Confindustria Nautica-Salone Nautico di Genova: nessuna sovrapposizione con Barcolana



Genova-in merito alle notizie diffuse alla stampa dal Presidente di Barcolana, Mitja Gialuz, si osserva che la data – scelta eccezionalmente – per lo svolgimento del Salone Nautico di Genova 2020, è 1-6 ottobre. La Barcolana è fissata per il giorno 11 dello stesso mese,  dunque – contrariamente a quanto affermato –  volutamente non vi è alcuna sovrapposizione.

Il Piano straordinario di agibilità del Salone 2020 prevede necessariamente una serie di misure di salvaguardia aggiuntive, nell’ambito delle quali il prolungamento delle giornate espositive è una possibilità meramente eventuale e limitata al caso in cui il governo imponesse eccezionali misure di contingentamento del pubblico. Misure che, peraltro, ove imposte  metterebbero probabilmente a rischio lo svolgimento di manifestazioni sportive.

Dalla difesa del Salone Nautico, massima vetrina di una filiera produttiva con 180.000 addetti e che, a causa del blocco della produzione già rischia alcune migliaia di posti di lavoro, dipende la sopravvivenza di molte delle aziende del settore.
Di fronte a un simile stato di necessità, straordinarietà e drammaticità economica e occupazionale, del settore come del Paese, Confindustria Nautica non può che stupirsi della reazione scomposta del Presidente Gialuz e dell’organizzazione della Barcolana per l’eventuale vicinanza dell’evento di Genova alla regata velica di Trieste.

“Non crediamo che le aziende e le decine di migliaia di lavoratori del nostro settore meritino un attacco come questo”, dichiarano Saverio Cecchi, Presidente di Confindustria Nautica, e Carla Demaria, Presidente de I Saloni Nautici.

UN PIANO STRATEGICO E NUOVE DATE PER LA 60ma EDIZIONE DEL SALONE NAUTICO DI GENOVA

Genova- Il Consiglio di Presidenza di Confindustria Nautica e Il C.d.A. de I Saloni Nautici, dopo il confronto e la condivisione con le autorità regionali e della città di Genova, hanno deliberato in considerazione dell’attuale situazione un piano per la gestione straordinaria dell’edizione 2020 del Salone Nautico di Genova che prevede la progettazione di un lay-out flessibile, adattabile ai diversi scenari post emergenza.

Alla decisione dello spostamento delle date della 60ma edizione dell’evento, dal mese di settembre a quello successivo (1 – 6 ottobre), si unisce la predisposizione di un piano di interventi mirato a prevedere e soddisfare quelle che potranno essere le disposizioni di legge in essere a ottobre, inclusa un’eventuale estensione dell’evento a nove giorni (da sabato 3 a domenica 11 ottobre) per ottimizzare i flussi di partecipazione nell’assoluto rispetto della sicurezza.

A tale scopo si prevede, inoltre, la progettazione di ampi spazi di circolazione e la predisposizione di ingressi multipli. Queste ed altre iniziative che potranno essere adottate, offriranno le migliori condizioni di organizzazione, gestione e di accoglienza per pubblico ed espositori.

SALONE NAUTICO DI PUGLIA, A MARZO LA 17ESIMA EDIZIONE

L’evento torna a Brindisi. Meo: «Non è solo una fiera, ma un luogo per parlare del mare»

Slitta al 3 marzo alle 10 nella Presidenza della Regione Puglia la conferenza stampa di presentazione dello Snim 2020, Salone Nautico di Puglia che per la sua 17esima edizione torna a Brindisi dal 25 al 29 Marzo.

Cantieristica e nautica, gli sport del mare, il turismo nautico e la sostenibilità. Oltre 100 espositori, 200 imbarcazioni e un programma di eventi per raccontare e riscoprire l’ambiente mare. Dal viaggio al cibo, dall’imbarcazione all’abbigliamento, dalla sostenibilità ambientale al lavoro: l’edizione 2020 ha miscelato sapientemente produttori ed esperienze per creare un percorso non solo agli addetti ai lavori o agli appassionati, ma anche ai semplici curiosi di costruire un vero e proprio palinsesto personale.

Il Salone nautico di Puglia del 2020 non sarà, quindi, solo un’area espositiva, ma un luogo in cui discutere del mare in tutte le sue sfaccettature: dal rispetto dell’ambiente acqua al turismo sostenibile. Tema fondamentale, infatti, dell’edizione 2020 saranno i parchi marini protetti e la salvaguardia del patrimonio costiero, la fruizione consapevole del mare e l’ecosostenibilità dello sviluppo.

Per la prima volta, la manifestazione annovera UCINA Confindustria Nautica tra i partner: una collaborazione, a titolo non oneroso, che prevede, tra l’altro, una convenzione per gli Associati che parteciperanno alla kermesse dedicata al mare e alla nautica. «La rappresentanza e il supporto sul territorio – ha dichiarato Piero Formenti, Vice Presidente di UCINA Confindustria Nautica – sono elementi indispensabili per poter rispondere in maniera sempre più efficace alle esigenze non solo dei nostri Associati ma anche di un mercato sempre più globalizzato».

«Siamo particolarmente orgogliosi della partnership avviata con Regione Puglia e UCINA – ha commentato Giuseppe Meo, presidente di SNIM – perché conferma l’importanza che l’evento ricopre in Italia per il settore nautico. UCINA Confindustria Nautica è da sempre l’associazione di riferimento per le industrie e le imprese della nautica da diporto ed il nuovo percorso avviato dal Vice Presidente di UCINA, Piero Formenti, che approfitto per ringraziare per la grande opportunità, sarà da un lato motivo di responsabilità, perché ci spinge a portare al massimo livello la qualità dell’offerta, dall’altro una preziosa occasione per avere rappresentanza e promuovere lo sviluppo delle nostre aziende».

ll Salone Nautico di Puglia, regione con oltre 835 km di costa, è un punto di riferimento per gli appassionati e per gli operatori della nautica in Adriatico rappresentando, in linea con i programmi di tutti gli Enti locali del territorio e della Regione Puglia, la vetrina ideale per comprendere e raccontare tutta l’Economia del Mare. Ma non si tratterà semplicemente di un’esposizione: accanto ai settori della cantieristica e dell’accessoristica nautica, sarà dato grande spazio agli sport del mare, al turismo nautico e balneare, oltre ai temi legati all’ambiente. Saranno infatti due i punti salienti: la “Blue economy” e le “Blue Careers”, i percorsi formativi per le nuove professioni nell’economia del mare. Dalla difesa dell’ambiente acqua alla sicurezza in mare, passando dalla gastronautica, enogastronomia legata al mare e il turismo balneare. Sarà, insomma, un’occasione per sensibilizzare alla tutela del patrimonio costiero, all’ecosostenibilità e lo sviluppo delle economie legate al mare e promuovere le buone pratiche legate alla tutela dell’ambiente marino, con un occhio particolare rivolto ai giovani che vogliono intraprendere le carriere legate alla nautica e alle famiglie.

Salone Nautico di Puglia 2020: domani, a Bari, la presentazione

Sarà il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a presentare il Salone Nautico di Puglia 2020 che nella sua 17esima edizione torna a Brindisi dal 25 al 29 Marzo.

Un evento che vanta già 100 espositori, 200 imbarcazioni e soprattutto un programma di eventi per raccontare e riscoprire tutto l’ambiente mare: dalla cantieristica alla nautica, fino allo sport del mare e la sostenibilità.

L’incontro con gli organi di informazione, a cui parteciperanno Il presidente Michele Emiliano, il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi e il presidente dello Snim Giuseppe Meo è fissato per LUNEDI 24 FEBBRAIO ALLE 11.00 nella sede della Presidenza della Regione Puglia in Lungomare Nazario Sauro, 33 a Bari.

IEG: PESCARE SHOW – DAILY 2

PESCARE SHOW, CONTO ALLA ROVESCIA PER IL CAMPIONATO DEL MONDO 2020 DI PESCA AL COLPO

FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee),  e Regione Veneto, una sinergia che premia Peschiera del Garda (VR) scelta come campo di gara per il 67° Campionato del mondo per nazioni di Pesca al colpo in programma dal 7 al 13 settembre prossimi. La presentazione dell’evento, nella Fishing Arena, sabato mattina a Pescare Show, il Salone internazionale della pesca sportiva e alla nautica da diporto di Italian Exhibition Group in corso nel quartiere fieristico di Vicenza.

Per FIPSAS, “un ritorno in Veneto con ottime prospettive, con un campo di gara bellissimo”, ha dichiarato il Presidente nazionale FIPSAS Ugo Claudio Mattioli, dopo i Mondiali del 1996, che valse alla nazionale il gradino più alto del podio. Assieme al Presidente Mattioli, anche Antonio Gigli, Vice Presidente FIPSAS, e Maurizio Natucci Presidente Settore Pesca di Superficie FIPSAS. “Il Campionato mondiale di pesca al colpo, inserito nel calendario dei grandi eventi della Regione, è anche occasione di valorizzare l’indotto turistico, prima industria del Veneto.

FIPSAS ne diventa così l’ambasciatrice” ha detto il Vice presidente della Regione Gianluca Forcolin. “La pesca sportiva inizia ad essere un settore importante e di interesse per i giovani, di pari passo la Regione che ha preso in carico dalle province i settori della caccia e della pesca, sta costruendo una regia unica. Iniziamo oggi con la presentazione della nuova Carta ittica regionale e stiamo preparando il Regolamento unico per la pesca professionale nel Lago di Garda, assieme a Lombardia e Provincia autonoma di Trento ” ha aggiunto l’assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca Giuseppe Pan. Al termine della conferenza stampa, è stato presentato il Campionato italiano assoluto di Drifting per equipaggi che si terrà in ottobre a Pescara.

LA PRIMA VOLTA DI OLIVIER PORTRAT: IL CEO DI EFTTA A PESCARE SHOW

In visita a Pescare Show, il Salone internazionale di riferimento per la pesca sportiva di IEG a Vicenza anche Olivier Portrat, CEO di EFTTA, European Fishing Tackle Trade Association, associazione che organizza EFTTEX, European Fishing Tackle Trade Exhibition, manifestazione itinerante e di riferimento per il settore. Per la prima volta a Pescare Show, Portrat ne è entusiasta: “È una fiera in ottima salute e questo mi fa molto piacere. Io rappresento tutto il settore dell’industria in Europa, l’EFTTA è una federazione europea e il nostro scopo è fare il bene della pesca sportiva tra le istituzioni dell’Unione europea. Si tratta di un’industria importante, che va sostenuta”, sottolinea, “in Europa siamo 20 milioni di appassionati e 500 mila persone che vivono di questo”. Il futuro del settore dovrà anche orientarsi sempre di più al green, “ma occorre anche il tempo necessario per farlo”, ha concluso Portrat.

TUTTI UNITI NELL’IMPEGNO CONTRO I RIFIUTI MARINI: IL PROGETTO CLEAN SEA LIFE

Sensibilizzare chi ama il mare, ispirare al cambiamento e all’azione, nella convinzione che piccoli e semplici gesti possano creare qualcosa di magnifico. È questa la visione di Clean Sea Life, la campagna che coinvolge cittadini e istituzioni nella pulizia di coste e fondali d’Italia che ha ricevuto l’avvallo e il supporto dell’Unione Europea attraverso il progetto ‘LIFE’. A Pescare Show è andata in scena la presentazione di un progetto che gode del partenariato di Legambiente, Parco Nazionale dell’Asinara, CoNISMa, Fondazione Cetacea, MedSharks e MPNetwork. Un approfondimento che ha visto protagonista Simona Clò, biologa marina e responsabile scientifico di MedShsarks e del Settore Conservazione Natura del CTS, accompagnata da Immacolata Moretta di Suzuki Italia, partner del progetto e protagonista di numerose attività che coinvolgono il personale dipendente a livello globale come Suzuki Clean the Beach.

L’incontro ha illustrato i risultati ottenuti nei tre anni di attività, che ha coinvolto 16.000 persone, 2.000 studenti, 220 circoli nautici, di subacquea e pesca e 120 operatori turistici e balneari che hanno fatto la propria “promessa al mare” raccogliendo ben 62 tonnellate di rifiuti. Illustrati i casi di maggior impatto recente a livello nazionale, come le attività di San Benedetto del Tronto che portano al recupero medio mensile di una tonnellata di rifiuti dalle acque, e il caso di Manfredonia, dove il 75% del peso dei rifiuti è costituito dalle retine da pescatore.

Un’attività di sensibilizzazione che sta coinvolgendo in maniera sempre più decisiva FIPSAS, con la Federazione Italiana della Pesca Sportiva e Attività Subaquee impegnata nella promozione attiva nella lotta ai rifiuti marini attraverso l’organizzazione di giornate create ad-hoc che coinvolgono tutti gli affiliati e tutti i settori: dalla subacquea alla pesca sportiva e ricreativa, in mare, sulle spiagge e sui corsi d’acqua interni.

IEG: PESCARE SHOW – DAILY 1

Tecnologia e tradizione, un percorso unico a Pescare Show che ha aperto la sua 21ª edizione. Oggi è il drone che può portare la lenza dove c’è abbondanza di pesce, ma pure la canna da pesca inglese artigianale in legno nella custodia conserva ancora il suo fascino. Di mezzo c’è la didattica di profondo rispetto per l’ambiente marino che FIPSAS rivolge ai bambini, con in più l’esperienza del simulatore di drifting: si impugna la canna e la macchina tira come un tonno con cui si ingaggia la lotta al culmine della catena alimentare. Nel quartiere fieristico di Vicenza, il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group conquista adulti e bambini, con le ultime novità tecniche e di prodotto e la cultura della sostenibilità.

FIPSAS, TUTTI I BAMBINI VOGLIONO CATTURARE IL TONNO

Si sceglie il pesce da catturare e con il quale ingaggiare una vera e propria lotta. Nello stand di FIPSAS – Federazione Italiana della Pesca Sportiva e Attività Subaquee, si impugna la canna da pesca, e il mulinello inizia a rilasciare la lenza mentre la preda fugge. Venti, trenta metri da recuperare e più. Mentre il timer segna i minuti rimanenti, prima che il pesce sia riuscito a liberarsi dell’amo. Inizia con questo percorso di consapevolezza di un animale che deve essere rispettato, che si avvicinano i bambini alla pesca sportiva. Trota, black bass, luccio, carpa, palamita, branzino, pesce gatto, pesce siluro, e, in cima alle preferenze di chi si mette alla prova, il tonno. Il più difficile. Da un lato dello stand i biologi spiegano la catena alimentare e la taglia corretta da catturare e poi, per chi vuol provare, si passa alla cattura. E poi capita di scoprire che i bambini che pescano i tonni nel Mediterraneo assieme ai genitori, rilasciano davvero in mare le catture di taglia troppo piccola. Operazione rispetto compiuta.

PESCA COL DRONE, SALVATAGGIO COL BATTELLO TELECOMANDATO

Dov’è il banco di pesci? Te lo dice il drone in volo, che ti dà anche una mano a portare la lenza magari più distante di duecento metri. A Pescare Show, il salone organizzato da IEG nel quartiere fieristico di Vicenza, anteprima tecnologica nell’acquisizione delle prede e nella sicurezza in mare. Drone e battello telecomandato più veloce del bagnino e anche del cane da salvataggio. Il drone vola, nello schermo si vede dove l’esca non arriverebbe mai. Si pigia un tasto e l’esca cade in mare, si fa ammarare il drone e la telecamera filma sotto il pelo dell’acqua la preda che abbocca. Tecnologia che lavora quasi come un piccione viaggiatore per portare la lenza, occhio per l‘avanscoperta della cattura, crea emozione dal vivo e ricordi da condividere con gli amici. Ma c’è anche un’altra anteprima: il battello pensato per il salvataggio in acqua, e non c’è onda che tenga. Tira fino a 150 chili, il Rescue Boat a tenuta stagna con maniglie e antenne luminose cui aggrapparsi in totale sicurezza e che, da imbarcazione o da riva, recupera il disperso in mare. Resiste fino a venti di 4 nodi, in nome della sicurezza.

MULINELLI E CANNE VINTAGE, QUANDO LA PESCA È STORIA

Materiali innovativi sinonimo di performance. Nonostante ciò, c’è ancora chi sceglie di pescare con canne da pesca giapponesi in bambù degli anni Sessanta, o con canne in legno di fabbricazione artigianale inglese e lavorate con la fiamma. Il tutto completato da un mulinello vintage, restaurato da chi conosce storia e tecnica della pesca sportiva. I prezzi possono sbalordire, ma la curiosità e il fascino del design dalle prime produzioni italiane che riprendevano quelli arrivati dalla svizzera o qualche rarissimo mulinello inglese, della fine degli anni Trenta, sino all’evoluzione del meccanismo di recupero con l’archetto completo negli anni Sessanta è anche un viaggio nel tempo che fa riscoprire modelli rari, spesso pezzi unici, dove collezionismo e passione si mescolano ancora.

IEG: APERTA, IN FIERA A VICENZA, PESCARE SHOW 2020

Il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group vedrà protagonisti, fino a domenica 23 febbraio, i player principali e tutte le novità di un settore che conta 1.25 milioni di appassionati e vale 350 milioni di euro.

Un weekend all’insegna del divertimento per gli sportivi e per tutta la famiglia.

www.pescareshow.it

Vicenza– Ha preso il via Pescare Show 2020, il Salone Internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group (IEG) che, da oltre 20 anni, rappresenta l’appuntamento imperdibile per le community degli sportivi e dei praticanti, come confermano i numerosi appassionati che fin dalle prime ore del mattino stanno riempiendo i quattro padiglioni del quartiere fieristico IEG di Vicenza. Fino a domenica 23 febbraio, tutto il meglio della produzione nazionale e internazionale del settore per un evento ricco di contenuti esperienziali pronti a coinvolgere il pubblico proveniente da ogni parte d’Italia e dall’estero.

Fin dall’ingresso, i visitatori di Pescare Show entrano in contatto con gli ultimi prodotti dei top player della nautica da diporto presenti nell’area del Boating Show (Hall 6 e 7), in una spettacolare esposizione di imbarcazioni completamente equipaggiate per la pesca in mare e in acqua dolce.

Tra le novità in fiera anche gli ultimi ritrovati dell’elettronica come gli ecoscandagli di ultima generazione, i motori elettrici più performanti e i display multifunzione. Decine di eventi, dallo spinning alla pesca al colpo, dalla pesca tradizionale al big game, il meglio della componentistica, degli accessori, delle attrezzature e dell’abbigliamento per praticare al meglio ogni tecnica e passione.

Al via anche le dimostrazioni live curate dalle aziende, i laboratori degli artigiani impegnati a diffondere l’arte delle loro creazioni nell’area dedicata alla Fly Tying Experience, le guide e le prove d’acquisto con la Pescare Shopping Area (Hall 2) in grado accontentare proprio tutti, dagli operatori professionali ai neofiti, con rarità come le pregiatissime e spesso introvabili piume cul de canard (CDC) per la costruzione di mosche artificiali e offerte speciali riservate ai visitatori dai maggiori produttori, importatori e rivenditori italiani ed esteri.

Una tre giorni con decine di eventi, dagli stage di spinning con i Pro staff e le dimostrazioni di lancio con gli atleti della Nazionale FIPSAS di Flycasting, accompagnati dal Commissario Tecnico Riccardo Carrara, e di molti atleti dell’Italian Flycasting Team nello spettacolare Aquademo (Hall 7), l’acquario mobile più grande d’Europa. Sempre nella Hall 7, al via le presentazioni degli esperti della Fishing League Worldwide (FLW) nell’esclusiva scuola di pesca FLW Pro Center, le prove di lancio nella nuova vasca per gli appassionati della Trout Area – tecnica di pesca alla trota di origine giapponese dalla filosofia no kill -, le dimostrazioni di Casting Sport per under 18 e i mini corsi di introduzione alle varie tecniche adatti anche ai bambini realizzati in collaborazione con l’ASD Nuoto Pinnato Vicenza.

E ancora la scuola di lancio aperta a grandi e piccoli allo stand Fly Fishing (Hall 1), oltre alle prove per testare in prima persona le novità proposte dalle aziende nelle due casting pool allestite per l’occasione, la “1” riservata alle aziende, la “2” a disposizione di associazioni e del pubblico, e il corso gratuito pensato sia per principianti che per pescatori più esperti, organizzato in collaborazione con la SIM  – Scuola italiana di pesca a mosca (stand 204 Hall 1) per approcciare questo mondo.

Immancabili, come da tradizione, le ‘superstar’ della pesca mondiale da Niklaus Bauer, ‘guru’ della pesca a mosca scandinavo, ospite dello stand Alps Store (stand 211 – Hall 1) a Haakan Karsnäser, costruttore di esche artificiali svedese e Marco Crippa, titolare di Swiss CDC da Il Gatto con gli stivali (stand 210 – Hall 1).

Spazio anche al gusto per imparare i trucchi della cucina in alto mare e assaggiare menù pensati per chi trascorre la giornata in barca con gli ‘chef del mare’ della Fishing Academy & Cuisine (stand 102 – Hall 6), la prima e unica scuola di pesca e cucina in alto mare d’Italia. Durante tutto il weekend showcooking e degustazioni gratuite con Andrea Bottacin, Antonio Stabellini, Elisa Nalotto e Rosaria Romano.

Torna anche l’area dedicata al turismo alieutico (Hall 1), dove scoprire, grazie alla presenza di agenzie turistiche specializzate, proposte di viaggio, destinazioni e itinerari di pesca in Italia e nel mondo, e si rinnova l’appuntamento con la Mostra-mercato dedicata alle Antiche Attrezzature da Pesca (Hall 2) realizzata in collaborazione con Antipes, Associazione nazionale collezionisti antiche attrezzature da pesca, per viaggiare con la fantasia tra rarità e curiosità dal mondo. E c’è curiosità anche per ‘La scena del crimine’, l’installazione artistica galleggiante realizzata con plastiche di rifiuto (area #PescarePlasticFree Hall 7) raccolte in mare per il progetto “Laguna pulita” dell’Associazione Pesca Sportiva in Mare “Peschiamo Insieme” di Chioggia (Ve).

SALONE NAUTICO DI PUGLIA A BRINDISI: LUNEDI’ 24 PRESENTAZIONE A BARI CON EMILIANO

Sarà il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a presentare il Salone Nautico di Puglia 2020 che nella sua 17esima edizione torna a Brindisi dal 25 al 29 Marzo.

Un evento che vanta già 100 espositori, 200 imbarcazioni e soprattutto un programma di eventi per raccontare e riscoprire tutto l’ambiente mare: dalla cantieristica alla nautica, fino allo sport del mare e la sostenibilità.

L’incontro con gli organi di informazione, a cui parteciperanno Il presidente Michele Emiliano, il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi e il presidente dello Snim Giuseppe Meo è fissato per LUNEDI 24 FEBBRAIO alle 11.00 nella sede della Presidenza della Regione Puglia, Lungomare Nazario Sauro, 31/33 a Bari.

IEG: A PESCARE SHOW L’IMPEGNO #PESCAREPLASTICFREE CONTRO L’INQUINAMENTO DA PLASTICA DELLE NOSTRE ACQUE

Il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group, in programma nel quartiere fieristico IEG di Vicenza da venerdì a domenica, sarà il volano delle iniziative contro l’inquinamento da plastica messe in campo dai principali player del settore. Un’area dedicata sarà teatro di incontri, convegni e installazioni sul tema dei rifiuti plastici e della salvaguardia delle acque.

www.pescareshow.it

Vicenza - Pescare Show chiama, industria e mondo dell’arte rispondono. Il Salone Internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group (IEG) diventa l’amplificatore delle iniziative di sostegno alla salvaguardia delle acque. Da venerdì 21 a domenica 23 febbraio 2020 nei padiglioni del Quartiere Fieristico di Vicenza la campagna di sensibilizzazione #PescarePlasticFree con incontri, convegni e installazioni sul tema.

#PESCAREPLASTICFREE. LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE

In Italia, ogni anno, dei 4 milioni di tonnellate di rifiuti prodotti, quasi circa mezzo milione viene disperso nell’ambiente (WWF Report 2019 «Fermiamo l’inquinamento da plastica. Italia: una guida pratica per uscire dalla crisi della plastica»). Nel Mar Mediterraneo nell’arco del 2016 sono state disperse 53mila tonnellate di plastica, delle quali l’80% terminerà il proprio viaggio sulle coste danneggiando sia l’ambiente che le specie ittiche che lo abitano. Per questo il salone di IEG ha lanciato l’iniziativa aperta “Pescare Plastic Free”, per dare risalto all’impegno per l’ambiente di aziende e associazioni. La campagna di sensibilizzazione si svilupperà in fiera attraverso un’area dedicata (Hall 7 – Stand 430) e una sezione informativa sul sito di manifestazione, aggiornata tutto l’anno con l’obiettivo di sensibilizzare la community della pesca e della nautica da diporto. I primi ad aderire sono stati il mondo dell’industria e quello dell’arte.

Suzuki Italia ha risposto all’appello di IEG portando a Pescare Show l’esperienza di Clean Sea Life, progetto europeo di sensibilizzazione sulla problematica dei rifiuti marini co-finanziato dal programma LIFE, che illustrerà sabato 22 febbraio dalle 13.30 alle 14.30 (Hall 7 – Fishing Arena). L’iniziativa mira promuovere un impegno attivo e costante per l’ecosistema, vede come capofila il Parco Nazionale dell’Asinara ed è promossa da CoNISMa, Fondazione Cetacea, Legambiente, MedSharks e MPNetwork. I visitatori potranno così unirsi alle oltre 16.000 persone, 2.000 studenti, 220 circoli nautici, di subacquea e pesca e 120 operatori turistici e balneari che hanno già fatto la propria “promessa al mare”, firmando il Manifesto di Clean Sea Life. Il brand giapponese, che guarda sempre più ad un business sostenibile e plastic free, presenterà inoltre “A pesca d’immondizia”, iniziativa promossa dall’associazione TLM Nautica Fishing Team di Fabio Storelli che vedrà tanti volontari unirsi ai dipendenti della filiale italiana di Suzuki per raccogliere immondizie dalle spiagge e dai fondali marini di Santa Margherita Ligure il prossimo 8 marzo.

L’INSTALLAZIONE ARTISTICA REALIZZATA CON PLASTICHE DI RIFIUTO

Approda nell’area Pescare Plastic Free di Pescare Show anche il fragile territorio della laguna di Venezia con “La scena del crimine”, installazione artistica galleggiante realizzata con plastiche di rifiuto raccolte in mare per il progetto “Laguna pulita” dell’Associazione Pesca Sportiva in Mare “Peschiamo Insieme” di Chioggia (Ve). L’opera raffigurante una sagoma umana è stata realizzata dagli artisti Sandro Varagnolo, Emilio Pregnolato e Roberto Doria e già esposta per 6 mesi davanti a Palazzo Goldoni a Chioggia.

I CONVEGNI SULLA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE

L’iniziativa di sensibilizzazione di Pescare Show sarà portata avanti anche da una serie di convegni sulla salvaguardia delle acque. Nella Fishing Arena (Hall 7) il dibattito “Lo stato dei popolamenti ittici nelle acque del Veneto” (sabato 22 dalle 14.30 alle 16) e il convegno “Opportunità di sviluppo del turismo ittico nel territorio Veneto” (domenica 23 dalle 14.30 alle 16), entrambi a cura della Regione Veneto, e l’incontro “La governance dei fiumi, minacce ambientali e soluzioni ecosistemiche” organizzato dall’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica n. 8 Belluno, assieme a Italia Nostra Onlus tv, l’Associazione Free Rivers, Natis Natura e Civis (Domenica 23, dalle 10 alle 11).

IEG: AL VIA DOMANI PESCARE SHOW, IN MOSTRA IL MONDO DELLA PESCA SPORTIVA E DELLA NAUTICA DA DIPORTO CHE APPASSIONA OLTRE 1,25 MILIONI DI ITALIANI E VALE 350 MILIONI DI EURO

Si apre domani in fiera a Vicenza il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group. Fino a domenica 23 febbraio tutte le ultime novità dai brand, eventi, presentazioni e premiazioni per una tre giorni di puro coinvolgimento. Focus su salvaguardia dell’ambiente e delle acque con l’Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Veneto Giuseppe Pan, Il presidente Fipsas Ugo Claudio Matteoli e il progetto #Pescareplasticfree.

www.pescareshow.it

Vicenza– Inizia il conto alla rovescia per l’appuntamento con Pescare Show 2020, il Salone Internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group (IEG) in scena nel quartiere fieristico di Vicenza da domani 21 fino a domenica 23 febbraio.

La 21ª edizione è l’occasione per conoscere nei quattro padiglioni fieristici del capoluogo berico tutte le novità del settore: dagli strumenti di pesca alle imbarcazioni da diporto, ai dati più aggiornati sulle popolazioni ittiche delle nostre acque. Non solo. Vetrina di un settore che in Italia coinvolge oltre 1,25 milioni di praticanti per un giro d’affari di circa 350 milioni di euro (dati AC Nielsen), Pescare Show è sempre più un evento esperienziale per vivere appieno la propria passione, grazie al ricco programma di eventi, dimostrazioni e momenti di confronto tecnico e sportivo, oltre ad approfondimenti su tematiche quali la tutela e la conservazione dell’ambiente con le istituzioni più autorevoli, quali Regione Veneto e FIPSAS – Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subqcauee. Inoltre è l’occasione ideale per i neofiti di tutte le età per avvicinarsi al mondo della pesca sportiva, incontrando in fiera le scuole più rinomate, le principali associazioni nazionali e internazionali e le aziende leader di settore.

Il Salone Internazionale di IEG con cui si inaugura la stagione della pesca, infatti, da oltre 20 anni è l’appuntamento preferito dalla community degli sportivi e degli appassionati per incontrare il top di gamma per ogni specialità. Presenti i maggiori produttori, gli importatori e i rivenditori italiani ed esteri affiancati da artigiani impegnati in creazioni uniche, che scelgono questa vetrina di riferimento internazionale per presentare i propri prodotti e per la sua capacità di richiamare visitatori dall’Italia e anche dall’estero.

Fitta l’agenda di eventi dedicati agli sportivi. Nella Fishing Arena (Hall 7), FIPSAS presenta il Mondiale per Nazioni di Pesca al Colpo 2020 che si terrà a Peschiera del Garda e il Campionato italiano assoluto di drifting per equipaggi di scena invece a Pescara. FLW Italy presenta il Campionato italiano Bass Fishing 2020 mentre Italy Bass premia i vincitori dell’Italy Bass Nation Championship 2019. Ogni giorno dimostrazioni tecniche degli esperti della Fishing League Worldwide e ancora presentazioni, dimostrazioni, prove di lancio e stage con i Pro Staff delle aziende. I visitatori possono cimentarsi anche nella scuola di lancio aperta a grandi e piccoli del “Fly Fishing: i bambini sono attesi sabato e domenica dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00. E con la promo speciale le mamme che accompagnano la famiglia entrano gratis.

Torna a grande richiesta lo spettacolare Acquademo (Hall 7), l’acquario mobile più grande d’Europa. Con i suoi 14 metri di lunghezza e una capacità di 22.400 litri, è teatro di stage di spinning con i Pro Staff e dimostrazioni di lancio dove imparare tutti i segreti direttamente dagli atleti della Nazionale FIPSAS di Flycasting e di molti atleti dell’Italian Flycasting Team. La Hall 1 è invece il paradiso per gli amanti della pesca a mosca dove incontrare i venti migliori costruttori italiani e stranieri di mosche artificiali nell’area attrezzata Fly Tying Experience e assistere, anche lì, a prove di lancio nelle due Casting Pool allestite per l’occasione. Agli appassionati del Fly Fishing è dedicato un corso gratuito pensato sia per principianti che per pescatori più esperti, organizzato in collaborazione con la SIM Scuola italiana di pesca a mosca. Nella Pescare Shopping Area, lungo le Hall 1 e2, la possibilità di testare il meglio delle attrezzature, degli accessori e dell’abbigliamento tecnico per la pesca, mentre il Boating Show della Hall 6 e 7 offrono le ultime novità in fatto di imbarcazioni, motori, componentistica ed elettronica e corsi di aggiornamento presso gli stand dei top brand della nautica da diporto.

Il focus sull’ambiente si apre domani, tra gli altri, con Suzuki Italia e Legambiente che presentano nella Fishing Arena “Clean Sea Life”, progetto europeo di sensibilizzazione sui rifiuti marini co-finanziato dal programma europeo LIFE. L’evento è promosso all’interno di “Pescare Plastic Free”, iniziativa che testimonia quest’anno l’impegno di Pescare Show per la salvaguardia delle acque dall’inquinamento da plastica. Nel pomeriggio, invece, il convegno “Lo stato dei popolamenti ittici nelle acque del Veneto” organizzato dalla Regione del Veneto, con la presenza dell’Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca Giuseppe Pan. Domenica 23 febbraio spazio a temi quali “La governance dei fiumi, minacce ambientali e soluzioni ecosistemiche”, “Pesca sportiva e ricreativa in mare: linee guida per una nuova legge” con il Presidente FIPSAS Ugo Claudio Matteoli.

Attenzione anche alle prospettive di sviluppo del turismo alieutico con l’incontro della Regione Veneto su “Opportunità di sviluppo del turismo ittico nel territorio Veneto” e con l’area dedicata della Hall 1, arricchita dopo il grande successo del 2019 con le migliori offerte delle agenzie turistiche specializzate in proposte di viaggio, destinazioni ed itinerari di pesca, in Italia e nel mondo.

Nella Hall 2 si rinnova l’appuntamento con la Mostra-mercato dedicata alle Antiche Attrezzature da Pesca realizzata in collaborazione con Antipes, Associazione nazionale collezionisti antiche attrezzature da pesca: vero e proprio viaggio nella memoria per ripercorrere la storia di questa disciplina sportiva attraverso rarità e curiosità dal mondo.

L’acqua è fonte di nutrimento, e a Pescare Show si impara anche a valorizzare il cibo con Fishing Academy & Cuisine, la prima e unica scuola di pesca e cucina in alto mare d’Italia. Nata da un’idea dello chef padovano Andrea Bottacin, offre un saporito programma di showcooking e degustazioni, dall’acqua alla pentola, assieme agli “chef del mare” Antonio Stabellini, formatosi con Gualtiero Marchesi, Elisa Nalotto, dell’Osteria L’Anfora di Padova e Rosaria Romano.

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab