peyrani

Porto di Brindisi: richiesta per la costituzione dell’Organismo di partenariato

BRINDISI – Costituire celermente l’Organismo di partenariato della risorsa mare. Con questo obiettivo il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, prof. Ugo Patroni Griffi, ha inviato ai soggetti interessati una richiesta di designazione del nominativo del rappresentante che farà parte dell’ente consultore dei privati.

È una delle novità della riforma delle Autorità Portuali che affiancherà il “Comitato di gestione”, che resta l’unico ente deliberatore e decisorio (composto da Regione, Comune/Città Metropolitana, Capitaneria).

L’Organismo sarà così composto: un rappresentante per ognuna delle seguenti categorie professionali: armatori (indicato da Confitarma e Fedarlinea), industriali (nominato da Confindustria e Confcommercio); poi un rappresentante ciascuno per i seguenti operatori: imprese portuali/concessionarie di banchine, spedizionieri, operatori logistici, operatori ferroviari, agenti marittimi, autotrasportatori, operatori del turismo. Infine, tre rappresentanti per i sindacati (FILT–CGIL, FIT-CISL, UIL-TRASPORTI). Tra i componenti, anche il comandante del porto e Ugo Patroni Griffi che lo presiederà.

Entro 7 giorni le associazioni dovranno indicare il nominativo del loro rappresentante. L’Organismo durerà in carica quattro anni; referente il segretario generale che stabilirà le modalità per l’espletamento delle sue funzioni.

L’Organismo, come già anticipato, non avrà poteri vincolanti per l’AdSP ma solo «funzioni consultive». Potrà, comunque, esprimere pareri sugli aspetti chiave delle attività amministrative di un porto: adozione del piano regolatore portuale e del piano operativo triennale, il bilancio preventivo e consuntivo. Avrà facoltà, inoltre, di esprimere pareri su qualsiasi questione che sia sottoposta dal presidente Patroni Griffi, o su richiesta della maggioranza dei componenti.

“E’ necessario- commenta il presidente- procedere speditamente alla costituzione degli Organi della nuova Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale al fine di consentire all’Ente di iniziare ad operare sì da incrementare l’efficienza degli scali in una strategia di multi porto.”

Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio: Di Blasio alla guida della segreteria

TARANTO – Ieri, 18 aprile, il Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, nella sua seconda seduta, ha deliberato in merito alla nomina del Segretario Generale.

I componenti hanno, infatti, votato all’unanimità la delibera n.04/17, accogliendo la proposta del Presidente di individuare alla guida della Segreteria Tecnico-Operativa il Dr. Fulvio Lino Di Blasio, attualmente Director presso la Ernst&YoungFinancial Business Advisors S.p.A., una delle maggiori società di servizi e consulenza a livello globale, con sede in Roma.

Analizzando il CV del Dr. Di Blasio, l’attenzione dei componenti si è focalizzata sull’esperienza di natura manageriale nel settore delle infrastrutture e dei trasporti, maturata – sin dal 2005 – con attività a supporto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e della Direzione per lo Sviluppo del Territorio, la Programmazione e i Progetti Internazionali. In particolare, per il settore portuale, il Dr. Di Blasio ha coordinato il gruppo di lavoro EY nell’attività di supporto strategico e metodologico per la redazione del Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica.

Tale bagaglio professionale abbinato alla rete di conoscenze e di relazioni di collaborazione istituzionale nel settore dello shipping potranno fornire valore aggiunto al processo di innovazione e di rilancio che il porto di Taranto sta affrontando negli ultimi anni.

Porto di Taranto: costituito l’Organismo di Partenariato della risorsa mare

TARANTO – Con Decreto n. 37/17 del 12.04.2017 – che sarà pubblicato nella Sezione Amministrazione Trasparente/Disposizioni Generali/Atti Generali del sito www.port.taranto.it – l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio ha costituito l’Organismo di Partenariato della Risorsa Mare previsto dall’art. 11 bis della Legge 84/94.

Come previsto dalla norma, all’organismo competono funzioni di confronto partenariale ascendente e discendente, oltre che funzioni consultive di partenariato economico sociale, in particolare in ordine: all’adozione del Piano Regolatore Portuale e del Piano Operativo Triennale, alla determinazione dei livelli dei servizi resi nell’ambito del sistema portuale dell’AdSP, al progetto di bilancio preventivo e consuntivo ed alla composizione degli strumenti di cui all’art. 9, co. 5 lett. l) della L.84/94.

L’organismo di Partenariato della Risorsa Mare è presieduto dal Presidente dell’AdSP ed è composto dal Comandante del Porto di Taranto, da un rappresentante degli armatori, da un rappresentante degli industriali, da un rappresentante degli operatori di cui agli artt. 16 e 18, da un rappresentante degli spedizionieri, da un rappresentante degli operatori logistici intermodali operanti in porto, da un rappresentante degli operatori ferroviari operanti in porto, da un rappresentante degli agenti e raccomandatari marittimi, da un rappresentante degli autotrasportatori operanti in ambito logistico-portuale, da tre rappresentanti dei lavoratori delle imprese che operano in porto e da un rappresentante degli operatori del turismo o del commercio operanti in porto.
Le diverse Associazioni coinvolte hanno fatto tutte pervenire le proprie designazioni e, pertanto, tutte le categorie dell’OdP risultano essere rappresentate.

L’Organismo di partenariato affiancherà pertanto il Comitato di Gestione nei processi decisionali riguardanti gli aspetti chiave del porto connessi al suo sviluppo ed al potenziamento dei servizi offerti.

Porto di Taranto: avviso pubblico per l’amministratore unico dell’Agenzia del lavoro

TARANTO – Si comunica che in data odierna è stato pubblicato sull’Albo Pretorio del sito istituzionale dell’AdSP del Mar Ionio – al link http://albopretorio.port.taranto.it  - l’Avviso Pubblico integrale per la selezione di una figura professionale idonea a ricoprire l’incarico di Amministratore Unico dell’Agenzia per la Somministrazione del Lavoro in porto e per la Riqualificazione Professionale per la cui costituzione è stato avviato il procedimento con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l’espressione della prevista “intesa” ai sensi della normativa citata in oggetto.

Nell’Agenzia “…confluiscono i lavoratori [(ex TCT SpA)] in esubero delle imprese che operano ai sensi dell’articolo 18 della legge 28 gennaio 1994, n.84, autorizzate alla movimentazione dei container che, alla data del 27 luglio 2016, usufruivano di regimi di sostegno al reddito nelle forme degli ammortizzatori sociali…” ex art. 4, comma 1, L. 18/2017.

L’Avviso Pubblico in breve sintesi, prevede: il conferimento dell’incarico è da inquadrarsi esclusivamente nell’ambito del lavoro autonomo e senza alcun vincolo di subordinazione con l’AdSP del Mar Ionio; la durata dell’incarico è fino al 31.12.2019; le candidature, corredate dalla documentazione prevista dall’Avviso Pubblico, dovranno pervenire entro le ore 13.00 del 3 maggio 2017; i seguenti requisiti minimi obbligatori:Cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea; età non inferiore ad anni 18; godimento dei diritti civili e politici; i cittadini degli Stati membri dell’UE devono godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza; assenza di condanne penali o di procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione; non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stati destinatari di provvedimenti di licenziamento ovvero di recesso per giusta causa da parte di una Pubblica Amministrazione; idoneità psico-fisica a svolgere l’incarico; non trovarsi in una delle cause di incapacità previste dalla Legge; iscrizione all’Albo dei Consulenti del Lavoro da almeno anni dieci o in alternativa iscrizione all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili da almeno anni dieci; comprovata esperienza professionale di durata non inferiore ad anni cinque, maturata dal 2005 alla data di scadenza del termine di presentazione delle istanze di candidatura, alternativamente in qualità di Dirigente, Quadro/Funzionario nel campo della Fornitura del Lavoro Temporaneo o Somministrazione di manodopera.

Autorità di sistema del Mar Adriatico Meridionale: a Brindisi termina il commissariamento

BRINDISI – Con il Dm n.128 del 5 aprile u.s. e notificato il 10 aprile 2017, il prof. Ugo Patroni Griffi è stato nominato Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, di cui il porto di Brindisi  fa parte.Nei prossimi giorni il neo presidente, che oggi ha voluto essere presente nella città di Brindisi quale segno di attenzione e vicinanza, effettuerà il passaggio di consegne con il commissario straordinario, C.V. (CP) Mario Valente, che lascia l’incarico presso l’Autorità portuale di Brindisi.

“Ho svolto il mio ruolo- commenta il commissario straordinario- non da mero traghettatore nella delicata fase di transizione, ma cercando di dare forza propulsiva all’azione amministrativa e all’attività di infrastrutturazione portuale avviata dall’Ente, seguendo una vision di valorizzazione delle opere esistenti e ponendo, altresì, le basi per la realizzazione di ulteriori e strategici interventi portuali contenuti nel documento programmatico dell’Area Logistica Integrata pugliese-lucano.”

In quasi due anni di attività, il bilancio, per Valente, si chiude in maniera positiva. “Dopo una prima fase di studio delle criticità esistenti -continua il commissario straordinario- con il professionale e fattivo supporto della struttura dell’Ente, ho avviato un percorso atto a trovare soluzioni in grado di esaltare il ruolo strategico che il porto di Brindisi occupa nel contesto dello shipping internazionale.”

Tra i principali obiettivi di Valente, la definizione dell’annoso problema legato all’innalzamento del cono di atterraggio che fortemente limita l’ingresso non solo delle navi da crociera nel porto interno, ma anche la sosta delle unità Ro-Ro nel porto medio.“Dopo aver aperto una finestra di dialogo con Enac, Enav ed Aeroporti di Puglia- sottolinea Valente –  sono stati commissionati numerosi studi aeronautici e svolti diversi tavoli tecnici, grazie ai quali  è stato possibile giungere all’individuazione delle procedure da attuare per risolvere la problematica.”

Una menzione a parte merita la questione relativa alla sottoscrizione dell’Addendum al Protocollo d’intesa riguardante un ingente finanziamento connesso all’area del deposito ex POL, procedura iniziata nel lontano 1999, che ha visto coinvolti oltre all’Autorità portuale, la Marina Militare, la Capitaneria di Porto, il Comune e la Provincia  di Brindisi, la Regione Puglia, il Genio civile per le opere marittime nonché l’Agenzia del Demanio e delle Dogane. Il documento così sottoscritto è attualmente all’esame del CIPE, dopo aver scontato il preventivo parere favorevole del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Nel periodo di commissariamento, si è voluto dare ulteriore impulso e vigore all’implementazione del traffico crocieristico. “L’aver reso possibile l’ingresso nel porto interno della nave Magnifica della compagnia MSC-  dice il commissario straordinario- è stata la primissima azione intrapresa alla guida dell’Authority. E’ stata una festa per tutta la città. A seguito di una intensa attività di marketing, unitamente alla realizzazione di infrastrutture richieste dalla normativa internazionale SOLAS,  i giganti del mare con il loro carico di turisti, sono tornati ad affacciarsi a Brindisi per una stagione crocieristica, quella iniziata oggi, che si preannuncia esaltante per tutto il territorio.”

Nel proprio bilancio, Valente annovera, anche, un incremento del traffico delle unità RO-RO/PAX, l’avvio del traffico container, la realizzazione della piastra logistica di Costa Morena Est ed il collegamento tra il porto medio e quello interno, propedeutico alla creazione dell’agognato circuito unico doganale.

“Ringrazio sentitamente il Ministro Delrio per la fiducia ed il continuo sostegno accordatomi durante tutto il periodo del mio mandato. Lascio Brindisi con la soddisfazione di aver visto realizzare gran parte degli obiettivi che fin dall’inizio mi ero prefissato, avendo avuto la possibilità di conoscere le potenzialità del porto anche come Comandante della locale Autorità marittima.”

“Sono certo, -conclude il commissario Valente- che il Presidente Ugo Patroni Griffi, a cui rivolgo il mio più caloroso augurio di buon lavoro, saprà valorizzare in maniera esponenziale il porto di Brindisi nell’ambito dell’AdSP del Mare Adriatico Meridionale, a beneficio dei traffici e dell’economia dell’intero territorio.”

Autorità di sistema del Mar Adriatico meridionale: Patroni Griffi presidente

BARI – E’ stato firmato oggi dal ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio il decreto di nomina per la presidenza dell’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico meridionale affidata a Ugo Patroni Griffi.

Indiscrezioni confermate dunque, con la nomina che è arrivata nonostante le polemiche sollevate dal Movimento 5 stelle a cui l’avvocato barese (ex presidente di Fiera del Levante) aveva già replicato sottolineando di non essere titolare di alcuna concessione portuale nel porto di Bari ma solo presidente pro tempore del Circolo della vela di Bari.

 

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Salerno Container terminal: inaugurati servizi di linea per Nord America e Nord Europa

SALERNO – Nuovi servizi di linea acquisiti da tre fra le maggiori concentrazioni mondiali del trasporto container e un piano di investimenti da 20 milioni in nuove gru e mezzi di banchina. Al Salerno Container terminal che si avvicina al traguardo dei 450 mila teu, ha debuttato oggi il nuovo servizio del raggruppamento armatoriale “The Alliance” (Hapag Lloyd, Yang Ming, K Line, Nippon Yusen Kaisha e Mitsui) con la partenza della portacontainer “Brevik Bridge” che ha inaugurato il collegamento settimanale fra il Mediterraneo e il Nord America.

L’avvio del nuovo servizio coincide con la scelta di Hapag Lloyd di concentrare nello scalo salernitano i propri servizi da e per il Sud Italia. Ieri invece “Ocean Alliance” (Cma-Cgm, Cosco Shipping, Evergreen line e OOCL) ha inaugurato nel terminal del gruppo Gallozzi il suo servizio settimanale dedicato al Nord America con la full container “CSL Virginia” che avverrà in contemporanea con il primo approdo della nave “Hs Paris” con cui Cma-Cgm entra nell’alleanza con Hamburg Sud e Seago Line per un servizio settimanale per il Nord Europa.

Infine oggi Cosco shipping ha inaugurato con la porta contenitori “Hansa Cloppenburg”, il “Net Service”, una nuova linea diretta dal porto di Salerno verso il Nord Europa.

Porto di Gioia Tauro: decisi dieci giorni di sciopero

REGGIO CALABRIA – Dieci giorni di sciopero dal 13 fino al 24 di aprile. E’ quanto deciso da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Sul come risposta unitaria all’avvio da parte di Med Center delle procedure di mobilità finalizzate al licenziamento di 400 portuali.

Dopo una riunione fiume dei rappresentanti dei lavoratori, andata avanti per diverse ore, le organizzazioni sindacali hanno scritto all’azienda, ma anche al Ministro Graziano Delrio e al Prefetto di Reggio Calabria, Michele Di Bari, per comunicare la loro decisione. “Abbiamo più volte ribadito – è scritto nella lettera – la distanza rispetto gli esuberi che Mct ostinatamente ha voluto sostenere.

Numeri che in maniera oggettiva sono stati contestati da tutte le sigle sindacali, in tutte le sedi con una proposta analitica presentata ufficialmente, nonostante la volontà aziendale di procedere con limitate riunioni atte a prendere tempo e senza mai entrare nel merito della discussione con puntualità. Rimaniamo turbati dalle incongruenze del documento di Mct”.

Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Sul hanno inoltre chiesto al Governo di non ritardare l’avvio del gateway, del bacino di carenaggio e della Zes.

Seatrade Cruise Global: promozione turistica e crocieristica dei porti pugliesi

BARI – È questa la novità dell’edizione 2017 del Seatrade Cruise Global, la più importante convention mondiale del settore crocieristico, che ha visto la partecipazione dei porti di Bari, Brindisi, Barletta e Monopoli insieme sotto l’insegna della nascente Autorità di Sistema Portuale dell’Adriatico Meridionale.

Nel corso della manifestazione, giunta quest’anno alla sua 29esima edizione, si sono tenuti numerosi  workshop ed incontri Business to Business con gruppi armatoriali, agenti generali e tour operatori del settore crocieristico al fine di promuovere e valorizzare il ricchissimo patrimonio culturale, architettonico, naturalistico  ed enogastronomico della Puglia: dalla Valle d’Itria al Salento, dalla Terra di Bari ai Castelli federiciani dalle Murge ai gioielli dell’entroterra messapica.

Il tutto in un contesto unitario e di fattiva collaborazione e scambio di esperienze con le portualità italiane,  coordinate anche quest’anno da Assoporti nella collettiva Cruise Italy, un brand che ha riscosso numerosi apprezzamenti da parte dei principali attori del mercato.

Nel 2017, attraverso i porti pugliesi del versante adriatico, transiteranno oltre 500 mila passeggeri per un totale di 185 toccate, in crescita rispetto al 2016, operate dalle principali compagnie del settore tra cui Costa Crociere, MSC, Aida Cruises, Seven Seas, Renaissance Cruises, Viking Ocean Cruises, Crystal Cruises, Voyages to Antiquity, Sea Cloud Cruises e Cunard.

Da segnalare gli 11 scali nel Porto di Monopoli della Artemis, della Grand Circle Cruiseline, che effettuerà anche una sosta notturna consentendo ai propri ospiti di sperimentare la nightlife della costa Pugliese, la novità della Costa Neoclassica che avrà Bari come unico home-port del sud Italia per un nuovo itinerario che porterà a toccare più scali della Grecia ed il ritorno nel Porto di Brindisi delle navi MSC con la previsione di 29 toccate.

I dati confermano la rilevanza del traffico crocieristico per i porti dell’Adriatico meridionale e per i territori di riferimento e rappresentano la base per continuare a lavorare in sinergia anche per gli anni a venire a partire dalla stagione 2018 che si prospetta già ricca di interessanti novità alla luce del grande interesse manifestato verso i porti pugliesi da alcuni operatori presenti alla manifestazione.

Porto di Gioia Tauro: i lavoratori sospendono lo sciopero

GIOIA TAURO – Hanno ripreso a lavorare la scorsa notte i circa 1.200 lavoratori del porto di Gioia Tauro che da cinque giorni scioperavano per protestare contro i 400 esuberi dichiarati dall’Mct. la società che gestisce lo scalo container.

I lavoratori hanno accettato l’invito rivolto loro dal prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, tramite il sindacato Sul, a sospendere la protesta in attesa della riunione convocata per il 13 marzo per una trattativa non stop sulla vertenza.

I dipendenti hanno deciso di riprendere a lavorare malgrado la lettera di contestazione inviata loro da Mct con la quale gli é stato contestato di essersi assentati arbitrariamente dal posto di lavoro.

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab