Luna Rossa Prada Pirelli team launches its second AC 75 Luna Rossa in Auckland. Il team Luna Rossa Prada Pirelli vara il secondo AC 75 Luna Rossa a Auckland

Il team Luna Rossa Prada Pirelli vara il secondo AC75 Luna Rossa a Auckland

A dicembre le prime regate

Auckland (NZ) – È stata varata questa mattina, martedì 20 ottobre, alle 10.30 locali, la seconda imbarcazione AC75 Luna Rossa, alla presenza delle famiglie del team Luna Rossa Prada Pirelli e di un ristretto gruppo di amici e persone di riferimento che stanno affiancando il team nella trasferta neozelandese.

La cerimonia si è svolta in maniera semplice e familiare, con la benedizione di Luna Rossa impartita dal Padre “Pa” Peter Tipene, Cathedral Dean della Cattedrale di Auckland, seguita dal battesimo dell’imbarcazione. A rompere sulla prua la bottiglia di Ferrari Maximum Blanc de Blancs delle Cantine Ferrari – “sparkling partner” del team -Tatiana Sirena, moglie dello Skipper e Team Director Max Sirena. A seguire, mentre la barca veniva varata, la locale comunitá Maori, l’ha accompagnata con il loro tradizionale rituale dedicato a queste occasioni.

Lo scafo, costruito presso i cantieri Persico Marine di Nembro (Bergamo), è arrivato a Auckland il 6 ottobre su un aereo cargo Antonov, il più grande aereo da trasporto del mondo. Nei pochi giorni che hanno separato l’arrivo dell’imbarcazione dal varo, sono stati installati a tempo di record i foil, allestiti i sistemi di bordo e strumentazione per essere così pronti a navigare non appena superati i primi load test, iniziati già un’ora dopo il varo.

“Barca 2” è la naturale evoluzione del precedente progetto, modificato in base ai dati raccolti nel corso dell’intenso periodo di navigazione nel Golfo di Cagliari ed elaborati dal design team in collaborazione con il sailing team, che è stato fondamentale in questo processo di sviluppo. Anche sul nuovo scafo, come su “Barca 1”, sono state adottate alcune tecnologie progettate assieme a Pirelli. Fra queste, grazie alla capacità dell’azienda di creare nuovi materiali utilizzati nel campo dei pneumatici, un componente nelle parti a contatto con l’acqua che aiuta nelle fasi di massima velocità.

Per la prima volta gli AC75, la classe di imbarcazioni con cui si disputeranno le regate della 36^ America’s Cup presented by PRADA, si confronteranno sul campo di regata di Auckland in occasione delle PRADA America’s Cup World Series e della PRADA Christmas Race, che si terranno dal 17 al 20 dicembre.

Dal 15 gennaio 2021 si entrerà nel vivo della competizione con la PRADA Cup (15 gennaio – 22 febbraio 2021), regate di selezione dei Challenger che determineranno il team che sfiderà il Defender, Emirates Team New Zealand, nel Match Finale della 36^ America’s Cup presented by PRADA (6-21 marzo 2021).

Patrizio Bertelli, Presidente del team Luna Rossa Prada Pirelli, ha dichiarato: “Desidero innanzi tutto ringraziare il cantiere Persico e tutto il suo personale per essere riusciti, nonostante le difficoltà del momento, a rispettare i tempi di consegna e consentirci così di poter utilizzare questa seconda imbarcazione, evoluzione della prima sotto molti aspetti. Ringrazio anche tutto il team: hanno lavorato giorno e notte, senza distinzione di ruoli, per essere pronti a varare oggi, rispettando così le tempistiche. Tra pochissimi giorni vedremo già navigare “Barca 2” e avremo le prime sensazioni, che sono certo saranno all’altezza delle aspettative, e tra pochissimo le prime regate. Auguro a tutti buon lavoro.“

Marco Tronchetti Provera, Pirelli Executive Vice Chairman & CEO ha dichiarato: “I miei complimenti vanno a tutto il team e al cantiere per la nuova barca che raccoglie l’esperienza di questi primi mesi di allenamenti e navigazione. Sono fiero di poter dire che a bordo c’è anche tecnologia Pirelli, frutto della capacità di innovazione continua che ci consente di competere in discipline ai massimi livelli come la Formula 1. Sarà bello veder volare con la bandiera italiana Luna Rossa nell’America’s Cup. Alla squadra azzurra, auguro buon vento.”

Max Sirena, Skipper e Team Director del team Luna Rossa Prada Pirelli: “Oggi è una giornata importante per la nostra sfida alla 36^ America’s Cup. Il varo della seconda Luna Rossa è il coronamento di più di 3 anni di lavoro del Team e di tutti i nostri collaboratori. Da oggi inizia la fase più importante della campagna, il Team si è preparato tanto per arrivare fino a questo punto ed è bello vedere la motivazione sui volti delle persone, in queste settimane di lavoro qui a Auckland. Tutti sentono l’importanza del momento: adesso si entra nel vivo dei giochi. Voglio cogliere l’occasione per ringraziare tutto il Team per il lavoro svolto, da oggi in poi non avremo più il controllo del nostro tempo, il conto alla rovescia alla prima regata è iniziato. Ringrazio Patrizio Bertelli, per averci permesso di arrivare fino a qui, Marco Tronchetti Provera e tutti i nostri sponsor e partner. Il programma è di iniziare a navigare pochi giorni dopo il varo per la preparazione della prima regata, l’ACWS di Auckland e la Christmas Race.”

Concluso a Viareggio il Trofeo Ottobre 2020: la vittoria a Italo Bertacca nei Finn e a Paolo Insom con Silvio Dell’Innocenti nelle Star

Decisiva per la classifica finale, la terza ed ultima prova. Una quarantina gli equipaggi al via

Viareggio- Vincendo la terza ed ultima prova, portata a termine nella giornata di domenica, il finnista Italo Bertacca (5 punti; 1,3,1), portacolori della Società Velica Viareggina, ha superato il compagno di Circolo Franco Dazzi (al comando nella giornata precedente) e si è aggiudicato il gradino più alto del podio del Trofeo Ottobre 2020, la manifestazione organizzata dalla Società Velica Viareggina in collaborazione con il Club Nautico Versilia e disputata nelle acque di Viareggio nel week end appena concluso.
Terzo posto, ex aequo con Franco Dazzi (10 punti; 3,1,6), l’austriaco Gerhard Weinreich (10 punti; 2,53) seguito da Andrea Poli (SVV 18 punti; 6,10,2) e da Riccardo De Sangro (CdReVItalia 19 punti, 12,2, 5).

Nella Classe Star, invece, il Presidente della SVV Paolo Insom e Silvio Dell’Innocenti, vincendo la regata conclusiva (2,5,1) hanno avuto la meglio su Marco Viti e Gianluca Dati (5,1,2) e su Bonanno-Serravalle (3,2,3), tutti a 8 punti. Seguono, rispettivamente al quarto e quinto posto Balderi-Anguillesi (12 punti; 1, 4, dsq) e  Mugnaini- Mugnaini (14 punti; 4, 3, dnf).

Una trentina di Finn e sette Star hanno portato a termine complessivamente tre prove: le prime due, disputate nella giornata di sabato e caratterizzate da sole, mare calmo, vento inizialmente sui 6-7 nodi da 150 gradi poi saltato a 180° con 8 /9 nodi di intensità ma poi calato nuovamente, erano state vinte nella Classe Finn rispettivamente da Dazzi e da Bertacca, e nella Classe Star da Balderi-Anguillesi e da Viti-Dati.

La terza ed ultima regata (ridotta per calo del vento) si è, invece, svolta domenica con un clima primaverile, vento instabile sui 6/7 nodi in diminuzione e mare calmo. Il Comitato di Regata è stato presieduto da Stefano Giusti.
Nel corso delle premiazioni, svoltesi nel pieno rispetto delle disposizioni in materia di Covid-19, Italo  Bertacca, oltre ad essere premiato come primo assoluto nella Classe Finn, si è imposto anche nella Categoria Gran Master mentre Dazzi ha vinto nella Categoria Legend e Andrea Poli in quella Gran Gran Master. Nicola Roncoroni, settimo assoluto, è stato premiato come primo Master e l’austriaca Tina Sperl, dodicesima assoluta, come vincitrice della classifica femminile.

I “Ragazzi del Moro” di nuovo insieme per la Veleziana 2020

Dopo 30 anni lo storico equipaggio si è riunito omaggiando la Compagnia della vela

Venezia – I “Ragazzi del Moro” di nuovo insieme per la Veleziana 2020, 13. edizione dell’evento organizzato dalla Compagnia della Vela. A bordo della freccia rossa veneziana, il cui armatore è Gianfranco Natali, si sono infatti riuniti otto dei protagonisti di quella barca che fu in grado di tenere incollati davanti alla tv tanti veneziani. Le levatacce notturne per assistere alle gesta di quel gruppo di sportivi restano indelebili nella mente degli appassionati, al punto che, nonostante siano passati oltre 30 anni, il Moro resta sempre il Moro.

La Compagnia della Vela non dimentica, celebrando il “suo” storico connubio. Atteggiamento reciproco dato che anche ieri l’imbarcazione ha issato i colori e il guidone del club nautico, come da prassi.
Dalla coppa America del 1991 alla Veleziana 2020 sono in tanti ad aver voluto ritrovarsi, come racconta PierFrancesco Dal Bon, timoniere ieri, e parte dell’ampio gruppo di allora formato da 35 persone: «Da veneziano è un orgoglio salire a bordo del Moro, oltre che un’emozione grande dopo 30 anni rivedere persone che mi hanno cambiato la vita. Purtroppo per problemi di lavoro non tutti hanno potuto prender parte a questa avventura, ma presto ci sarà nuovamente l’occasione».

Di quella bella pagina di storia veneziana erano presenti: Dudi Coletti (Skipper/Tailer), Davide Innocenti (Tattico), Vittorio Landolfi (Prodiere), Marco Schiavuta (Drizzista), Daniele Bresciano (Tailer), Carlo Castellano (Grinder), Sergio Mauro (Grinder). Oltre a loro, a completare l’equipaggio c’erano: Carlo Brenco (Randista), Paolo Masserdotti (Navigatore), Luca Giacomini (Tailer), Piergiorgio Oss (Aiuto prodiere), Gianni Cosenza (Volantista), Alessandro Bortoluzzi (Grinder), Nicola Catullo (Grinder), Eleonora Tonello (Jolly). Come ospiti c’erano il consigliere delegato del Comune di Venezia Paolo Romor, il direttore della comunicazione di Vela Fabrizio D’Oria, Giorgio Sulligoi e Meik Andriani.

Il Moro si è classificato ottavo, un risultato di tutto rispetto per il “trentenne”: «È il massimo a cui potessimo aspirare per una barca di 30 anni, pesa il doppio e ha una tecnologia che nulla ha a che vedere con quelle moderne. Rispetto ai bolidi di oggi il concetto è diverso e poi è uno scafo da coppa, adattato alle regate generali», continua Dal Bon.

Il timoniere esprime orgoglio soprattutto per la partenza, definita “da manuale”: «Siamo partiti con le mure a sinistra nonostante i maxi yacht, si vede che “i vecchietti” hanno saputo dare filo da torcere a equipaggi ben più giovani formati da professionisti, una soddisfazione che è valsa la giornata».
Per omaggiare il club di appartenenza, l’equipaggio a fine regata ha fatto quattro giri davanti alla sede storica della Compagnia della Vela, quindi tutti si sono posti sul lato sinistro, in piedi, a braccia alzate, per un saluto da brividi alla sua storia, alla Compagnia della vela.

SAVE THE DATE – LIVE – AC75 Luna Rossa Launch. Il varo dell’AC75 Luna Rossa

Follow on Instagram the Luna Rossa AC75 – Boat 2 christening ceremony LIVE from Auckland (NZ)

October 20th ~ 10.15 NZDT (New Zealand Time)

October 19th ~ 23.15 CEST

Segui su Instagram in DIRETTA da Auckland (NZ) la cerimonia del varo della seconda imbarcazione AC75 Luna Rossa.

19 Ottobre 2020 alle 23.15 circa (ora italiana)

20 Ottobre alle 10.15 circa a Auckland, NZ

ELBA/SOLIDARIETA’: IL CVMM PER ELBA SWIM 647

Marciana Marina- Il Circolo della Vela Marciana Marina sarà in prima fila nell’organizzazione di Elba Swim 647, manifestazione non competitiva che vedrà impegnati ben 110 atleti, provenienti da tutta Italia, in una nuotata in acque libere fra la spiaggia delle Ghiaie a Portoferraio e il Moletto di Marciana Marina.

Elba Swim è promossa da Abbracciamoli Onlus, associazione che si fa portavoce di valori condivisi tra il mondo dello sport e quello della cura della leucemia, organizzando eventi in cui atleti, sportivi e semplici spettatori possano contribuire tramite donazioni a dare maggiori possibilità alla ricerca, alla cura e all’assistenza medica al fine di garantire ai pazienti e alle loro famiglie, più elevate possibilità di guarigione e miglior qualità di vita.

Elba Swim 647, che si svolgerà il prossimo 24 ottobre 2020, ha ottenuto anche il patrocinio del Comune di Marciana Marina e il sodalizio velico sportivo marinese sarà attivo nell’assistenza ai partecipanti durante la prova in mare, mettendo a disposizione cinque gommoni che seguiranno i nuotatori (età minima di partecipazione 14 anni); inoltre offrirà il brindisi di benvenuto nella serata del 23 ottobre 2020 presso l’Hotel Marinella di Marciana Marina.

La manifestazione, inclusiva e dedicata a nuotatori con esperienza di acque libere, si compone di tre percorsi:
-       Elba Swim 647: distanza 12 km circa (6,47 miglia nautiche), partenza nelle acque antistanti la Spiaggia delle Ghiaie verso Scoglietto di Portoferraio e direzione Capo Enfola. Partenza ore 10:00
-       Elba Swim Middle: 6 km circa, partenza nelle acque antistanti la Spiaggia dell’Enfola (Nord) verso Marciana Marina. La partenza sarà alle 12:15 circa
-       Elba Swim One Third: distanza 3,5 km circa, partenza alle 13:15 nelle acque antistanti la Spiaggia Paolina (Nord) verso Marciana Marina.

-       Nel caso d’impossibilità di percorrenza del percorso ufficiale di Elba Swim 647 si procederà con la nuotata alternativa sottocosta con le stesse percorrenze.
Spicca tra gli atleti partecipanti il nome di Sabrina Peron, la prima donna italiana ad aver attraversato la manica ma prima anche ad aver conquistato le Tre Corone “Triple crown”, riconoscimento dedicato a chi è riuscito ad effettuare il giro dell’isola di Manhattan, la Catalina California e, appunto, la Manica.

Elba Swim 647 è resa possibile grazie al prezioso contributo di:
-       Elba Diving Center, che sarà in acqua con gommoni e sicurezza medica;
-       Acqua dell’Elba, che sarà presente sulla spiaggia, antistante l’Hotel Marinella/Moletto a Marciana Marina, con il gonfiabile al punto di arrivo e premierà i primi classificati;
-       Mecoil, azienda fiorentina, che omaggerà a tutti i partecipanti la maglietta commemorativa
-       Sea Kayak Italy per il supporto dei kayak in mare
-       Birra dell’Elba
-       … e Speedo, Enervit, ACQUASTORE, Icona Milano Make-up, CVE, Bar La Perla, F.lli Anselmi Snc, Isola d’Elba App, Hotel Marinella, Hotel Imperia
-
Ulteriori informazioni sono disponibili sui siti:

www.cvmm.it e www.abbracciamoli.it

Alessandro Giovini ITA-196 è il campione italiano di Formula Windsurfing 2020

Nelle acque di Torre Annunziata Alessandro Giovini ITA-196, dell’Adriatico Wind Club di Porto Corsini, si è aggiudicato, al termine di tre giorni di gare, il titolo di nuovo campione italiano 2020 di Formula Windsurfing e contestualmente vince anche la terza ed ultima tappa di Coppa Italia di Formula Fin & Open Foil 2020, in quanto la classifica era valevole per entrambe le manifestazioni.

Classifica che ha visto salire sul podio, al secondo posto, Dario Mocchi ITA-8080 della Lega Navale di Varese, che per un soffio non è riuscito nell’impresa di scavalcare Giovini, di cui diremo più avanti, mentre sul gradino più basso è salito Francesco Leoni ITA-378, stesso circolo di appartenenza del vincitore. Primo under 20 Michele Laurenza ITA-9114 del Centro Velico Vindicio, primo dei master Carlo Lignola ITA-98 del Canottieri Napoli, mentre Giovini si aggiudica anche la classifica gran master, e infine primo veteran Luciano Treggiari ITA-5 del Club Velico Ecoresort Le Sirenze. Giovini succede nell’albo d’oro della specialità a Christopher Frank.

I primi due giorni di gare di venerdì e sabato sono stati caratterizzati da un vento molto leggero, ai limiti, con due prove nel primo giorno e tre nel secondo, dove Giovini è riuscito, grazie alla sua esperienza, a conquistare la vetta della classifica e diversi atleti sono stati in difficoltà nel portare a termine le prove. Al termine del primo giorno la classifica era Giovini, Laurenza e Leoni, mentre al termine del secondo giorno, secondo e terzo posto si invertivano. Il terzo giorno, con vento medio forte e onda formata, pur con qualche buco, tra i 12 e i 20 nodi, ha rimescolato un po’ le carte, con prove difficili dove c’è stata molta tattica: Mocchi ha vinto tutte e tre le prove disputate mentre Giovini si difendeva, ma non sono bastate per un soffio all’atleta lombardo per scavalcarlo in classifica.

Ottima l’organizzazione del Circolo ospitante, il Circolo Nautico Arcobaleno a.s.d. Torre Annunziata, che ha dovuto fare tutto in poco più di dieci giorni, per recuperare il Campionato che inizialmente doveva svolgersi a Formia, ma poi annullato per Covid. Questo era probabilmente l’ultima opportunità perché si potesse svolgere la gara, con la consueta passione degli atleti ed organizzatori unita alla grande responsabilità dimostrata da tutti, in questi complicati frangenti per ogni manifestazione sportiva.

Campionato Italiano e-sailing @Barcolana 2020: Tricolore e-sailing, il 16enne Rocco Guerra batte tutti!

Si chiama Rocco Guerra e viene dalla Puglia, ha fatto Optimist e 420, poi altura già da piccolo. Per il titolo italiano ha battuto campioni ai vertici mondiali. “E’ iniziato tutto con il lockdown”

Alla vigilia della Barcolana 52 poi annullata per il maltempo, la vela virtuale, quella su pc, smartphone e tablet, ha concluso con successo proprio a Trieste il suo Campionato Italiano E-sailing 2020 @Barcolana, assegnando il titolo tricolore e il relativo podio.

Dopo le qualifiche e le selezioni tra i 160 partecipanti totali, 16 timonieri virtuali con relativo nickname hanno dato vita alla Finale e quindi alla Medal Race tra i top-10. Tra i finalisti nomi importanti che ben rappresentano la specialità e-sailing in Italia, a cominciare dal campione del mondo uscente (ancora in carica, ma per un soffio fuori dalla Finale per difendere il titolo) Filippo Lanfranchi, e dal bronzo iridato Luca Coslovich.

Quest’ultimo è stato protagonista di uno sfortunato episodio poichè, a causa di una mancata connessione alla rete ha purtroppo saltato la finale. Tra i 16 finalisti anche velisti abbastanza noti come Paolo Scutellaro, Paolo Parente, Danilo Suppa. Regate combattute e commentate come di consueto in diretta da Stefano Bragadin e Alberto Carraro sulle pagine facebook e youtuve della Federazione Italiana Vela, nella diretta di sabato è intervenuto anche il presidente FIV Francesco Ettorre.

Il nuovo campione italiano e-sailing 2020 è il giovanissimo Rocco Guerra, appena 16 anni, viene da Manfredonia in Puglia, è un velista anche molto “reale” avendo fatto Optimist, 420 e persino vela d’altura con un ILC 40 già da piccolo. “Ho iniziato a giocare alla vela virtuale durante il lockdown – ha raccontato Rocco – e mi sono subito appassionato, i risultati sono arrivati e alla fine eccomi qua!”

La classifica completa della Medal Race vede al primo posto Rocco Guerra (nickname Rats on Fire), al secondo Paolo Lanfranchi (Velista71), al terzo Tommaso Tamblè (tommytamble), al quarto Nicola Campus (Sailboard olbia), al quinto Francesco Pedrotti (pedrito22), sesto Paolo Scutellaro (Pscutel), settimo Federico Lauro (chambordew), ottavo Peppe D’Amato (ITA176), nono Davide D’Amato (GinTonic) e decimo Fabio Caldeo.

Per rivedere le regate di finale e la Medal Race: https://www.facebook.com/watch/live/?v=654571588534567

DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE FIV FRANCESCO ETTORRE SULL’ANNULLAMENTO DELLA BARCOLANA

Intervenendo in studio alla diretta della Barcolana su Rai 3 il presidente FIV Francesco Ettorre ha detto tra l’altro: “Le condizioni proibitive erano largamente previste, anche se con delle variabilità nei diversi modelli meteo, credo che la scelta degli organizzatori, anche seguendo l’allerta meteo e gli avvisi della Capitaneria di Porto, sia stata giusta. Andare in regata con 40-45 nodi di vento credo non sia il massimo per i velisti, anche se ovviamente chi naviga deve essere pronto ad affrontare tutte le condizioni. La prudenza è sempre la migliore consigliera, e il senso di responsabilità. Credo si debba fare i complimenti all’organizzazione di Barcolana, perchè il tema della sicurezza, come sappiamo, in questo periodo è centrale, e qui è stato affrontato in modo eccellente.”

CONCLUSA LA SESTA EDIZIONE DEL VENICE DRAGON BOAT FESTIVAL

La sesta edizione del Venice Dragon Boat Festival si è svolta sabato 10 ottobre 2020 c/o il Polo Nautico di Punta San Giuliano con la partecipazione di 21 equipaggi provenienti da Veneto, Lombardia e Friuli.

“Siamo orgogliosi di essere riusciti ad organizzare un evento bellissimo in un periodo così difficile. Le misure anti contagio Covid-19 non hanno permesso al pubblico di assistere all’evento ma tutti i partecipanti si sono sentiti coinvolti e rispettosi delle regole” – commenta Andrea Bedin, Presidente di Dragon Boat Italia.

“Ringraziamo il Polo Nautico di Punta San Giuliano per l’ospitalità e tutti i circoli che lo compongono per l’accoglienza. Un caloroso ringraziamento a tutti gli equipaggi presenti e a tutti i collaboratori che con molta capacità hanno permesso che l’evento si svolgesse con regolarità e senza incidenti” – commenta Maria Balanos, Presidente di Venice Canoe & Dragon Boat asd.

Le immagini dell’evento sono sui canali social www.facebook.com/DragonBoatItalia e www.facebook.com/venicecanoe .

La manifestazione è stata patrocinata dalla Regione del Veneto, dalla Città Metropolitana di Venezia e inserita nel programma delle Città in Festa del Comune di Venezia.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Dragon Boat Italia e dall’Associazione Venice Canoe & Dragon Boat, con la collaborazione dei circoli del Polo Nautico di Punta San Giuliano di Venezia-Mestre.

Questi i risultati

Sesta edizione Venice Dragon Boat Festival
Polo Nautico Punta San Giuliano
Venezia-Mestre, 10 ottobre 2020
Distanza 200 metri lineari

Risultati

Classe BCS (Breast Cancer Survivors)
1 class. equipaggio Trifoglio Rosa Mestre BCS, tempo 1’21”80
2 class. equipaggio Le Brentane Valbrenta BCS, tempo 1’23”20

Classe Femminile
1 class. equipaggio Pink Dragon Canoa Club Sile femminile, tempo 1’15”80
2 class. equipaggio La Darsena Bardolino femminile, tempo 1’17”20
3 class. equipaggio Trifoglio Rosa Mestre femminile, tempo 1’21”80
4 class. equipaggio Le Maldrobie Gorizia femminile, tempo 1’24”60

Classe Maschile Assoluta
1 class. equipaggio La Darsena Bardolino maschile, tempo 59”60

Classe Maschile Junior
1 class. equipaggio Gladiatori del Canoa Club Sile maschile, tempo 1’00”50

Classe Maschile Ragazzi
1 class. equipaggio Cigni del Canoa Club Sile maschile, tempo 1’16”50

Classe BCS+Supporter
1 class. equipaggio Le Brentane Valbrenta BCS+Supporter, tempo 1’21”90
2 class. equipaggio La Darsena Bardolino BCS+Supporter, tempo 1’22”40
3 class. equipaggio Trifoglio Rosa Mestre BCS+Supporter, tempo 1’22”90
4 class. equipaggio Le Maldrobie Gorizia BCS+Supporter, tempo 1’23”60

Classe Misto
1 class. equipaggio La Darsena Bardolino misto, tempo 1’06”10
2 class. equipaggio Toscolano Maderno misto, tempo 1’08”40
3 class. equipaggio Canottieri Mestre misto, tempo 1’22”90
4 class. equipaggio Famiglia del Canoa Club Sile misto, tempo 1’18”00

Classe Social Maschile
1 class. equipaggio Canottieri Mestre social maschile, tempo 1’06”40
2 class. equipaggio I campioni del Canoa Club Sile social maschile, tempo 1’07”40
3 class. equipaggio Il futuro del Canoa Club Sile social maschile, tempo 1’16”80

Classe Social Femminile
1 class. equipaggio Dragoni di Padova sociale femminile, tempo 1’16”50

CHIUSE LE ISCRIZIONI – 21 EQUIPAGGI PER LA SESTA EDIZIONE AL VENICE DRAGON BOAT FESTIVAL

La sesta edizione del Venice Dragon Boat Festival che si svolgerà sabato 10 ottobre 2020 c/o il Polo Nautico di Punta San Giuliano si apre nel segno del successo.

“Seppur con molte difficoltà legate alle misure restrittive per la pandemia Covid-19, siamo riusciti a realizzare questa sesta edizione che era stata programmata per il 29 maggio scorso presso l’Isola di San Servolo e con molti equipaggi ospiti internazionali (che un paio di giorni dopo avrebbero partecipato alla Vogalonga)” – commenta Andrea Bedin, Presidente di Dragon Boat Italia e organizzatore dell’evento.

“Non ci siamo arresi e abbiamo deciso di organizzare comunque la manifestazione che avrà una partecipazione legata maggiormente ad equipaggi veneti (Venezia-Mestre, Padova, Silea, Bardolino, Solagna), lombardi (Toscolano Maderno), friulani (Gorizia)” – continua Bedin.

“Tra i partecipanti saranno presenti quattro equipaggi del movimento Donne in Rosa, cioè le signore che scelgono il dragon boat come terapia riabilitativa post operazione per il tumore al seno” – conclude Andrea Bedin.

Il momento principale della giornata sarà dalle ore 14:45 alle ore 16:30 quando si disputeranno le finali. Ad ogni finale seguirà immediatamente la premiazione, come da normative Covid-19.

Ed è proprio in osservanza del rigido Protocollo Covid-19 dell’evento che il pubblico non potrà assistere alla manifestazione.

L’organizzazione proporrà le immagini dell’evento sui canali social www.facebook.com/DragonBoatItalia e www.facebook.com/venicecanoe .

La manifestazione è patrocinata dalla Regione del Veneto, dalla Città Metropolitana di Venezia e inserita nel programma delle Città in Festa del Comune di Venezia.

L’evento è organizzato dall’Associazione Dragon Boat Italia e dall’Associazione Venice Canoe & Dragon Boat, con la collaborazione dei circoli del Polo Nautico di Punta San Giuliano di Venezia-Mestre.

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab