Concluso con soddisfazione l’XI Campionato Provinciale per velisti diversamente abili

DESENZANO DEL GARDA – Con la vittoria della regolarissima Squadra “Desenzano 1” dell’Anffas di Desenzano-Rivoltella formata da Andrea dal Lago, Davide Ruffoni e dall’educatore Giorgio Calanna (14 punti; 3,3,3,2,3,0 i loro parziali), premiata dall’Assessore del Comune di Desenzano Francesca Cerini, si è conclusa una splendida undicesima edizione del Campionato Provinciale per velisti diversamente abili, caratterizzata da quattro giornate di regate avvincenti nel golfo di Desenzano del Garda e da tanti momenti conviviali presso la sede del sodalizio presieduto da Gianluigi Zeni.

Quest’anno l’appuntamento clou del Progetto Svelare senza barriere -ideato dal Gruppo Nautico Dielleffe per affermare gli effetti positivi della Vela come strumento di intervento nelle varie aree del disagio sociale, fisico e mentale e basato completamente sul volontariato-, si è svolto con una nuova formula di regate: non più match race ad eliminazione diretta come negli anni precedenti, ma regate di flotta per le quali sono stati utilizzati quattro J24 (grazie anche al contributo della Fondazione della Comunità Bresciana onlus) e quattro barche messe a disposizione dei Soci del GNDielleffe. A bordo, come sempre, sono stati impegnati otto equipaggi formati da due persone diversamente abili, un loro accompagnatore responsabile e un osservatore dell’organizzazione. Ogni Associazione è stata rappresentata da due equipaggi che si sono avvicendati su tutte le barche (sorteggiate a turno ogni giorno). Sei le prove a bastone portate a termine.

Il Comitato di Regata è stato presieduto da Roberto Belluzzo coadiuvato da Giuseppe Iaccarino e Mario Monti e dagli osservatori a bordo delle 8 imbarcazioni Cesare Bresciani, Sergio Zumerle, Francesco Salvini, Roberto Ferlucci, Salvatore Secci, Gianluigi Zeni, Federico Osti, Giancarlo Marini, e a terra Maurizio De Felice.

La Squadra Brescia 1 della Fobap Anffas di Brescia formata da Giancarlo De Ferrari, Davide Gilberti e Roberto Giudice (16 punti; 2,1,1,4,0,8) in testa sino alla giornata conclusiva e vincitrice di due prove di giornata ha invece chiuso in seconda posizione anticipando di 1 punto i protagonisti della regata d’apertura, Mazzano 1 della Coop La Rondine di Mazzano con Papa Ibrahima Thiongane, Giacomo Di Litta e Sara Cappelletti (17 punti; 1,6,0,1,6,3).Podio sfiorato ma vincitrice della CostaArreda Cup (realizzata in legno dal Gruppo Costa Arreda e consegnata da Matteo Costa) la Squadra Leno 1 della Cooperativa C.D.D. Collaboriamo di Leno con Manuel Borboni, Ermanno Bresciani e Angelo Boselli (18 punti; 7,4,0,3,2,2). Alla squadra di Leno 2 della Cooperativa C.D.D. Collaboriamo di Leno formata da Lucrezia Bertoletti, Ravinder Singh, Riserva Cristian Tommasoni, ed Emanuela Mombelli (quinta assoluta con 20 punti; 0,5,4,6,4,1) è invece andato il Trofeo Challenge Luigina -una vela in marmo di Carrara- e quattro piccole riproduzioni che resteranno all’equipaggio.

Seguono nell’ordine Desenzano 2 (Cristian Rambotti, Alessandro Bertolinelli e Paola Manduca a 25 punti), Brescia 2 (Matteo Salvadori, Stefano Mensi e Rayna Tsvetanova Nikolova, 26 punti e vincitori della 5° regata) e Mazzano 2 (Lorenzo Tirini, Stefano Cavagnoli e Oscar Cerqui 32 punti).Dopo la Cooperativa C.D.D. Collaboriamo di Leno nel 2008, ’11, ’14 e 17, la Fobap Anffas di Brescia nel 2010, ’15 e 2016, pertanto, sono ancora una volta i portacolori di Desenzano- Rivoltella (già vincitori nel 2009, ’12 e ’13) a scrivere il loro nome nel palmares di Svelare senza barriere.

Come ogni giorno, ad attendere il rientro a terra dei regatanti presso la sede del GN Dielleffe, il graditissimo pranzo offerto da Iper, la grande I di Lonato del Garda che anche quest’anno (grazie al Direttore del punto vendita Iper di Lonato Vanni Corbonese, al capo reparto Fabio Marobbi, al responsabile vendite gastronomia Giovanni Ghirardi e a tutti i cuochi) ha rinnovato la preziosa collaborazione con il Gruppo Nautico Dielleffe. Oltre alla Iper la grande I di Lonato, hanno supportato la manifestazione la Fondazione Banca San Paolo, la Fondazione Comunità Bresciana, la Cembre, la Veleria Eurosails Assistance, il Consorzio Tutela Grana Padano, il Gruppo Costarreda e tanti altri amici. Piacevole novità di quest’anno, è stata la presenza di COREPLA, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, che grazie alla sensibilità di Monica de Giovanni ha aderito a Svelare senza Barriere con la distribuzione di graditissimi gadget e materiale informativo in materia di raccolta differenziata e riciclo degli imballaggi in plastica per stimolare tutti i velisti al rispetto dell’ambiente in particolare del mare e, in questo caso, del lago. Il Campionato, come sempre inserito nel calendario ufficiale della XIV Zona Fiv, è stato patrocinato da Regione Lombardia, Assessorato Sport e Tempo libero della Provincia di Brescia e Città di Desenzano del Garda.

Grande la soddisfazione e l’entusiasmo dei protagonisti di questa splendida manifestazione contraddistinta da tanto divertimento, impegno, solidarietà, e proposta dal GN Dielleffe come coronamento di un anno di impegno e lavoro del progetto “Svelare senza barriere” basato completamente sul volontariato.

Nel corso della coinvolgente premiazione svoltasi presso la sede del GNDielleffe (preceduta dal tradizionale pranzo al quale sono invitati anche i genitori e gli amici dei regatanti, e da uno spettacolo di intrattenimento) è stata espressa da parte di tutti i rappresentanti delle Associazioni coinvolte la soddisfazione per i progressi fisici e mentali ottenuti in questi anni grazie a Svelare senza barriere.

“Siamo molto grati a tutti coloro che hanno partecipato a questa edizione e alla premiazione: la loro presenza nella nostra sede e la gioia negli occhi di tutti i partecipanti ci hanno ripagato degli sforzi richiesti nel portare avanti un Progetto come Svelare senza barriere, spronandoci a continuare in questa direzione.” ha commentato al termine il Presidente Gianluigi Zeni. Archiviato il Campionato, gli incontri di Svelare senza barriere proseguiranno ancora, ogni settima, per tutto il mese di ottobre per poi dare l’arrivederci al prossimo anno.

AZZURRA A VALENCIA PER LA TAPPA FINALE DELLA 52 SUPER SERIES

VALENCIA – Scatta OGGI a Valencia l’ultima tappa della 52 Super Series che vede Azzurra partire dal secondo posto della classifica generale provvisoria. Le regate si concluderanno sabato 22 settembre. Sono undici i TP52 allineati all’ormeggio davanti al Veles e vents, l’edificio simbolo della 32^ America’s Cup, per l’atto finale della 52 Super Series 2018. La gran parte dei velisti impegnati oggi nel più importante circuito di vela professionistica per barche a chiglia conosce bene queste acque, proprio per avervi regatato in occasione di quella che fu l’ultima America’s Cup con barche monocarena.
Il TP52 Azzurra ha un rapporto speciale con Valencia, qui venne battezzata nel 2015 la terza Azzurra, qui nel 2012 la barca dello Yacht Club Costa Smeralda vinse la prima edizione della 52 Super Series dopo una settimana di grande agonismo con gli avversari di sempre, Quantum racing.

Per questo finale di stagione il team a stellestrisce vanta invece un vantaggio praticamente incolmabile, 32 punti, su Azzurra seconda in classifica generale provvisoria. La lotta sarà per i restanti gradini del podio e vedrà molti pretendenti: l’obiettivo di Azzurra è quello di consolidare la sua posizione, ma è inseguita a soli 5 punti da Platoon e Sled che condividono il terzo posto della classifica generale provvisoria mentre Luna Rossa insegue a 12 punti.   Azzurra dovrà guardarsi innanzitutto da questi tre inseguitori, ma nessun team può essere sottovalutato in una flotta livellata così in alto, dove ogni minima incertezza può costare posizioni in classifica, come ha sperimentato la stessa Azzurra in avvio di stagione.

Azzurra si è imposta nella Practice race odierna svoltasi con circa 10 nodi, scegliendo di tagliare il traguardo, mentre in passato ha prevalso lo scaramantico gesto di passare all’esterno della boa. Seconda al traguardo Phoenix seguita da Platoon. Così si è espresso lo skipper Guillermo Parada: “Dobbiamo restare concentrati per mantenere il trend positivo degli ultimi due eventi e cercare di assicurarci il secondo posto finale che è l’obiettivo più realistico. Ci piacerebbe poter vincere la tappa, questo ci assicurerebbe la seconda piazza. Non sarà facile, abbiamo almeno tre barche che ci inseguono e tutta la flotta sarà comunque molto motivata a fare bene. Dobbiamo essere flessibili per cambiare strategia a seconda di quello che accade, non possiamo permetterci di essere concentrati solo su uno o due avversari”.

Riccardo Bonadeo, Commodoro dello YCCS: “La stagione 2018 ha rispettato le previsioni, con l’asticella sempre più in alto, ma questo è lo spirito più puro dello sport. Azzurra ha faticato, ha lavorato sodo e recuperato, il team ha fatto un lavoro magnifico, in questa ultima tappa daranno certamente tutto per terminare con una nota positiva. Il mio ringraziamento alla famiglia Roemmers questa volta è doppio, non soltanto per la parte sportiva, ma anche per l’impegno che Pablo e sua moglie Cathrine stanno offrendo alla nostra One Ocean Foundation per la salvaguardia del mare”.

Le regate partiranno oggi alle ore 13 con previsioni di vento leggero dai quadranti nordorientali. È programmata fin dal primo giorno la diretta streaming con immagini dal campo di regata e commento in inglese, visibile sui siti 52superseries.com, azzurra.it e sul canale Youtube della 52 Super Series.

Il CENTRO VELICO CAPRERA supporter della seconda edizione dell’OCEAN FILM FESTIVAL ITALIA

ROSIGNANO – Il Centro Velico Caprera sostiene la seconda edizione di Ocean Film Festival, rassegna cinematografica che presenta una selezione dei migliori film provenienti dall’omonimo festival australiano e che sarà in Italia a partire dal 15 ottobre 2018 per raccontare le migliori storie e avventure sopra e sotto le acque.Una comunanza di intenti che unisce idealmente, e ora anche in pratica, due realtà che, pur in ambiti molto diversi, perseguono gli stessi obbiettivi.

Una grande passione per il mare, che vuol dire amore, rispetto, e soprattutto consapevolezza dell’importante responsabilità del genere umano nei confronti della natura di cui mari e acque sono elemento principale e fondamentale per la vita stessa.Una consapevolezza che non si limita a prendere atto, ma che si impegna, e desidera farlo sempre di più, per creare una cultura che vada oltre una mera convivenza, e sviluppi una nuova, attiva sensibilità per tutelare l’inestimabile “polmone blu”, per goderlo al meglio e permettere di farlo anche alle generazioni future.

“L’amore per il mare, la passione per l’avventura e il rispetto dell’ambiente sono i valori che ci accomunano al Centro Velico Caprera e siamo felici di condividerli in occasione della seconda edizione dell’Ocean Film Festival in Italia” dichiara Alessandra Raggio, Direttore Ocean Film Festival Italia. E così, il Festival tematico, che non a caso nasce nel continente Oceania, incontra un supporter d’elezione nella scuola di formazione velica più importante nel Mediterraneo nella stessa missione ambientale e di salvaguardia del patrimonio marino.

“Le immagini spesso valgono più di mille parole” afferma Paolo Bordogna, Presidente del Centro Velico Caprera, “se poi a mostrarle sono coloro che vivono in tanti modi il mare, siamo certi che il risultato di sensibilizzazione sul tema della salvaguardia sarà straordinario. Lo spirito del Centro Velico Caprera è da sempre quello di avvicinare i propri allievi a conoscere e capire il mare. Scopo è quello di creare attraverso la pratica della vela, un’educazione marinara e una coscienza ambientale. “Abbiamo perciò ritenuto importante sostenere questa manifestazione che aiuta a diffondere il nostro messaggio a un pubblico più ampio”

I protagonisti delle pellicole selezionate potranno catturare anche i non appassionati: free diving in acque incontaminate, surf di big waves, vela tra gli iceberg della remota Disko Bay. Tante storie di esplorazione e avventura in ambienti remoti e selvaggi, su cui grava però l’ombra dell’inquinamento prodotto dall’uomo e in particolare della plastica: “Quando buttiamo via qualcosa” dice la campionessa di freediving Hanli Prinsloo “dobbiamo sempre ricordare che ‘via’ non esiste”.

Ogni serata propone una selezione di 9 tra corto e mediometraggi e il programma sarà identico per tutte le serate.È possibile vedere a questo link http://bit.ly/2018_OOCEANFILMFESTIVAL-ITALIA_FILM l’elenco completo dei film. I biglietti sono disponibili online e si possono acquistare sul sito ufficiale dell’Ocean Film Festival Italia http://bit.ly/2018_OCEANFILMFESTIVAL-ITALIA-DATEBIGLIETTI o presso i punti vendita del circuito Vivaticket.Gli spettacoli inizieranno alle ore 20. La sala aprirà al pubblico alle ore 19,30.

Il costo del biglietto in vendita online e tramite il circuito Vivaticket è di 14 euro + diritti di prevendita; il prezzo la sera stessa sarà di 16 euro al botteghino, che aprirà alle ore 19.

NORAUTO di Franck Cammas vince la GC32 Villasimius Cup

VILLASIMIUS – Il vento leggero dell’ultimo giorno della GC32 Villasimius Cup non ha garantito le stesse velocità dei tre precedenti, ma la giornata è stata comunque ricca di colpi di scena, con l’ordine del podio più volte modificato. Si è regatato in condizioni non facili da interpretare, a poche centinaia di metri dal Marina di Villasimius, con un vento da est-sudest sui 5/7 nodi che poi è girato sud-sudest.

NORAUTO powered by Team France del francese Franck Cammas ha iniziato la giornata con un vantaggio di quattro punti sugli svizzeri di Realteam, ma questo margine è evaporato a causa di un sesto posto, mentre gli elvetici riuscivano a interpretare il campo di regata in modo molto più efficace.

Altri video e per abbonarsi al canale Youtube del GC32 Racing Tour a questo linkNella prova successiva NORAUTO recuperava un punto, finendo secondo, lasciando i due team a pari punti prima dello scontro finale, come ha spiegato Cammas: “Abbiamo cercato di fare loro pressione in partenza, è andata bene perchè eravamo avanti dopo la prima virata. Realteam è molto veloce in queste condizioni, quindi era giusto cercare di star loro davanti.”
Cammas ha fatto du tutto per tenere la sua poppa davanti alle prue degli svizzeri, che intanto cercavano una corsia di sorpasso sopravento. E così è stato, NORAUTO ha quindi potuto aggiudicarsi il terzo evento del circuito GC32 Racing Tour 2018.

“Sono felice di essere davanti, ma non è facile, in realtà diventa sempre più difficile, a Lagos (in Portogallo a giugno) avevamo più margine.” Ha spiegato il transalpino. NORAUTO ha anche vinto l’ANONIMO Speed Challenge, grazie alla velocità media massima di 22.5 nodi fatta registrare sabato. “Ci siamo allenati sulle strambate e con vento ci è riuscita molto bene.” Ha detto Cammas. A ogni evento, il vincitore dell’ANONIMO Speed Challenge si aggiudica un prestigioso ANONIMO Nautilo GC32 Racing Tour in edizione limitata.

Realteam è il campione in carica del GC32 Racing Tour, ma a Villasimius schierava un nuovo timoniere, Arnaud Psarofaghis in prestito da Alinghi e in sostituzione di Jérôme Clerc, assente per l’imminente uscita del secondo figlio. “Nell’ultima prova volevamo partire bene e fare la nostra regata. Ma loro sono andati a destra e hanno preso un bel vantaggio, tenendosi sul sicuro.”  A proposito del fatto che Realteam possa preferire le condizioni di vento leggero tipiche del Lago di Ginevra da dove proviene, Psarofaghis ha detto: “Il team è forte in tutte le condizioni, sono molto felice di aver regatato con questi ragazzi.”
Lo skipper Loic Forestier a aggiunto: “E’ stata una cosa positiva, abbiamo imparato molto e il team è andato bene con Arnaud. Abbiamo battagliato per bene con NORAUTO nell’ultima prova, una specie di match-racing… Abbiamo iniziato bene la giornata, vincendo la prima, ma poi nella seconda le condizioni erano più complicate.”

Il settimo posto di Zoulou nel secondo test della giornata, vinto da INEOS Team UK del campione britannico Ben Ainslie , ha fatto sì che il team guidato da Erik Maris scendesse dal podio. Un passo falso prontamente recuperato, con la vittoria nella regata conclusiva, che però non è bastata e quindi i francesi hanno concluso un punto dietro agli inglesi. “Sarebbe stato meglio finire terzi overall. Ma abbiamo fatto il massimo.” Ha detto Maris, che comunque si è tolto la soddisfazione di vincere la speciale classifica riservata agli Owner-driver per la prima volta in questa stagione.

Ainslie si è detto felice della prestazione di oggi, in quello che è solo il suo secondo evento del GC32 Racing Tour. “Siamo tornati alle partenze di bolina.” Ha detto Sir Ben. “E’ ovviamente tutto più facile quando sei davanti e non sei nei rifiuti. Siamo partiti bene l’ultima prova ma la sinistra non ha funzionato. Abbiamo tenuto duro abbastanza da conquistare il terzo posto e siamo soddisfatti di essere sul podio.”

Una delle sorprese del giorno è arrivata oggi dal team argentino guidato da Federico Ferioli, Codigo Rojo Racing, che da dietro è riuscito a trovare un buon canale di aria nel secondo lato. Dopo aver virato, è riuscito a recuperare quasi tutto lo svantaggio, chiudendo secondo alle spalle di  Realteam.
Il GC32 Racing Tour ritornerà, per il quinto e conclusivo evento, la  GC32 TPM Med Cup in programma a Tolone, in Francia, dal 10 al 14  ottobre prossimi.

CONCLUSA CON SUCCESSO LA 20^ EDIZIONE DELLA ROLEX SWAN CUP

PORTO CERVO – Giornata finale per la 20^ edizione della Rolex Swan Cup che ha decretato i vincitori delle sei categorie in cui è stata suddivisa la flotta di 110 barche proveniente da 17 nazioni. Vincitori sono stati: Plis-Play in Maxi Class, Solte tra i Grand Prix, Six Jaguar nella Sparkman & Stephens Class. Campione del mondo della ClubSwan 50 è OneGroup mentre il titolo iridato della Swan 45 Class va a Porron IX. Il ClubSwan 42 Mela vince il campionato europeo di classe.

La Rolex Swan Cup è una regata biennale organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con Nautor’s Swan con il supporto del Title sponsor Rolex.
Il vento leggero da est di soli 6 nodi in aumento fino a 9 nel corso della giornata ha consentito lo svolgimento delle due prove a bastone partite puntualmente per le classi One Design, mentre per le altre la partenza è potuta avvenire solo a partire dalle ore 13 con un percorso costiero di circa 12,6 miglia. Dopo una boa di disimpegno la flotta si è diretta verso sud circumnavigando in senso orario le isole di Mortorio e Soffi per fare poi ritorno al traguardo davanti a Porto Cervo.

In classe Maxi, diciotto barche, lo Swan 80 Plis-Play ha vinto la Rolex Swan Cup davanti a due Swan 601, Flow di Stephen Cucchiaro e Arobas di Gerard Logel. Vincitore di giornata è stato invece lo Swan 62FD Biancospino di Bembo-Ruffini con Pietro D’Alì alla tattica, davanti ad Arobas e Plis-Play.

Il primo campionato mondiale dei ClubSwan 50 è andato a OneGroup, dominatore della settimana, che ha visto però eroso il suo vantaggio nell’ultimo giorno di regata ad opera di Cuordileone di Leonardo Ferragamo, tattico Ken Read, vicecampione a un solo punto di distacco con un arrivo da cardiopalma al photofinish. Cuordileone è stato il migliore di giornata con un primo e un quarto posto. Il podio è stato completato dalla barca svizzera Mathilde, di Morten Kielland. Cameron Dunn, tattico su OneGroup: “È stata una giornata incredibilmente stressante, con una prima regata veramente molto difficile, con vento instabile, dove abbiamo buttato via troppi punti. Così nella successiva ci siamo presentati in partenza con tre barche a pari punti, tutte possibili vincitrici del mondiale. Abbiamo cercato di rimanere calmi e concentrati, pensando anche a divertirci e ce la siamo giocata fino all’ultimo. L’equipaggio è stato fantastico, la settimana incredibile e il Comitato di regata ha fatto un lavoro impeccabile. Non possiamo che essere felici”. Naturalmente, vincendo il campionato del mondo, OneGroup ha anche vinto la Rolex Swan Cup per la sua classe.

Vince la Rolex Swan Cup e si riconferma campione mondiale della Swan 45 Class, lo spagnolo Porron IX di Luis Senis con Hugo Rocha alla tattica, oggi due secondi posti, che si è dovuto difendere dagli attacchi di Elena Nova, barca tedesca, seconda. Terzo posto per l’olandese Motions. Luis Senis armatore di Porron IX: “In questo momento siamo solo molto felici, perché è stata una giornata molto difficile sia in acqua, con regate combattute fino all’ultimo, fino alla protesta a terra che ci ha tenuto sulle spine, ma sapevamo di avere ragione”.

Il ClubSwan 42 Mela di Andrea Rossi con Enrico Zennaro alla tattica si è aggiudicato la Rolex Swan Cup e il titolo continentale davanti a Natalia, oggi autrice di una splendida doppietta, e Selene Alifax. Andrea Rossi, neo campione europeo: “Un sogno! Il mio ringraziamento va a all’equipaggio, un bellissimo gruppo, e soprattutto al tattico Enrico Zennaro, che in un paio d’anni è riuscito a portarci a questo livello. Nella passata edizione della Rolex Swan Cup Mela era arrivata ultima, oggi abbiamo vinto in una flotta molto competitiva, i risultati parlano da soli, sono felicissimo.”
Con un secondo posto odierno in classe Grand Prix, ventidue barche, lo Swan 53 Solte si è imposto per due punti sulla barca gemella Crilia. Per entrambe il peggior piazzamento nel corso della settimana è stato un terzo posto, per il resto le due barche si sono suddivise le vittorie e i secondi posti lasciando pochissime occasioni agli avversari.

La Sparkman & Stephens Class, la più numerosa con ventisei yacht in acqua, presenta un podio interamente costituito da Swan 65, un modello mitico di cui erano in regata a Porto Cervo ben dieci esemplari. Con dei parziali che non sono mai scesi sotto i primi tre, Six Jaguar di Anthony Ball si è aggiudicato la Rolex Swan Cup seguito dall’italiano Shirlaf di Giuseppe Puttini, oggi primo, e dalla spagnola Libelula. Anthony Ball, armatore di Six Jaguar: “Siamo qui da due settimane, abbiamo partecipato anche alla Maxi Yacht Rolex Cup e sono state giornate fantastiche. L’organizzazione qui allo YCCS è sempre perfetta, in più è uno degli yacht club più belli. Ci siamo divertiti moltissimo soprattutto in questa settimana dove abbiamo navigato nella nostra divisione Sparkman & Stephens. Abbiamo regatato con tutte le condizioni, da vento leggero a sostenuto, sempre in competizione con gli altri nove Swan 65, molto agguerriti, tre di essi occupano le prime tre posizioni della classifica. Adoriamo venire a regatare a Porto Cervo.”

Quest’anno è stato istituito un nuovo trofeo dalla neonata associazione degli Swan Classic by Frers, vinta dallo Swan 651 Lunz Am Meer di Marietta Strasoldo. Il premio alla memoria di Vittorio Codecasa, socio YCCS e past president della Swan 45 Class, è andato a Leonardo Ferragamo, in quanto socio YCCS con il miglior risultato.

La premiazione in piazza Azzurra, alla presenza della Principessa Zahra Aga Khan, è stata ancora più affollata del solito, dato l’alto numero di barche. Il Commodoro Riccardo Bonadeo ha introdotto la cerimonia con queste parole: “Si conclude la ventesima Rolex Swan Cup, una regata biennale che segna una collaborazione lunga quasi 40 anni con il cantiere Nautor’s Swan e il nostro partner Rolex che iniziò con la Swan Cup dell’84. Ringrazio naturalmente tutti voi, armatori di queste barche meravigliose, ed equipaggi che portate questo spirito unico, tipico di una grande famiglia venendo a regatare qui. Grazie al Comitato di regata, alla Giuria Internazionale, a tutto lo staff dello YCCS e infine, non certo per ultimi, agli amici Gian Riccardo Marini di Rolex e Leonardo Ferragamo di Nautor’s Swan per la loro passione ed entusiasmo. Arrivederci a tutti alla ventunesima edizione nel 2020!”. Il Commodoro ha poi chiuso la cerimonia ricordando l’impegno dello YCCS circa la salvaguardia del mare attraverso la One Ocean Foundation, un programma al quale chiunque può aderire firmando online il codice etico Charta Smeralda, impegnandosi così a rispettare e proteggere il mare sul quale amiamo navigare.
A partire da mercoledì 19 settembre, lo YCCS sarà impegnato con la Perini Navi Cup.

Campionato Nazionale Ufo 22: trionfa GMT Econova

TIGNALE – Nelle acque del Garda Lombardo, nell’area compresa tra Toscolano Maderno, Gargnano e il comune di Tignale, si è concluso il Campionato Nazionale Ufo 22 del 2018, che ha visto trionfare GMT Econova, ITA 122, di Giorgio Zorzi. Al secondo posto troviamo Mojito, ITA 42, di Niccolò Passeri e Albino Accatino, seguito, al terzo posto, da Frisbee, ITA 49, di Michele Magagna e Davide Bianchini.

Le prime due giornate di campionato si sono rivelate insidiose: nel corso della prima giornata non è stato possibile completare alcuna prova per mancanza di vento, mentre, nella seconda giornata, sono state completate tre prove, ma le condizioni di vento sfavorevoli hanno messo a dura prova timonieri e tattici.

Questa mattina, il primo segnale di avviso è stato dato alle ore 8.30, come da programma, e i regatanti hanno disputato correttamente tre prove, caratterizzate da un leggero Pelèr dai cinque ai dieci nodi.Oltre a GMT Econova, Mojito e Frisbee, nella giornata di oggi si sono distinti Turboden di Paolo Bertuzzi, con 2 3 6, l’equipaggio francese di FRA 26 e l’equipaggio di Oca Gialla, ITA 009. Il Campionato Italiano del 2018 si conclude quindi con sei prove correttamente disputate e l’introduzione dello scarto (previsto, da regolamento di gara, al completamento della quinta prova).

Altra nota positiva del Campionato 2018, la partecipazione di tre equipaggi di giovani che solitamente regatano sul 29er, e, grazie a diversi armatori che gentilmente hanno offerto le loro barche, hanno potuto gareggiare con gli Ufo 22.
Le premiazioni si sono svolte presso il Circolo Vela Gargnano. Oltre ai primi tre classificati del Campionato Italiano classe Ufo 22 sono stati premiati: Space Dare Dare, FR 026, 1° classificato Campionato Italiano Open 2018 classe Ufo 22Roberto Rossi, di Ciaparat (ITA 109), 1° timoniere armatore Campionato Italiano Open  2018 classe Ufo 22Dadeli, ITA 115, 1° equipaggio giovanile Campionato Italiano Open  2018 classe Ufo 22Fabio Larcher, La Carica dei 101 (ITA 961), 1° timoniere under 20 Campionato Italiano Open  2018 classe Ufo 22

Al termine delle premiazioni il circolo ha offerto ai presenti un delizioso Pasta Party.
Il presidente di classe, Giovanni Pezzoni, esprime un grande ringraziamento al circolo organizzatore, alla giuria e, soprattutto, a tutti i regatanti che si sono dati battaglia in queste giornate.Arrivederci al prossimo Campionato Italiano 2019.

Al via il VI Campionato della Lanterna per la Flotta J24 genovese

GENOVA – Prenderà il via questa domenica nelle acque di Genova il VI Campionato della Lanterna che vedrà grande protagonista anche la Flotta J24 genovese, ogni anno sempre più numerosa. L’evento, organizzato dal Circolo Nautico Marina Genova Aeroporto con la collaborazione di Asper, è articolato su sette tappe in programma il 15, 16, 29 e 30 settembre, il 14, 27,28 ottobre e domenica 4 novembre.
Il briefing per tutti gli equipaggi è previsto presso la sede Asper (in Via Pionieri e Aviatori d’Italia 71) sabato 15 alle ore 18. Le regate si svolgeranno nel tratto di mare antistante Genova, nello specchio acqueo antistante la diga foranea Zona Lanterna, Campo Charlie.

“Dalle cinque imbarcazioni J24 presenti alla prima edizione, quest’anno abbiamo confermato le otto presenze raggiunte lo scorso anno- ha commentato Monica Alterisio del Circolo Nautico MGA – Purtroppo c’è stata una defezione ma al bel gruppo del 2017 si è aggiunto J&F, una bella soddisfazione anche per il Capo Flotta genovese, Maurizio Buffa.”Il Circuito Nazionale 2018, invece, archiviate le prime tre tappe e il Campionato del Mondo, è pronto a ripartire e lo farà con la quarta manche, la tradizionale Coppa Italia, piacevole riconferma organizzata dal Circolo Nautico Brenzone il 29 e il 30 settembre, sul lago di Garda.

Si proseguirà poi con un altro appuntamento imperdibile: la classica Regata Nazionale proposta come sempre dal Circolo Nautico Amici della Vela nelle ospitali acque di Cervia il 20 e il 21 ottobre.

Per la sesta manche, invece, la Flotta J24 si sposterà a Marina di Carrara dove, il 27 e 28 ottobre, il locale Club Nautico M.C. organizzerà la Regata Nazionale. La settima tappa, invece è una novità: la trasferta nello stupendo Golfo Aranci dove il 10 e l’11 novembre, la Sezione di Olbia della Lega Navale Italiana ospiterà la Regata Nazionale. Il Circuito 2018 si concluderà con la riconferma pugliese della Regata Nazionale nell’accogliente rada di Mar Grande proposta l’1 e il 2 dicembre dal Circolo Velico Ondabuena Academy (www.ondabuenacademy.it) di Taranto.

Team da tutto il mondo in Sardegna per la GC32 Villasimius Cup

VILLASIMIUS – Sette equipaggi provenienti da sei nazioni e quattro continenti, da paesi lontani come l’Argentina, gli USA e persino la Nuova Zelanda, si ritroveranno da domani sulla costa meridionale della Sardegna per la GC32 Villasimius Cup, penultimo appuntamento del GC32 Racing Tour 2018.

Con l’affascinante sfondo delle montagne sarde e il campo di regata nell’area marina protetta di Capo Carbonara, una delle destinazioni preferite dai turisti di tutto il mondo grazie alle sue acque azzurre, un ambiente marino esotico, e una natura incredibile a poca distanza dagli stagni che ospitano colonie di uccelli marini e di fenicotteri rosa, i team avranno l’opportunità di navigare in un’area relativamente poco conosciuta dal punto di vista velico.

Oltre ai due team di Coppa America, INEOS Team UK con il pluridecorato campione olimpico britannico Sir Ben Ainslie nel ruolo di skipper e NORAUTO powered by Team France, con il vincitore della Volvo Ocean Race e della Route du Rhum francese Franck Cammas –anche gli elvetici di Realteam hanno esperienza di America’s Cup grazie all’aggiunta di  Arnaud Psarofaghis. Lo svizzero è infatti “in prestito” da Alinghi e sostituisce al timone lo skipper titolare Jérôme Clerc, che diventerà padre per la seconda volta a breve. Psarofaghis attualmente occupa la prima piazza nelle Extreme Sailing Series come timoniere di Alinghi e sul catamarano D35.

“Jérôme mi ha chiesto di sostituirlo perchè è impegnato questa settimana.” Ha spiegato Psarofaghis. “Sono felice di unirmi al team qui in Sardegna.” Che ha regatato con Realteam quattro anni fa ma che è spesso stato avversario di Clerc. “Ci conosciamo tutti e ci vediamo ogni fine settimana, è come una grande famiglia.” Sarà interessante vedere quale contributo Psarofaghis darà alle prestazioni dell’attuale leader del GC32 Racing Tour.

Fra gli equipaggi che hanno fatto più strada per regatare a Villasimius c’è quello guidato da Federico Ferioli: Codigo Rojo Racing dall’Argentina. Per i sudamericani si tratta della prima stagione completa nel GC32 Racing Tour e la prima volta a Villasimius. “E’ un bellissimo posto, ideale da visitare e per navigare, acqua piatta, 15 nodi di vento e acqua cristallina.” Ha detto Ferioli, che si augura che il suo gruppo possa continuare a imparare, come successo in tutta la prima parte della stagione del team al debutto nel GC32 Racing Tour. “Ci sono tre o quattro barche con le quali siamo sempre in lotta, facciamo ancora qualche piccolo errore qua e la che ci costa strada, ma ci arriveremo. A Palma di Maiorca abbiamo fatto grandi progressi e speriamo di continuare così anche qui.”

Questa settimana il team argentino corre con la stessa formazione della GC32 Lagos Cup, a giugno in Portogallo, con il velista della classe olimpica Nacra 17 del Guatemala Jason Hess a prendere il posto dell’esperto uruguaiano Diego Stefani.
Dalla lontana Nuova Zelanda arriva  Frank Racing di Simon Hull, che ha debuttato quest’anno nel circuito. “E’ un luogo magico, non lo conoscevo.” Ha detto Hull a proposito di Villasimius. “C’è mare piatto, vento ottimo, una bella atmosfera e una temperatura ideale…” Il team kiwi, di cui fa parte anche il figlio di Hull Harry insieme ad alcuni dei giovani velisti neozelandesi di maggior talento, spera di poter migliorare la prestazione dopo le buone prove di Lagos e quelle un po’ più opache della Copa del Rey MAPFRE lo scorso mese. “Penso che tutti stiano migliorando. Non vediamo l’ora di regatare. Adesso abbiamo bisogno di continuare a migliorare, che è il nostro obiettivo per questo evento e correggere alcuni degli errori fatti in Spagna.”

Proprio Frank Racing ha fatto registrare la migliore velocità media quest’anno per l’ANONIMO Speed Challenge, con 25.26 nodi nel giorno di apertura della on the opening day of the GC32 Lagos Cup in June.
“Siamo onorati di ospitare per  il secondo anno consecutivo questo importante evento velico internazionale ed equipaggi  di prestigio mondiale.  Questa  conferma è un riconoscimento per il grande lavoro svolto dalla Marina di Villasimius, che si è dimostrata un quartier generale all’altezza di manifestazioni di questo calibro, e avvalora la vocazione naturale del nostro territorio alla vela e al turismo attivo, che l’amministrazione intende  sostenere e incentivare, offrendo uno standard dei servizi sempre più elevato.  Ci auguriamo che attraverso  la GC32 Villasimius Cup il nostro straordinario patrimonio naturalistico e la nostra capacità ricettiva possano essere conosciuti e apprezzati in tutu il mondo.” Ha dichiarato il sindaco di Villasimius Gianluca Dessì.

Conclusa con successo REGATA DAUNIA CUP LIONS: vince l’imbarcazione “L’Amante Rossa”

MANFREDONIA – Nella mattinata di Domenica 9 settembre 2018, in una splendida giornata, nello scenario delle limpide acque del golfo di Manfredonia, sul percorso Manfredonia – Mattinata, l’imbarcazione “L’AMANTE ROSSA” dell’armatore Pietro Di Cesare, si è aggiudicata la 4^ edizione della regata DAUNIA CUP LIONS CHALLENGE TROPHY, e riconquistato il trofeo che avevano già vinto nella 3^ edizione.

Mentre nelle tre classifiche per categorie, si sono piazzati, e conquistato i relativi trofei:Per la categoria “Crociera-Regata”: 1° “L’Amante Rossa“ di Pietro Di Cesare ;  2° “L’Ottavo peccato” di Francesco Manno ;  3° “Rats on fire” di Teseo Ranucci ;Per la categoria “Gran Crociera”:  1° “Choerades” di Carlo Chiriaco ;  2° “Machi” di Angelo Dinarelli ;  3° “BeFirst” di Roberto Rocco D’Emilio ;Per la categoria “Libera”: 1° “Giorgio I” di Vincenzo Lapomarda ; 2° “Dido & Gogo” di Luigi Simonelli; 3° “Pegaso” di Pazienza Semeraro.

La regata velica, che ha visto la partecipazione di 14 imbarcazioni, e che era inserita nel calendario ufficiale FIV Federazione Italiana Vela, zona VIII, Puglia, oltre che nel prestigioso circuito del GRANDE SLAM DEL GARGANO, è stata organizzata dai Lions Clubs “Manfredonia Host” e “Foggia U. Giordano” e dalla Lega Navale Italiana Sezione di Manfredonia, come partner tecnico.

Il ricavato della regata, al netto delle spese sostenute, sarà devoluto in beneficenza alla LCIF Lions Club International Foundation ( http://www.lcif.org/IT  ) per la realizzazione del service “Sight for Kids”, un programma che mobilita professionisti del settore oculistico e volontari per condurre screening della vista in scuole a basso reddito e offrire agli insegnanti formazione sulla salute degli occhi. A oggi 150.000 insegnanti formati da Sight for Kids hanno sottoposto a screening per l’ipovisione 24,1 milioni di bambini in tutto il mondo. Il programma ha fornito servizi gratuiti a 500.000 bambini.

In serata si è svolta la cerimonia di premiazione presso la bella sede della Lega Navale in Viale Miramare, con l’intervento dell’Ing. Pasquale Di Ciommo, Governatore Distretto 108AB (Puglia), dell’Ing. Salvatore Guglielmi, Presidente Circoscrizione A (FG-BAT), del Dr. Michele Roberti, Presidente Lions Club Manfredonia Host, dell’Avv. Mara Cerisano, Vice Presidente Lions Club Foggia U. Giordano, dell’On. Antonio Tasso, dell’Assessore Giuseppe La Torre, per il Comune di Manfredonia, del Cap. di Fregata Luigi Spalluto, Vice Comandante Capitaneria di Porto di Manfredonia,  dell’Arch. Dino D’Andrea, Presidente Lega Navale Manfredonia, del Consigliere allo sport, Dr. Massimo Tringale.

Terza giornata dell’XI Campionato Provinciale per velisti diversamente abili firmata Mazzano

DESENZANO DEL GARDA – Tutto regolare anche nella terza giornata del Campionato Provinciale per velisti diversamente abili Svelare senza barriere 2018, la manifestazione perfettamente organizzata dal Gruppo Nautico Dielleffe di Desenzano come coronamento dell’iniziativa voluta per affermare gli effetti positivi della Vela come strumento di intervento nelle varie aree del disagio sociale, fisico e mentale.Gli amici della Fobap Anffas di Brescia, dell’Anffas di Desenzano-Rivoltella, della Cooperativa C.D.D. Collaboriamo di Leno (insieme all’iniziativa fino dal 2008) e della Coop La Rondine di Mazzano (che si è aggiunta dal 2015) hanno portato a termine un’altra regata ma questa volta è stato necessario dare la riduzione di percorso a causa del vento incostante e debole.

La vittoria è andata alla Squadra di Mazzano 1 Coop La Rondine di Mazzano (Papa Ibrahima Thiongane, Giacomo Di Litta e Sara Cappelletti) che ha preceduto Desenzano 1 Anffas di Desenzano-Rivoltella (Andrea dal Lago, Davide Ruffoni e Giorgio Calanna) e Leno 1 Cooperativa C.D.D. Collaboriamo di Leno  (Manuel Borboni, Ermanno Bresciani e Angelo Boselli).Al termine delle regate, ad attendere tutti i concorrenti presso il GN Dielleffe, le deliziose pietanze preparate dalla Iper la grande I di Lonato del Garda che grazie alla sensibilità del Direttore del punto vendita Iper di Lonato Vanni Corbonese, del capo reparto Fabio Marobbio, del responsabile vendite gastronomia Giovanni Ghirardi e di tutti i cuochi, ha proseguito anche per questa edizione la preziosa collaborazione con Svelare senza Barriere.

La classifica generale provvisoria (stilata dopo quattro prove) vede sempre al comando Brescia 1  (8 punti; 2,1,1,4 i parziali) seguita da Desenzano 1 (11 punti; 3,3,3,2), Mazzano 1 (15 punti; 1,6,7,1), Brescia 2 con (18 punti; 9,2,2,5), Leno 2 (21 punti; 6,5,4,6), Leno 1 (22 punti; 7,4,8,3) Desenzano 2 (24 punti; 4,6,5,9) e Mazzano 2 (28 punti; 5,8,6,9), ma domani, con la disputa della quinta prova sarà possibile applicare lo scarto.

Per questa edizione è stata adottata una nuova formula di regate: non più match race ad eliminazione diretta come negli anni precedenti, ma regate di flotta per le quali sono utilizzati quattro J24 (grazie anche al contributo della Fondazione della Comunità Bresciana onlus) e quattro barche messe a disposizione dei Soci del GNDielleffe. A bordo, come sempre, sono impegnati otto equipaggi formati da due persone diversamente abili, un loro accompagnatore responsabile e un osservatore dell’organizzazione. Ogni Associazione è rappresentata da due equipaggi che si avvicenderanno su tutte le barche (sorteggiate a turno ogni giorno). Otto le prove a bastone previste (con un massimo di due al giorno) con inizio alle ore 10.30 di ogni giorno.

La manifestazione, giunta alla sua undicesima edizione e organizzata con il patrocinio di Regione Lombardia, Assessorato Sport e Tempo libero della Provincia di Brescia e Città di Desenzano del Garda, si concluderà domani sabato 15 settembre quando, al termine delle ultime regate, presso la sede del GN Dielleffe, si svolgerà la premiazione finale, una vera e propria festa durante la quale verranno premiati non solo i vincitori ma tutti i partecipanti, e assegnati i due Trofei istituiti nel 2016: la CostaArreda Cup (grazie al Gruppo Costa Arreda e alla sensibilità di Matteo Costa) e il Trofeo Luigina (per ricordare l’amica Luigina Bressanelli scomparsa in quell’anno).Il Comitato di Regata è stato presieduto come sempre da Roberto Belluzzo coadiuvato in queste giornate da Giuseppe Iaccarino, Mario Monti e e degli osservatori a bordo delle 8 imbarcazioni Cesare Bresciani, Sergio Zumerle, Francesco Salvini, Roberto Ferlucci, Salvatore Secci, Gianluigi Zeni, Federico Osti, Giancarlo Marini e a terra Maurizio De Felice.

Piacevole novità di quest’anno, è la presenza di COREPLA, il Consorzio Nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica, che aderisce a Svelare senza Barriere con la distribuzione di gadget e materiale informativo in materia di raccolta differenziata e riciclo degli imballaggi in plastica per stimolare tutti i velisti al rispetto dell’ambiente in particolare del mare e, in questo caso, del lago.

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab