Brindisi-E’ iniziato il conto alla rovescia. Dal 23 al 25 agosto sul Lungomare Regina Margherita torna l’Adriatic Cup

I presidenti di UIM e FIM, Chiulli e Iaconianni, sottolineano l’importanza di Brindisi nel circuito mondiale

“Quello che fate a  Brindisi è straordinario, è straordinaria l’organizzazione della tappa. Per la motonautica internazionale Brindisi è una tappa molto importante e non è casuale che le sia stata assegnata una prova del campionato del mondo di F2. Un plauso va agli organizzatori, in primis a Giuseppe Danese, ed un ringraziamento alla Federazione Italiana Motonautica che da sempre è molto vicina alla città di Brindisi”.

Sono le parole del Presidente della UIM, l’Unione National Motonautique, Raffele Chiulli, nei giorni che precedono lo svolgimento della tappa pugliese del Campionato Mondiale di F2, che torna a  Brindisi dopo due anni di stop per volere della Federazione Italiana Motonautica, appuntamento che si terrà dal 23 al 25 agosto sul Lungomare Regina Margherita, nell’ambito dell’Adriatic Cup organizzata dal Circolo Nautico Porta d’Oriente.

“La UIM ha la sede a Montecarlo ed è supportata dal governo monegasco, dal Principe Alberto, quindi puntiamo in qualche modo alle eccellenze in tutto quello che facciamo- ha spiegato Chiulli- l’Italia è una delle nostre Federazioni Nazionali ed è uno dei nostri fiori all’occhiello nel senso che la cantieristica italiana è di eccellenza, ci sono team e piloti che sono assolutamente il top e, dal punto di vista personale, ho un senso di stima e rispetto nei confronti della Federazione Italiana ed in particolare nei confronti del suo Presidente”.

Il Presidente Chiulli ha sottolineato che nell’ ultimo periodo grande attenzione è stata posta nei confronti dei temi ambientali:
“In questi anni è cresciuta l’attenzione nei confronti degli sport motonautici perché le istituzioni che,  a livello internazionale, si occupano della motonautica hanno fatto degli sforzi concreti, visibili e tangibili soprattutto dal punto di vista della tutela dell’ambiente e della sostenibilità ambientale.

I giovani che si sono avvicinati a  queste discipline hanno compreso l’importanza del rispetto delle regole e dei competitor, dell’ambiente e della sicurezza e questo credo che sia un elemento essenziale perché lo sport, in questo caso quello motonautico, possa essere un veicolo di promozione, sviluppo e crescita dei valori non solo abbinabili al mondo dello sport ma più in generale alla società civile”.

Colui che storicamente, insieme  Giuseppe Danese, ha puntato su Brindisi è Vincenzo Iaconianni, Presidente della FIM, che in occasione dell’Adriatic Cup sarà in città.

“La Federazione Italiana Motonautica voleva un format all’altezza di Brindisi, la F2 ma per l’accavallarsi  di una serie di date internazionali, abbiamo dovuto posticipare tutto a fine agosto, dopo le competizioni che si sono svolte in Norvegia e Portogallo. Alla fine sarà valsa la pena attendere perché quello di F2 è uno dei campionati più importanti nel panorama internazionale con una media di 25 barche e con piloti provenienti da diversi Paesi.

Nell’ambito del circuito questa categoria, a mio parere, è più importante della F1 che attualmente presenta gravissimi limiti tecnici dal punto di vista dell’impatto ambientale. La F1 in questo momento ha una motorizzazione talmente obsoleta ed inquinante da renderla impresentabile sul territorio nazionale italiano. La F2, invece, ha un motore molto più moderno ed attento all’impatto ambientale”.

“Nel futuro- ha anticipato Iaconianni-  ci sono altri progetti per Brindisi che ospiterà il Festival della Super Boat, la nuova categoria inventata dall’Italia che sta avendo una rilevanza internazionale, molto di più di quanto potessimo immaginare. Questo successo è dovuto al fatto che è un’imbarcazione moderna, tecnologica, sicura e con un impatto ambientale inesistente.

E’ la prima vera barca costruita facendo attenzione, dal punto di vista della motorizzazione, all’ambiente. Nel 2020  Brindisi ci sarà la Super Boat, vi anticipo questa novità. E sarà un grandissimo evento sia dal punto di vista dello spettacolo che per le caratteristiche dell’imbarcazione. Quest’anno non è stato possibile centrare l’obiettivo per ragioni tecniche”.

ELBA: IL CIRCOLO DELLA VELA MARCIANA MARINA FESTEGGIA LA PATRONA S.CHIARA

Marciana Marina– Anche quest’anno il Circolo della Vela Marciana Marina ha festeggiato la patrona cittadina con il Trofeo S. Chiara regata riservata alle derive.

In una giornata particolarmente calda il vento ha stentato distendersi sullo specchio di mare antistante il porto dove era posizionato il campo di regata ma, seppur con un vento leggerissimo è stato possibile disputare una prova per una flotta di una ventina di imbarcazioni fra cui gli equipaggi della squadra agonistica giovanile locale locale.

Gli equipaggi portacolori CVMM hanno conquistato la prima posizione nelle classi L’equipe categoria Under 12 con l’equipaggio composto da Albert Ribeiro e Ana Carolina Allori che hanno preceduto sulla linea d’arrivo Zion Mattei e Riccardo Coppo; nella classe 420 con Lorenzo Paolini ed Eva Gipponi e nella classe Libera con Giulia Costanzo/Eva Paolini (L’Equipe Evo) davanti a William Gazzera (Laser Radial) e Matteo Peria/Alessio Caldarera (29er) rispettivamente al secondo e terzo posto.

Nelle altre classi i migliori sono stati il riese Cristian Mititelu (C.V.E.) nella classe Optimist categoria Cadetti; Caterina Castelli (Y.C.P.A.) nella classe Optimist categoria Juniores; Francesco Castelli (Y.C.P.A.) nella classe Laser 4.7; Andrea Ceredi/Chiara Friggi/Guidara Greta/Guidara Guido/Elisabetta Innamorati (LNI Portoferraio) nella classe Trident.

Con il Trofeo S. Chiara si chiude la prima parte della stagione agonistica delle squadra CVMM che nel mese di luglio ha conquistato la vittoria nel Campionato Elbano disputatosi a Marina di Campo con la nuova formula a squadre con le imbarcazioni della classe Trident. Sempre a luglio i ragazzi della squadra hanno partecipato al Campionato Zonale a Passignano sul Trasimeno valido come selezione per i Campionati Italiani Giovanili Campionati “Classi in doppio” che si svolgeranno a Bari dal 5 al 9 settembre prossimi.

Nella seconda parte del mese di agosto i ragazzi della squadra agonistica CVMM completeranno gli allenamenti in vista dell’importante appuntamento tricolore in Puglia.

Agosto mondiale a Brindisi: Tutto pronto per il World Powerboat di F2

“Emozioni”, concerto di Mogol e Gianmarco Carroccia. Presentato nel Porticcioto Marina di Brindisi il grande evento sportivo, turistico e cuLturate che si terrà dal 23 at 25 agosto


Adriatic Cup 2019, due le principali novità di quest’anno, una sportiva e relativa al programma di iniziative cuLturali che fa da cornice alla competizione che si svolgerà, come da tradizione, nel porto interno di Brindisi: it ritorno del campionato mondiale di F2 e il grande concerto di Mogol e Gianmarco Carroccia, tappa del tour “Emozioni”, che sta facendo rivivere all’Italia i grandi successi di Ludo Battisti, interpretato dal giovane artista laziale. Evento, donato alla città di Brindisi dalla famiglia Danese, che si terrà sabato 24 agosto a partire dalle ore 21:00 in Piazza Santa Teresa.

E’ tutto pronto per it Campionato Mondiate di Motonautica, organizzato dal Circolo Nautico Porta d’Oriente  in  cottaborazione  con l’Unione  Mondiate  Motonautica  e  la  Federazione Italiana Motonautica, presiedute rispettivamente da Raffaele Chiulli e Vincenzo laconianni.

Un evento di portata mondiale, dunque, divenuto un appuntamento imperdibile dell’estate in Puglia. Negli anni, infatti, La grande partecipazione di pubblico ha dato ragione alla famiglia Danese che, sette anni fa, ha investito su un progetto che nel tempo si è rivelato vincente non solo perchè ha partato nel sud Italia una delle più belle e avvincenti competizioni fra gli sport acquatici mondiaLi, ma anche perchè, vista la massiccia partecipazione di team e pitoti provenienti da ogni parte del mondo, ha avuto un importante ritorno anche sotto il profilo turistico e di marketing a livello regionale.

Anche per questo, le istituzioni e gli enti Locati da sempre sostengono un progetto destinato a crescere ancora.

Il Circolo Nautico Porta d’Oriente può contare, infatti, suLl’apporto del Comune e della Provincia di Brindisi, della Regione Puglia, di Pugliapromozione, della Camera di Commercio, dell’Autorità di Sisterna del Mare Adriatico Meridionale, della Capitaneria di Porto.

A proposito di novità, per volere di UIM e FIM, sulla base delle naturali ed uniche caratteristiche dello specchio d’acqua del porto interno, teatro in cui da sempre si svolge la competizione, nonchè alla luce dell’apprezzata organizzazione garantita dal Circolo Nautico Porta d’Oriente, quest’anno tornano i bolidi dell’F2 (F2 World Powerboat Championship) oltre aLLe confermate imbarcazioni di F4 (F4 European Powerboat Championship) e ai giovani del GT15 (Formula Junior Elite- Trofeo Foresti & Suardi).

Dopo due anni di stop dunque, nel Porto di Brindisi, neLla parte antistante il Lungomare Regina Margherita, torneranno a sfrecciare i potenti motori che tanto, nel recente passato, hanno affascinato il pubblico.

Venerdi 23 agosto. E’ la giornata dedicata atrarrivo del team ed at conseguente controilo tecnico delle relative imbarcazioni, sistemate nei paddoc ai quali è destinata un’area che insiste su piazzale Lenio Flacco.

Sabato 24 agosto. invece, si svolgeranno le prove libere di F2, dalle 10:00 alle 13:00, di F4, dalle 13:00 alle 15:30, e della Formula Junior Elite, dalle 15:30 alLe 18:30. A seguirà si svolgera la prima manche di F4.

La serata si concluderà con l’attesissimo concerto “Emozioni” di Gianmarco Carroccia, tra i più importanti eventi del cartellone estivo organizzato dal Comune di Brindisi. Sul patco, ad affiancare !’artista, il Maestro Mogol che racconterà aneddoti e storie delle quali, insieme a Ludo Battisti, è stato protagonista nella loro lunga carriera artistica caratterizzata da una salda amicizia.

Domenica 25 agosto. Sarà la giornata clou sotto il profilo sportivo. A partire dalle 9:30, si terranno le manche di Formula Junior, le prove libere del WC F2 (10:45- 11:30), le manche di F4 (12:15-17:15). A seguire, a partire dalle 17:45, la suggestiva sfilata delle imbarcazioni di F2 che precede la vera e propria competizione delle stesse che inizierà alle 18:30. La serata si concluderà con la cerimonia di premiazione degli equipaggi che inizierà  alle 20:30.

Foto: Claudia De Donno

A Brindisi “Emozioni” estreme di fine estate. Per l’edizione 2019 dell’Adriac Cup torna l’F2 World Powerboat Championship

Dal 23 al 25 agosto, spazio alle competizioni sportive mondiali, europee e italiane, ma anche alla musica di qualità con il concerto di Mogol e Carroccia

La città si prepara a vivere un agosto mondiale. Si terrà martedì 13 agosto, ore 11:00, nel Porticciolo Turistico Marina di Brindisi, la conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2019 dell’Adriatic Cup, evento sportivo con evidenti risvolti di natura turistica e di promozione del territorio, organizzato dal Circolo Nautico Porta d’Oriente in collaborazione con l’Unione Mondiale Motonautica, con la Federazione Italiana Motonautica, Comune di Brindisi, Autorità di Sistema del Mare Adriatico Meridionale, Camera di Commercio di Brindisi e Assonautica Italiana, Capitaneria di Porto di Brindisi, Regione Puglia, Pugliapromozione.

Sarà l’occasione per illustrare il programma aggiornato delle competizioni che si terranno dal 23 al 25 agosto prossimi sul Lungomare Regina Margherita di Brindisi:

• F2 World Powerboat Championship
• F4 European Powerboat Championship
• Formula Junior Elite “Trofeo Foresti & Suardi” Italian Championship

Durante la conferenza stampa saranno illustrati i dettagli della tappa brindisina del tour “Emozioni”, dell’artista Gianmarco Carroccia, che sta riscuotendo notevole successo di pubblico e critica in tutta Italia. Sul palco insieme al giovane artista, che proporrà i brani più celebri di Lucio Battisti, ci sarà Mogol che racconterà aneddoti e fatti di vita personale e professionale del quale è stato protagonista in tanti anni di collaborazione con lo stesso Battisti. Il concerto che si terrà in Piazza Santa Teresa, sabato 24 agosto, a partire dalle ore 21:00, è stato donato alla città dalla famiglia Danese. L’evento fa parte del cartellone estivo organizzato dal Comune di Brindisi.

Alla conferenza di presentazione interverranno Giuseppe Danese, Circolo Nautico Porta D’Oriente, Riccardo Rossi, Sindaco di Brindisi e Presidente della Provincia, Alfredo Malcarne, Presidente della Camera di Commercio di Brindisi  e  di Assonautica Italiana, Giovanni Canu, Comandante della Capitaneria di Porto, Vincenzo Iaconianni, Presidente della Federazione Italiana Motonautica, Nino Schiano, Presidente del settore giovanile della FIM, Rocky Malatesta, Responsabile Sviluppo Prodotti Turistici di Pugliapromozione.

Il concerto “Emozioni”, invece, sarà presentato dal Maestro Mogol e da Gianmarco Carroccia che, per l’occasione, saranno a Brindisi a disposizione dei giornalisti.

“Pesce fuor d’acqua”. Un racconto di mare e di plastica della fotografa Carla De Gioannis con il velista oceanico Gaetano Mura approda all’Acquario di Cala Gonone: dal 10 al 18 agosto

Il corpo del velista oceanico Gaetano Mura trasformato in pesce, un pesce avvolto e coperto dalla plastica. Questa la nuova condizione della fauna marina in una serie di ritratti firmati da Carla de Gioannis, fotografa e compagna del navigatore, anche lei atleta, a 51 anni ha vinto il titolo mondiale di nuoto nella categoria master, e profondamente amante del mare.

“Pesce fuor d’acqua” è il titolo di questo progetto fotografico di Carla de Gioannis e Gaetano Mura. Sportivi, compagni di vita e di avventure marine. Le sempre più precarie condizioni del mar Mediterraneo e degli Oceani hanno ispirato la coppia: “La plastica e la micro plastica satura i nostri mari più rapidamente di qualsiasi altra forma di inquinamento” sostengono i due sportivi.

Dopo Cagliari ed Alghero la mostra approda, con il gratuito patrocinio del Comune di Dorgali, in una sede naturale per questi eventi: all’Acquario di Cala Gonone. Fedele alla sua mission “Conoscere è il primo passo per poter proteggere”, l’Acquario è da sempre impegnato in un’opera di divulgazione in difesa dell’ambiente: dal consumo responsabile delle risorse alla salvaguardia della biodiversità, dalla lotta a tutte le forme di inquinamento al riciclo e riutilizzo dei materiali.

Quest’anno l’Acquario ha incentrato la sua proposta didattica rivolta alle scuole proprio sull’inquinamento da plastica in mare, coinvolgendo gli oltre 4.000 alunni che visitano la struttura ogni anno con un laboratorio di riciclo, “Il riciclaquario”, che, attraverso il recupero di rifiuti in plastica, ha permesso ai ragazzi di creare piccole opere d’arte.

La mostra, allestita all’interno del percorso espositivo dell’Acquario, sarà visitabile dal 10 al 18 agosto dalle 10:00 alle 18:00. Il martedì e il sabato è prevista l’apertura notturna, dalle 21:00 alle 23:00.
“Tutta la plastica necessaria per il nostro progetto è stata recuperate in mare e tra le scogliere.

Questa è stato tristemente la parte più semplice e rapida del nostro lavoro. abbiamo viaggiato per la Sardegna, la nostra isola, alla ricerca di luoghi ancora relativamente poco coinvolti da questo fenomeno dilagante. Proprio questi luoghi straordinari possono essere un forte simbolo di speranza e d’ispirazione per sensibilizzare tutti partendo dai piccoli gesti personali per poi dilagare su scale più grandi”.

Il lavoro è solo all’inizio: “Ci siamo appassionati al nostro progetto tanto da intravederne un work in progress  che partendo dalle coste della nostra isola possa proseguire in altri luoghi del pianeta coinvolgendo  persone  come il pesce rosso che nella persona di Martina Ardizzoni si è prestata per alcuni scatti”.

Commissione Trasporti: Grandi navi nella Laguna di Venezia, audizione Toninelli

Mercoledì alle 15.30 diretta webtv


Mercoledì 7 agosto, alle ore 15.30, la Commissione Trasporti svolge l’audizione del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, sul passaggio delle grandi navi nella laguna di Venezia.

Guarda
Grandi navi nella Laguna di Venezia, audizione Toninelli

Dal Porto di Brindisi

Brindisi. Giovedì prossimo, 8 agosto, una delegazione del Comune di Brindisi e dell’ASI  incontrerà  il Segretario generale dell’AdSPMAM, Dr. Vespasiani ed il rappresentante del Comune in seno al Comitato di Gestione, Ing. Lonoce, per illustrare ed approfondire i  progetti in itinere riguardanti il Porto  (stazioni marittime, terminal privato, approdi, briccole, proposta acquisto delle aree di parcheggio limitrofe al terminal “Il Mondo e varie colmate) e raccogliere le considerazioni e suggerimenti degli Utenti. Intanto, l’ing. Lonoce, su sollecitazione del Sig. Adriano Guadalupi – Fedespedi – per la prima volta incontrerà gli “utenti” del porto, alle 14.30 presso la sede dell’AdSPMAM,  e cioè, Federagenti c/o Raccomar Brindisi - Sig. Giacomo Minervini, Fedespedi  c/o Poseidone Brindisi - Sig. Adriano Guadalupi, Anasped – (Spedizionieri Doganali) c/o Marisped – Brindisi  Sig. Lupo Cosimo, Operatori Portuali Salentini c/o Titi Shipping - Dr. Teo Titi.

PROGETTO EFFETTO FARFALLA: 100 EDUCATORI AMBIENTALI NELLE SPIAGGE SARDE

Azione di sensibilizzazione dei CEAS della Sardegna – Centri di Educazione all’Ambiente e alla Sostenibilità – contro l’inquinamento della plastica, l’abbandono dei rifiuti e i furti di sabbia

Oltre cento educatori ambientali durante la stagione estiva coinvolgeranno attivamente i frequentatori delle coste sarde con l’obiettivo di far rispettare l’ambiente naturale. I professionisti ambientali dei CEAS incontreranno bambini, bambine, ragazzi, ragazze, genitori, cittadini, turisti direttamente in spiaggia dove si farà informazione, divulgazione, sensibilizzazione sulla fragilità dell’ecosistema marino e su quello che ciascuno di noi può fare per la salute del nostro pianeta.

“Piccoli gesti per grandi cambiamenti” è lo slogan che esprime la finalità del progetto Effetto farfalla – che unisce tutti i CEAS della Sardegna – coordinati dal CEAS Porto Conte di Alghero, capofila del progetto promosso e finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna, Servizio SASI dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente.

Il nome del progetto si ispira alla teoria scientifica di Edward Lorenz basata sul concetto che  piccole variazioni nelle condizioni iniziali  possono produrre grandi variazioni nel comportamenti a lungo termine.

Tante le azioni che realizzeranno i CEAS nei propri territori di appartenenza: giornate di sensibilizzazione in spiaggia ed incontri tematici dove si affronteranno le questioni centrali per la salute del nostro pianeta.

Sono previste anche attività di educazione ambientale nelle scuole con particolare attenzione ai problemi dei litorali sardi: abbandono della plastica e dei rifiuti, furto di sabbia, danni ai monumenti naturali, scarso rispetto verso la flora e la fauna.

Il progetto prevede la produzione di materiale informativo tematico che sarà distribuito in migliaia di copie nelle località interessate. L’immagine principale della campagna di comunicazione è rappresentata da un pesce ottenuto con rifiuti di plastica per evidenziare gli effetti dannosi e mortali della plastica e delle micro-plastiche sulla fauna marina e indirettamente sull’uomo.

Il progetto e la campagna di comunicazione sono stati presentati oggi, venerdì 2 agosto, nella sala Saint-Exupéry all’aeroporto di Alghero, una delle sedi di contatto con i turisti, dal Direttore del Parco Mariano Mariani e dai rappresentanti della Regione Autonoma della Sardegna, Servizio SASI dell’Assessorato della

Difesa dell’Ambiente alla presenza delle associazioni ambientaliste.

Durante la conferenza il direttore ha annunciato un Parco plastic free ovvero è stato adottato un provvedimento: “Per ridurre, fino alla completa eliminazione  nell’arco d 12 mesi, l’uso della plastica, sostituendola con vetro, alluminio o prodotti biodegradabili in tutti gli uffici dell’Ente Parco e nelle diverse pertinenze”. Infine il direttore ha invitato al primo piccolo gesto del progetto Effetto Farfalla: “Firmare la petizione #stopplasticpollution del WWF”.

MOTONAUTICA: gli appuntamenti del mese di agosto

Sarà un agosto di gare per la Motonautica che non si ferma nel mese più caldo dell’anno

Ecco i prossimi appuntamenti, in programma per  Circuito e Radiocomandata

Si parte con la Motonautica Radiocomandata, che vede in corso, da oggi fino a sabato 10 agosto, a LOVADINA (Treviso), il Campionato Mondiale dei modelli classe M.

Organizzatore della manifestazione è il Club Mot. Radiocomandata Dilettantistica. Circa 220 piloti partecipanti provenienti da 22 diverse nazioni, impegnati sul lago Le Bandie con i loro radiomodelli nelle numerose classi in gara. Il programma orario prevede gare ogni giorno dalle ore 8.00 alle ore 17.00, con termine sabato alle ore 15.00.

Nel Circuito, dal 25 al 26 del mese, alcuni piloti azzurri di motonautica Circuito saranno impegnati in Puglia, a BRINDISI, in vista della 3^ tappa del Mondiale di F2 (sulle 5 previste a calendario) e della 3^ e penultima tappa del Campionato Italiano Formula Junior Elite.

La manifestazione di Brindisi, organizzata dal Circolo Nautico Porta d’Oriente, vedrà in azione anche i piloti della classe F4 impegnati nell’Europeo in tappa unica (valido dunque per l’assegnazione del titolo 2019).

Dal 25 al 26 agosto, A TERNOPIL (Ucraina), si disputerà invece l’Hydro GP, valido quale 4^ tappa del Mondiale della F/500 (sulle 5 previste a calendario), 2^ e penultima tappa del Mondiale F/125 e  3^ e ultima tappa del Mondiale F/250.

Cinque i piloti azzurri partecipanti: nel Mondiale F/500, il piacentino Giuseppe Rossi (Circolo Nautico Chiavenna); nel Mondiale F/250, Claudio Fanzini (portacolori dell’Effeci Racing Team e leader della classifica provvisoria), il cremonese Andrea Ongari (secondo nella classifica provvisoria) e il piacentino Marco Malaspina, che corrono entrambi per il Circolo Nautico Chiavenna.

A rappresentare i colori italiani nella tappa del Mondiale F/125 ci sarà infine Luca Finotti, il monticellese della AD Motonautica San Nazzaro.

Il Mondiale F/500 si concluderà a Jedovnice (Repubblica Ceca) il 6-8 settembre, contestualmente al Mondiale della F/125.

Ulteriori info su: www.uim.sport.

Alla World Cat di Sylt, per l’Italia, ci saranno i Campioni Italiani Antonello Ciabatti e Luisa Mereu

Anche quest’anno saranno Antonello Ciabatti e Luisa Mereu i rappresentanti per l’Italia alla World Cat di Sylt, in Germania, prestigioso trofeo internazionale riservato ai catamarani classe Hobie Cat

L’originale evento ad inviti, che vede un solo equipaggio per nazione sfidarsi in una competizione nelle fredde acque del mare del nord, inizierà Martedì 6 Agosto e si concluderà Domenica 11. Sono previste fino a quattro prove al giorno e si correranno con barche fornite dall’organizzazione, proprio per garantire la formula “regata ad armi pari”.

Per il team sardo, da sempre sostenuto dal gruppo CFadda, si tratta della seconda partecipazione alla World Cat, dopo l’edizione del 2018 in cui avevano conquistato la medaglia di bronzo

Antonello Ciabatti. “ È sempre un onore ricevere l’invito dagli amici tedeschi organizzatori della World Cat: ci fa sentire importanti. Anche quest’anno il livello si presenta molto alto e se riuscissimo a bissare il risultato dello scorso anno saremmo soddisfatti.”

Luisa Mereu. “Ogni volta che penso a Sylt sono sempre un po’ spaventata per le dure condizioni del mare che spesso colpiscono la località. Poi però, l’ottima organizzazione e la grande ospitalità con cui i tedeschi ci accolgono, mi fanno arrivare a Sylt sempre con tanto entusiasmo.”

Il team del Windsurfing Club Cagliari ha ottenuto l’invito per la World Cat grazie alla conquista del titolo italiano ottenuto in Primavera nelle acque di Pescara.

per ulteriori info https://www.worldcatsailing.com/

Il team Ciabatti-Mereu, già pluricampione italiano, ha anche nel 2019 il supporto tecnico di CFadda il più importante gruppo sardo leader nel settore del bricolage.

L’Hobie Cat è il catamarano più diffuso al mondo, apprezzato per la sua facilità di gestione abbinata a delle prestazioni di alto livello. “L’Hobie Way of Life” sintetizza lo spirito che differenzia i regatanti Hobie Cat dai velisti delle altre classi.

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab