Marina Cala de’ Medici si conferma per il terzo anno consecutivo Porto d’eccellenza

ROSIGNANO – Il Porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici si conferma per il terzo anno consecutivo Porto d’eccellenza. Ratificata, infatti, nel corso dell’ultimo audit avvenuto il 1 agosto, l’attestazione di MaRINA Excellence, nonché i riconoscimenti 24 Plus e 50 Gold.

In particolare, il prestigioso riconoscimento 50 Gold, ottenuto per la prima volta l’anno scorso, identifica il Cala de’ Medici quale Porto ideale per ospitare imbarcazioni sopra i 50 metri di lunghezza, in grado di fornire servizi di altissima qualità e di sopperire a tutte le esigenze che armatori, comandanti ed equipaggi di un’imbarcazione di questo genere possono avere. Oltre al riconoscimento 50 Gold, è dal 2016 che il Marina ha anche il riconoscimento 24 Plus.

Entrambi sono forniti dal RINA, gruppo multinazionale che eroga servizi di certificazione in molti settori, tra cui quello marittimo.Quella di MaRINA Excellence è un’attestazione di qualità dei servizi offerti, a fronte di una valutazione indipendente e oggettiva dei servizi portuali, dei servizi turistici e ricettivi e dell’impegno per la sostenibilità ambientale e la sicurezza. Il rating di valutazione ha validità triennale, in questo arco temporale, però, è possibile migliorare ulteriormente nelle varie aree di valutazione, fissando obiettivi sempre più ambiziosi e dimostrando il raggiungimento di questi ultimi in occasione degli audit periodici.

Marina Cala de’ Medici ha ottenuto questo risultato anche grazie agli eccellenti servizi che offre ai propri utenti (dal car sharing ecosostenibile che permette di noleggiare all’interno del Porto veicoli elettrici, al Service dedicato che fornisce servizi quali manutenzione ordinaria, pulizia trappe e controllo cime e parabordi, pulizie interne ed esterne delle imbarcazioni, lavori subacquei, assistenza elettrica e meccanica e servizio di coop drive, ma anche la modernissima self area, con zona lavanderia e distributori automatici). Chiunque approda a Cala de’ Medici, inoltre, può contare su personale altamente qualificato, dal momento che il Porto investe continuamente nell’arco di tutto l’anno sulle competenze e la professionalizzazione dei propri dipendenti.

“La conferma dell’attestazione di MaRINA Excellence e degli importantissimi riconoscimenti 24 Plus e 50 Gold”, commenta Matteo Italo Ratti, AD e Direttore di Cala de’ Medici, “è per noi fondamentale, perché ratifica il posizionamento del Cala de’ Medici al top del ranking delle strutture portuali in Italia e non solo, e ci permette di qualificarci in maniera oggettiva agli occhi dei nostri clienti. La certificazione qualitativa del servizio è, infatti, a mio avviso un tema fondamentale.

Nel mercato del turismo alberghiero è ormai di comune comprensione il significato delle stelle. Il rating serve per posizionarsi ed attrarre il tuo target DI clientela, cosa che se da un lato permette alla struttura di collocarsi sulla sua fascia di mercato bilanciando servizi e investimenti, dall’altro fa sì che la clientela trovi soddisfatte le proprie esigenze per la sua propensione alla spesa soggettiva”, conclude Ratti.

Confindustria, nuova sede della Delegazione di Rosignano–Cecina presso il Porto Marina Cala de’ Medici

ROSIGNANO – La delegazione di Rosignano – Cecina avrà una nuova sede presso la torre direzionale del Porto Marina Cala de’ Medici.“Sosteniamo da sempre la centralità dell’impresa per lo sviluppo del territorio.” – dichiara Alberto Ricci, presidente di Confindustria LI MS – “Il comprensorio di Rosignano-Cecina rappresenta un asset strategico per lo sviluppo economico di tutta la provincia. Questa nuova sede sarà luogo di incontro e confronto per gli imprenditori del territorio, che assicurerà un maggiore consolidamento per la rappresentanza a livello locale e regionale”.

Il sistema delle nostre aziende del comprensorio occupa nel complesso circa 2200 addetti, con realtà produttive che spaziano dalla chimica, all’informatica e numerose sono le imprese che operano nella cantieristica e nella nautica. Il funzionario referente del comprensorio di Rosignano-Cecina è Emanuele Bravin, responsabile anche della Delegazione di Piombino- Val di Cornia-Elba.

Continua il presidente Ricci: “Ringrazio in maniera particolare il Collega Matteo Italo Ratti, ad e direttore di Marina Cala de’ Medici e nostro presidente della sezione Nautica e Cantieristica, per la disponibilità e lo spirito di appartenenza per aver messo gentilmente a disposizione i locali del Porto per le attività della nostra Associazione”.“Per il porto è un onore ospitare la delegazione di Confindustria presso la nostra infrastruttura. Da sempre il porto ha cercato e sta cercando di aprirsi a quel territorio che apprezza il grande sforzo imprenditoriale e gestionale profuso al fine di far diventare il Cala de’ Medici un crocevia di un turismo di terra e di mare”, conclude Matteo Italo Ratti.

MARINA CALA DE’ MEDICI DAL 10 AL 13 MAGGIO AL VERSILIA YACHTING RENDEZ-VOUS

ROSIGNANO – Sono più di 170 le aziende espositrici che saranno presenti alla seconda edizione del Versilia Yachting Rendez-vous, l’appuntamento internazionale dedicato all’alto di gamma che andrà in scena a Viareggio dal 10 al 13 maggio. La manifestazione, presentata ieri a Milano all’interno degli studi di Radio Monte Carlo, ideata e fortemente voluta da Nautica Italiana, è organizzata da Fiera Milano in collaborazione con il Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana, il sostegno e il supporto di Regione Toscana e Comune di Viareggio ed ha come scopo quello di coinvolgere tutto il comparto e le associazioni di settore nazionali ed internazionali.

Sarà presente alla kermesse d’eccezione con un proprio stand anche Marina Cala de’ Medici, proprio in virtù della qualità della struttura e dei servizi rivolti alle unità di grandi dimensioni, “qualità che ci è stata riconosciuta la scorsa estate dal RINA SERVICES S.p.A. – ricorda Matteo Italo Ratti, AD e Direttore portuale del Cala de’ Medici – grazie all’ottenimento del prestigioso riconoscimento 50 Gold, che ci identifica quale Porto ideale per ospitare imbarcazioni sopra i 50 metri di lunghezza”.

“Fin dal suo esordio lo scorso anno, anche in quanto membro del Comitato di Presidenza di Nautica Italiana che ha ideato e fortemente voluto questa manifestazione, sono stato fra i sostenitori di questo salone toscano che riunisce gli operatori del made in Italy di eccellenza in una location altrettanto di eccellenza come la Toscana”, afferma Ratti.

Quella del Versilia Yachting Rendez-vous è un’esperienza espositiva unica nel suo genere, nata per valorizzare le potenzialità dell’industria nautica d’eccellenza italiana, il cui valore di produzione del 2017 ha superato i due miliardi di euro (fonte Deloitte), e che proprio in Toscana e in Versilia ha un forte insediamento e una consolidata tradizione, in cui progettualità, tecnologia e alta qualità artigianale si coniugano in un territorio riconosciuto nel mondo per la bellezza, l’arte, l’accoglienza e l’italian lifestyle.
Basti pensare che nel quinquennio 2013-2017 la cantieristica italiana si è confermata leader mondiale nel segmento dei grandi yacht, con un numero di consegne di imbarcazioni di lunghezza oltre i 30 metri pari a 288 unità, seguita dall’Olanda (98 unità) e dal Regno Unito (64 unità). In particolare, sulle circa 400 imbarcazioni di oltre 50 metri che compongono la flotta mondiale, 100 sono state costruite da cantieri con sede a Viareggio (ovvero il 25% della produzione mondiale).

Nella darsena Italia e nella darsena Europa di Viareggio, in uno specchio d’acqua di quasi 50 mila metri quadrati, ci saranno dunque un centinaio di magnifiche imbarcazioni con una lunghezza media stimata di oltre 30 metri.“Dopo il miracolo della prima edizione del VYR dove, insieme a Fiera Milano, abbiamo organizzato un nuovo salone di richiamo internazionale in poco più di un mese, siamo molto soddisfatti di come si stia sviluppando la sua seconda edizione”, dichiara Lamberto Tacoli, Presidente di Nautica Italiana. “Un entusiasmo condiviso sia dai nostri soci che da tutti gli espositori, sintomo di un mercato vivace in netta ripresa con numeri che parlano chiaro. Il 2016, infatti, ha registrato un fatturato globale per il settore nautico italiano di 3.4 miliardi di euro. Un incremento sensibile, specie se rapportato ai 2.4 del 2013”.

Molte le novità di questa seconda edizione, come la zona dedicata agli amanti delle quattro ruote, dove saranno esposti modelli esclusivi provenienti dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese. Saranno due, invece, gli ingressi che porteranno i visitatori alle darsene, posizionati entrambi a Nord sul Lungo Canale Palombari dell’Artiglio. Lo stand di Marina Cala de’ Medici si troverà lungo la darsena Italia.Molte le novità del VYR anche nel programma degli eventi. Questa edizione, che coinvolgerà l’intera Versilia, avrà un unico filo conduttore che celebrerà il connubio tra Nautica, Arte, Design, Fashion e Food.

Si comincerà giovedì 10 maggio con un party esclusivo riservato agli espositori che si svolgerà nella club house dell’Augustus Hotel & Resort di Forte dei Marmi. Venerdì 11 maggio sarà la serata dell’happy hour firmato VYR: lungo le darsene e nelle vie limitrofe di Viareggio espositori, visitatori e residenti saranno coinvolti in una festa a cielo aperto, animata dal djset a cura di Radio Monte Carlo. Infine sabato 12 maggio sarà la giornata dedicata all’Arte. In collaborazione con il Comune di Pietrasanta si darà vita ad un percorso artistico, culturale e conviviale nella magnifica cornice della Versilia.

FVG Marinas Network in Fiera a Budapest e Tulln

BUDAPEST – Continua l’impegno nella promozione della Rete FVG Marinas sostenuta da Promoturismo FVG, che nel 2018 ha programmato la partecipazione a ben quattro fiere di settore nautico, tre delle quali all’estero.

Dopo Duesseldorf e Padova, dal 22 al 25 febbraio Rete FVG Marinas sarà presente per la prima volta alla Budapest Boat Show presso il padiglione F stand 202 A, cui seguirà dall’1 al 4 marzo Boot Tulln, importante appuntamento per il mercato austriaco confermato per il secondo anno.

FVG Marinas Network è la rete d’impresa italiana più estesa nel settore nautico: con 20 strutture aderenti, oltre 7000 posti barca dai 7 ai 100 metri di lunghezza e servizi cantieristici d’eccellenza, è in grado di soddisfare le più diverse esigenze dei diportisti.

“Il Friuli Venezia Giulia è una regione dalla forte vocazione nautica, che sa attrarre anche il diportista più esigente grazie all’elevato standard qualitativo.” Dichiara Roberto Sponza, direttore di Porto San Rocco Marina Resort ed Amministratore per l’area Trieste “In molti dei nostri Marina sono presenti cantieri e servizi quali ristoranti, bar, sale fitness e piscine, per iniziare la vacanza già dal porto. La nostra regione vanta un territorio ancora da scoprire, oltre alla varietà delle coste, sabbiose o rocciose, l’entroterra a pochi passi dalla barca offre itinerari culturali, eno-gastronomici e paesaggistici di grande interesse.”.

Gli appuntamenti ungherese e austriaco saranno l’occasione per presentare anche a questi mercati la nuova FVG Marinas Card, lanciata da poche settimane, che consentirà a tutti i clienti che sottoscriveranno nel 2018 un contratto di ormeggio annuale, di godere di sconti e agevolazioni.
I possessori della Cardpotranno spostarsi tra Punta Tagliamento e Muggia, conoscere gli altri marina della regione e i loro servizi.  Tra le agevolazioni previste, consultabili nel sito fvgmarinas.com, sconti sulle tariffe dei transiti, gratuità quali accesso alle piscine e ad altri servizi, buoni per aperitivi o colazioni, sconti su alaggi e vari.

I Marina del Friuli Venezia Giulia sono la porta d’accesso ad una regione ricca di cultura, storia e tradizioni locali, vivi e palpitanti nei centri balneari, nelle città ricche di storia, nei siti archeologici o nelle numerose riserve naturali.

FVG Marinas Card: a Mondomare Padova si presentano 20 Marine del Friuli Venezia Giulia

TRIESTE – Continua l’impegno della Rete FVG Marinas Network sostenuta da Promoturismo FVG per promuovere la varietà di ormeggi e servizi che la Rete è in grado di garantire al diportista, con 20 Marina dalle foci del Tagliamento a Muggia, inseriti in un territorio dalla forte vocazione turistica.

Il prossimo appuntamento per la Rete FVG Marinas Network sarà con la Fiera Mondomare di Padova dal 9 all’11 febbraio, presso il Padiglione 7 Stand 161.

La fiera di Padova saràl’occasione per presentare al pubblico italiano la FVG Marinas Card, una speciale tessera che riserva sconti e condizioni particolari per tutti i clienti che sottoscrivono un contratto di ormeggio annuale, sia nuovi che già acquisiti.

Ogni Marina ha predisposto una sua scontistica per i clienti in possesso di Card che potranno spostarsi tra un Marina e l’altro, beneficiando di condizioni agevolate, che vanno dagli sconti sulle tariffe dei transiti a gratuità quali accesso alle piscine e ad altri servizi, buoni per aperitivi o colazioni, sconti su alaggi e vari.
I dettagli delle opportunità concesse dai singoli Marina aderenti ai possessori della Card, sono disponibili nel sito fvgmarinas.com.

“Il network FVG Marinas nel 2018 punta ad una presenza costante alle principali fiere di settore” dichiara Giorgio Ardito, Presidente di Marina Uno e Amministratore per l’area di Lignano Sabbiadoro, Aprilia Marittima e fiume Stella “Siamo convinti che la strategia giusta sia quella di fidelizzare i diportisti ai Marina della Regione, con diverse iniziative tra cui la nuova FVG Marinas Card: tanti vantaggi riservati ai proprietari di imbarcazioni ormeggiate in una delle 20 strutture nautiche della Rete, la più grande presente nel territorio italiano.”.

La Rete FVG Marinas sarà presente nelle prossime settimane anche ad altre due fiere europee di settore: per il mercato austriaco confermata la partecipazione a Boot Tulln dal 1 al 4 marzo e per la prima volta, la Budapest Boat Show in Ungheria dal 22 al 25 febbraio.

I Marina del Friuli Venezia Giulia sono la porta d’accesso ad una regione ricca di suggestioni che coniugano felicemente benessere e divertimento: qui cultura, storia e tradizioni locali sono vivi e palpitanti, nei centri balneari, nelle città ricche di storia, nei siti archeologici o nelle numerose riserve naturali. L’offerta enogastronomia d’eccellenza e la possibilità di praticare numerose attività sportive, permettono di vivere la nautica come esperienza a 360°.

Al via a Marina Cala de’ Medici il corso per riparatore di imbarcazioni da diporto

ROSIGNANO – Ha avuto inizio lunedì scorso, 22 gennaio, presso la sala conferenze Mistral del Porto turistico di Rosignano, il corso per “Manutentore, riparatore di imbarcazioni da diporto” facente parte del progetto di formazione strategica B.E.S.T. (Blue Economy and Strategic Training) della Regione Toscana per la professionalizzazione ed il rilancio dell’occupazione nel settore della nautica.

Il progetto è stato avviato in attuazione del Decreto Dirigenziale n. 13953 del 30/11/2016 e prevede la realizzazione di percorsi formativi per l’inserimento lavorativo, di percorsi e servizi personalizzati per la creazione di impresa e di interventi formativi a favore degli occupati.

Cala de’ Medici ha aderito in qualità di azienda partner sia per la messa in formazione dei propri dipendenti, sia per la realizzazione di stage previsti all’interno di 2 percorsi destinati a disoccupati: “Manutentore, riparatore di imbarcazioni da diporto” (ospitato presso la nostra sede) e “Tecnico della gestione dell’accoglienza ai passeggeri porti/diporti e dell’informazione e promozione dei servizi del porto turistico, porto passeggeri e del territorio locale”.

Nell’ambito della formazione per i dipendenti, il responsabile di banchina, il nostromo e tutti gli ormeggiatori del Marina Cala de’ Medici hanno frequentato nel mese di gennaio, presso il Porto, un corso di 40 ore che si è incentrato sull’inglese tecnico e sulla “Internazionalizzazione, innovazione della prassi organizzativa e nuovi strumenti di comunicazione”, finalizzato ad apprendere come operare per un miglior posizionamento dell’azienda nel mercato internazionale.

Per quanto riguarda la formazione alla quale hanno avuto accesso i disoccupati (i corsi sono interamente gratuiti in quanto finanziati con le risorse del POR FSE TOSCANA 2014 – 2020 e rientrano nell’ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it), il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani), oltre al corso per riparatore di imbarcazioni da diporto, attualmente ospitato dal Cala de’ Medici, come detto, è stato attivato anche un altro percorso, quello per “Tecnico della gestione dell’accoglienza ai passeggeri porti/diporti e dell’informazione e promozione dei servizi del porto turistico, porto passeggeri e del territorio locale”.

Al termine della parte teorica in aula, 176 ore per i manutentori e 286 per i tecnici dell’accoglienza, tutti i corsisti faranno uno stage presso le aziende partner, stage della durata di 176 ore per i manutentori e di 284 ore, più 30 ore di accompagnamento, per i tecnici dell’accoglienza.

Il Marina ospiterà, così, due stagisti che andranno ad affiancare il proprio personale.«Siamo molto felici di aver fatto la nostra piccola parte, aderendo al progetto, per favorire l’incremento dell’occupazione nel settore della nautica sul nostro territorio – commenta la Direzione Portuale – A nostro avviso c’è bisogno di persone formate in maniera specifica per lavorare in questo settore, così come in ogni altro, solo che purtroppo spesso gli strumenti per poter fornire competenze specifiche mancano. Grazie a questo progetto, che unisce la parte teorica in aula ad uno stage sul campo, questo è possibile», conclude.

Rete FVG Marinas Network: salgono a 20 i Marina aderenti

PADOVA – L’anno appena concluso è stato molto positivo per la Rete FVG Marinas, che ha chiuso con un più 30% di transiti e sta mettendo in cantiere per il 2018 numerose novità.

Il primo impegno per Amministratori e personale dei Marina, da sempre molto attenti a garantire un elevato standard degli ormeggi e dei servizi accessori, sarà quello di incontrare personalmente il pubblico dei diportisti.
La promozione dei servizi legati al diporto e al turismo nautico sbarcherà in questi primi mesi del 2018 in ben quattro fiere del settore, due in più rispetto al 2017.

Il primo appuntamento ècon Boot Düsseldorf, la più importante fiera nautica europea dal 20 al 28 gennaio, nella Hall 13, stand 13 D74 presso lo stand regionale di Promoturismo FVG.
Dopo un paio di settimane, dal 9 all’11 febbraio, il personale dei Marina sarà a disposizione del pubblico nell’unica fiera italiana programmata per il 2018, la Fiera Mondomare di Padova.

Per il mercato austriaco confermata la partecipazione a Boot Tulln dal 1 al 4 marzo e infine un altro debutto, quello in Ungheria, per la Budapest Boat Show dal 22 al 25 febbraio.

L’appuntamento tra pochi giorni a Düsseldorf sarà l’occasione per presentare il ventesimo porto turistico entrato a far parte della famiglia FVG Marinas Network, Dry- Marina Punta Gabbiani di Aprilia Marittima.

“Quest’anno abbiamo scelto di aderire alla Rete Fvg Marinas Network con il nostro Dry-Marina Punta Gabbiani, per far conoscere a sempre più utenti i grandi vantaggi che offre.” -dichiara Monica Da Re, Responsabile Amministrativa del Marina – “L’innovativo Dry Marina o “porto a secco”, consente di vivere l’imbarcazione in sosta a terra in un ampio piazzale attrezzato con pontili sopraelevati in calcestruzzo, che rendono più agevole l’accesso a bordo. E’ una struttura nata nel 1990 che continua ad avere molto successo. Ogni posto barca dispone di tutti gli allacciamenti necessari come acqua, elettricità, puma out system, tv satellitare, internet WI-Fi. Quattro travel-lift fino a 80 tonnellate assicurano ai clienti un numero illimitato di alaggi, vari e lavaggi della carena in tempi brevissimi, in qualsiasi momento, con o senza preavviso. Il tempo di attesa per operazione è mediamente di 20 minuti per imbarcazione, compreso il lavaggio carena e la sistemazione sull’invaso.” – conclude Da Re.

I Marina del Friuli Venezia Giulia sono la porta d’accesso ad una regione ricca di suggestioni che coniugano felicemente benessere e divertimento: qui cultura, storia e tradizioni locali sono vivi e palpitanti, nei centri balneari, nelle città ricche di storia, nei siti archeologici o nelle numerose riserve naturali. L’offerta enogastronomia d’eccellenza e la possibilità di praticare numerose attività sportive, permettono di vivere la nautica come esperienza a 360°.

L’AD e Direttore portuale del Cala de’ Medici all’Assemblea Soci di Nautica Italiana

SARNICO – Si è svolta venerdì scorso, 15 dicembre, presso i Cantieri Riva a Sarnico (BG), l’Assemblea dei Soci di Nautica Italiana, l’Associazione affiliata ad Altagamma, espressione dell’eccellenza dell’industria e dei servizi della creatività e della produzione Nautica del Paese, che ha ormai raggiunto i 103 associati. Tra i nuovi Soci, rilevante l’ingresso di Fincantieri, il cantiere che ha costruito il più grande yacht mai realizzato in Italia, e di primari Studi di progettazione e di Design attivi a livello internazionale.

Presente all’Assemblea, in quanto membro del Comitato di Presidenza, anche Matteo Italo Ratti, AD e Direttore portuale di Marina Cala de’ Medici.Matteo Italo Ratti, all’interno del Comitato di Presidenza, ha la delega ai progetti relativi ai Marina, compresi i differenti ambiti legislativi in essi implicati.«Nautica Italiana sta crescendo – ha dichiarato appena conclusa l’Assemblea Ratti – Ogni mese si associano nuove aziende, dalle più piccole ai colossi del mare come Fincantieri. È stata inoltre inaugurata – ha puntualizzato l’AD e Direttore portuale del Porto di Rosignano – una sezione specifica composta da progettisti e designer di livello mondiale che rappresentano l’eccellenza del Made in Italy».Nel corso dell’Assemblea molti i temi discussi, fra i quali i Marina. «Con il recente accreditamento ai tavoli di concertazione, accreditamento avvenuto pochi mesi fa – ha aggiunto Matteo Italo Ratti – abbiamo potuto cercare di correggere solo alcuni capitoli, manifestando le necessità dei nostri Associati, che rappresentano circa il 75% del fatturato italiano nel settore della nautica».

«Sicuramente il nostro supporto verrà meglio valutato nei tavoli previsti per i prossimi mesi – ha concluso l’AD e Direttore portuale del Cala de’ Medici – per i quali stiamo già lavorando con un team di giuristi e professionisti in diversi ambiti rinomati a livello internazionale».

«Sono entusiasta di aver dato il benvenuto al nuovo Socio Fincantieri, che si aggiunge agli importanti nuovi Soci dell’ultimo anno – ha dichiarato Lamberto Tacoli, Presidente di Nautica Italiana – Questa è la riprova della grande attrattiva del progetto di Nautica Italiana e della serietà del lavoro svolto. Il principale obiettivo della nostra Associazione rimane quello di promuovere l’eccellenza nautica italiana nel mondo», ha concluso Tacoli.
Da rilevare che l’Associazione ha rivisto il proprio assetto organizzativo, a partire da una nuova Direzione Generale che è stata affidata a Marco Cappeddu, già Vice Presidente di Nautica Italiana, che sarà affiancata e sostenuta dall’attuale Segreteria Generale, guidata da Lorenzo Pollicardo.

In merito all’impegno sul fronte legislativo, da sottolineare che l’Associazione ha compiuto passi importanti, portando la propria rappresentatività, il know-how e la professionalità di fronte a Governo e Parlamento, raggiungendo, oltre all’accreditamento, grandi risultati come la modifica del nuovo Codice della Nautica. In quest’Assemblea Nautica Italiana ha, quindi, confermato il proprio supporto alle Istituzioni soprattutto nei mesi a venire, sia in relazione al Registro Telematico che per lavorare ai Decreti Attuativi previsti dal Codice, vera novità per il comparto. Fiscalità, demanio, temi concessori e problematiche di competenza regionale e locale lungo le coste italiane, rimangono al centro dell’attività dell’Associazione.

Nautica Italiana sta, inoltre, già lavorando a supporto degli organizzatori della nuova edizione del Versilia Yachting Rendez-vous, che si terrà nelle darsene di Viareggio dal 10 al 13 maggio, salone al quale ha già confermato la propria presenza Marina Cala de’ Medici, che fin dalla sua prima edizione dello scorso anno è stata fra i suoi più convinti sostenitori. Da parte sua, l’Assemblea ha confermato la strategicità dell’evento, il cui successo nell’edizione zero ne ha ancor di più sottolineato l’importanza per il rilancio del settore nautico dell’alto di gamma. Obiettivo fondamentale per il 2018 resta la valorizzazione dell’eccellenza del Made in Italy non solo nautico, mettendo a sistema la forte sinergia con Fondazione Altagamma, interprete fattivo dell’industria creativa del nostro Paese e il territorio.

Nautica Italiana conta oggi 103 soci, suddivisi nei settori della cantieristica e new building (31%), refit (9%), accessoristica e componentistica (23%), servizi (25%), marina (8%) e design (4%). Sulla base dei dati 2016, il fatturato globale dei soci di NAUTICA ITALIANA è di circa 1,7 miliardi di euro – valore che risulta essere di oltre 1,45 miliardi di euro se si considera solo la produzione cantieristica nautica – per un totale di oltre 4 mila addetti diretti e 15.000 operatori dell’indotto.

La Commissione Nautica di Confindustria Toscana a Marina Cala de’ Medici

ROSIGNANO – Doppio appuntamento al Porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici, sempre più crocevia per confronti e scambi d’idee, sul tema “Nautica e Portualità”. Si sono svolti, infatti, due incontri, uno della Commissione Nautica di Confindustria Toscana, a cui hanno partecipato, oltre a Gabriele Baccetti, Coordinatore di Confindustria Toscana, ed Umberto Paoletti, Direttore Generale di Confindustria Livorno Massa Carrara, i più rilevanti gruppi industriali della cantieristica regionale, nonché i Porti di maggiore importanza tra cui Marina Cala de’ Medici e Marina di Punta Ala.

Nel pomeriggio, invece, a riunirsi è stata la Sezione Cantieristica e Nautica di Confindustria Livorno Massa Carrara, di cui è Presidente l’AD e Direttore del Cala de’ Medici Matteo Italo Ratti.La Commissione Nautica di Confindustria Toscana, rappresentata dagli imprenditori del settore, ha discusso del nuovo Codice della Nautica e dei riflessi sulla normativa regionale e delle problematiche legate alle concessioni demaniali marittime ed ha approfondito i recenti sviluppi dell’applicazione della legge finanziaria 296 del 2006, oggetto di numerosi contenziosi per l’applicazione delle tasse locali.

La Commissione ha anche individuato le istanze fondamentali delle imprese del settore della nautica da presentare al Presidente della Commissione istituzionale per la ripresa economico-sociale della Toscana costiera, Antonio Mazzeo e ai competenti Assessori regionali.

Nel pomeriggio, il Presidente della Sezione Matteo Italo Ratti, ha coordinato i lavori insieme agli Imprenditori associati sempre più numerosi. Presenti alla riunione anche molte nuove aziende locali ed importanti infrastrutture portuali e dei servizi del territorio.
Sono state presentate nel corso dell’incontro le importanti novità da parte della società di servizi di Confindustria Livorno Massa Carrara, Assoservizi Industria, che potrà offrire alle imprese una serie di nuove attività anche nel contesto della portualità turistica.

È stato ricordato, infine, l’importante convenzione di recente sottoscritta da Confindustria Livorno Massa Carrara con il Rettorato dell’Università di Pisa per avvicinare il mondo dell’Università alle imprese associate, agevolando l’interscambio di conoscenze, competenze, professionalità e tecnologie fra le due realtà. L’obiettivo è anche di valorizzare il settore della Nautica, della Cantieristica e dei Porti, facendo emergere anche nel mondo accademico e studentesco, le opportunità di occupazione e l’importanza del comparto per l’economia del nostro territorio.

Rete FVG Marinas Network: la sicurezza è una priorità

LIGNANO – Sette Marina membri della Rete FVG Marinas sono stati recentemente impegnati nell’annuale esercitazione sulla gestione delle emergenze, ospitata quest’anno presso Marina Punta Faro Resort a Lignano.

La simulazione collettiva antincendio ha coinvolto circa 50 dipendenti dei Marina, che grazie al supporto operativo del distaccamento dei Vigili del Fuoco volontari di Lignano, della S.O.G.IT. (Soccorso dell’Ordine di San Giovanni in Italia) di Lignano e della Capitaneria di Porto, hanno potuto testare competenze e reazioni in caso di emergenza.

Oltre a Marina Punta Faro Resort che ospitava l’evento, erano presenti anche i Responsabili e dipendenti di Porto Turistico Marina Uno Resort, Marina Resort Punta Gabbiani, Marina Punta Verde, Darsena Porto Vecchio, Marina Stella Resort ePortomaran.

La giornata si è aperta con gli interventi del consulente sulla sicurezza Ing.Brunetto Filigoi, del Comandante della Capitaneria di Porto di Lignano Raimondo Porcelli, del Sig. Monticoli, responsabile dei volontari del distaccamento Vigili del Fuoco di Lignano e di Graziella Kainich, responsabile della S.O.G.IT.

Al termine degli interventi, forze dell’ordine, volontari e partecipanti si sono spostati lungo le banchine di Marina Punta Faro Resort per l’esercitazione pratica.
Grande spazio è stato dato alla gestione di diverse emergenze che si possono presentare in un Marina, con il coinvolgimento diretto del personale dipendente che potrebbe trovarsi ad operare in situazioni impreviste.
Attraverso fumogeni arancioni, è stato simulato l’incendio di un’imbarcazione, con coinvolgimento di feriti e successiva bonifica ambientale dell’area.
Il personale dipendente dei Marina è stato sollecitato ad allontanare la barca in questione dalle altre, a prestare il primo soccorso al ferito e ad allertare i soccorsi esterni.

“Si tratta di un’esercitazione importante che ormai da 10 anni i Marina di Lignano Sabbiadoro, Aprilia Marittima, Palazzolo dello Stella e Marano organizzano a rotazione nei porti turistici del comprensorio nautico più grande d’Europa e che ci auguriamo sarà estesa nel prossimo futuro anche ai Marina delle altre aree della Rete.” Dichiara Giorgio Ardito, Presidente del Consorzio Marine Lignano e Amministratore della Rete FVG Marinas per l’area di Lignano, Aprilia e fiume Stella.

“Grazie all’importante contributo dato dalla Capitaneria di Porto di Lignano Sabbiadoro, dai Vigili del Fuoco e dalla S.O.G.IT.” continua Ardito “è stato possibile simulare un incendio su un’imbarcazione e il soccorso ad un ferito. Esercitazioni di questo tipo rappresentano un’importante crescita professionale per titolari e collaboratori di porti turistici e l’ottima riuscita del test conferma la preparazione del nostro personale a garanzia della sicurezza dei diportisti. Per il 2018 l’obiettivo è quello di migliorare ulteriormente le procedure di intervento, anche attraverso un’esercitazione senza preavviso.”

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab