QUALITÀ E INNOVAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE DEL VERSILIA YACHTING RENDEZ-VOUS

Dal 9 al 12 maggio le darsene di Viareggio ospiteranno l’evento espositivo. In scena il meglio della cantieristica italiana e internazionale. Un comparto che, nel suo insieme, vale oltre 3,88 miliardi di euro

 

Milano-  Il mondo della nautica si ritrova a Viareggio dal 9 al 12 maggio per il tradizionale appuntamento primaverile con il Versilia Yachting Rendez-vous, Salone internazionale dedicato all’alto di gamma, giunto alla terza edizione. La manifestazione è organizzata da Fiera Milano con il supporto del partner strategico Nautica Italiana, in collaborazione con il Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana, con il sostegno e il supporto di Regione Toscana, Toscana Promozione e Comune di Viareggio, con il patrocinio del Comune di Forte dei Marmi, Comune di Lucca e  Comune di Pietrasanta.

Il Versilia Yachting Rendez-vous (www.versiliayachtingrendezvous.it) rappresenta la più alta espressione della creatività e della qualità di un comparto di punta del nostro Paese che, nel suo insieme, vale oltre 3,88 miliardi di euro, occupa oltre 19.600 addetti ed esporta circa l’83% della produzione.

Un evento irrinunciabile per i molti visitatori professionali attesi e un’occasione unica di business per gli espositori che, lungo la darsena Italia e la darsena Europa, in una location unica all’interno del vivo distretto nautico di Viareggio, presenteranno un’offerta completa, ricca di contenuti e qualità, design e innovazione, tecnologia e artigianalità, grazie alla presenza di brand storici della cantieristica italiana che, proprio in Toscana e in Versilia, hanno un forte insediamento e una consolidata tradizione.

Si arricchisce e migliora il layout espositivo della manifestazione che anche quest’anno riconferma la presenza della sezione Tender & Toys e si completa con le nuove aree Luxury Tenders & Ribs e l’area Broker. Questi due nuovi spazi, collocati rispettivamente in darsena Europa e in darsena Italia, verranno identificati con soluzioni cromatiche ad alta visibilità.

Tra le novità anche la Banchina dell’Innovazione, una nuova area che sorgerà nella darsena Europa dove sarà possibile ammirare imbarcazioni dall’alto tasso tecnologico come il prototipo del drone marino Sand oppure esempi virtuosi in campo di sostenibilità applicati alla nautica. Inoltre sarà previsto un unico ingresso situato a Nord della darsena Italia, che consentirà ai visitatori un percorso “a senso unico” più fluido ed omogeneo lungo tutto il perimetro del salone per ammirare le imbarcazioni collocate lungo le due darsene.

Il Versilia Yachting Rendez-vous aggiunge qualità al mondo della nautica e si propone come luogo di incontro tra buyer ed espositori. Grande novità per l’edizione 2019 è infatti la piattaforma My Matching, un innovativo sistema di match-making a cura di Fiera Milano, a disposizione degli espositori  e di operatori del settore selezionati. Attraverso la piattaforma, sarà possibile ricercare gli operatori e i produttori di proprio interesse e fissare appuntamenti per i giorni di manifestazione prima che l’evento abbia inizio.

Si tratta di un vero e proprio strumento creato per favorire il dialogo B2B e promuovere l’incontro tra domanda e offerta, attraverso opportunità di business concrete. Grazie a My Matching, infatti, l’espositore può conoscere e contattare prima della manifestazione i buyer selezionati da Fiera Milano e fissare gli appuntamenti in largo anticipo, ottimizzando così il tempo dedicato al business durante l’evento espositivo. Inoltre la piattaforma My Matching rimarrà aperta anche dopo la manifestazione per permettere ad espositori e buyer di mantenersi in contatto.

Il crescente successo delle due precedenti edizioni ha portato al debutto sulle banchine di Viareggio di altri nomi di spicco del diporto italiano. Tra i nuovi espositori spiccano: Absolute, produttrice di yacht di lusso nelle categorie Fly, Sport e dislocanti veloci dai 40 ai 73 piedi che sarà presente con il dealer Officine Nautica Italia, Permare, cantiere con focus su motoryacht e superyacht, Cranchi, azienda produttrice di natanti e imbarcazioni di alta qualità, Cantiere Rossini, specializzato in refitting e assistenza a yacht di tutte le dimensioni, Solaris Yacht, azienda leader nella costruzione e progettazione di yacht su misura, Honda Marine, il ramo dedicato al diporto della grande casa motoristica giapponese e, per la prima volta in assoluto, anche Mapei, per vernici e rivestimenti.

Tra i marchi stranieri, si segnalano i nuovi ingressi di Atlas Marine System, azienda leader nei sistemi di alimentazione elettrica marina e convertitori, Luxury Water Toys, azienda dedicata al segmento tender & toys e The Yacht Group, leader nel campo degli accessori e produttore di controller marini per il comando di grandi imbarcazioni. Il respiro internazionale della manifestazione sarà rafforzato anche dalla partecipazione di una qualificata selezione internazionale di giornalisti e buyer, grazie al contributo dell’Agenzia ICE e del Ministero dello Sviluppo Economico.

Accanto ai nuovi nomi, spiccano le riconferme del Gruppo Azimut-Benetti, Baglietto, Fincantieri Yachts, Perini Navi e Sanlorenzo Yacht, storici marchi presenti fin dalla prima edizione del VYR; Cantieri Navali Codecasa, Cantieri di Sarnico, Cerri Cantieri Navali, Fabiani Yacht e Gp Yachts che rappresentano la massima espressione cantieristica italiana nel mondo e il segmento dei maxi-rib rappresentato da aziende leader del settore come Sacs e Lg Anvera.

Spazio al glamour. Il visitatore del VYR avrà la sensazione di viaggiare sempre in “prima classe”. Quest’anno, infatti, si rinnova la partnership con Novaris, compagnia italiana di elicotteri, che offrirà un servizio di helitransfer per coloro che lo desidereranno nei giorni dell’evento.

La manifestazione si ripropone, inoltre, nella sua formula di rendez-vous, con eventi ed iniziative coinvolgenti ed originali sia all’interno dell’evento che fuori salone. Per questa edizione è stato messo a punto un ricco calendario di appuntamenti, pensato e organizzato insieme agli enti locali e alle associazioni di categoria del territorio. Si comincerà giovedì 9 maggio con la VYR Night, il tradizionale party esclusivo riservato agli espositori nella splendida cornice di Pietrasanta, che ospiterà in contemporanea anche la VYR Yacht&Art, dove la nautica si incontra in un simbolico “rendez-vous” con l’arte. Un’imbarcazione, collocata al centro della piazza del duomo, sarà il collegamento tra la manifestazione, le gallerie d’arte e i musei pubblici aperti per l’occasione fino alle ore 23.

Venerdì 10 maggio spazio invece all’happy hour targato VYR lungo via Coppino, mentre sabato 11 maggio sarà il momento della “Notte Blu”, una serata speciale che coinvolgerà le boutique della passeggiata di Viareggio per poi concludersi con uno spettacolo pirotecnico al largo delle Darsene. Durante le giornate di venerdì 10 maggio e domenica 12 maggio, anche Forte dei Marmi ospiterà eventi targati VYR.

Un calendario, quello del VYR, che prevede anche innumerevoli appuntamenti specializzati dedicati agli addetti ai lavori come il B&ST – Broker and Shipyard Trading, evento B2B di networking che unisce cantieri e yacht broker organizzato da Navigo e gli approfondimenti tematici sviluppati da Nautica Italiana che quest’anno, grazie a un fitto programma di convegni trade, proporrà:

Giovedì 9 maggio – il Market Monitor in collaborazione con Deloitte;

Venerdì 10 maggio – la tavola rotonda: “Comunicare l’eccellenza italiana tra artigianalità e innovazione”, con illustri opinion leader;

Sabato 11 maggio – la tradizionale Legal Conference sul tema “Marine, servizi e tematiche legislative”.

La domenica, infine, sarà dedicata all’aspetto più glamour e leisure della mostra.

Nel format del VYR trova spazio anche l’alta cucina italiana. Dopo gli chef Carlo Cracco e Daniel Canzian, che hanno animato le prime due edizioni, quest’anno il ristorante all’interno del circuito espositivo del VYR sarà curato dallo chef internazionale Filippo La Mantia.

Infine quest’anno è attivo il servizio di Hospitality a cura di MiCodmc (società del Gruppo Fiera Milano) per assistere i clienti nell’organizzazione del loro viaggio a Viareggio offrendo soluzioni innovative e personalizzate con servizi di accomodation, intrattenimento e proposte di tour ed escursioni personalizzate su misura del cliente.

Viareggio vi aspetta dal 9 al 12 maggio alla terza edizione del Versilia Yachting Rendez-vous!

Le dichiarazioni dei protagonisti del Versilia Yachting Rendez-vous

Fabrizio Curci, amministratore delegato di Fiera Milano
“Versilia Yachting Rendez-vous si conferma un appuntamento d’eccellenza che racchiude il meglio della nautica dell’alto di gamma. Il nostro evento espositivo è soprattutto sinonimo di qualità. Una manifestazione che in breve tempo si è consolidata non solo come strumento di business, ma anche come incubatore di tendenze di stile, utile per rilanciare i valori immateriali legati al mondo della nautica e a promuovere l’eccellenza ovunque essa si manifesti”.

Lamberto Tacoli, presidente di Nautica Italiana

“Lo sforzo profuso da Nautica Italiana nelle ultime due edizioni del Versilia Yachting Rendez-vous si concretizzerà quest’anno in quella che sarà sicuramente un’edizione molto più matura del Salone, più attenta all’approfondimento di tematiche legislative stringenti, alla presentazione di dati aggiornati relativi al settore e la promozione dei brand di punta della filiera nautica nazionale. Ringrazio calorosamente Fiera Milano e Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana per l’impegno costante, anche in questa occasione e sono sicuro che chi sceglie di partecipare al VYR lo fa sapendo di trovare una vetrina di chiaro richiamo nazionale e internazionale con reali opportunità di business”.

Vincenzo Poerio, presidente Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana

“Siamo orgogliosi di collaborare con Fiera Milano nell’organizzazione di questo evento, supportato da  Nautica Italiana, che conferma il suo profilo internazionale, innovativo nei contenuti, nel format e in grado di valorizzare le eccellenze nautiche italiane. Per questa edizione, NAVIGO, braccio operativo del distretto, oltre ad aver rafforzato la collaborazione con enti e associazioni del territorio su proposte e appuntamenti fuori salone, ha concentrato l’impegno soprattutto nel favorire incontri e business tra broker esteri e cantieri del settore e nell’attenzione al tessuto imprenditoriale della nautica fortemente orientato al settore superyacht con iniziative rivolte all’innovazione e alla ricerca. Un ringraziamento particolare a Regione Toscana per il prezioso sostegno all’evento e anche al Comune di Viareggio e ai comuni della Versilia per il convinto coinvolgimento operativo e collettivo che stanno portando avanti insieme”.

Il sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro

La storia della marineria viareggina si perde nelle origini della città. Praticamente Viareggio è nata costruendo barche, ma non barche qualsiasi: le più belle al mondo. L’orgoglio con cui i bastimenti a vela viareggini entravano nei porti è lo stesso che brilla oggi negli occhi dei cittadini che assistono ad un varo. Orgoglio dato dalla consapevolezza di avere 5 cantieri posizionati tra i 20 migliori al mondo – Benetti, Azimut, Overmarine, Perini Navi e Codecasa -; di vedere realizzato da zero, nelle nostre darsene, il 40 per cento delle navi da diporto costruite nel mondo.

Viareggio è questa: in tutto 32 chilometri quadrati di mare, natura, innovazione, fantasia. In quella fantasia, nella scintilla dell’invenzione, sta tutto il mistero della creatività che mista ad uno stile tutto italiano trasforma una barca in un sogno. In mezzo a Viareggio, il porto: turistico e commerciale insieme. Baricentrico rispetto alla città che in esso si fonde e si rinnova. Intorno alle darsene un fermento di attività: i cantieri certo, ma anche tutto quello che di indotto c’è nel mondo della nautica. Porto che sta crescendo e che vedrà ulteriore spinta dalle infrastrutture che verranno: penso prima fra tutte alla nuova via del Mare che migliorerà sensibilmente la viabilità di tutto il quartiere, che potrà diventare punto attrattivo e vetrina espositiva delle nostre eccellenze.

Il Versilia Yachting Rendez – vous è stato, fin dall’edizione zero, qualcosa di speciale: una manifestazione per natura settoriale è divenuta invece richiamo per il turismo. Lo scorso anno abbiamo accolto 22mila visitatori. Questa terza edizione sarà quella della consacrazione: la città intera sarà coinvolta con un fittissimo calendario di appuntamenti, primo fra tutti la Notte Blu che vedrà protagonista la Passeggiata con tutta la sua ricchezza di negozi e la suggestione delle architetture liberty.

Viareggio si riconosce in questo evento: nella mondanità mai troppo sfoggiata, nella maestria dei dettagli, nel bello che non è per forza lusso fine a sé stesso. Una manifestazione divenuta ormai appuntamento atteso e irrinunciabile che segna l’inizio della bella stagione e racconta l’anima della città: il VYR-v ha unito il cuore commerciale con quello manifatturiero, ha stretto sinergie con il settore turistico, ha portato fuori dai cantieri tesori e maestranze, ha mostrato cosa si vende ma soprattutto di quanta bellezza è capace Viareggio.

I giovani armatori discutono di Low Sulphur CAP 2020

Genova-Il 2 aprile a Genova presso il Museo del mare si è tenuto l’evento organizzato dal Gruppo Giovani Armatori di Confitarma per approfondire le tematiche legate alla prossima entrata in vigore della normativa IMO che prevede dal 1° gennaio 2020 l’utilizzo di combustibili per uso marittimo con un tenore massimo di zolfo dello 0,5%.

Dopo i saluti di Nicoletta Viziano, Direttrice del Museo del Mare, Filippo Gavarone ha introdotto i lavori della giornata, iniziata con il welcome speech di Mario Mattioli, presidente Confitarma, che dopo essersi complimentato con il Gruppo Giovani Armatori per il lavoro svolto, ha ricordato l’impegno dell’industria armatoriale per la salvaguardia dell’ambiente ed ha sottolineato che, con le nuove normative IMO “il trasporto marittimo farà un ulteriore passo in avanti per restare la modalità di trasporto più eco‐compatibile”.

L’Am. Isp. Nicola Carlone, Direttore marittimo della Liguria e Comandante del porto di Genova, ha ricordato che la sfida del 2020 coinvolgerà non solo gli armatori ma anche l’Amministrazione e porterà indubbi benefici per l’ambiente e la collettività.

Esben Poulsson, Presidente ICS, prima di moderare gli interventi e le domande dalla platea, nella sua relazione introduttiva, ha ricordato che oltre alla scadenza del prossimo 1° gennaio 2020 lo shipping deve fronteggiare anche la sfida della Ballast Water Management Convention nonché gli ambiziosi traguardi di lungo periodo in materia di emissioni da qui fino al 2050.

Grant Hunter, Capo del Dipartimento Contracts & Clauses di BIMCO, ha illustrato gli aspetti legati alla contrattualistica che BIMCO ha sviluppato in merito alla normativa low sulphur fuel, incluso il periodo di transizione, nell’ambito dei contratti time charter.
Filippo Gavarone ha spiegato che per conformarsi alla nuova scadenza Crystal Pool ha già iniziato a predisporre il piano di implementazione collaborando anche i noleggiatori e trovando molto utili le indicazioni di BIMCO e ICS.

Guido Cardullo, della Fratelli Cosulich società di bunker trading, dopo aver passato in rassegna i principali porti del mondo valutandone la disponibilità di low sulphur fuel, ha affermato che il combustibile con tenore di zolfo 0,5% sarà disponibile nei principali porti del mondo. Le criticità sono legate alle quantità disponibili ed alle caratteristiche del nuovo fuel, che non saranno le stesse ovunque. Per quanto riguarda il combustibile con tenore di zolfo a 3.5%, che comunque sarà utilizzato dalle navi con scrubber, per il 5/10% della domanda potrebbe esserci un problema legato alla disponibilità e alla logistica, mentre è probabile che il suo prezzo diminuisca.

Secondo Gustavo Cosulich, di Lab Cosulich Consultants, il problema principale è legato alla qualità del prodotto nei porti meno importanti. L’armatore dovrà pianificare con largo anticipo dove approvvigionarsi per evitare sorprese nelle forniture. Particolare attenzione andrà altresì posta nella modalità di prelievo dei campioni ufficiali che verranno utilizzati per verificare le caratteristiche del bunker. È evidente che i primi due anni di applicazione del nuovo limite dello 0,5% saranno di assestamento e non mancheranno contestazioni.

Pietro Profumo, IPLOM, ha affermato che i produttori sono pronti: le raffinerie hanno effettuato gli investimenti necessari scegliendo fra i diversi processi produttivi utilizzabili per produrre low sulphur fuel. Uno di questi potrebbe accrescere la domanda di importazione di “sweet crude oil” da parte delle raffinerie.

Enrico Paglia, di Banchero Costa, ha ricordato che già si sta registrando un aumento dei prezzi del bunker legato alla prossima entrata in vigore delle nuove regolamentazioni. Per questo, si prevede da un lato un rallentamento della velocità delle navi per risparmiare sui costi del bunker e, dall’altro, una leggera ripresa dei noli anche grazie ad una ripresa delle demolizioni prevista per il 2019 e 2020 delle navi più datate per le quali i maggiori consumi e i costi per l’adeguamento alla Ballast Water Convention non saranno convenienti.

All’evento era presente anche l’Associazione Porto dei Piccoli per promuovere iniziative benefiche a favore dei bambini bisognosi di assistenza negli ospedali genovesi.

Navigare ospita 20 bambini del Santobono-Pausilipon per una giornata di felicità con gita in barca e pranzo al sole

L’associazione Nautca Regionale Campana celebra la oramai consueta giornata di solidarietà con una delegazione di piccoli pazienti del plesso ospedaliero posillipino

Napoli– Nautica e solidarietà, un binomio che trova sempre più applicazione nelle iniziative messe in campo dall’Associazione Nautica Regionale Campana che ha accolto, al Navigare, circa 20 bambini ed altrettanti genitori del dipartimento di oncologia della AORN Santobono Pausilipon. I piccoli pazienti, che hanno lasciato per una giornata il plesso ospedaliero, hanno potuto effettuare una gita in barca e godere delle bellezze del golfo di Napoli.

Ad accompagnare la delegazione di bambini e genitori sono state le dottoresse Silvia Signorelli, referente della Fondazione Santobono-Pausilipon e la psicologa Flavia Camera. Due grandi scafi messi a disposizione dagli armatori presenti all’esposizione Navigare, un Colorado 44 piedi del cantiere Rio Yacht ed un Jeanneau  Leader 40,  hanno accolto a bordo i bambini tra i 4 e 16 anni per una lunga gita tra Mergellina e Gaiola.

Al termine della gita in mare il presidente dell’Anrc, Gennaro Amato ha accolto, unitamente agli associati Lucia Furia (Marine System), Giulio e Marco Barra (Autosalone Italia) e Gennaro Prezioso (Rio yacht), gli ospiti a pranzo sulle terrazze del circolo Posillipo. L’azione di solidarietà si completerà poi domani sera, nel corso della cena di gala dell’associazione, con una donazione di fondi per la ricerca in favore della Fondazione Santobono-Pausilipo.

Durante la serata , in programma nel salone dei trofei del Posillipo, saranno assegnati gli ANRC AWARD 2019 destinati alle aziende della filera nautica ed ai personaggi che si sono maggiormente impegnati per la tutela del mare. Tra i premiati i gornalisti Carlo Franco (Corriere del Mezzogiorno) e Corradino Corbò (direttore rivista Nautica), ma anche le istituzioni con Daniela Villani (delegata al mare del Comune di Napoli) e Nicola Marrazzo (pres. Commsione Attività Produttive Regione Campania), Massimo Vernetti (pres. Confcommercio Napoli) e Alessandro Nardi (pres. Mostra d’Oltremare).

Gennaro Amato: “Il Posillipo troppo piccolo per Navigare”

In programma per ottobre l’esposizione suddivisa tra il sodalizio posillipino ed il lungomare Caracciolo. Comune, Regione e Autorità Portuale credono nel progetto

 

Napoli– “La ripresa della nautica e l’aumento di produttività ha reso questa manifestazione un’attrazione di grande interesse. Oramai al circolo Posillipo non c’è più lo spazio per accontentare le richieste di tutti i cantieri che fanno domanda di partecipazione – ha dichiarato il presidente dell’ANRC, Gennaro Amato – perciò abbiamo presentato un progetto che ad ottobre ci dovrebbe vedere operativi anche sul lungomare Caracciolo, ma attendiamo dalla Sovrintendenza il via libera”.

Sono oltre 50, tra yacht, gozzi, motoscafi e gommoni, le imbarcazioni presenti nella darsena del circolo Posillipo da oggi al 7 aprile, con un villaggio di oltre 11 stand che espongono motori marini, accessori e servizi della filiera nautica. Una capienza al limite che ha costretto gli organizzatori al raddoppio della location, puntando sulla promenade cittadina di via Caracciolo. Il Comune, con la delegata  mare Daniela Villani, ha creduto per primo nel progetto.

“Il lungomare di Napoli, in particolare il tratto pedonalizzato, è quello che deve essere valorizzato mettendo a sistema un’economia del mare e la sua filiera intesa anche come opportunità occupazionale. L’obbiettivo – precisa la delegata mare, Daniela Villani – è quello di portare il Navigare su una delle location più belle del mondo come il lungomare Caracciolo per creare volano, non solo per la nautica, ma per tutte le eccellenze campane. Il mare è il nostro oro blù”

Anche la Regione Campania è pronta a condividere lo sviluppo futuro del Navigare, come ha confermato il presidente della commissione regionale alle Attività Produttive, Nicola Marrazzo:

“Condivido la necessità di ampliare una manifestazione come Navigare. La nautica per diversi anni ha avuto forti cali di fatturato ed occupazionali, mentre da circa due anni ha dimostrato di essere uscita dalla crisi e si sta rivelando un valido volano per l’economia territoriale. Il progetto del Navigare sul lungomare è condivisibile soprattutto se genererà indotto e sviluppo di nuove tecnologie ed applicazioni”

L’edizione primaverile del Navigare durerà ben 9 giorni, da sabato 30 marzo a domenica 7 aprile e vedrà la partecipazione di ben 27 aziende della filiera. L’accesso libero al pubblico seguirà nei weekend (sabato 30 e domenica 31 marzo e da venerdì 5 a domenica 7 aprile) l’apertura dalle 10 alle 19, mentre nelle giornate feriali sarà aperto dalle 12.30 alle 19.00.

la terza edizione del Versilia Yachting Rendez-vous

Milano-Il 3 aprile alle ore 10.30 da “Oste e cuoco”, il ristorante dello chef Filippo Lamantia, in piazza Risorgimento a Milano, la conferenza stampa della terza edizione del Versilia Yachting Rendez-vous.

All’evento parteciperanno:

·Fabrizio Curci, amministratore delegato di Fiera Milano

·Lamberto Tacoli, presidente Nautica Italiana

·Paolo Borgio, exhibition manager VYR

·Vincenzo Poerio, presidente del Distretto tecnologico per la nautica e la portualità toscana

·Giorgio Del Ghingaro, sindaco di Viareggio

Sottocosta: l’evento della nautica più importante dell’Adriatico

PESCARA-SOTTOCOSTA è una manifestazione con lo scopo di promuovere la nautica da diporto, il turismo nautico e gli sport del mare e di valorizzare il pianeta blu in tutte le sue declinazioni. L’evento che si svolgerà, dal 25 al 28 Aprile 2019, presso la magnifica struttura del Marina di Pescara (terzo porto turistico italiano) può contare su uno staff competente e qualificato che ha l’obiettivo di rilanciare un settore che, più di altri, sta risentendo della difficile congiuntura economica.

Gli spazi espositivi saranno dedicati a quattro grandi settori: imbarcazioni nuove ed usate, accessori e componentistica, pesca sportiva, servizi nautici e tanto altro. Di grande impatto, la location del Marina di Pescara, situato al centro della città e perfettamente collegato con l’Aeroporto, la Stazione Ferroviaria e l’Autostrada, a pochi nodi dalle più belle rotte del Mediterraneo, come la Croazia, la Grecia, la costa del Gargano, le isole Tremiti e la riviera del Conero.

PRINCESS CRUISES E FINCANTIERI FIRMANO CONTRATTI PER DUE NAVI DA CROCIERA

TRIESTE – Princess Cruises e Fincantieri hanno annunciato oggi la firma dei contratti definitivi per la costruzione presso il cantiere di Monfalcone di 2 navi da crociera di prossima generazione da 175.000 tonnellate di stazza lorda, che saranno le più grandi finora realizzate in Italia, con consegne previste per la fine del 2023 e la primavera del 2025. Questo annuncio fa seguito alla firma di un memorandum d’intesa tra le parti nel luglio 2018.

Le unità ospiteranno circa 4.300 passeggeri e si baseranno su un progetto di prossima generazione, diventando le prime navi dual-fuel della flotta di Princess Cruises ad essere alimentate primariamente a gas naturale liquefatto (LNG). Si tratta della tecnologia di propulsione più avanzata e a minor impatto ambientale dell’industria navale, nonché del combustibile fossile più ecologico al mondo, che abbatterà significativamente le emissioni atmosferiche e l’utilizzo di gasolio.

“Princess Cruises continua a crescere a livello globale, aggiungendo nuove navi alla flotta che saranno costruite da Fincantieri, nostro partner di fiducia per la costruzione da molto tempo, e che porta decenni di esperienza a queste unità di nuova generazione” ha dichiarato Jan Swartz, President di Princess Cruises. “Un elemento ancora più entusiasmante è che queste due navi saranno progettate per includere la nostra piattaforma MedallionClass, basata su OceanMedallion, il dispositivo indossabile più avanzato disponibile nell’industria alberghiera globale”.

Commentando l’annuncio l’Amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono ha dichiarato: “Questo risultato è un’ulteriore attestazione di fiducia che riceviamo dal mercato, attraverso la quale guardiamo ambiziosamente al futuro. Da un lato, infatti, premia il nostro grande lavoro di innovazione, grazie al quale abbiamo potuto offrire al cliente una proposta che è da record non soltanto in termini dimensionali. Dall’altro siamo convinti che da questo progetto di sicuro successo potrà derivare una nuova “famiglia” di navi per uno dei brand più prestigiosi del Gruppo Carnival. Per Princess Cruises, infatti, abbiamo ricevuto ordini per ben 21 unità, altro risultato senza precedenti in questa industria”.

Considerato un importante passo avanti nel settore turistico e recentemente premiato con il CES® 2019 Innovation Award, OceanMedallion è una tecnologia all’avanguardia che offre un servizio personalizzato su larga scala attraverso una migliore interazione tra ospiti e personale, oltre a consentire un intrattenimento di tipo interattivo. Gli ospiti di Princess stanno fruendo della Princess MedallionClass a bordo di “Caribbean Princess” e “Regal Princess”. Entro la fine dell’anno, le crociere MedallionClass saranno attivate su altre tre navi, “Royal Princess”, “Crown Princess” e “Sky Princess”.

Il CLIA (Cruise Lines International Association) e le Nazioni Unite hanno riportato che la crescita dei crocieristi tra il 2004 e il 2014 ha superato di oltre il 20% quella delle persone che scelgono vacanze sulla terraferma, e il CLIA prevede che 30 milioni di persone effettueranno una crociera oceanica nel 2019, un record assoluto. Queste statistiche indicano un florido futuro per il settore crocieristico, così come per tutti i partner del settore che potranno allargare la propria offerta per soddisfare le crescenti richieste dei clienti.

Con cinque navi in costruzione nei prossimi sei anni, Princess Cruises è la linea di crociere “premium” in più rapida crescita al mondo.

English for seafarers

MolfettaBari – Possiamo affermare che non mancano gli strumenti didattici per affrontare il mondo dello shipping. Strumenti flessibili, dalle piattaforme e-learning on-line, varie applicazioni web, a quelli cartacei che ancora hanno il pregio di ‘conservare’ la partecipazione e l’esercizio scritto ad imparare, in particolar modo quando si tratta della lingua internazionale dello shipping, quale la lingua inglese; una micro – lingua importante nelle comunicazioni marittime, nelle fasi operative di una nave in mare aperto, in fase di atterraggio, in navigazione costiera e particolarmente durante il moto vario di entrata/uscita da un porto.

Il  Prof. Pietro del Rosso non è nuovo su quest’impegni. In servizio, per oltre  40  anni presso I.I.S.S. Nautico ‘Amerigo Vespucci’ di Molfetta (Ba) è l’autore del  ‘Dictionary of Maritime Terms English-Italian-English’, giunto alla  5a edizione, pubblicato dalla Witherby Seamanship  International. Egli è membro dell’ I.M.E.C.
(International Maritime English Conference) ed ha sviluppato la versione italiana del ‘RIVERSPEAK’, il Frasario Standard di Comunicazione per la Navigazione Interna.

Grazie al suo progetto, ‘Maritime English & Standard Marine Communication Phrases ‘ per il Nautico di Molfetta,  ha vinto l’edizione  2011 del ‘Label Europeo delle Lingue’. L’ultimo suo lavoro è uno strumento più ampio, valido sia per la Marina Mercantile e sia per la Nautica da Diporto. Si tratta del  manuale, il ‘Maritime English’ che con le sue 44 units, si rivela un  ‘tool’ universale e testo C. L. I. L. (Content Language Integrated Learning) di riferimento per tutti gli indirizzi del nuovo ordinamento del triennio degli Istituti Tecnico Nautici Trasporti e della Logistica.

Inoltre, esso, è particolarmente utile per la preparazione agli esami di ‘Maritime English’ per il conseguimento delle abilitazioni sia per gli ufficiali di navigazione sia di macchine ed anche per gli esami dei titolo professionali marittimi per il diporto (nautica commerciale). Strumento didattico, moderno, apprezzato da  parte di numerose “Nautical Accademie” straniere.

Di seguito riportiamo una breve relazione tecnico-didattica.

Maritime English è un manuale universale destinato a tutti coloro che, a vario livello,  operano nel settore dello shipping; esso è conforme alla normativa IMO STCW, compresi gli emendamenti di Manila ed all’IMO Model Course 3.17 e rappresenta un pratico ed utile  ‘tool’ per soddisfare a pieno i requisiti del cosiddetto ’Maritime English’.
Le ben 44 units comprese in ‘Maritime English’ forniscono una conoscenza approfondita dell’operato sulle navi, compresi I loro sistemi e sotto-sistemi, dalla prima progettazione alla costruzione finale, arricchito con descrizioni dettagliate, disegni e disegni trasversali, foto, immagini  e tabelle, che lo rendono molto attraente per chiunque operi in questo settore, sia a livello operativo sia manageriale.

Il manuale contiene unità di base e unità specifiche sia per il settore di coperta che per quello di machine, interamente in inglese, quali Ship terminology, Types of vessels, Offshore units, Anchors, Mooring gears, Rigging, Closing appliances, Access to ships, Survival equipment, Fire-fighting, Construction materials for ships, International shipping regulations and conventions.

‘Maritime English’ contiene pure specifiche ed approfondite units relative agli ufficiali di coperta quali: Introduction to marine navigation, Navigational lights, International Code of signal, Nautical charts, Electronic charts & ECDIS, Short range aids to navigation, Magnet compass, Dead reckoning, Piloting, Celestial navigation, Traffic separation schemes, Navigation processes, Aids to navigation (Sextant, Gyrocompass, Autopilot, Radar, ARPA, Navtex, GPS, AIS, VDR, BNWAS, IBS, INS), Marine meteorology, GMDSS (INMARSAT, EPIRB, Cospas-Sarsat, DSC, SART), Ship stability, Dry docking, Shipping documents.

Inoltre, esso dedica diverse unit specifiche agli ufficiali di machine, quali; Engineering drawings, Marine diesel engines, Steam turbines and gearing, Marine boilers and accessories, Feed systems, Pumps and pumping systems, Auxiliaries (Heat compressor, Heat exchangers, Oil/water separators, Sewage treatment, Incinerator), Fuel oils & lubricating oils, Refrigeration, Air conditioning and ventilation, Shafting and propellers, Steering gear, Inert Gas system & Nitrogen generators, Hazards & Measures to prevent hazard in the engine department.

Infine ‘Maritime English’ contiene varie units riservate specificatamente agli ufficiali elettrotecnici (ETO) che comprendono : Ship electrical system, AC& DC, DC & AC generators and distribution, DC & AC motors, maintenance of electrical equipment, Insulation resistance measurement, batteries, Emergency supply, Electrical hazards, Overhaul and Troubleshooting for a Diesel Generator, Damage Cause and Remedy of an Alternator, Alternator maintenance.
In sintesi ‘Maritime English’può costituire un testo di riferimento per gli Istituti Nautici, le Accademie Nautiche e i Centri Accademici e di Formazione Marittima di tutto il mondo, come pure per chiunque sia coinvolto nell’industria marittima, sia a bordo e sia a terra.

Il manuale CLIL ‘Maritime English’ è disponibile sia in formato cartaceo sia come e-book in pdf nei maggiori bookstores: Amazon.it, La Feltrinelli, Ibs, Bol, Wuz, Deastore, Webster, Libreria universitaria, Uni libro, Macro librarsi, Il Giardino del libri. E’ distribuito anche sull’esclusivo GoodBook.it, un canale di vendita innovativo che permette ai lettori di acquistare il volume online e ritirarlo in libreria.

Se si acquista direttamente dall’editore Youcanprint.it si può usufruire di uno sconto rispettivamente del 20% e del 10% attraverso i seguenti link:
https://www.youcanprint.it/educazione/educazione-generale/maritime-english-9788891198112.html
https://www.youcanprint.it/studio-della-lingua-straniera-inglese-come-seconda-lingua/maritime-english-9788893062206.html.

Per ulteriori informazioni contattare direttamente il prof. Pietro del Rosso al suo indirizzo:  Via Cap. Carabellese, 36 – 70056 Molfetta – ITALY- ; o sul sito: www.inglesemarittimo.it;  o per  e-mail:  pietrodelrosso55@gmail.com ; delrossopietro2@gmail.com ; molf@inwind.it;  mobile: +39 3478665789.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Salone nautico Genova: al via le iscrizioni

GENOVA – Si aprono le iscrizioni per la 59/a edizione del Salone nautico, in programma a Genova dal 19 al 24 settembre, con l’organizzazione di Ucina Confindustria Nautica.
Le iscrizioni sono aperte da ieri, 14 marzo. “La 59a edizione del Salone Nautico si apre sotto i migliori auspici – dichiara Carla Demaria, presidente di Ucina – Nei mesi scorsi abbiamo raccolto le dichiarazioni degli espositori della passata edizione con una conferma del 100% alla partecipazione cui si aggiungono richieste di nuove partecipazioni, in maggioranza dall’estero.

Le aspettative sono di un Salone in crescita rispetto ai numeri già straordinari della passata edizione, dove 951 espositori (+7,6%) hanno incontrato 174.610 visitatori (+17,8 rispetto al 2017, 57 mila stranieri), segno di una manifestazione che ha saputo consolidare il ruolo di strumento efficace per le aziende di tutta la filiera della nautica da diporto”.

I più recenti dati forniti dall’Ufficio studi di Ucina riportano risultati positivi per il comparto. La stima di crescita prevista tramite il campione per l’anno 2018 ha suggerito un valore di +9,5% per il fatturato globale dell’industria italiana della nautica.

La formula del Salone, il più grande del Mediterraneo, si conferma multispecialista con un contenitore unico per quattro aree distinti con servizi dedicati e sviluppati su quattro settori: yacht e superyacht, mondo della vela, mondo delle motorizzazioni fuoribordo e imbarcazioni pneumatiche, accessori e componentistica per offrire ad ogni segmento e clientela un servizio sempre più vicino alle specifiche esigenze.

“La totalità del layout degli spazi espositivi utilizzati nella passata edizione è confermata, con 115mila mq di spazio in acqua e 110mila mq a terra – sottolinea Alessandro Campagna, direttore commerciale del Salone Nautico -. Abbiamo lavorato, inoltre, per individuare nuove soluzioni tecniche per far fronte all’aumento delle richieste, dall’estensione dei pontili all’ottimizzazione di alcune aree all’aperto”.

AL VIA LE ISCRIZIONI AL 59° SALONE NAUTICO DI GENOVA

59° SALONE NAUTICO IN PROGRAMMA A GENOVA DAL 19 AL 24 SETTEMBRE
IL SALONE NAUTICO SI CONFERMA PIATTAFORMA TRASVERSALE PER IL BUSINESSIN COERENZA CON IL MERCATO
DEMARIA: “LE ASPETTATIVE SONO DI UN SALONE NAUTICO IN CRESCITA RISPETTO AI NUMERI GIÀ STRAORDINARI DELLA PASSATA EDIZIONE”
CAMPAGNA: “CONFERMATE TUTTE LE AREE DEL SALONE NAUTICO CON SOLUZIONI TECNICHE PER FAR FRONTE ALL’AUMENTO DELLE RICHIESTE ESPOSITIVE”

GENOVA-Si aprono ufficialmente il prossimo 14 marzo le iscrizioni al 59° Salone Nautico organizzato da UCINA Confindustria Nautica a Genova dal 19 al 24 settembre prossimi.

Uno start formale alle attività organizzative che segue una intensa fase di follow up partita con la survey della 58° edizione che capitalizzava la soddisfazione di oltre il 98% degli espositori e proseguita con la promozione all’estero con la presenza a principali eventi internazionali di settore; dall’Ibex di Tampa al Fortlauderdale Boat Show, dal Mets di Amsterdam al Boote di Dusseldorf per concludersi al DIBS di Dubai.

La 59ima edizione: redemption e aspettative

“La 59ima edizione del Salone Nautico si apre sotto i migliori auspici – dichiara Carla Demaria, Presidente di UCINA Confindustria Nautica – “Nei mesi scorsi abbiamo raccolto le dichiarazioni degli espositori della passata edizione con una redemption del 100% in termini di conferma di partecipazione cui si aggiungono richieste di nuove partecipazioni, con una maggioranza di provenienti dall’estero. In via generale, le aspettative sono di un Salone Nautico in crescita rispetto ai numeri già straordinari della passata edizione, dove 951 espositori (in crescita del 7,6%) hanno incontrato 174.610 visitatori (+17,8 rispetto al 2017), segno di una manifestazione che ha saputo consolidare il ruolo di strumento efficace per le aziende di tutta la filiera della nautica da diporto”.

Il mercato

Il Salone Nautico si conferma quindi piattaforma trasversale per lo sviluppo del business in coerenza con il mercato. I più recenti dati forniti dall’Ufficio Studi di UCINA Confindustria Nautica, a seguito di un’indagine condotta su un campione significativo di aziende, riportano risultati indubbiamente positivi per il comparto. La stima di crescita prevista tramite il campione per l’anno 2018 ha suggerito un valore di +9,5% per il fatturato globale dell’industria italiana della nautica.

Il layout espositivo: confermata la formula di Salone multispecialista

Il più grande Salone Nautico del Mediterraneo si presenta, per il secondo anno consecutivo, con la formula vincente di unico contenitore di quattro aree distinte. Un Salone multispecialista, con servizi dedicati e sviluppati su quattro settori: yacht e superyacht, mondo della vela, mondo delle motorizzazioni fuoribordo e imbarcazioni pneumatiche, accessori e componentistica per offrire ad ogni segmento e clientela un servizio sempre più vicino alle specifiche esigenze. Viene quindi confermata la ripartizione geografica della manifestazione ma, all’interno della stessa, saranno ulteriormente sviluppati i servizi collegati.

“La totalità del layout degli spazi espositivi utilizzati nella passata edizione è confermata, con 115mila mq di spazio in acqua e 110mila mq a terra – sottolinea Alessandro Campagna, Direttore Commerciale del Salone Nautico -. Abbiamo lavorato, inoltre, per individuare nuove soluzioni tecniche per far fronte all’aumento delle richieste, dall’estensione dei pontili che andranno ad allargare le aree già utilizzate nella passata edizione, all’ottimizzazione di alcune aree all’aperto con l’obiettivo di sfruttare maggiormente gli spazi a disposizione”.

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab