Il Consiglio Federale festeggia Maelle Frascari

La prodiera di Vittorio Bissaro campionessa del mondo del catamarano olimpico Nacra 17 foiling è stata ospite del Consiglio Federale oggi a Roma. Un incontro e uno scambio di saluti e festeggiamenti. Il presidente Francesco Ettorre ha introdotto l’atleta, Maelle Frascari (Circolo Canottieri Aniene) a sua volta ha salutato i consiglieri con un breve intervento.

“Siamo molto felici, porto anche i saluti di Vittorio Bissaro, è stato un grande Mondiale nel quale abbiamo vissuto molti momenti da ricordare. Tra i più belli c’è l’accoglienza della squadra italiana al nostro rientro a terra: è molto bello sentire così vicini i compagni di squadra che sono anche amici. Molti di loro li conosco dai tempi in cui facevo i primi raduni con la squadra della classe Laser, alcuni sono stati dei miei riferimenti sportivi, oggi ricevere i loro complimenti è speciale.

“Voglio ringraziare tutta la Federazione, perchè sento che abbiamo fatto tutti un grandissimo lavoro, i nostri tecnici straordinari, i compagni di squadra, tutti i collaboratori, e ovviamente gli sponsor. In Nuova Zelanda ho constatato che la vela italiana è tenuta in alta considerazione. Spesso tecnici e atleti di altre nazioni faticano a crederci, si avvicinano e cercano di capire il nostro modo di lavorare. Credo sia la prova ulteriore dell’ottimo lavoro, testimoniata anche dai risultati: sono due anni che l’Italia vince il Mondiale nella classe Nacra 17!

“Un altro aspetto molto bello è che mi sembra di cogliere un crescente interesse da parte dei più giovani, anche non appassionati di vela, chiedono informazioni e si avvicinano. Sono orgogliosa del lavoro fatto con tutti voi. Questo Mondiale non ci cambia, siamo sempre gli stessi, sappiamo che c’è ancora tanta strada da fare, tanto lavoro e spingere sempre. Saremo gli iridati più brevi della storia, perchè tra due mesi c’è già un nuovo Mondiale! Ma intanto il nostro nome resterà nell’albo d’oro, e poi chissà…

Il presidente FIV Francesco Ettorre da parte sua ha voluto sottolineare il carattere dell’atleta azzurra: “Maelle ha saputo reagire con forza a infortuni e momenti difficili, il loro titolo è un premio al lavoro e allo spirito di squadra. Credo che per il futuro, il lavoro di qualità continuerà a dare risultati se saremo tutti capaci di lavorare sempre insieme come un team.”

Dopo un breve scambio con alcuni consiglieri e con il Segretario Generale Gianni Storti, alla fine il Consiglio ha tributato un lungo applauso finale alla neo campionessa del mondo Maelle Frascari.

Barche d’Epoca: aperte le iscrizioni al 7° Convegno, a Varese sabato 25 gennaio 2020

LA SETTIMA EDIZIONE DEL CONVEGNO SULLE BARCHE D’EPOCA


Torna a Varese il più importante appuntamento annuale dedicato al mondo della marineria tradizionale e delle barche in legno aperto alla partecipazione di tutti. Appassionati, studiosi, rappresentanti della cantieristica, giornalisti, storici e navigatori si ritroveranno sabato 25 gennaio 2020 presso il prestigioso Palace Grand Hotel di Varese, a soli 40 minuti da Milano e a poca distanza dalla Svizzera e dai Laghi Maggiore e di Como.

Qui, dalle 9 alle 18, si svolgerà la settima edizione di “Tra Legno e Acqua”, il Convegno Nazionale sul Recupero e la Valorizzazione delle Imbarcazioni d’Epoca e Storiche organizzato dall’AVEV, Associazione Vele d’Epoca Verbano, con il contributo della Regione Lombardia. Ogni partecipante riceverà un kit congressuale, la colazione a buffet, il coffee break e il pranzo al tavolo presso il Ristorante Liberty del Palace Grand Hotel.

I posti sono limitati ed è richiesta l’iscrizione online al seguente link https://www.veledepocaverbano.com/tra-legno-ed-acqua-2020/ , dove è anche possibile consultare il programma ufficiale del convegno. Sponsor dell’evento la Veleria Zaoli Sails, la Casa Editrice Mursia, Porrini Moda e Casa, Cromatura Cassanese, Studio Giallo & Co., Agricole Gussalli Beretta. Patrocinatori del convegno saranno l’Università degli Studi di Genova, l’Associazione Musei Marittimi del Mediterraneo, Yacht Club Italiano, FAI Fondo Ambiente Italiano, FIBaS Federazione Italiana Barche Storiche, VSV Vele Storiche Viareggio, AIVE Associazione Italiana Vele d’Epoca, ASDEC Associazione Scafi d’Epoca e Classici, Gestione Navigazione Laghi, ISTIAEN Istituto Italiano di Archeologia e Etnologia Navale.

SESSO, MARE, POLENE, BARCHE SCOMPARSE, LA BAT-IMPRESA E ALIBABÀ
Tra le relazioni che verranno presentate in occasione del 7° Convegno di Barche d’Epoca quella su “Le polene, il sesso e il mare”, la storia delle “Acque interne e la via del Marmo”, con riferimento alla prossima riapertura dei Navigli di Milano, il libro “Scomparse e indimenticabili” dedicato alle barche a vela andate disperse tra il 1885 e il 1951, le “Gare dei rimorchiatori” e la presentazione della neonata “Federazione Italiana Barche Storiche”.

Seguirà il racconto sull’impresa del piccolo “Bat 1889” che ha recentemente circumnavigato l’Italia, il restauro di “Alibabà” del 1925, il primo 8 Metri Stazza Internazionale italiano, la descrizione delle vele realizzate per l’Amerigo Vespucci, la nave scuola della Marina Militare, il restauro della deriva aurica Oblio del 1893 e la storia dei piroscafi a vapore ancora operativi sui laghi nazionali. Durante il convegno l’artista scultore valtellinese Davide Holzknecht intaglierà in diretta, con mazzuolo e scalpello, la polena in legno di tiglio della goletta Pandora, raffigurante una figura femminile ispirata al mito greco di Pandora, che verrà poi installata a bordo entro la primavera 2020.

Foto: Foto Maccione

America’s Cup-assessore al Turismo, Chessa (Regione Sardegna): “Credere e puntare su sport velici per il turismo”

“Intorno alla manifestazione velica ruoteranno iniziative promozionali su cultura, tradizione e prodotti dell’Isola, dal 23 al 26 aprile, in via Roma, verrà aperto un grande villaggio aperto al pubblico e, dopo la gara, i team (oltre a Luna rossa partecipano altre tre barche) potranno restare a Cagliari per allenarsi fino alla prossima competizione dell’America’s cup.”

Cagliari- “Credere e puntare anche sugli sport velici per la destagionalizzazione dei flussi turistici, perché un grande evento come l’America’s cup porta la città di Cagliari e l’intera Sardegna alla ribalta mondiale per tanti mesi”. Lo ha detto l’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa, nella base del team di “Luna Rossa” al Molo Ichnusa di Cagliari, durante la presentazione delle World series Sardegna dell’America’s Cup di vela, insieme a Laurent Esquier, amministratore delegato di “Challenger of record 36″.

L’Americas’s cup world series Sardegna è il primo evento della 36ima edizione della Coppa e si svolgerà nel golfo di Cagliari dal 23 al 26 aprile 2020: “La gara sportiva vera e propria dura solo quattro giorni – ha aggiunto l’assessore Chessa – Però, intorno alla manifestazione velica ruoteranno iniziative promozionali su cultura, tradizione e prodotti dell’Isola, dal 23 al 26 aprile, in via Roma, verrà aperto un grande villaggio aperto al pubblico e, dopo la gara, i team (oltre a Luna rossa partecipano altre tre barche) potranno restare a Cagliari per allenarsi fino alla prossima competizione dell’America’s cup. La Sardegna deve attrezzarsi al meglio per poter ospitare eventi di questo livello, che rappresentano un’occasione per creare indotto economico e nuove opportunità di lavoro, oltre ad essere una costante promozione sotto i riflettori dei media di tutto il mondo. Con questi obiettivi ben chiari, la Regione saprà fare la sua parte”.

“La Sardegna è un’isola dalle enormi opportunità e la scelta di Cagliari per la prima competizione dell’America’s Cup lo dimostra. Uno scenario ambientale eccezionale per un evento eccezionale, capace di affascinare milioni di appassionati, molti dei quali ancora non conoscono la nostra isola. Dobbiamo cogliere queste occasioni, programmando un fitto programma di iniziative di livello internazionale anche per i prossimi anni”, ha concluso l’esponente della Giunta Solinas.

2020 OFFSHORE WORLD CHAMPIONSHIP Qualification Events

La Federazione Internazionale (World Sailing) ha diramato comunicazioni ufficiali (documento allegato esplicativo anche delle modalità partecipative) relative al Campionato del Mondo 2020 della nuova disciplina olimpica “doppio misto a chiglia”.
Questa disciplina sarà presente nel format dei Giochi Olimpici di Parigi/Marsiglia 2024.

Il percorso per partecipare ai Mondiali 2020 prevede selezioni che si disputeranno in un Paese dell’Europa Occidentale per individuare un solo equipaggio per Nazione che rappresenterà ufficialmente i propri colori nazionali ai Mondiali che si disputeranno a Malta dal 10 al 22 ottobre 2020.

Venti saranno gli equipaggi ammessi, in rappresentanza di altrettanti Paesi; Malta, Paese organizzatore, avrà un equipaggio di diritto. Questi equipaggi saranno misti (un uomo ed una donna) e regateranno su imbarcazioni della Classe L30 messe a disposizione dagli Organizzatori.
La Federazione Italiana Vela intende naturalmente partecipare alle Selezioni per Mondiali inviando un proprio equipaggio a rappresentare i colori italiani.

Per questo obiettivo la Federazione darà quindi luogo ad una selezione interna tra quanti fossero interessati a partecipare alla selezione pre-Mondiale 2020 (Qualification Events) di questa nuova disciplina olimpica.

Gli interessati a partecipare alla selezione interna dovranno, attraverso il proprio Circolo di appartenenza, segnalare questa intenzione partecipativa alla F.I.V. (segretariogenerale@federvela.it – m.marchesini@federvela.it ) entro il 3 gennaio 2020, allegando dati individuativi dell’equipaggio (palmares, esperienze, risultati, partecipazione ad eventi internazionali, ecc,).

Raccolte le adesioni, valutatele qualitativamente e quantitativamente, la Federazione diramerà le modalità partecipative alla selezione nazionale ed il format che verrà utilizzato nell’occasione.

2020 Offshore WorldChampionships/ Qualification EventsInformation to MNAs

http://www.federvela.it/sites/default/files/2020_offshore_worlds_information5.pdf

Centro Velico Torreguaceto: nella Puglia più bella, corsi di deriva, catamarano e windsurf per adulti e ragazzi

Per tutti quelli che per l’estate 2020 cercano ispirazione per una vacanza nuova e divertente il Centro Velico Torreguaceto, forte di oltre trent’anni di scuola di vela e di una location straordinaria nella omonima Riserva Marina Statale fra Brindisi e Ostuni nel comune di Carovigno, propone una formula semplice quanto efficace: mare, amici e sport.

Catamarano sportivo, deriva o windsurf: queste sono gli “sport della vela” o “vela sportiva”. In comune hanno la caratteristica di essere una straordinaria avventura sia per coloro che approcciano questi sport per la prima volta sia per quanti intendono sperimentare le proprie capacità, tanto da diventare dei veri e propri velisti. Dalla messa in acqua ai primi bordi, dalle regolazioni di fino alle manovre più complesse, dalle sbandate alle inevitabili “scuffie”: al Centro Velico Torreguaceto, in un ambiente informale e spartano quanto profondamente “marinaio” istruttori – tutti volontari – di grande esperienza trasformano increduli cittadini in uomini di mare grazie a corsi residenziali della durata di una settimana.

Caratteristica di questa storica scuola di vela – attiva in questo angolo di paradiso dalla metà degli anni ’80 – è un approccio alla vela e alla natura basato sul rispetto per il mare e la natura incontaminata che accoglie i corsisti. Si dorme in camerate con letti a castello o in tenda personale, una volta durante il corso si contribuisce ad aiutare i cambusieri – responsabili delle tre cucine –a preparare i pasti per i compagni di corso, si impara ad andare per mare grazie a efficaci lezioni teoriche e a tanta pratica in mare, si fa festa la sera riempiendosi gli occhi dei tramonti infuocati dalla Terrazza Martini che si affaccia sul mare e sulla spiaggia a disposizione della Scuola.

La scuola di vela vanta una flotta ricchissima composta da Trident (derive per i corsi di iniziazione), Laser 2000, Laser 3000 e RS500 per i corsi di perfezionamento, di Laser 4000 per quelli che affrontano la disciplina in modo davvero sportivo. E poi catamarani Hobie Cat per gli amanti della velocità e una ricca flotta di windsurf per iniziare e perfezionarsi fino a planare sulle onde.

Dal 28 giugno al 17 luglio l’ASD 18 Nodi organizza i corsi per ragazzi dai 9 ai 16 anni, con un comodo servizio di accompagnamento in vagon lit dalle principali città del Nord Italia.
Per tutti gli altri i corsi di svolgono da giugno ad agosto.

Napoleone Neri presenta: VIVERE IN BARCA

Un vademecum del buon vivere in barca raccolto in un eBook, gli appassionati del mare troveranno utili istruzioni; particolarmente pensato per gli equipaggi delle barche charter

 

VIVERE IN BARCA è un manuale di navigazione scritto da Napoleone Neri, rivolto agli appassionati del mare, esso è sostanzialmente suddiviso in quattro parti:

1. La prima affronta i problemi legati alla convivenza, all’ospitalità, all’organizzazione degli spazi, a cosa portare in barca, alla sicurezza, alla cultura del mare, la cambusa, le regole per noleggiare le barche ecc.;
2. La seconda parte dedicata alle ricette gastronomiche veloci e pensate per la cucina di bordo.
3. La terza parte è costituita dal Dizionario dei termini marinareschi;
4. la quarta parte è un compendio del “Nuovo Codice del Diporto”.

Questo manuale è un vero Vademecum: per il buon vivere in barca a vela, chi è agli inizi dell’esperienza in barca a vela troverà tanti consigli.
Numerosi sono i velisti che fanno la crociera prendendo la barca a noleggio è un eBook pensato per loro, per ogni argomento è stato elaborato un vademecum, con centinaia di istruzioni in pillola. Alcuni capitoli sono dedicati alle istruzioni per prendere la barca a noleggio e fare una crociera serena.

Vivere in Barca, non è un semplice libro per gli appassionati mare, ma è un invito ad organizzare la vita e la cucina di bordo, in quanto componenti importanti per vivere sereni ed in piena armonia, assaporando i ritmi del mare, delle stagioni e dei prodotti della natura.
L’eBook rappresenta la testimonianza di un amante del mare, che in base alla propria esperienza propone delle soluzioni per organizzare la vita bordo. Come si dice sui posti di lavoro, la sicurezza innanzi a tutto, non solo per affrontare la navigazione, ma anche nel vivere in barca, quest’ultima molto spesso sottovalutata.

La barca è un piccolo mondo dove si muovono tante persone che interagiscono fra di loro, ovviamente ognuno deve esser parte di un disegno organizzativo. Tutti i membri dell’equipaggio fanno parte di un destino comune, ognuno ha un posto ben definito e ciascheduno concorre alla sopravvivenza nella misura che gli compete.

Le ricette sono tutte nate nel microcosmo della barca, dove ogni luogo trasuda di tradizione e dove tutto deve essere funzionale, essenziale ed appagante.

Napoleone Neri racconta che agli inizi della sua esperienza in barca a vela, molti anni fa, in barca portava tanti libri di cucina: il ricettario del pesce, i primi piatti, gli spaghetti, i dolci rapidi, la cucina regionale, i piatti del territorio, le ricette dello chef.

Neri dice: nei libri trovavo numerose idee, ma senza un filo logico, non trovavo mai la ricetta giusta per una determinata situazione. Alla fine, ho smesso di consultare i libri e mi sono deciso, devo realizzare un ricettario pensato per soddisfare le esigenza della vita in barca, ma anche per la cucina casalinga di tutti i giorni.

In barca come in casa, se non hai un ricettario guida da consultare rapidamente per scoprire interessi ed idee, si rischia di fare sempre il solito piatto e molto spesso a base di cibi preparati. Lo sviluppo di questo ricettario è frutto della mia esperienza e curiosità gastronomica, ma soprattutto dei tanti esempi ed insegnamenti che ho recepito: dalla mia famiglia, dai pescatori, dalle persone che ho incontrato per caso, da chef professionisti, dalla rielaborazione di ricette classiche, dai libri di cucina antichi e moderni.

Napoleone Neri
Nato nel 1948, figlio di agricoltori della bassa bolognese, ha vissuto intensamente le tradizioni rurali della sua famiglia e della sua terra, da ragazzo ha scoperto il mare stando a cavalcioni delle banchine dei porti canali della Romagna, sognando di navigare per terre lontane.
Nella vita è un professionista, conoscitore delle filiere agroalimentari, cultore e ricercatore delle specialità alimentari, competente di tecnologie alimentare, esperto cioccolatiere, studioso delle tecniche di cucina, appassionato del buon cibo.

Neri è autore di numerosi libri “Come il Cioccolato sui Maccheroni” edito da Mondadori, che ha contribuito a diffondere l’uso del cacao come ingrediente nei piatti salati.” Il Marmittone” un libro di ricette della cucina nata in barca. Il libro “A tavola con il Dottor Balanzone” edito da Pendragon che ha contribuito a gettare le basi per la candidatura UNESCO della Cultura Gastronomica Bolognese.

Velista appassionato, quando va in barca prova soddisfazione nel navigare verso l’ignoto e nel cucinare per gli amici, specialmente al riparo di un porto o in una tranquilla baia. Il suo motto in barca come nella vita è: “Non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare” (Seneca).

Può prelevare il testo completo dal seguente link:
http://www.comunicati-stampa.net/com/napoleone-neri-presenta-vivere-in-barca.html

Assemblea Eurilca a Roma presso il CONI

Si è svolta presso la Sala delle Armi al CONI la prima giornata di lavoro dell’assemblea Eurilca.
Ad aprire i lavori è stato il presidente Ettorre che ha consegnato al presidente Eurilca e al presidente Aicl un presente.

Il presidente Francesco Ettorre ha dichiarato: “Nel saluto alle delegazioni europee ed al presidente dell’Eurilca ho richiamato a quello che è il punto chiave della questione. Ogni decisione nazionale ed internazionale deve avere come punto centrale gli atleti. Ogni decisione che non ha come punto focale, per lo sviluppo della vela, gli atleti é una decisione sbagliata.”

Foto: Thom Touw Photography

Sono 6 i ragazzi dell’istituto di Giustizia Penale in gara nel campionato invernale di vela con New Sardiniasail

Hanno avuto problemi con la Giustizia ma sono pronti a virare verso acque più tranquille e navigare nel mare della vita rispettando le regole. Ad iniziare dalle regate del campionato invernale di vela. Debutto domenica 1 dicembre  a  Cagliari dove si inizia a regatare con due – 17 e 18 anni – dei sei ragazzi in affidato dal Dipartimento di Giustizia di Cagliari. Gli altri 4 ragazzi  saliranno a bordo dalla prossima regata.

“In questi anni abbiamo lavorato molto sulla formazione attraverso la partecipazione a diversi corsi, le lezioni e le esperienze  con navigatori professionisti, la preparazione della barca per regate internazionali come la Middle Sea Rice e la partecipazione con qualche soddisfazione agonistica ad alcune regate – fa la cronistoria dei progressi dell’associazione il presidente di New Sardiniasail Simone Camba -. Ora è arrivato il tempo di affrontare la sfida del campionato”.

Le regate si disputeranno  tutte nelle acque antistanti la spiaggia del Poetto. “Dopo la Rolex Middle Sea Race Limafotodinamico, la barca dell’associazione, è stata preparata per queste regate  alleggerendola di tutte quelle attrezzature necessarie per l’altura – sottolinea il presidente Camba -pertanto dovremmo avere una barca molto più reattiva e veloce”.  C’è voglia di far bene e raggiungere un buon risultato.

“Sono dei ragazzi molto motivati, hanno una gran voglia di imparare e crescere – conclude il presidente Camba -. Per loro rappresenta l’opportunità di imparare uno sport di gruppo dove è fondamentale rispettare le regole, ma pure l’occasione per apprendere teoria e pratica professionale utili anche per trovare lavoro nel mondo della nautica”.

L’associazione è supportata da Fotodinamico, Slam,  Lega Navale Italiana sez. di Cagliari e ultimo ottimo arrivato Specialcar Group Spa, concessionaria in Sardegna per i marchi BMW, MINI, Motorrad e Maserati e a Cagliari e Oristano per Mercedes-Benz, Smart e Volvo.

Corso di aggiornamento per istruttori Parasailing a Cagliari

Si è concluso a Cagliari il corso aggiornamento per istruttori parasailing, tenuto dai tecnici nazionali Filippo Maretti e Beppe Devoti con 19 partecipanti provenienti da tutta Italia. Il corso si è alternato con lezioni in aula e parte pratica che ha lasciato gli istruttori federali soddisfatti ed entusiasti per questa nuova prospettiva e possibilità che la Fiv gli ha offerto.

Presenti per portare il saluto del Consiglio federale e del Presidente Francesco Ettorre, il consigliere nazionale Pietro Sanna che ha salutato i presenti incoraggiandoli a divulgare presso le zone e gli affiliati quanto da loro appreso in questi giorni intensi e produttivi. I lavori sono stati chiusi dal Consigliere nazionale delegato alle attività Parasailing Fabio Colella che ha divulgato i dati e risultati positivi raggiunti nel settore da parte della Federazione prospettando le azioni future della Fiv sul territorio per le attività parasailing comunicando la notizia ormai ufficiale che per il CICO 2020 parteciperanno due classi parasailing, ovvero i 2.4 e la classe Hansa 303 come singoli e doppi.

E che questo è un risultato della Fiv, ma soprattutto dei segretari delle due classi che hanno saputo interpretare le opportunità offerte a vantaggio dei regatanti e dell’intero settore. Pertanto ci si aspetta un 2020 ricco di partecipazione e di grandi eventi.

Stage per la Classe Laser Standard a Civitavecchia dal 2 al 12 dicembre

Nei giorni dal 02 al 12 dicembre è in programma a Civitavecchia, presso la Lega Navale uno Stage per la Classe Laser Standard.
Durante il periodo indicato, il Tecnico Federale Giorgio Poggi terrà allenamenti in mare e lezioni a terra per gli equipaggi che riterranno di essere presenti.

I posti a disposizione sono limitati e correlati numericamente alla miglior organizzazione della sessione di allenamento, per cui si raccomanda agli interessati di comunicare tempestivamente, attraverso il proprio Circolo, l’intenzione a partecipare alla FIV – Settore Assoluto di Preparazione Olimpica e Alto Livello (r.bodrato@federvela.it). Si richiede di specificare le date in cui si intenderebbe presenziare e l’eventuale partecipazione di un proprio allenatore al seguito (la quale potrà comunque essere richiesta dalla Direzione Tecnica).

I partecipanti dovranno autonomamente provvedere a tutti gli aspetti logistici legati alla loro presenza, ivi incluso il rimessaggio delle imbarcazioni.

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab