percorso iniziato nel 2017 con il finanziamento per gli interventi di recupero e valorizzazione dei porti di Isola di Capo Rizzuto (KR), di Roccella Jonica (RC) di Cirò Marina (KR) di Cetraro (CS).

Con i fondi PAC è stato finanziato il porto di Catanzaro, con ulteriori fondi è stato possibile finanziare anche i progetti per i porti di Scilla, Tropea, Amantea e Belvedere Marittimo. La Regione Calabria per la prima volta investe in modo integrato per la valorizzazione e il recupero della portualità turistica e l’attrattività dei suoi porti, riqualificando strutture esistenti, le attrezzature di supporto alla nautica da diporto e di posti barca a terra, migliorando infrastrutture di collegamento del sistema di trasporti mare-entroterra. L’obiettivo è favorire lo sviluppo turistico e l’accessibilità green al territorio via mare. L’incontro si terrà a Catanzaro Lido presso l’Hotel Perla del Porto il 21 ottobre dalle 10.00 alle 16.30.

Università e Shell insieme per un Centro di Ricerca per una shipping più green

Southampton. La Shell Shipping & Maritime ha impegnato un milione e mezzo di sterline inglesi  presso l’Università di Southampton al fine di creare un Centro for Maritime Futures. Il Centro, partendo dall’anno accademico 2019/2020, dovrà riunire partner universitari e industriali per studiare le possibili tecnologiche per l’applicazione di energie pulite, tali da rendere il settore dei trasporti più sicuro, pulito ed efficiente.

Piani di studio e progetti sperimentali avranno un ruolo importante per ricercatori, studenti ed industria per affrontare le sfide del settore. Tre saranno le aree – studio che saranno affrontate dai dipartimenti universitari e dal Centro Ricerche: decarbonizzazione, digitalizzazione e sicurezza con l’alto obiettivo di guidare i progressi in tutto il settore dello shipping.

Grazie all’esperienza di studi nei trasporti marittimi dell’Università di Southampton e alla capacità industriale e ricerca marittima della Shell, il Centro svolgerà un ruolo vitale nel conseguire l’obiettivo dell’IMO; cioè di ridurre le emissioni di gas serra prodotte dai trasporti marittimi internazionali del 50% entro il 2050. L’industria dello shipping e i ricercatori sono impegnati da anni  per creare energia più pulita e più sostenibile da parte della società del futuro.

Gli esperti di Shell e dell’Università, riconosciuti importanti a livello mondiale nel settore marittimo, sono certi di realizzare una partnership di grande successo per affrontare le sfide della riduzione delle emissioni di carbonio nel settore dei trasporti marittimi. Trovare soluzioni migliori per l’industria e per la società. In questi ultimi anni, l’Università ha lavorato a stretto contatto con la Shell per ridurre le emissioni di CO2 della loro flotta attuale attraverso l’applicazione di “machine learning” per ottimizzare il funzionamento idrodinamico delle navi.

Altri progetti hanno interessato il potenziale di risparmio di carburante e di nuove tecnologie come i dispositivi per la propulsione eolica e l’uso della lubrificazione ad aria per ridurre l’attrito con l’acqua. Il Centro sarà impegnato nel trovare nuove modalità per decarbonizzare i trasporti marittimi attraverso lo studio dei futuri carburanti e di migliorare ulteriormente l’efficienza operativa della flotta, riducendo anche il potenziale di rischio per i marittimi.

Il Centro fornirà anche borse di studio post-dottorato presso l’Università, garantendo agli studenti e ricercatori un lavoro al fianco di esperti Shell per affrontare le criticità del settore marittimo. In tal modo si consentirà di ampliare la gamma di attività di ricerca sviluppando le conoscenze, le competenze e le tecnologie che contribuiranno a rendere la Shell Shipping & Maritime una “guida” per il settore marittimo, sempre più green e sempre più sicuro.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Guardia Costiera e Terna: accordo per rafforzare la rete elettrica nazionale

Firmata una convenzione per potenziare la sorveglianza delle aree dove sono presenti i cavi elettrici sottomarini

 

L’Ammiraglio Ispettore (CP) Antonio Basile, Vice Comandante Generale delle Capitanerie di Porto–Guardia Costiera e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna, Luigi Ferraris, hanno firmato a Roma, nei giorni scorsi, una convenzione finalizzata a potenziare la prevenzione dei danneggiamenti dei cavi sottomarini di Terna, società a cui è affidata la concessione per l’attività di trasmissione dell’energia elettrica nel territorio nazionale.

Le parti si impegnano a incrementare l’efficacia dell’attività di sorveglianza degli specchi acquei dove sono presenti i circa 1.500 chilometri di cavi sottomarini di Terna. L’obiettivo è quello di definire un piano di collaborazione strutturale per effettuare accertamenti che consentano, in caso di danneggiamento dei cavi elettrici sottomarini, di risalire ai presunti responsabili dell’azione dannosa.

Il Corpo delle Capitanerie di Porto–Guardia Costiera, con le sue sale operative e i sistemi di monitoraggio del traffico marittimo, rappresenta un importante partner istituzionale per contribuire alla sicurezza e all’efficienza del sistema elettrico nazionale, anche attraverso il monitoraggio delle infrastrutture critiche di Terna tramite interfacciamento telematico del Security Operations Center (SOC) di Terna.

La convenzione siglata consentirà di perfezionare il sistema di protezione dei cavi sottomarini da fattori di rischio quali, ad esempio, la pesca a strascico e l’ancoraggio in aree interdette.

In particolare, le aree di attività oggetto dell’intesa, riguarderanno:

• la verifica congiunta dell’aggiornamento delle ordinanze che vietano l’ancoraggio e la pesca a strascico nelle aree dove sono presenti i cavi sottomarini di Terna;

• il potenziamento del monitoraggio delle unità navali in transito negli specchi d’acqua oggetto di interdizione;

• l’attività di supporto a Terna, da parte delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, nell’effettuare l’analisi del rischio delle aree critiche anche tramite accesso allo storico dei tracciati AIS (Automatic Identification System);

• gli interventi da parte del Corpo delle Capitanerie di Porto–Guardia Costiera qualora si manifesti una situazione di criticità evidente.

L’incontro, che ha visto anche la presenza dell’Ammiraglio Ispettore (CP) Nunzio Martello, Capo del 1° Reparto del Comando Generale, si è concluso con l’attestazione di reciproca stima e con l’auspicio di raggiungere  tutti gli obiettivi prefissati nel protocollo.

MSC TORNA ALLA BARCOLANA CON DESIGN INNOVATIVO, EFFICIENZA E TRASPORTO SOSTENIBILE

Anche quest’anno il team di vela di MSC, azienda leader nei trasporti marittimi containerizzati, gareggerà con la barca classe Psaros33

MSC ha a disposizione la più grande flotta di navi container al mondo con la più bassa impronta di carbonio

La società vede interessanti parallelismi tra il design e l’efficienza dello shipping e delle regate

Ginevra, Trieste– Dopo un anno di regate per i mari e i laghi europei, MSC Mediterranean Shipping Company, la compagnia leader nel settore del trasporto marittimo containerizzato e della logistica, torna alla Barcolana con la sua barca a vela MSC Team.

La barca gialla e nera è una Psaros33 lunga 10 metri con vela principale da 48 metri quadrati e spinnaker da 140 metri quadrati. È stata costruita a Ginevra nel 1976 presso il cantiere navale Psaros, fondato da Jean Psarofaghis, un pioniere nelle tecniche di costruzione navale e membro del team di vela. La Psaros33 è un monoscafo che, a detta dello stesso costruttore, è stato disegnato “per essere veloce, molto stabile e facile da manovrare”.

L’equipaggio sarà composto da 7 persone con il professionista della vela Nicolas Groux in qualità di tattico. Nicolas ha partecipato all’America’s Cup, alla Bol d’Or su Alinghi, 5 volte al Tour de France Sailing e a tre stagioni di multihull (D35 nel 2007 e 2008 e M2 nel 2009). Il team ginevrino di MSC di bordo sarà composto da Massimiliano Venezian (trimmer e Senior Vice President di MSC), Joel Kunzi (prodiere), Simone Arienti (albero) e infine Sebastian Wittgenstein (Financial Director di MSC Group) come mainsail trimmer. A completare l’equipaggio della MSC Team sarà il trimmer mate Mikis Psarofaghis, figlio di Jean Psarofaghis, che giovanissimo ha iniziato la sua carriera da velista partecipando alla Youth America’s Cup su AC45 con il team Tilt, oltre che a numerose regate in Moth Class.

Questo è un anno fondamentale per lo sviluppo di MSC, dopo il recente lancio di MSC Gulsun, la più grande nave portacontainer al mondo, progettata per avere la minor impronta da carbonio di sempre, il che significa che può avere le più basse emissioni di CO2 per tonnellata di carico trasportato per miglio. Man mano che aumenta l’interesse della società per le regate, i parallelismi tra iniziative sostenibili nel settore dello shipping e le attività relative alle regate diventano sempre più rilevanti.

La storica Barcolana è disputata da barche a vela che si affidano interamente alla propulsione eolica, mentre naturalmente nel trasporto merci i motori sono utilizzati per la propulsione delle navi. Più che mai questo fa riflettere MSC su come trarre alcuni insegnamenti dall’antico mondo della vela e immaginare cos’altro si possa fare in relazione alla progettazione delle navi e alla riduzione della resistenza dello scafo, mentre il settore marittimo si concentra sempre più sull’efficienza della progettazione e sulla minimizzazione dell’impatto ambientale.

Sebastian Wittgenstein, Financial Director di MSC Group ha dichiarato:

“MSC è presente per il secondo anno consecutivo alla Barcolana. Partecipare alla storica regata, gareggiare con alcuni dei migliori velisti e con le barche a vela più avanzate tecnologicamente al mondo sono solo alcuni degli obiettivi della nostra mission, volta a promuovere la sostenibilità. Partecipare a una regata significa essere abili nel domare le forze della natura senza l’uso di alcun motore, ma facendo leva esclusivamente sul lavoro di un team di individui che collaborano in modo efficiente per ottenere ottimi risultati e divertirsi durante la navigazione, mentre sono circondati da bellezze della natura. Infine, riteniamo che il maggior coinvolgimento di aziende del calibro di MSC possa aiutare a sensibilizzare l’opinione pubblica su grandi temi legati all’ambiente, alle risorse del mare e alla difesa degli ecosistemi marini”.

A conferma dell’impegno di MSC a favore dell’ambiente, la Compagnia promuove da tempo pratiche commerciali sostenibili ed etiche e investe massicciamente in tecnologie a basse emissioni di carbonio e programmi di retrofit per massimizzare le prestazioni ambientali delle proprie navi.

MSC a Trieste

MSC ha da tempo scelto lo scalo giuliano, teatro della 51° edizione della Barcolana, quale gateway privilegiato nel Mare Adriatico per i suoi collegamenti tra l’Europa e l’Asia che consentono transit-time veloci e ridotte emissioni di CO2. La Compagnia ha investito direttamente nel Trieste Marine Terminal che serve navi container da tutto il mondo ed è collegato ai mercati europei grazie ad efficienti connessioni ferroviarie. Ad oggi le navi di MSC collegano il Trieste Marine Terminal con 7 servizi oceanici diretti per la Turchia, Israele, la Grecia e il Mar Nero, il Libano ma anche il Far East con la Phoenix line.

Secondo gli ultimi dati del Trieste Marine Terminal, ad agosto sono stati movimentati oltre 57mila TEU, il che rappresenta un incremento del 9,7% rispetto al 2018.

Calendario velico di MSC

Oltre alla Barcolana, MSC ha preso parte ad altre due regate internazionali nel Mar Mediterraneo: Cope del Rey, dal 29 luglio al 3 agosto 2019, e Turkcell Platinum Bosphorus Cup, 28-29 settembre, dove la barca Farr40, che si è classificata quinta su 42 in gara. La Barcolana è la regata più celebre del mondo e in questo 51° anniversario dalla sua fondazione MSC ha scelto di riconfermare il suo impegno in qualità di sponsor della manifestazione.

Lo stand di MSC è situato nella Sponsor Area ai numeri 75-76, dove, grazie alla partnership con Marevivo, promuoverà i valori della biodiversità e dello sviluppo sostenibile e la valorizzazione delle aree marine protette, la lotta all’inquinamento e la pesca illegale, promuovendo al contempo l’educazione ambientale. MSC e Marevivo lavorano insieme sin dal 1995 con l’obiettivo di ispirare i giovani con la passione per il mare e per diffondere una cultura della sostenibilità dentro e fuori la classe.

REGIONE PUGLIA: BORRACCINO A TARANTO PER CONVEGNO SU SICUREZZA NEI PORTI

L’assessore allo sviluppo economico, Mino Borraccino ha partecipato questa mattina a Taranto al convegno promosso dalla Regione, dalla ASL e dall’INAIL sulla sicurezza nei porti e sugli interventi di prevenzione nelle aziende che operano nell’area portuale.

“Il convegno – spiega – rappresenta la conclusione delle attività formative mirate a trasferire conoscenze su metodologie, strumenti e servizi finalizzati al miglioramento delle performance in SSL ed alla organizzazione aziendale.

Ho portato i saluti della Regione Puglia all’evento: una iniziativa di grande attualità in questo momento storico rispetto allo sviluppo dell’attività portuale jonica, ma anche rispetto alla sicurezza nelle infrastrutture portuali, soggette a copiosi flussi di merci.

Con la prevista implementazione dei traffici delle navi nel porto di Taranto, occorrerà attivare ancora più intensamente le procedure per mettere in sicurezza le attività, e dunque i lavoratori che operano in questo contesto.

Da assessore allo Sviluppo economico, ritengo prioritari i temi ambientali, della salvaguardia della sicurezza e dunque della salute nell’ambito lavorativo, poiché non può esserci sviluppo senza questi elementi” .

Nave Vespucci a Trieste per festeggiare la Barcolana 51

NAVE VESPUCCI ARRIVATA OGGI A TRIESTE PER FESTEGGIARE LA BARCOLANA 51
IN ARRIVO GLI SCAFI DEL MIXED OFFSHORE EUROPEAN CHAMPIONSHIP
DOMANI IN MARE LA VENEZIA GIULIA COLLIO CUP, MENTRE A TERRA ATTESA PER LA PRIMA EDIZIONE DI “GENERALI SEA TALK” E IL DOCUMENTARIO SUL FASTNET DI FRANCO PACE INSIEME A NUMEROSI OSPITI D’ECCEZIONE

Trieste- Alle 8.30 di stamani, Nave Vespucci è attraccata alla Stazione Marittima di Trieste: ammirata dalla città intera, che la attendeva con grande passione, la nave scuola della Marina Militare è a Trieste per la diciannovesima volta nella sua storia e resterà fino a domenica, a festeggiare con tutto il popolo della vela Barcolana51 presented by Generali. Numerose le attività a bordo, comprese le visite guidate dedicate al pubblico, le conferenze stampa e le cerimonie di premiazione degli eventi collegati a Barcolana.

Alle 9.30 di stamani, puntuali, sono arrivati in Barcolana51 anche i ragazzi del Follow me: studenti dell’Istituto tecnico Nautico di Trieste che nei giorni dell’evento partecipano attivamente, una task force dedicata agli ormeggi, un sistema di accoglienza che permette agli studenti di imparare, e a tutti gli armatori che stanno raggiungendo Trieste di trovare accoglienza e supporto.

BARCOLANA -3 - A tre giorni dalla regata, gli iscritti hanno raggiunto quota 1570. La bonaccia della mattina e la pioggia sono stati strategici per alcuni team, che sono usciti per provare la barca in condizioni di poca aria. Osmer Arpa ha iniziato infatti a diramare i bollettini meteo con le prime previsioni per il fine settimana: sarà un weekend con meteo estivo e poco vento, elemento che sta già caratterizzando le scelte dei tattici per quanto riguarda pesi e vele in barca. “Siamo usciti per provare le vele più leggere – hanno dichiarato dal team PortoPiccolo Tempus Fugit – in particolare la grande vela di prua che ci è mancata la scorsa edizione.

E’ stato un bel navigare e le indicazioni ricevute in mare sono state molto utili in vista di domenica. Siamo competitivi e siamo pronti, la nuova vela è un’arma molto importante”. Anche il team Golfo di Trieste è uscito oggi in allenamento: “Le previsioni per domenica 13 ottobre – ha dichiarato la skipper Francesca Clapcich – danno poco vento, anzi pochissimo e sicuramente questo sarebbe un vantaggio per noi: la barca, infatti, è molto performante in quelle condizioni. Ovviamente anche l’equipaggio è leggero, quindi teniamo le dita incrociate perché ci siano le condizioni favorevoli. Da mercoledì ci stiamo allenando per trovare il giusto assetto della barca, capire quali vele utilizzare, prendere le decisioni migliori ed essere veloci e competitive già dalla partenza. I prossimi giorni saranno fondamentali, siamo tutte molto concentrate sull’obiettivo e non vediamo l’ora che arrivi domenica per regatare.”

Nel pomeriggio intanto, alle 17.30, è in programma la cerimonia di riconsegna del trofeo da parte del team vincitore della scorsa edizione, capitanato da Furio e Gabriele Benussi con Lorenzo Bressani: l’equipaggio non si è allenato in questi giorni, e torna in acqua domani mattina. “Sono stati giorni impegnativi – ha dichiarato Furio Benussi – il nostro obiettivo è riconsegnare la coppa solo per pochi giorni in mano agli organizzatori per tenerla con noi un altro anno”.

SPLASTICHIAMO IL MARE – Ha preso il via, in occasione della 51a edizione della Barcolana, l’iniziativa “Splastichiamo il mare”, promossa da WWF Area Marina Protetta di Miramare con il Gruppo Hera e la partecipata EstEnergy grazie anche alla collaborazione di Regione Friuli Venezia Giulia e Arpa FVG. Fino al termine della manifestazione, presso lo stand del Gruppo Hera – EstEnergy al Villaggio Barcolana, tutti i visitatori possono cimentarsi in un’avvincente testa a testa su maxi-schermo: a due a due, nel tempo limite di 30 secondi, i partecipanti sono chiamati a pedalare il più veloce possibile in sella a speciali pesci-sottomarino per catturare il maggior numero di rifiuti in plastica in un mare virtuale.

Con “Splastichiamo il mare”, grazie al meccanismo di “donazione partecipata”, tutti possono dare un aiuto concreto: più persone giocheranno, infatti, più aumenterà la donazione che Gruppo Hera ed EstEnergy destineranno al progetto del WWF Area Marina Protetta di Miramare. L’obiettivo finale è di raggiungere i 10 mila euro. Al termine di ciascuna sfida, i partecipanti possono scaricare un mini-video da condividere sui propri canali social con l’hashtag #splastichiamoilmare e invitare così i propri amici a fare un gesto semplice, concreto e anche molto divertente per il mare di Trieste.

UNICREDIT - Intanto nel pomeriggio Unicredit, sponsor di Barcolana51, ha organizzato nella sede della Camera di commercio un incontro dedicato al tema del leasing nautico. “Economia, mercati e leasing nautico: la rotta giusta nella scelta di investimenti e finanziamenti” il titolo dell’evento, che ha visto anche la presenza, in qualità di ospite speciale, di Vicky Song.

DOMANI IN MARE LA VENEZIA GIULIA COLLIO CUP – Domani si torna a regatare in Barcolana, con la seconda edizione dell’Invitational Venezia Giulia Collio Cup. Giunta alla seconda edizione, è una regata a invito che si disputa a bordo dei monotipi J70: si tratta di un “invitational”, al quale la SVBG invita a partecipare i circoli del Golfo che evidenziano, ogni anno, il maggior numero di iscritti alla Barcolana, con l’obiettivo di creare una sfida ad armi pari tra team che provengono dallo stesso mare e che sono pronti a sfidarsi in nome del proprio guidone sociale. La sfida si svolge su un set di regate eliminatorie, con prove molto brevi a bastone che precedono la regata con formula “Stadium Race” visibile da terra, a pochi metri dalla Piazza dell’Unità – sempre l’11 ottobre alle ore 18.

Quest’anno sono dodici i team in gara: Società Nautica Pietas Julia (skipper Giuliano Chiandussi), Società Nautica Laguna (skipper Francesco Manzin), Società Triestina Sport del Mare (skipper Alan Travaglio), Società Triestina della Vela (skipper Andrea Savio), Società Velica Oscar Cosulich (skipper Alessandro Marega), TPK Sirena (skipper Robert De Lucia), Yacht Club Adriaco (skipper Martha Faraguna), Yacht Club Cupa (skipper Mirko Juretic), Diporto Nautico Sistiana (skipper Alberto Leghissa), Circolo della Vela Muggia (skipper Matija Succi), Società Nautica Grignano (skipper Nicoletta Rossi) e Società Velica di Barcola e Grignano (skipper Francesca Russo Cirillo). Barcolana e Collio sono stati protagonisti assieme della partecipazione della SVBG alla Round the Island Race, a Cowes, in UK: “un’occasione – ha concluso Gialuz – che ha mostrato come sport e promozione possono creare importanti sinergie, a vantaggio diretto della promozione dei prodotti made in FVG”.

E’ la Società Triestina della Vela il Club da battere, risultato vincitore dell’edizione 2018. L’evento, che lo scorso anno ha visto protagonisti dieci equipaggi, è stato caratterizzato da vento molto leggero. La STV ha ottenuto il primo posto assoluto grazie a un primo e a un quarto ottenuti nelle due prove disputate, secondo posto per Lega Navale Italiana (sezione di Trieste), terzo il Diporto Nautico Sistiana.

IN ARRIVO GLI SCAFI DEL MIXED OFFSHORE EUROPEAN CHAMPIONSHIP - Tra la notte di oggi e la giornata di domani è previsto anche l’arrivo della prima edizione del Barcolana Nastro Rosa Mixed Offshore European Championship, il campionato europeo che mette in acqua sette equipaggi misti che dovranno affrontare, per la prima volta, la nuova specialità olimpica che verrà sperimentata a Parigi 2024, una regata d’altura su uno scafo a chiglia di 30 piedi, in equipaggio ridotto composto da un uomo e una donna.

L’Europeo, patrocinato da Eurosaf, la federazione europea della Vela e dalla Fiv, è partito ieri da davanti  Piazza San Marco a Venezia per raggiungere Trieste dopo 187 miglia di navigazione: l’arrivo sarà dato di fronte a Barcola, gli equipaggi hanno avuto vento sostenuto nell’attraversare l’Adriatico da Venezia verso la costa croata, poi nella giornata di oggi bonaccia per girare San Giovanni in Pelago e scendere fino a Lussino. La risalita, fino a Trieste, dovrebbe invece vedere Bora leggera e quindi tanto impegno per gli equièaggi. L’evento è organizzato da SSI e Barcolana, con il marchio Nastro Rosa, l’evento che raccoglierà a breve l’eredità del Giro d’Italia a vela. In acqua sette team da Austria, Belgio, Francia, Australia, Italia, Spagna e Usa: attivo il tracking per seguire la regata, www.ssi.events/tracking-nastrorosa-offshore.

DOMANI – Arriverà oggi a tarda sera la velista inglese Dee Caffari, che da domani sarà protagonista in Barcolana. Domani in programma alle 17.30 la prima edizione del nuovo format “Generali Sea Talk”, organizzato da Barcolana con il proprio presenting sponsor per approfondire con illustri ospiti e giornalisti il tema centrale di Barcolana. Generali Sea Talk è il primo evento ospitato da Generali, dopo l’inaugurazione, nel restaurato Palazzo Berlam. Protagoniste della discussione saranno due veliste di calibro mondiale, Dee Caffari e Vicky Song, prima velista cinese ad aver preso parte a un viaggio in barca intorno al mondo.

Alle 19.30 al Museo Revoltella si parla invece di Fastnet. Presentato da Fabio Colivicchi, con la partecipazione di Francesco Ettorre, Riccardo Bonadeo, David Brunskill, Chicco Isenburg e Bruno Catalan, Dondo Ballanti, Piro Onoranti, Giovanni Sicola, Silvano Kapelj, e la partecipazione di Bob Fisher, uno dei più noti giornalisti inglesi di vela. Uno dei più famosi e amati fotografi di vela, il nostro triestino Franco Pace, nel 1979 documentò la storica edizione del Fastnet, passata alla storia per la terribile tempesta. Questo documentario, con la voce narrante di Paolo Rumiz, racconta la spedizione italiana composta allora da 3 equipaggi, che in seguito diedero vita ai grandi successi della vela come Azzurra. Il documentario vuole essere un omaggio e un ricordo di Barcolana all’Admiral’s Cup oltre alla nascita di un’epoca magica della vela italiana.

Foto: Taccola

Regione Friuli Venezia Giulia: Scoccimarro, bene iniziative Gruppo Hera anti-plastica

Trieste- “Procediamo avanti insieme con iniziative come Splastichiamo il Mare e con tutte le operazioni plastic free che vedono la Regione in prima fila per dare a enti, società e associazioni gli strumenti necessari ad attivarsi in azioni di prevenzione e di pulizia”.

E’ il pensiero dell’assessore alla Difesa dell’ambiente del Friuli Venezia Giulia, Fabio Scoccimarro, intervenuto a Trieste nello stand Barcolana del gruppo Hera che, con la partecipata EstEnergy, ha promosso (al motto di splastichiamo) una donazione per la liberazione dalla plastica dell’area marina protetta di Miramare. In una sfida a due nel gazebo Hera si può pedalare per trenta secondi il più veloce possibile; l’energia prodotta si tramuta, attraverso un contatore, in denaro che verrà versato al termine della Barcolana alla Riserva di Miramare per la pulizia anti-plastica. L’obiettivo è di raggiungere con il totale delle pedalate i 10mila euro.

“Con il progetto pilota aMare Fvg, in cui rientra anche quest’iniziativa di Hera/EstEnergy – ha ricordato Scoccimarro – coinvolgiamo tutti i soggetti istituzionali e privati in uno sforzo comune per togliere le plastiche dal Golfo di Trieste. Nell’ambito del protocollo di aMare puntiamo ad attivare gli stessi pescatori, nei periodi di fermo, nella rimozione dei rifiuti”.

Le plastiche entrano nella catena alimentare degli organismi marini e arrivano fino a noi: lo ha evidenziato Maurizio Spoto, direttore dell’Area marina protetta di Miramare. “Ecco perché – ha osservato – è importante sensibilizzare i cittadini sulla necessità urgente di ridurne a monte la produzione e l’utilizzo”.

All’incontro stampa, nel quale ha fatto gli onori di casa il direttore generale di EstEnergy Albino Belli, è intervenuta anche Arpa Fvg, che collabora all’iniziativa insieme alla Regione. L’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, lo ha annotato il direttore Stellio Vatta, è per la prima volta presente alla Barcolana con un proprio stand. ARC/PPH/fc

Foto: Montenero

Salvamare, Morassut: concluso esame alla Camera

Roma - “In questi giorni, alla Camera, abbiamo concluso l’esame degli emendamenti del provvedimento “Salvamare”, un disegno di legge importante che affronta finalmente il tema della salvaguardia del mare dall’aggressione dei rifiuti e in particolare la plastica. L’Italia ha un primato in questo, avendo anticipato anche la direttiva europea. Con il “Salvamare” apriamo un processo in tema di gestione delle acque con una prospettiva legislativa più strutturata”. Così il sottosegretario all’Ambiente, Roberto Morassut, a margine dell’evento “Un quadro di plastica. I rifiuti e le plastiche in mare”, organizzato da Ispra.

“La plastica dispersa in mare – ha spiegato Morassut – è una grande emergenza che minaccia l’ambiente dal quale proviene la nostra stessa vita. Non dobbiamo dimenticare che la vita viene dal mare è senza il mare è destinata ad estinguersi. La lotta contro la dispersione delle plastiche in mare che vengono dai fiumi e quindi dalla terra e dai nostri comportamenti sbagliati e la battaglia per il riciclaggio dei rifiuti sono al centro delle prime azioni di questo governo. Abbiamo sbloccato l’End of Waste nel giorni scorsi. E ieri abbiamo chiuso in Commissione Ambiente alla Camera l’esame del “Salvamare”. La lotta per un nuovo modello di sviluppo e di vita è fatto di passi concreti”.

Il Sottosegretario Morassut su provvedimento Salvamare

https://vimeo.com/365272435

Arrivata Vicky Song in Barcolana

PRESENTATO IL NUOVO TROFEO DELL’ULTIMO ARRIVATO
SBARCA IN BARCOLANA IL NASTRO ROSA MIXED OFFSHORE EUROPEAN CHAMPIONSHIP
IN ARRIVO LA NAVE SCUOLA AMERIGO VESPUCCI
VILLAGGIO BARCOLANA: APERTURA DI TUTTI GLI SPAZI E VIABILITÀ
PROSEGUONO LE ATTIVITÀ A TUTELA DEI MARI INSIEME A ONE OCEAN FOUNDATION

Trieste- Giovane, sorridente, curiosa di scoprire come sia fatta la regata più grande del mondo. E’ sbarcata a Trieste Vicky Song, la prima velista cinese ad aver compiuto il giro del mondo a vela, e anche la prima velista cinese in Barcolana. “Ho sentito tanto parlare di Barcolana – ha raccontato Vicky Song – la vela in Cina è giovane, si pratica dal punto di vista sportivo da circa vent’anni. Dieci anni fa avevamo forse tre regate in totale, oggi in un anno sono un centinaio: stiamo crescendo a un ritmo molto veloce”.

Su Barcolana Vicky Song ha le idee molto chiare: “Ho sentito parlare tanto di questa regata, l’ingresso nel Guinness dei primati ha contribuito alla popolarità della regata e come velista cinese sono molto curiosa. In questi anni in Cina è aumentata la popolarità della vela e guardiamo alla Barcolana con un evento che può ispirarci, anche nell’ottica delle accresciute relazioni tra l’Italia e la Cina”.

TROFEO DELL’ULTIMO ARRIVATO - Barcolana ha presentato questo pomeriggio un nuovo trofeo, aggiunto in questa edizione. Si tratta del Trofeo per l’ultimo arrivato, che verrà consegnato con tutti gli onori, all’ultimo arrivato al traguardo della Barcolana.

“E’ un trofeo nella tradizione e nel pieno spirito della Barcolana – ha dichiarato il presidente della SVBG Mitja Gialuz – nato per sottolineare l’impegno di chi partecipa alla regata con lo spirito originario, con la volontà di esserci, di divertirsi senza lasciare a casa l’agonismo puro, quello di partecipare e tagliare il traguardo entro il tempo limite. In Barcolana vincono tutti tranne l’ultimo; ma in realtà anche l’ultimo batte il tempo massimo. Spesso guardiamo con grande focalizzazione alla lotta per la testa della classifica, ma la Barcolana ha un contenuto più ampio: adesso chiediamo al popolo della Barcolana di indicarci un nome adeguato per questo trofeo. Si tratta di un simbolo, che si somma ai premi che diamo ai primi tre di ogni categoria, regata e crociera.

E’ la sintesi dell’omaggio alla partecipazione e non alla spasmodica lotta alla vittoria, è l’omaggio a tutte le persone che investono energie, tempo ed entusiasmo per partecipare alla Barcolana: senza di loro, la vittoria dei primi sarebbe solo la vittoria di una regata come tante, e auspico che gli skipper delle barche che concorrono per il primo posto assoluto siano assieme a noi in questo progetto, solidali a dare valore alla partecipazione”. Domani, intanto, è prevista la cerimonia di restituzione del trofeo per il primo assoluto dal team Fast and Furio all’organizzazione.

APERTO TUTTO IL VILLAGGIO – Inizia intanto la grande festa lungo tutte le Rive di Trieste: da stamani e fino a domenica 13 ottobre tutti gli 200 stand lungo le Rive, oltre a quelli in piazza dell’Unità, sono aperti al pubblico. Gli orari per i prossimi giorni sono i seguenti: domani il Villaggio Barcolana sarà aperto al pubblico dalle 10 alle 22, venerdì 11 ottobre dalle 10 alle 24, mentre sabato la grande festa inizierà alle 9 per concludersi alle 24, mentre domenica il villaggio resterà aperto dalle 9 e fino alle 20, quando la Barcolana chiuderà ufficialmente l’edizione 51.

ISCRIZIONI - A quattro giorni dal via, sono 1491 gli scafi già iscritti. Si tratta di un trend molto positivo, superiore in numero, al momento, a quello dell’edizione 2017 dove le iscrizioni avevano chiuso il sabato a quota 2101. “Non stiamo guardando al numero – ha dichiarato il presidente della SVBG Mitja Gialuz – nel senso della ricerca di nuovi record, ma guardiamo ai numeri con l’obiettivo di garantire a tutti i partecipanti quel +1 che rappresenta questa edizione: accoglienza, attenzione, eventi di qualità”.

BARCOLANA NASTRO ROSA MIXED OFFSHORE EUROEPAN CHAMPIONSHIP – E dopo il foil, sbarca in Barcolana un tradizionale scafo di 30 piedi, ma con un innovativo programma che condurrà fino alle Olimpiadi del 2024. Venerdì la Barcolana accoglierà l’arrivo della prima edizione del Mixed Offshore European Championship, il campionato europeo che mette in acqua sette equipaggi misti che dovranno affrontare, per la prima volta, la nuova specialità olimpica che verrà sperimentata a Parigi 2024, una regata d’altura su uno scafo a chiglia di 30 piedi, in equipaggio ridotto composto da un uomo e una donna.

L’Europeo, patrocinato da Eurosaf, la federazione europea della Vela e dalla Fiv, parte oggi da Venezia per raggiungere Trieste dopo 187 miglia di navigazione: l’arrivo sarà dato di fronte a Barcola, e gli scafi parteciperanno domenica alla Barcolana con gli stessi equipaggi arricchiti di ulteriori persone a bordo. L’evento è organizzato da SSI e Barcolana, con il marchio Nastro Rosa, l’evento che raccoglierà a breve l’eredità del Giro d’Italia a vela. In acqua sette team da Austria, Belgio, Francia, Australia, Italia, Spagna e Usa: attivo il tracking per seguire la regata, www.ssi.events/tracking-nastrorosa-offshore.

Gli equipaggi al via:
Team Austria – Lisa Berger and Christian Kargl
Team Belgium – Jonas Gerckens and Sophie Faguet
Team France – Mathilde Geron and Pierre Leboucher
Team Australia – Alberto Sonino and Liz Wardley
Team Italy – Andrea Pendibene and Giovanna Valsecchi
Team Spain – Guillermo Altadill and Ana Santamaria
Team USA – Peter Beker and Barbara Karpinska

E-SAILING - Sono 4018 gli skipper che stanno, al momento, partecipando alle regate virtuali di e-sailing. Da tutto il mondo, gli appassionati di vela su virtualregatta.com stanno aumentando in vista delle ultime qualificazioni.

VIABILITÀ - Il Comune di Trieste ha pubblicato in questi giorni l’ordinanza relativa alla gestione del traffico cittadino nei giorni di Barcolana. Tra i provvedimenti, quello principale riguarda l’istituzione dell’integrale divieto di transito per tutti i veicoli, con orario ininterrotto, a partire dalle ore 14 di venerdì 11 e fino alle ore 17 di domenica 13 ottobre (e comunque fino a cessate necessità) sulle Rive centrali più prossime a piazza dell’Unità, ovvero Riva del Mandracchio, Riva Caduti per l’Italianità e Riva Tre Novembre, nel tratto complessivamente compreso tra l’intersezione con via Mercato Vecchio e piazza Nicolò Tommaseo. Si tratta di una scelta che permette di collegare direttamente la piazza dell’Unità al Villaggio, e garantire sicurezza a tutto il pubblico.

Trieste Trasporti ha inoltre potenziato il sistema di autobus cittadino: chi invece raggiungerà Trieste in automobile, oltre a essere informato dai pannelli a messaggio variabile presenti in autostrada di eventuali code o problemi di viabilità, troverà attivo un sistema di interscambio automobile-autobus urbano: grazie all’intervento di Trieste Trasporti, saranno attivi 6 parcheggi periferici dove lasciare l’automobile e scambiare con l’autobus urbano, pagando un biglietto unico (peraltro con grafica personalizzata, praticamente da collezione!) di 1 euro a persona al giorno. I parcheggi di scambio in cui sarà attivo il servizio sono quelli situati a Barcola-Bovedo, BarcolaPiazzale 11 settembre, Quadrivio Opicina, Chiarbola (via Carnaro) e Montedoro.

Una volta parcheggiata l’automobile, si potrà acquistare dal personale di Trieste Trasporti presente in loco il biglietto giornaliero  – venerdì 11 ottobre dalle 15 alle 20, sabato 12 ottobre dalle 10 alle 20 e domenica dalle 8.30 alle 20 -  al costo di un euro a persona che consentirà di raggiungere il centro città in bus. Il parcheggio con maggiore capienza è quello di Montedoro: l’autobus navetta per Barcolana, la numero 20, impiega 20 minuti per raggiungere il centro città. In occasione della Barcolana, e per favorire tutte le persone che dal centro città raggiungono la sede della SVBG per andare a iscriversi alla regata, Trieste Trasporti attiverà da venerdì 11 a domenica 13 ottobre degli autobus-navetta elettrici che collegheranno piazza Tommaseo con piazzale 11 settembre a Barcola transitando anche per il parcheggio di Bovedo.

ONE OCEAN FOUNDATION – In Barcolana oggi approda anche One Ocean, la Fondazione che condivide con Barcolana l’impegno a tutela dei mari, dall’emergenza plastica e da ogni forma di inquinamento. One Ocean sarà presente nella sede della Società Velica di Barcola e Grignano con l’obiettivo di invitare gli armatori in attesa di iscriversi alla Barcolana a conoscere e sottoscrivere la Charta Smeralda, per condividere con il resto del loro equipaggio l’impegno assunto. Tutti possono fare altrettanto al seguente link: https://www.1ocean.org/charta-smeralda/ A Trieste sarà presente il vicepresidente della Fondazione One Ocean e commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, Riccardo Bonadeo, che parteciperà alla regata a bordo del maxi 100′ Arca SGR di Furio Benussi, barca portabandiera della Fondazione.

L’intero team vincitore delle ultime tre edizioni della regata ha sposato appieno la missione di One Ocean, in Barcolana così come nelle abitudini quotidiane di ciascun componente. Sabato mattina 40 ragazzi saranno a bordo di Arca SGR per una lezione sulla tutela del mare a cura di One Ocean, mentre il commodoro Bonadeo è atteso sull’Amerigo Vespucci per la presentazione della Regata dell’Accademia Navale, manifestazione da sempre legata a One Ocean Foundation e alla Charta Smeralda.

APPUNTAMENTI DI DOMANI – Domani mattina arriverà a Trieste anche la nave scuola a vela della Marina Militare Amerigo Vespucci che resterà ormeggiata a Trieste fino a domenica 13 ottobre e dedicherà questo lungo fine settimana al pubblico della Barcolana, ospitando eventi e visite guidate. In arrivo da Salerno, il “Vespucci” dovrebbe giungere a Trieste nelle prime ore del mattino. Nel pomeriggio, alle 17.30, si terrà nel Villaggio Barcolana la cerimonia di restituzione del trofeo Barcolana: a consegnarlo nelle mani del presidente della SVBG Mitja Gialuz sarà Furio Benussi, a capo del team che ha vinto la scorsa edizione. Nell’occasione, la SVBG presenterà anche il trofeo “Gli ultimi sono i primi” che da quest’anno è in palio per l’ultimo classificato.

ARRIVA LA VESPUCCI - Dal 10 al 13 ottobre la nave scuola Amerigo Vespucci sosterà per la diciannovesima volta nel porto giuliano in occasione della “Barcolana 51”, la regata internazionale che si svolge tradizionalmente nel golfo di Trieste e giunta quest’anno alla cinquantunesima edizione.
La nave sarà aperta alle visite della popolazione nei giorni: Giovedì 10 Ottobre: dalle ore 16.00 alle ore 20.30; Venerdì 11 Ottobre: dalle ore 10.00 alle ore 12.30 (solo per scolaresche) e dalle ore 14.00 alle ore 18.00; Sabato 12 Ottobre: dalle ore 14.00 alle ore 18.00; Domenica 13 Ottobre: dalle ore 08.30 alle ore 13.00.

RAI IN BARCOLANA – La Rai sale nuovamente a bordo della Barcolana per raccontare – da Main Media Partner – emozioni, suggestioni e protagonisti della più affollata regata internazionale del mondo organizzata dalla Società Velica di Barcola e Grignano.  Anche stavolta la Rai sarà presente a Trieste per tutto il periodo della manifestazione, con  Rai Sport che trasmetterà – dallo studio allestito in loco – la regata conclusiva domenica prossima (13 ottobre).  Giulio Guazzini, insieme ai colleghi della Tgr, condurrà la diretta della gara in onda su Rai Sport +HD e in simulcast su Rai3.

La diretta sarà disponibile anche su Rai Play e sarà ritrasmessa in tutto il mondo da Rai Italia.  Il giorno prima, sabato 12 ottobre, “Linea Blu” (Rai1) tornerà con una puntata speciale live, in onda dal palco in piazza dell’Unità d’Italia per raccontare attraverso la voce di Donatella Bianchi e i suoi ospiti il grande spettacolo di Barcolana e il rapporto che lega da sempre uomini e mare. E ancora Rai1, grazie alle telecamere di UnoMattina (venerdì 11 ottobre, in diretta da Piazza Unità d’Italia) e “Vita in diretta”, accenderà i riflettori sul porto con interviste, servizi e approfondimenti.

A Trieste anche molteplici eventi collaterali, di cultura e di sport che precedono la gara finale. Un crescendo di immagini, voci e colori proposto al pubblico da Rai1, Rai Sport, Radio1, Radio2, Rainews24, Tgr, Rai Friuli Venezia Giulia, e Rai Radio Live con un’ampia copertura televisiva, radiofonica e social dell’intero evento con servizi, interviste e collegamenti nei loro programmi come nei Tg e Gr nazionali e regionali. Rai Radio live, infine, sarà a Trieste per approfondire il rapporto unico che la città di Trieste e la sua gente ha con il mare e il mondo della vela.

Proprio la sede Rai regionale, con la struttura in lingua Italiana, insieme a Radio1 a diffusione regionale, realizzerà i programmi del mattino o alternativamente del pomeriggio da Barcolana, approfondendo ogni giorno un tema inerente al mare: dalle prospettive di lavoro alla sicurezza.  Di grande impatto lo spazio che i Tg daranno alla Barcolana garantendo una copertura variegata e puntuale. Venerdì 11 ottobre, dallo stand della Rai, in diretta da Trieste ci sarà ‘Tg2 Italia’ e verrà, una volta terminata la regata, confezionato uno spazio all’interno della rubrica ‘Si viaggiare’.

Per vivere l’atmosfera e conoscere da vicino i protagonisti della grande kermesse, Radio2, sabato e domenica, dalle 13.45 alle 16.00, con Pippo Lorusso, Antonio Mezzancella e Dj Osso, offrira’ una edizione speciale di ‘Tutti Nudi’, per uno sguardo attento e ironico sulla storica regata, in diretta da Piazza Unità d’Italia. Due ore e un quarto di narrazione dal taglio tanto giocoso quanto originale, di uno degli eventi sportivi più interessanti e longevi del panorama italiano. Alla fine delle dirette, il “villaggio Barcolana” ballerà al suon dei dj set a cura di Rai Radio2, il sabato dalle 16 alle 18 e la domenica dalle 10 alle 12.

Barcolana51 sarà anche in streaming su RaiPlayRadio.it/Radio2, sulla App RaiPlayRadio e con contenuti speciali su Instagram, Facebook e Twitter di @RaiRadio2. Radio di bordo, il programma di Rai Radio1 dedicato al mare (alle 10.05), con la voce di Germana Brizzolari sarà interamente incentrato sulla Barcolana, e ‘L’aria che respiri’, programma dedicato all’ambiente, in onda tutti il sabato alle 6.05, si occuperà delle buone pratiche in mare.

Previsti inoltre collegamenti durante il weekend sportivo di Radio1.  La Struttura in lingua slovena, sempre dallo studio allestito in villaggio, nel corso di tre appuntamenti concentrati verso il fine settimana, incontrerà gli autori sloveni che hanno scritto di Barcolana e di Trieste, i partecipanti alla gara provenienti da oltre confine protagonisti dell’amichevole competizione con i velisti del Friuli Venezia Giulia.  La Rai parteciperà, come in passato, alla Barcolana: un equipaggio salirà sullo scafo firmato Rai e Radio2 per prendere parte alla regata.

Demis Albertacci photostudio

Barcolana insieme a One Ocean Foundation per la tutela dei mari

In Barcolana oggi approda anche One Ocean, la Fondazione che condivide con Barcolana l’impegno a tutela dei mari, dall’emergenza plastica e da ogni forma di inquinamento

In Barcolana oggi approda anche One Ocean, la Fondazione che condivide con Barcolana l’impegno a tutela dei mari, dall’emergenza plastica e da ogni forma di inquinamento. One Ocean sarà presente nella sede della Società Velica di Barcola e Grignano con l’obiettivo di invitare gli armatori in attesa di iscriversi alla Barcolana a conoscere e sottoscrivere la Charta Smeralda, per condividere con il resto del loro equipaggio l’impegno assunto. Tutti possono fare altrettanto al seguente link: https://www.1ocean.org/charta-smeralda/

A Trieste sarà presente il vicepresidente della Fondazione One Ocean e commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, Riccardo Bonadeo, che parteciperà alla regata a bordo del maxi 100′ Arca SGR di Furio Benussi, barca portabandiera della Fondazione. L’intero team vincitore delle ultime tre edizioni della regata ha sposato appieno la missione di One Ocean, in Barcolana così come nelle abitudini quotidiane di ciascun componente. Sabato mattina 40 ragazzi saranno a bordo di Arca SGR per una lezione sulla tutela del mare a cura di One Ocean, mentre il commodoro Bonadeo è atteso sull’Amerigo Vespucci per la presentazione della Regata dell’Accademia Navale, manifestazione da sempre legata a One Ocean Foundation e alla Charta Smeralda.

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab