peyrani

Al porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici inaugurata la nuova self area

ROSIGNANO – Al Porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici è stata appena inaugurata la nuova self area, ubicata al piano terra del Borgo Commerciale e aperta h24. Nella nuova self area, climatizzata, è presente un’area lavanderia, con lavatrice e asciugatrice, un’area attesa, un’area self service con distributori automatici di caffè e bevande calde, snack e bevande fredde, e prodotti di parafarmacia. Presente, inoltre, un banco caffè e piano di appoggio per la biancheria con sgabelli e una saletta break con tavolino e poltrone.

Con la nuova self area al Porto Cala de’ Medici fare il bucato sarà tutta un’altra storia. I Soci e utenti del Porto, infatti, potranno attendere che il loro bucato sia pronto in un ambiente bello e confortevole, dotato di tutti i comfort.

«L’allestimento della nuova self area rientra nel progetto del Porto turistico Marina Cala de’ Medici di essere il Porto dell’eccellenza, di offrire, cioè, sempre maggior servizi e sempre più di qualità – commenta Matteo Italo Ratti, Direttore e AD della struttura – In Porto, infatti, era già presente una lavanderia, ma si è voluto fare di più, creare uno spazio in grado di fornire un servizio h24, in cui Soci ed utenti possano sentirsi coccolati anche in un momento che abitualmente è avvertito più come una spiacevole incombenza che come un piacere».

«Adesso – conclude Ratti – chiunque arriverà via terra o con la propria imbarcazione a qualsiasi orario, potrà prendersi un caffè, comprare dell’acqua o procurarsi dei parafarmaci senza la necessità di dover uscire dal Porto».

La Marina Cala Galera festeggia il prolungamento di 30 anni della concessione

CALA GALERA – Per celebrare il prolungamento di 30 anni (fino al 2050) della concessione demaniale per la gestione del porto turistico di Cala Galera, sabato 29 luglio la Marina festeggerà con la cittadinanza dell’Argentario la firma dell’atto.Un traguardo che si arricchisce con un piano di investimenti da 15 milioni di euro per continuare l’opera di ammodernamento della struttura a favore della comunità e del territorio: verranno infatti realizzate una serie di opere all’interno della struttura portuale che garantiranno una migliore fruibilità dei servizi ed eleveranno ulteriormente gli standard ambientali.

Saranno inoltre eseguiti alcuni interventi all’esterno della Marina nel rispetto del Piano regolatore portuale come il parcheggio, il punto di ormeggio sul fosso boccadoro per la nautica sociale, la riqualificazione ambientale della baia di Poggio Pertuso e una passeggiata panoramica lungo-costa che collegherà Cala Galera sia con Porto Ercole che con la spiaggia della Feniglia.

“Il progetto di investimenti che abbiamo approvato permetterà di riqualificare interamente il porto e consentirà alla Marina Cala Galera di diventare ancora di più un punto di riferimento non solo del turismo nazionale ma anche internazionale”, ha dichiarato il Presidente Cesare d’Amico. “L’obiettivo primario è quello di integrare sempre meglio la Marina nel paesaggio circostante, sia con opere di ingegneria ambientale, sia creando sinergie con organizzazioni circostanti. Tutto questo è possibile grazie alla solida struttura patrimoniale di cui gode la Marina e dal puntuale contributo di tutti i soci”.

Sin dall’inizio l’impegno dell’ente concessionario è stato molto importante: solo con 10 milioni di euro investiti negli ultimi 9 anni è stato avviato un processo di rinnovamento continuo nel tempo, che ha coinvolto ogni settore della vita del porto, da quello infrastrutturale a quello dei servizi, aumentandone notevolmente la qualità dell’offerta e garantendo posti di lavoro sul territorio.Cala Galera richiama infatti nel periodo estivo fino a 350.000 presenze turistiche: in termini economici, l’indotto è stimato in circa 40 milioni di euro all’anno, di cui 15 per la cantieristica nautica locale e 24 per i servizi turistici, grazie anche ai molteplici eventi e manifestazioni che vengono organizzati nel corso dell’anno.

Il porto di Cala Galera è attrezzato con i più moderni servizi e può ospitare 670 imbarcazioni da diporto dai 6 ai 50 metri di lunghezza. Le banchine sono lunghe 635 metri e dotate di 12 pontili (di cui uno galleggiante), oltre a servizi connessi quali cantieristica navale, rimessaggio, accessori ed equipaggi. Il porto impiega 30 persone, mentre le attività correlate generano un indotto occupazionale di circa 500.

Nel corso della serata di sabato 29 luglio, aperta a tutta la comunità dell’Argentario e della zona, interverranno il Sindaco del Comune di Monte Argentario, Arturo Cerulli, il Presidente della Marina Cala Galera, Cesare d’Amico, il Consigliere regionale della Toscana, Leonardo Marras e il Presidente del Circolo Nautico e della Vela Argentario, Claudio Boccia.

Il 10 e 11 luglio i motoscafi Riva fanno tappa al Porto turistico Marina Cala de’ Medici

ROSIGNANO – Nei giorni 10 e 11 luglio faranno tappa presso il Porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici i 12 bellissimi motoscafi Riva. I Riva arriveranno in Porto intorno alle ore 14.00 di lunedì e saranno visibili lungo la banchina Alfa fino al giorno seguente. Martedì, alle ore 11.00, parata in Porto.

I motoscafi Riva faranno tappa in Porto in occasione del Riva Days Crociera Turchese, crociera che toccherà varie località e strutture portuali della costa ligure e toscana, da La Spezia fino a Scarlino e Punta Ala. La manifestazione è organizzata dalla Riva Historical Society, fondata nel 1998 come società non profit dall’architetto Piero Maria Gibellini (già biografo di Carlo Riva ed ideatore nel 1996 del Registro Storico Riva), con l’ingegnere Carlo Riva, insieme ad un gruppo di amici, estimatori della figura leggendaria dell’ingegnere.

Uno degli scopi principali dell’associazione è quello di incentivare la conservazione di imbarcazioni disegnate e\o costruite da Carlo Riva o, più in generale, appartenenti al suo mondo, nonché del patrimonio tecnico e culturale da esse rappresentato nella cultura nautica. Un ulteriore scopo di RHS è quello di tutelare il marchio “Riva Days” – voluto da Carlo Riva per le manifestazioni più importanti di Riva d’Epoca e Classici – e, nell’ambito delle manifestazioni, promuovere anche competizioni agonistiche, seppure nel rispetto dell’anzianità delle barche.

Alla fine del 2016 i soci RHS erano più di 700. Le nazioni di appartenenza dei soci sono 30 nei 5 continenti, per cui è possibile affermare che ad oggi RHS, tra le associazioni di barche d’epoca, è l’unica veramente internazionale. Nel 2004 l’Aquarama è stato classificato dalla rivista inglese Motor Boat and Yachting la numero 1 fra le 100 migliori barche mai costruite (le foto pubblicate, di Keith Pritchard, sono state scattate nel corso di questi raduni).

Per l’occasione arriveranno a Cala de’ Medici i modelli: Riva Ariston (uno del 1961 e uno del 1967), Riva Olympic (1971), Riva Sport Fisherman (1971), Riva Super Aquarama (uno del 1964 e uno del 1970), Riva Aquarama Special (1972), Riva Scoiattolo (1955), Riva Aquarama (1966), Riva Florida (1958), Riva Super Florida (1961) e J.A. Silver Ltd. (un 24 mt del 1947).

Marina Cala de’ Medici: domenica battuto il record di ingressi

ROSIGNANO – Marina Cala de’ Medici è sempre più crocevia. Questa domenica al Porto turistico di Rosignano è stato battuto, infatti, il record di ingressi. Ad entrare in Porto in un’unica giornata sono state ben 200 le imbarcazioni, con un forte vento di Maestrale che ha reso più complicate le operazioni di assistenza all’ormeggio: per praticamente tutti gli ormeggi è stato necessario l’intervento del gommone, in aggiunta all’uomo in banchina che normalmente assiste le imbarcazioni.

Le imbarcazioni in ingresso in una giornata “tipo” di alta stagione come questa si aggirano attorno alle 80 unità giornaliere, mentre il precedente record si attestava sulle 170. Questa domenica, quindi, il flusso di imbarcazioni in ingresso è stato praticamente doppio rispetto a quello usuale, superando anche il numero record di 170 rimasto imbattuto per anni. Si ricorda che ha Marina Cala de’ Medici ha 650 posti barca per imbarcazioni da 8 a 36 metri.

Sei gli ormeggiatori, compreso il Nostromo, presenti domenica in banchina, che hanno fornito pronta assistenza alle imbarcazioni, gestendo in maniera ottimale e con grande professionalità la situazione. Marina Cala de’ Medici ha, inoltre, una torre di controllo con sala radio che ha gestito e gestisce abitualmente il traffico in entrata e in uscita, la quale tiene anche evidenza dei dati numerici sugli ingressi. Altro dato importante: dal 2013 ad oggi la struttura ha quasi raddoppiato il personale impiegato, raggiungendo con l’indotto oltre 100 posti di lavoro.

La Rete FVG Marinas Network: 19 Marina nel Friuli Venezia Giulia

TRIESTE – La Rete FVG Marinas Network, costituita a giugno 2016, comprende i 19 principali Marina della regione Friuli Venezia Giulia ed è in grado di offrire al diportista circa 7000 posti barca dai 6 ai 100 metri di lunghezza, in un ambiente estremamente vario, meta turistica d’eccellenza: dalle rinomate spiagge, alla suggestiva costa a strapiombo, alle lagune navigabili, tutto arricchito da un’offerta culturale ed eno-gastronomica d’eccellenza, senza scordare la dimensione sportiva.

La stagione 2017 si annuncia carica di eventi, con i massimi campionati di vela agonistica organizzati in Regione –il Campionato Italiano ORC dal 20 al 24 giugno presso il Marina Hannibal e il Campionato Mondiale ORC dal 30 giugno all’8 luglio presso Porto San Rocco- ma anche di interessanti iniziative di svago all’interno dei Marina della Rete.

Lo standard qualitativo dei 19 Marina membri della Rete è estremamente elevato, ben sei sono Marina Resort secondo l’impegnativa legge regionale, molti hanno servizi cantieristici d’eccellenza, utilizzati anche da alcuni cantieri navali italiani e stranieri come centroassistenza.

I servizi al diportista sono adeguati ad uno standard che fa della ricerca dell’eccellenza un punto irrinunciabile: a disposizione degli ospiti lavanderie e servizi igienici, sale relax, bar, ristoranti -alcuni segnalati nelle principali guide gastronomiche- piscine, palestre, hotels o appartamenti sia all’interno che nelle immediate vicinanze, in Marina di diverse dimensioni, attrezzati per accogliere al meglio la clientela, con facilitazioni per gli alaggi e vari e comodi ormeggi, adatti sia per grandi yacht che per piccole imbarcazioni.

A garantire ulteriormente la qualità per chi sceglie gli ormeggi e i servizi dei Marina della Rete, sono arrivati anche quest’anno i prestigiosi riconoscimenti della Bandiera Blu F.E.E., che in Friuli Venezia Giulia ha visto premiare oltre alle spiagge, anche numerosi approdi turistici: il Marina Hannibal di Monfalcone, Dry Marina Aprilia Marittima 2000 e Marina Punta Gabbiani ad Aprilia Marittima, Marina Sant’Andrea a San Giorgio di Nogaro, Darsena Porto Vecchio, Marina Uno, Marina Punta Verde e Marina Punta Faro a Lignano Sabbiadoro.

“A Lignano Sabbiadoro e nel suo comprensorio c’è la più alta concentrazione di Bandiere Blu F.E.E. del mondo: 7 alle marine e 1 alla spiaggia! Siamo molto soddisfatti di questo riconoscimento arrivato anche ad Aprilia Marittima, Monfalcone e San Giorgio di Nogaro” Dichiara Giorgio Ardito, uno degli amministratori della Rete FVG Marinas “La qualità dell’acqua, il risparmio energetico, le politiche ambientali, la gamma e il livello dei servizi resi ai diportisti e ai bagnanti sono alcuni dei parametri utilizzati dalla F.E.E. per l’assegnazione di questo vessillo. Siamo fieri di dire che la qualità, l’impegno e la sensibilità ambientale sono una priorità per la nostra Rete, che perseguiamo con attenzione e rispetto per il cliente”.

Portare la propria imbarcazione in uno dei Marina della Rete, permette di scoprire un territorio di grande fascino, dalle foci del Tagliamento a Muggia:
- Lignano Sabbiadoro, Aprilia Marittima e fiume Stella: Porto Turistico Marina Uno, Marina Punta Faro, Marina Punta Gabbiani, Marina Punta Verde, Darsena Porto Vecchio, Dry Marina Aprilia Marittima 2000, Marina Stella;
- San Giorgio di Nogaro e laguna di Marano: Portomaran, Marina Sant’Andrea, Cantieri Marina San Giorgio, Marina Planais;
- Grado: Darsena San Marco, Marina Primero, Porto San Vito;
- Monfalcone: Marina Hannibal e Marina Lepanto;
- Trieste e costa triestina: Marina Portopiccolo, Porto San Rocco, Marina San Giusto.

Protocollo d’intesa per un salone d’eccellenza al Versilia Yachting Rendez-vous a Viareggio

VIAREGGIO – È stato siglato questa mattina il protocollo d’intesa di tre anni tra Regione Toscana, Comune di Viareggio e Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità per la realizzazione di un salone d’eccellenza. Ammonta a 400mila euro, invece, il supporto da parte di Regione Toscana dedicato alla prima edizione del Versilia Yachting Rendez-vous, il nuovo appuntamento internazionale dedicato alla nautica dell’alto di gamma, in scena a Viareggio da oggi fino a domenica.

L’annuncio è stato dato oggi dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’esposizione nautica. “Abbiamo firmato un’intesa triennale con il Comune di Viareggio per far diventare questa fiera la prima al mondo – ha dichiarato Rossi. Mi auguro che il Versilia Yachting Rendez-vous aiuti soprattutto il settore produttivo e turistico territoriale. Ringrazio infine gli organizzatori che hanno pensato e realizzato questa manifestazione in così poco tempo”.

Grande soddisfazione per l’accordo raggiunto anche da parte del sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro. “Un protocollo triennale fondamentale per la nostra città e per la nostra industria – ha dichiarato il primo cittadino a margine del taglio del nastro – oggi inauguriamo una manifestazione importantissima per Viareggio e soprattutto per l’artigianalità che ci appartiene e che ci lega alla nautica d’eccellenza. Per realizzare un’imbarcazione occorrono settanta diverse professionalità, tra artigiani e piccoli imprenditori, tutte espresse nella darsena viareggina”.

Anche per Lamberto Tacoli, presidente di Nautica Italiana, il Versilia Yachting Rendez-Vous rappresenta la vetrina ideale per dare la giusta importanza a un settore produttivo strategico per l’intero Paese. “Nonostante anni di crisi e di carenza legislativa nel comparto nautico siamo ancora leader mondiali sulla produzione di imbarcazioni sopra i 24 metri, sulla gommonautica e sull’accessoristica. La nautica ha oggi quindicimila addetti diretti che diventano oltre centomila se contiamo anche l’occupazione indiretta. L’Italia deve diventare sempre più attrattiva per la tante imbarcazioni che vogliono avvicinarsi alle nostre coste e il Versilia Yachting Rendez-vous rappresenta la giusta occasione di rilancio”.

“Questa mattina – ha dichiarato Vincenzo Poerio, presidente del Distretto Tecnologico della Nautica e della Portualità – abbiamo firmato un protocollo con Regione Toscana e Comune di Viareggio che apre una fase decisamente interessante per il distretto nautico di Viareggio e dell’intero comparto in Toscana. I segnali positivi di ripresa della produzione, abbinati ad un progetto di lungo respiro internazionale, permettono ad un settore fondamentale per questa regione di proseguire sulla strada imboccata, grazie anche a questo evento dedicato alla nautica d’eccellenza”.

Assonat: assemblea a Cala Galera

CALA GALERA – Venerdì 5 maggio 2017, presso il Marina Cala Galera, si è tenuta l’Assemblea dell’Assonat – Associazione Nazionale Approdi e Porti Turistici di Confcommercio – Confturismo, che ha visto la partecipazione di numerosi associati provenienti da diverse Regioni d’Italia.La seduta si è aperta con i saluti del Presidente del Marina Dott. Cesare d’Amico, che ha ringraziato l’Associazione per aver accettato l’invito e per la sua attività a sostegno della categoria. A seguire è stato consegnato un riconoscimento per l’impegno profuso in questi anni al Vice Presidente Arch. Gianfranco Sigismondi.

Per il rinnovo delle cariche sociali è stato confermato per acclamazione Presidente l’Avv. Luciano Serra per il triennio 2017-2020 e quali Consiglieri sono stati eletti Daniele Cossu, Michela Fucile, Antonello Gadau, Andrea Marozza, Eugenio Michelino, Giacomo Pileri, Bruno Santori e Angelo Siclari.

“La fiducia dimostrata con questa riconferma – ha commentato Serra – è uno stimolo ulteriore per proseguire il lavoro di squadra che vede il nuovo Consiglio all’insegna della continuità, a dimostrazione della forza e del dinamismo dell’Associazione.

La linea principale che perseguiremo sarà da un lato quella del dialogo e della più ampia collaborazione con le istituzioni per sostenere quelle azioni necessarie su importanza e valore delle concessioni demaniali ad uso di diporto nautico delle quali i marina sono un elemento rilevante per la “crescita” del settore dell’economia del mare, che, come dimostrato anche con la stabilizzazione dell’IVA al 10% per i “Marina Resort”, offre importanti ricadute in termini di valore aggiunto (occupazione e turismo) e dall’altro di continuare quel percorso di valorizzazione dell’attività della portualità turistica in tutte le sue componenti di filiera, dalla qualità dei servizi alla sicurezza alla professionalità e al rispetto dell’ambiente”.

Porto Lotti al Versilia Yachting Rendez Vous

LA SPEZIA – E’ uno dei pochi porti italiani capace di offrire ormeggio e servizi adeguati a superyacht fra i 60 e gli 80 metri di lunghezza, otre a un posto transito che ospita unità fino a 180 metri; questa rinnovata condizione di Porto Lotti è la conseguenza del completamento della nuova banchina che proietta il porto ligure nel gotha delle marine più importanti del mediterraneo.

Concluso da poco alla Spezia, il Porto Lotti Superyachts Captains’ Day, un importante meeting a tema metereologico che ha riunito 50 fra comandanti e addetti ai lavori, arriva la partecipazione al Versilia Yachting Rendez Vous nel padiglione delle marine della liguria.

Porto Lotti, membro fin dagli inizi di Nautica Italiana, ha intrapreso una importante attività di marketing a livello internazionale per promuovere la nuova disponibilità di ormeggi attraverso una stretta collaborazione con primarie società che operano nel booking e nella vendita di posti barca, oltre ad attività di servizi e gestione imbarcazioni charter.

Marina Cala de’ Medici: vincitrice del bando per una colonnina intelligente

ROSIGNANO – Presentati stamani al Comune di Rosignano Marittimo i 3 progetti vincitoriIl Porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici è fra le aziende che hanno presentato progetti di insediamento produttivo a Rosignano Marittimo, nell’ambito del bando regionale sui Protocolli di insediamento, e che hanno ottenuto il finanziamento per l’intero importo richiesto.

Presentato stamani in conferenza stampa, presso la sede del Castello del Comune di Rosignano Marittimo, il suo progetto, assieme a quelli delle altre aziende vincitrici, alla presenza del Sindaco di Rosignano Marittimo Alessandro Franchi, dell’Assessora al lavoro e formazione professionale della Regione Toscana Cristina Grieco, del Consigliere per il lavoro del Presidente della Regione Toscana Gianfranco Simoncini ed ai rappresentanti delle imprese.

«Marina Cala de’ Medici si è imbarcata in questo progetto di rilancio industriale perché i nostri Soci chiedono di avere il maggior servizio ad un costo sostenibile – ha affermato l’AD e Direttore portuale di Cala de’ Medici Matteo Italo Ratti – La nostra è una società che si trova a dover rispondere a queste esigenze in un contesto che è comunque quello territoriale. La linea che abbiamo scelto è quella di qualificare Marina Cala de’ Medici non come un semplice “posteggio” di imbarcazioni, ma come un Marina Resort».«Il progetto fa parte di un percorso più ampio – ha puntualizzato Ratti – riteniamo sia imprescindibile esser precisi nel capire quali sono i costi davvero sostenibili. Ciò che dobbiamo fare è rendere più smart il Porto.

Per noi metterci in gioco in un progetto industriale significa parteciparvi con la nostra esperienza nella gestione di una struttura portuale, creando un prodotto che risponda ad esigenze concrete, che possa nascere da qui, ma anche essere duplicato ed allargato, mediante un protocollo, arrivando fino ai produttori di imbarcazioni, per poi, in un futuro non troppo lontano, essere esportato all’estero. L’obiettivo è quello di creare un’interconnessione diretta in primis fra Porto e utente, ma non solo, anche fra utente e imbarcazione», ha concluso l’AD e Direttore portuale del Marina.

«Caen, Cala de’ Medici e Net7 si sono unite per realizzare un progetto che parte da un dato – ha affermato Pietro Angelini, coordinatore del Distretto Nautica Toscana e Direttore di Navigo – la nautica sta ripartendo. Perché Cala de’ Medici? Perché Cala de’ Medici ha dato inizio ad un’operazione importante: il Marina come un hotel di lusso, il che prevede una expertise importante. L’obiettivo è il Porto 4.0. Rosignano e Cala de’ Medici diventano così una culla sperimentale non solo toscana, ma italiana, attraverso la realizzazione di un prodotto vero che potremo internazionalizzare», ha concluso Angelini.

Marina Cala de’ Medici hub di ricerca della comunicazione 2.0

ROSIGNANO – Il 5 maggio, a partire dalle ore 10.30, presso la sala “Mistral” del Porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici, si terrà un incontro aperto alla cittadinanza e a tutti gli operatori del settore ricettivo dal titolo “Territorio e futuro: la riscoperta della narrazione”, sul tema del come adeguare le tecniche di narrazione per promuovere la bellezza del nostro territorio e rilanciare il turismo sfruttando i moderni mezzi di comunicazione e gli ambienti digitali che oramai fanno sempre più parte della nostra vita. Il Porto diventa così hub di ricerca della comunicazione 2.0 e punto di incontro per tutti quegli operatori del settore ricettivo interessati ad approcciarsi, o ad approfondire, l’utilizzo del marketing e del web marketing per promuovere le proprie attività.

«Cala de’ Medici, da sempre, punta ad essere una porta aperta sul territorio – commenta la Direzione Portuale – siamo felici di ospitare quest’incontro e speriamo in una folta partecipazione, dal momento che riteniamo che il sistema dell’accoglienza e le infrastrutture debbano per forza di cose “stare al passo coi tempi” per poter essere competitive. La Toscana, in generale, e la nostra costa e l’entroterra possiedono indubbiamente delle bellezze e potenzialità che pochi altri territori hanno la fortuna di possedere, ma non dobbiamo mai dimenticare l’importanza di comunicare in maniera efficace e attraverso i linguaggi e i canali giusti, quelli del futuro, ciò che abbiamo», conclude la Direzione.

Sono queste alcune delle tematiche che verranno trattate nel corso dell’incontro, in cui verrà, inoltre, presentato il libro di Emilio Casalini “Rifondata sulla bellezza”, recente riedizione cartacea del fortunato omonimo e-book. A dare il benvenuto ai partecipanti e ad aprire l’incontro sarà l’AD e Direttore Portuale del Cala de’ Medici Matteo Italo Ratti. Interverranno, oltre all’autore – fotogiornalista RAI, collaboratore di “Report” e del “Corsera”, vincitore, nel 2012, del premio giornalistico televisivo “Ilaria Alpi” con il reportage “Spazzatour” – Giuseppe Mondì, il più seguito fotografo su Instagram del momento, appassionato di temi legati al territorio, Sabrina Busato, Presidente delle Federazione Europea Itinerari Storici Culturali e Turistici, Stefania Pigoni, Food blogger toscana e membro del Direttivo Associazione Italiana Food Blogger, e Paolo Franchini, uno dei fondatori di “Outdoor Sports Festival”. Moderatore Marco Maltinti, pianista, fotografo, che da sempre per passione si occupa di web marketing e comunicazione e che, in questi ultimi anni, si è dedicato al marketing territoriale.

Questo, nelle intenzioni della Direzione Portuale, sarà soltanto il primo incontro in cui gli operatori del settore avranno l’opportunità di venire in contatto con aziende ed esperti di marketing 2.0. L’incontro è patrocinato, fra gli altri, da Confindustria Livorno e Massa Carrara.

Questo il programma dell’incontro nel dettaglio:10:30 Benvenuto – Apre l’incontro l’AD e Direttore Portuale di Marina Cala de’ Medici Matteo Italio Ratti; 10:45 Apertura del confronto“L‘accoglienza” come base per la valorizzazione di un territorio“Il prodotto turistico” tra storia, cultura, sport, colline e mare“La narrazione e la condivisione” come dobbiamo raccontare il nostro territorio? “Terrotorio, esperienza turistica e social network” quali strumenti usare e come; 12:30 Chiusura del confronto e saluti.

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab