Grande successo per il II Trofeo #classeJ24dacasa: la vittoria a Camillo di Fraia

Alla seconda edizione della regata virtuale J24 ideata da Lorenzo Errani e Roberto-Bunny Valzania hanno partecipato in quarantacinque
Tanta la voglia di regatare in J24 al tempo di Covid 19 senza infrangere le regole

Dopo il successo della prima edizione svoltasi l’ultimo fine settimana di marzo e vinta da Jacopo Ognibene, anche nel week end appena concluso è proseguita l’iniziativa nata da Lorenzo Errani e Roberto -Bunny- Valzania, rappresentanti della vulcanica Flotta J24 della Romagna: un Campionato Virtuale di vela che, dopo regate combattute e agguerrite in perfetto stile J24 ma disputate rigorosamente da casa e, ovviamente, non con il proprio J24 ma con un cellulare, un tablet o un laptop, assegna il Trofeo #classeJ24dacasa.

“Questo secondo intenso week-end di vela virtuale per la Classe J24, ha visto “scendere in acqua” 45 imbarcazioni in rappresentanza di tutte le flotte italiane. Quasi un campionato italiano che ha visto la partecipazione di rappresentanti delle Flotte Sardegna, Anzio, Puglia, Golfo dei Poeti, Trieste, Garda-Caldonazzo e dell’immancabile padrona di casa, la Flotta della Romagna, che ha governato la manifestazione con un Comitato rafforzato per far fronte alle aumentate esigenze organizzative.- ha spiegato Roberto (Bunny) Valzania -Questa volta, infatti, al mio fianco e a quello di Lorenzo Errani si sono schierati anche Isacco Lami e Federico Lelli Mami, per comandare e coordinate le quattro flotte in cui è stato necessario suddividere i quarantacinque “equipaggi” iscritti. Una partecipazione numerosa e di grande qualità: da Francesco (Ciccio) Picaro de La Superba a Marco Frulio, armatore e timoniere di Aria, da Tano Soriano e il suo Jebedee alla “famiglia” Di Fraia con Botta Dritta, con Mariolino che ha ceduto la ribalta al figlio Camillo.

Le regate del sabato, suddivise in quattro flotte, prevedevano la qualificazioni per la flotta Gold e per quella Silver. I primi tre di ogni flotta accedevano alla finale Gold, i secondi tre alla finale Silver.
Le regate del sabato avevano già lasciato intravedere quello che poi si è verificato nelle finali di domenica. Infatti, se nella finale silver è stato Ciccio Picaro ad aggiudicarsi il primo posto, nella finale Gold è stata lotta fino all’ultimo bordo fra Marco Frulio, Federico Bressan (timoniere del J24 della flotta di Romagna Kismet) e Camillo di Fraia. Ed è stato proprio quest’ultimo a spuntarla con il suo Botta Dritta, che ha impressionato per la sua regolarità. (3-1-3-2-2-1-2).

Aria, invece, ha pagato due prove a vuoto, e, nonostante i suoi tre primi posti (2-9-1-9-1-4-1) è stato costretto a combattere per il secondo posto fino all’ultima prova contro ITAFB84 (quest’ultimo penalizzato da un black out internet proprio nell’ultimo bordo che ne ha determinato la squalifica).
Da ricordare il fair play di Enjoy” condotto da Luca Silvetri che per primo ha segnalato al Comitato un errore nel punteggio che gli aveva inizialmente attribuito il terzo posto. Chapeau.

Tecnicamente è stato un dominio della Flotta sarda che ha lasciato alla Romagna solo il gradino più basso del podio. Ma quello che va ricordato è il clima di fratellanza che ha accomunato i giocatori in un week end che ha fatto nascere nuove conoscenze e rinsaldato amicizie a lunga distanza come sono quelle della nostra Flotta J24. Ma soprattutto, come ha dichiarato il vincitore Camillo Di Fraia,  “aldilà della soddisfazione per la vittoria contro avversari così bravi, ci ha fatto tornare una voglia matta di tornare in mare a confrontarci realmente sul campo di regata con il J24, contro tutti questi amici che non conoscevo prima, per poter esprimere, al suono del vento, tutte le capacità teoriche che questo gioco ci trasmette.

E magari farlo con papà Mariolino”. Non si sa se come alleato o come avversario (ndr). Ringraziamenti, infine, per l’impeccabile organizzazione e per un evento molto divertente che ci ha permesso di pensare a cose più leggere di quelle che stiamo vivendo e staccare per qualche ora la mente da questa drammatica situazione. Gestire cinquanta persone a distanza è stato davvero molto impegnativo ma è stata una bellissima esperienza che ha rimesso in contatto persone altrimenti chiuse nel loro silenzio. Davvero bello. Un abbraccio a tutti sperando di rivederci presto sui campi di regata, quelli veri!”

Foto: Davide Casadio


I Trofeo Interzonale E-Sailing – “Mille per una vela”

- La Federazione Italiana Vela lancia il primo trofeo interzonale di e-sailing

- La vela virtuale al centro del mondo velico nei giorni di lockdown

- Si punta a 1000 iscritti, il programma prevede selezioni in tutte le 15 Zone FIV, quindi Semifinali, Finali e Medal Race

- Alle fasi finali oltre ai 10 vincitori delle selezioni parteciperanno anche 9 campioni: 4 atleti azzurri della squadra nazionale di vela olimpica, e 5 di Luna Rossa Prada Pirelli Team

- Il bando di regata e come partecipare

I velisti rispettano le regole e le consegne: #iostoacasa è la parola d’ordine seguita da migliaia di appassionati, amanti del mare e delle barche, velisti sportivi, regatanti, atleti. Tra tutti gli oltre 140mila tesserati della FIV, la Federazione Italiana Vela, crescono le iniziative per tenere viva, anche chiusi in casa, una passione basata sugli elementi naturali: il vento, le nuvole, l’acqua del mare o dei laghi, le onde.

Cresce l’attenzione per le specialità della vela virtuale, con il riconoscimento degli e-sports da parte dello stesso Comitato Olimpico Internazionale, e il successivo passo da parte di World Sailing, la federvela mondiale, con l’introduzione dell’e-sailing. La vela italiana si è messa subito in grande evidenza, vincendo la finale del campionato del mondo e-sailing 2019 con Filippo Lanfranchi, nickname Velista71.

La FIV in questi giorni lancia un grande evento e-sailing interzonale, ovvero in tutte le 15 Zone in cui è divisa l’organizzazione dell’attività velica nazionale. Si chiama Mille per una Vela, perchè punta a coinvolgere fino a 1000 velisti virtuali in tutta Italia, utilizzando la piattaforma tecnologica Virtual Regatta Inshore, già nota agli appassionati del genere.

Mille per una Vela è un torneo di e-sailing voluto espressamente dal Presidente FIV Francesco Ettorre: “La vela virtuale appassiona perchè contiene alcuni elementi base dello sport velico: la tattica, la strategia, la scelta delle vele, le regole… In questi giorni nei quali tutti i nostri tesserati sono a casa, questo si sta rivelando uno dei modi più sani per ricordarci la passione per lo sport più bello del mondo!”

Mille per una Vela si correrà secondo un calendario che prevede: Qualificazioni zonali nei giorni di lunedi 13 e sabato 18 aprile; Semifinale sabato 25 aprile; Finale e a seguire Medal Race domenica 26 aprile. E’ prevista anche una diretta Facebook e Youtube per la Finale di domenica 26 aprile.

Grazie agli accordi tra FIV e Luna Rossa Prada Pirelli Team, la finale sarà corsa tra i 10 migliori e-velisti emersi dalle Qualifiche e dalla Semifinale, ai quali si aggiungeranno 9 “campioni”: 4 atleti azzurri della squadra della vela  olimpica, e 5 componenti del team di Luna Rossa, challenger of record della 36 America’s Cup.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti senza limiti di età, basta essere tesserati FIV 2019 o 2020, ci si iscrive con un modulo online   – https://tinyurl.com/MillexUnavela attivo da giovedì 2 aprile alle 10:00 – contenuto nel Bando di Regata (allegato).

FIV: GLI ATLETI AZZURRI PROTAGONISTI DEL SOCIAL @sportgoverno

La seconda fase della campagna social #distantimauniti e #homecommunity di sportgoverno e agenziagiovani coinvolge atleti di 7 Federazioni sportive tra cui la FIV
I post social sui temi “Food” e “Training” dei velisti azzurri

C’è anche tanta vela olimpica azzurra nella seconda fase della campagna social lanciata dal Ministero dello Sport e Agenzia Nazionale Giovani. Iniziata con #distantimauniti, prosegue con #homecommunity, e si sviluppa attraverso una serie di iniziative social, di comunicazione e condivisione, raccolte in un vero e proprio palinsesto con date e orari di trasmissione online.

Alla campagna partecipano sette Federazioni sportive nazionali (in aumento): FIPAV, FIN, FITA, FIP, FIT, FISI e FIV, e molti atleti famosi come Marco Belinelli, Federica Brignone, Tania Cagnotto, Massimiliano Rosolino, i coach delle nazionali di Volley femminile e maschile, il coach del Settebello di Pallanuoto, e molti altri.

I CONTRIBUTI DEI VELISTI AZZURRI (E DOVE VEDERLI SUI SOCIAL)
Ecco gli atleti della squadra nazionale della vela olimpica coinvolti in questa fase della campagna, con le rispettive date e orari di trasmissione dei post sulle loro piattaforme social. Ovviamente potete sempre rivederli.

Ruggero Tita
(timoniere, Nacra 17 catamarano misto foiling): lunedi 30 ore 12:00
Tema: Food
Piattaforme: Facebook (https://www.facebook.com/ruggitita/) e Instagram (ruggitita)

Mattia Camboni
(Windsurf RSX maschile). lunedì 30 ore 10:00
Tema: Training
Piattaforme: Facebook (https://www.facebook.com/MattiaCamboniITA88/) e Instagram (mattia_camboni)

Marta Maggetti
(Windsurf RSX femminile): giovedì 26 ore 10:00
Tema: Training (in terrazzo!)
Piattaforme: Facebook (https://www.facebook.com/marta.maggettishaka) e Instagram (marta_ita157)

Giorgia Speciale
(Windsurf RSX femminile): giovedì 26 ore 12:00
Tema: Food (Giorgia ha fatto gli gnocchi!)
Piattaforme: Facebook (https://www.facebook.com/giospeciale/) e Instagram (gio_speciale)

Caterina Marianna Banti
(prodiera, Nacra 17 catamarano misto foiling): venerdì 27 ore 19:30
Tema: Training
Piattaforme: Facebook (https://www.facebook.com/catebanti) e Instagram (catebanti)

Maelle Frascari
(prodiera, Nacra 17 catamarano misto foiling): venerdì 27 ore 12:00
Tema Training
Piattaforme: Facebook (https://www.facebook.com/meifrasca) e Instagram (meifrascari)

In tutti i post compaiono gli ashtag dei promotori: #distantimauniti, #homecommunity e il tag @sportgoverno. Sono previste altre campagne che potrebbero coinvolgere anche altri atleti azzurri della vela olimpica, visto che quasi tutti sono molto attivi sui rispettivi social.

Jacopo Ognibene della Flotta J24 Romagna si aggiudica il Trofeo #classeJ24dacasa

Grande successo per la coinvolgente regata virtuale ideata da Lorenzo Errani e Bunny-Roberto Valzania

Conclusa con successo, dopo tre giorni di regate combattute e agguerrite in perfetto stile J24, il Trofeo #classeJ24dacasa, il coinvolgente Campionato Virtuale di Vela ideato da due rappresentanti della Flotta J24 Romagna -Lorenzo Errani e Bunny-Roberto Valzania-, al quale hanno partecipato una ventina di equipaggi J24 rigorosamente da casa e, ovviamente, non con la propria barca ma con un cellulare, un tablet o un laptop.

“Dopo settimane di forzato riposo, il Trofeo #classej24dacasa ha riportato in acqua, almeno virtualmente, venti armatori della Classe J24 che sono tornati a darsi battaglia in serrate sfide e in complicati giri di boa nelle acque di Sidney, Cagliari, Porto Cervo, Marsiglia…- ha spiegato Bunny -Dopo la Practice Race del venerdì sera alla quale hanno partecipato 15 equipaggi fra i quali un paio “arrivati” dalla Flotta di Roma e che è stata vinta proprio da un ospite romano, Enjoy2, è stata la volta delle sfide vere e proprie.

Come da bando (ebbene sì, anche quello avevamo fatto) sabato pomeriggio alle ore 15 si sono disputati due gironi di qualificazione che hanno selezionato i dieci migliori timonieri per la finale di domenica. Come nella migliore tradizione, una incomprensione del Comitato ha poi costretto lo stesso a reinserire un escluso e si è quindi svolta una finale a undici.

Le qualificazioni sembravano indicare due favoriti: Fabio de Rossi (già storico armatore di Valhalla) e Luca Silvestri (armatore di Enjoy2). Due “stranieri” provenienti da altre Flotte.
E, invece, è stata la Flotta della Romagna a imporsi nelle acque di casa portando tre timoniere romagnoli al vertice della classifica finale.
A spuntarla è stato Jacopo Ognibene che si è imposto grazie alla sua regolarità (2,5,5,2,1,2 i risultati al netto dello scarto) per un solo punto su Filippo Lelli Mani, e su un terzetto a pari punti che ha visto prevalere Federico Bressan per i migliori parziali.

Una lotta condita dalle solite imprecazioni e proteste ai giri di boa, commentata in diretta chat da The Voice Fabrizio Bentini, prodiere del nostro Capo Flotta Max Frigerio che, anche se esclusi dalle finali, hanno riscaldato gli animi con i loro sarcastici commenti.
Una giornata goliardica che ha riportato un po’ di spensieratezza in questi momenti pesanti.

E per finire… regata di flotta per tutti (anche per gli esclusi dalle finali) a testimoniare il trasporto e la partecipazione entusiasta.
Ci siamo divertiti tantissimo. L’entusiasmo dei partecipanti era palpabile. I concorrenti hanno potuto seguire le regate in diretta con commenti e comunicazioni in conference call sulla piattaforma gratuita JITSI (https://meet.jit.si/J24Romagna), mentre il numeroso pubblico ha seguito le nostre regate dalla piattaforma Virtual Regatta Inshore, entrando in “corsa personalizzata” e nel nostro Trofeo.

Visto l’interesse suscitato, stiamo pensando di ripetere l’iniziativa: abbiamo già sentito Tano Soriano (Capo Flotta J24 Puglia) e Marco Frullio (Capo Flotta J24 Sardegna) invitandoli a partecipare. Spero saremo in grado di continuare a gestire anche un afflusso molto maggiore con il medesimo entusiasmo e la stessa organizzazione. Chi fosse interessato può contattare il nostro Capo Flotta, Massimo Frigerio.”

“Ringrazio per il duro lavoro preparatorio il mio mental coach, la cambusiera dietologa, il preparatore atletico, il rigger, lo shore team, e i gatti per non aver camminato sulla tastiera in questa giornata decisiva.- è stato il commento a caldo del vincitore, Jacopo Ognibene -Dedico la mia futile e immeritata vittoria a tutti quelli che stanno lottando in prima linea contro l’epidemia di coronavirus e ai marinai della flotta J24 Romagna per come sanno stare insieme a terra e in mare! Coraggio, la prossima volta vincerà chi lo merita! Ancora tre URRAH per @bunny e per @Lorenzo Errani per aver organizzato e gestito tutto lo sbatto!”

“Fantastico avere una classifica da leggere la domenica sera: MI MANCAVA!”, è, invece, il commento di Beppe Olmeti al quale si aggiunge quello di Fabio de Rossi “Era ora! Adesso si può leggere con bramosia, frantumarsi il cervello con migliaia di calcoli: -se in quella prova non andavo di la…-, -Orcocan ero insieme con quello che ha vinto!-, -Ma se io scartavo la terza invece della quinta, quello la non aveva quella botta di culo e non cannavo la partenza…- -Magari vincevo! Ma tanto ho le vele vecchie e poi siamo sotto di 25 kg…- Mi mancava proprio! Grazie ragazzi!”

Luna Rossa Prada Pirelli insieme agli ospedali di Cagliari contro il coronavirus

L’Amministrazione del Comune di Cagliari ha accolto immediatamente la richiesta di alcuni operatori dell’ospedale Santissima Trinità alla ricerca di visiere di protezione che aiutassero e proteggessero il lavoro in questo delicatissimo momento.

Il sindaco Truzzu ha contattato personalmente il management di Luna Rossa Prada Pirelli verificando la possibilità che il team avesse a disposizione o potesse addirittura costruire in tempi brevissimi le visiere.

Con enorme spirito di collaborazione i tecnici del team si sono messi immediatamente al lavoro. Con tutto il materiale a diposizione sono state costruite 50 visiere, che sono state consegnate agli operatori degli ospedali locali.

Max Sirena, skipper e team director: “Quando siamo stati interpellati dal comune per venire in supporto degli ospedali locali ci siamo subito attivati. Abbiamo realizzato in tempi record oltre 50 visiere protettive per il personale medico e sanitario, impegnato nella cura e nell’assistenza dei malati di Covid-19. Tutto il team si è reso immediatamente disponibile, dai ragazzi dello shore team che hanno realizzato le visiere, al personale degli uffici che ha curato la parte logistica. Questo vuole essere un messaggio di gratitudine, da parte nostra, verso le persone che stanno dando ogni giorno il massimo in questa sfida piena di difficoltà.”

Olimpiadi di Tokyo 2020 rinviate al 2021

Il CIO e il Governo giapponese concordano in teleconferenza una prima decisione: “Le Olimpiadi devono essere riprogrammate a una data successiva al 2020, e non oltre l’estate 2021″. Il nome resterà Tokyo 2020. Domani Giunta CONI. Attese nei prossimi giorni le valutazioni di World Sailing e più avanti le scelte sugli eventi di Qualifica

Il Comitato Olimpico, la nazione giapponese, i vertici organizzativi dei Giochi di Tokyo 2020 e della gestione dello sport olimpico mondiale, hanno ricevuto gli ultimi dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, e hanno condiviso una prima decisione storica: le Olimpiadi previste dal 24 luglio al 9 agosto di quest’anno, saranno rinviate a oltre il 2020, in una data comprsa tra gennaio e agosto 2020. Il nome resterà Tokyo 2020. La fiamma olimpica resta in Giappone.

Questo il passaggio cruciale della decisione dal comunicato del CIO: “Nelle circostanze attuali e sulla base delle informazioni fornite oggi dall’OMS, il Presidente del CIO e il Primo Ministro del Giappone hanno concluso che i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo devono essere riprogrammati a una data successiva al 2020, ma non oltre l’estate 2021, per salvaguardare la salute degli atleti, di tutti i partecipanti ai Giochi olimpici e della comunità internazionale.”

Solo dopo l’ufficialità delle nuove date, che potrebbero arrivare entro quattro settimane come anticipato dal presidente CIO Thomas Bach, e dopo le opportune valutazioni della federvela mondiale World Sailing, si potrà sapere quali saranno le decisioni e i nuovi calendari della Vela, in particolare per i restanti eventi di Qualifica olimpica continentale.

In serata World Sailing ha emesso un breve comunicato in cui si legge tra l’altro: “World Sailing, l’organo di governo mondiale dello sport, sostiene il CIO e la decisione del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020 di garantire la salute e il benessere di atleti, tifosi e personale di supporto in tutto il mondo. Il presidente Kim Andersen e il World Sailing Executive Office sono in diretta comunicazione con il dipartimento sportivo del CIO. Il CIO si sta impegnando con World Sailing per sviluppare i piani necessari in piena collaborazione e per garantire la massima trasparenza con un focus sulle informazioni dedicate agli atleti della vela mondiale.”

IL TESTO DEL COMUNICATO CIO

Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), Thomas Bach, e il primo ministro del Giappone, Abe Shinzo, si sono incontrati questa mattina in videoconferenza per discutere sui continui aggiornamenti riguardanti la pandemia Covid-19 in relazione ai giochi olimpici del 2020.

A loro si sono uniti Mori Yoshiro, Presidente del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020; il ministro olimpico, Hashimoto Seiko; il governatore di Tokyo, Koike Yuriko; il presidente della commissione di coordinamento IOC, John Coates; Direttore generale del CIO Christophe De Kepper; e il direttore esecutivo dei Giochi Olimpici del CIO, Christophe Dubi.

Il presidente Bach e il primo ministro Abe hanno espresso la loro comune preoccupazione per la pandemia mondiale COVID-19 e per ciò che sta facendo alla vita delle persone e al significativo impatto che sta avendo globalmente sulla preparazione degli atleti per i Giochi.

In una riunione molto amichevole e costruttiva, i due leader hanno elogiato il lavoro del Comitato Organizzatore di Tokyo 2020 e hanno preso atto dei grandi progressi compiuti in Giappone per combattere il COVID-19.

La diffusione senza precedenti e imprevedibile dell’epidemia ha visto il deteriorarsi della situazione nel resto del mondo. Ieri, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato che la pandemia di COVID-19 sta “accelerando”. Attualmente ci sono oltre 375.000 casi registrati in tutto il mondo e in quasi tutti i paesi e il loro numero sta crescendo di ora in ora.

Nelle circostanze attuali e sulla base delle informazioni fornite oggi dall’OMS, il Presidente del CIO e il Primo Ministro del Giappone hanno concluso che i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo devono essere riprogrammati a una data successiva al 2020, ma non oltre l’estate 2021, per salvaguardare la salute degli atleti, di tutti i partecipanti ai Giochi olimpici e della comunità internazionale.

I leader concordarono sul fatto che i Giochi olimpici di Tokyo potessero rappresentare un faro di speranza per il mondo durante questi tempi difficili e che la fiamma olimpica potesse diventare la luce alla fine del tunnel in cui il mondo si trova attualmente. Pertanto, è stato concordato che la fiamma olimpica rimarrà in Giappone. È stato inoltre concordato che i Giochi manterranno il nome di Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

CIO – Il Comitato Olimpico Internazionale è un’organizzazione internazionale indipendente senza fini di lucro composta da volontari, che si impegna a costruire un mondo migliore attraverso lo sport. Ridistribuisce oltre il 90% delle sue entrate al più ampio movimento sportivo, il che significa che ogni giorno l’equivalente di 3,4 milioni di dollari va ad aiutare gli atleti e le organizzazioni sportive a tutti i livelli del mondo.

IL LINK AL COMUNICATO ORIGINALE IN INGLESE: https://www.olympic.org/news/joint-statement-from-the-international-olympic-committee-and-the-tokyo-2020-organising-committee

www.olympic.org

Foto: PEDRO MARTINEZ/SAILING ENERGY/WORLD SAILING

Red Bull Cliff Diving World Series: LA TAPPA ITALIANA DI POLIGNANO A MARE POSTICIPATA AL 2021

La Red Bull Cliff Diving World Series è sinonimo di sport di altissimo livello da parte di atleti che, con duro lavoro e impegno costante, grazie ad un allenamento completo di corpo e mente danno vita a uno spettacolo senza paragoni.

Per questo motivo, Red Bull annuncia che la tappa italiana della World Series a Polignano a Mare viene posticipata alla stagione 2021 in quanto, data l’emergenza globale causata dalla diffusione del virus Covid-19, in una situazione così incerta e delicata come quella attuale non possono essere garantite le consuete condizioni di sicurezza che le spettacolari performance degli atleti necessitano e che le migliaia di fan dei tuffi da grandi altezze meritano.

È grande il rammarico da parte dell’organizzazione per questo posticipo a lungo termine, ma è convinzione che tutti gli appassionati di questo straordinario sport meritino il massimo dell’impegno e dello sforzo organizzativo per assicurare loro lo spettacolo straordinario a cui negli anni si sono abituati ad assistere.

Come già annunciato, l’inizio della nuova stagione della Red Bull Cliff Diving World Series 2020 è stato rinviato ad agosto e appena possibile sarà comunicato il nuovo calendario. Tutta la community sarà costantemente informata sull’andamento della World Series e potrà continuare a seguire i propri high diver preferiti attraverso i canali ufficiali.

Montura incontra online: Domenica Tutti al Mare con Montura (ma con lo psicologo)

Rovereto – I migliori velisti del team Montura e uno psicologo ci insegneranno tecniche per sopravvivere quando le acque si fanno molto agitate. In diretta dalla Sardegna, da Milano e da Padova saranno collegati Gaetano Mura, il veterano della vela made in Montura, Sergio Caramel e Claudia Rossi, giovani campioni della nostra squadra, e lo psicoterapeuta Alessandro Calderoni, direttore del Pronto Soccorso Psicologico di Milano.

A coordinare l’incontro, rigorosamente online, Maurizio Guagnetti, giornalista di Stazione Radio.

Starsene chiusi in casa fa bene al fisico e alla salute di tutti, ma solo per questa quarantena. In ogni caso quella che stiamo vivendo è una situazione estrema, paragonabile a una tempesta di quelle che obbligano i marinai a chiudersi sottocoperta. Noi di Montura stiamo cercando di trasformare questa situazione in un momento per conoscerci meglio e magari trovare una nuova via per uscirne insieme.

Domenica alle 16 saremo in diretta Facebook  e Instagram sui profili di Montura. A questo link – http://bit.ly/monturaonline – puoi iscriverti, fino a esaurimento posti, e partecipare all’incontro (in collegamento video) con la possibilità di raccontare la tua esperienza.

Per iscriversi e partecipare all’evento basta seguire questo link: http://bit.ly/monturaonline

ACWS SARDEGNA – CAGLIARI: DECISIONE DELL’AMERICA’S CUP ARBITRATION PANEL

Cagliari-A seguito del ricorso presentato da parte del New York Yacht Club / American Magic all’America’s Cup Arbitration Panel in merito alla sua partecipazione alle America’s Cup World Series Sardegna – Cagliari e alle successive risposte del COR 36, del Defender e di INEOS Team UK, il Panel ha pubblicato oggi la decisione di seguito riassunta.

A causa della pandemia Coronavirus e delle misure restrittive imposte da vari governi, il Panel ha riconosciuto che è oggettivamente impossibile organizzare le ACWS Sardegna – Cagliari dal 23 al 26 aprile 2020, e ha annullato l’evento, sollevando l’organizzatore e i concorrenti dagli obblighi previsti dal Protocollo.

Il Panel ha anche stabilito di non avere il potere di posporre le ACWS Sardegna-Cagliari ad altra data, né di imporre l’organizzazione di ulteriori eventi ACWS, e nemmeno di imporre periodi di “blackout” dell’attività velica che non sono previsti dal Protocollo, in quanto l’Arbitration Panel non ha il potere di cambiare il Protocollo.

Uno spostamento delle ACWS Sardegna-Cagliari ad altra data sarebbe quindi possibile unicamente con l’accordo tra il Challenger of Record e il Defender.

Non essendo il Defender disposto ad accettare un cambiamento di data delle ACWS Sardegna – Cagliari, l’evento è ora definitivamente annullato.

Per leggere la decisione completa ACAP36/07 clicca qui: https://bit.ly/33tHnen

ACWS SARDEGNA – CAGLIARI AMERICA’S CUP ARBITRATION PANEL’S DECISION

Cagliari – Following the submission to the America’s Cup Arbitration Panel by the New York Yacht Club / American Magic regarding its participation in the ACWS Sardegna – Cagliari and the subsequent responses of COR 36, the Defender and INEOS Team UK, the Panel published today its decision, summarised as follows.

Due to the Coronavirus pandemic and the restrictive measures imposed by various governments the Panel has decided that it has become objectively impossible to hold the ACWS Sardegna – Cagliari event from the 23rd to the 26th of April 2020 and has cancelled the event, relieving the competitors and the organizers from their obligations arising out from the Protocol.

The Panel has also decided that it does not have the power to postpone the ACWS Sardegna – Cagliari, to impose the organization of additional ACWS events or to rule that any sailing blackouts not provided for in the Protocol should occur, since it does not have the power to change the Protocol.

A postponement of the ACWS Sardegna – Cagliari could therefore only be achieved with the mutual agreement of the Challenger of Record and the Defender. As the Defender was not prepared to agree to a change of date of the ACWS Sardinia-Cagliari, the event is now definitely cancelled.

For the complete decision ACAP36/07 click here: https://bit.ly/33tHnen

Vela a Palermo: annunciata la sede del CAMPIONATO Mondiale 2021 classe hansa

L’Associazione Internazionale di Classe Hansa (AICH) ha reso noto che ad ospitare il prossimo Mondiale 2021 della Classe Paralimpica Hansa sarà la città di Palermo.

La scelta di questo evento è frutto dell’intenso lavoro operato dalla classe italiana che, in questi ultimi anni, in collaborazione con Lega Navale Italiana e Federazione Italiana Vela ha moltiplicato il numero delle imbarcazioni e degli atleti che gareggiano in questa categoria. Si tratta di imbarcazioni che hanno cambiato il mondo della vela paralimpica grazie alla propria facilità di trasporto ed utilizzo.

Grazie ad una serie di servomeccanismi, infatti, è possibile navigare a vela anche agli atleti affetti da gravi condizioni di disabilità, con grande meraviglia di chi non avrebbe mai potuto solo immaginare di solcare le acque di mari e laghi in totale autonomia. Ma ciò che distingue la classe Hansa in termini di integrazione è il fatto che sono ammessi a partecipare, non solo atleti paralimpici ma anche equipaggi misti o interamente normodotati e «consentiranno di vivere nuove esperienze e avventure a tutti coloro che avranno voglia di farci un giro» – come dice il Presidente Internazionale della classe Bob Schahinger.

Fondamentale per la scelta siciliana è stata anche la fiducia che la Classe ha potuto riporre in due Circoli di comprovata esperienza: la Lega Navale Italiana, sezione Palermo centro e il Circolo della Vela Sicilia. In particolare, la Sezione Palermo Centro della Lega Navale Italiana, da oltre 15 anni, porta avanti progetti per disabili e vanta all’attivo otto edizioni di “Una Vela Senza Esclusi” evento che, nel giugno scorso, ha fatto da contenitore al Campionato Italiano di Vela Paralimpica Hansa 303 organizzato, per la prima volta nel Meridione.

E’ stato proprio il successo di questa manifestazione, la grande partecipazione e l’entusiasmo che ha generato a sancire e cementare la fiducia nei Circoli palermitani. «Noi della Lega Navale Italiana Sezione Palermo-Centro, dopo il successo ottenuto con  l’organizzazione del Campionato Italiano, siamo onorati di accogliere a Palermo nel nostro pontile “oltre le barriere”, ricevere a Palermo atleti paralimpici di tutto il mondo e felici di poter organizzare questo importante evento con il Circolo della Vela Sicilia» ha dichiarato il Presidente Lega Navale Italiana-Vincenzo Autolitano».

Partner ideale non poteva che essere il Circolo della Vela Sicilia, noto a livello internazionale per l’esperienza organizzativa dimostrata in ben 16 edizioni della Palermo-Montecarlo oltre che in Campionati Europei delle classi Star e J24 e i Campionati Italiani Assoluti delle classi olimpiche e per essere il Challenger of Record della XXXVI America’s Cup con il Team Luna Rossa Prada Pirelli. Stesso slancio, infatti, manifesta il Presidente del Circolo della Vela Sicilia Agostino Randazzo per il quale «sarà entusiasmante organizzare insieme alla Lega Navale Italiana il Campionato Mondiale paralimpico nella nostra Palermo. Da sempre siamo stati al loro fianco nelle attività sociali-paralimpiche, anche in occasione della loro partecipazione a dieci edizioni della Palermo-Montecarlo».

Fondamentale è, inoltre, il supporto della Federazione Italiana Vela, il cui Presidente Francesco Ettorre dichiara che «la FIV quest’anno ha deciso di inserire per la prima volta questa classe al CICO (Campionato Italiano delle Classi Olimpiche) proprio per cercare di tracciare un nuovo solco, nel quale credere con forza e determinazione. Il mondiale Hansa 2021 che si volgerà a Palermo si innesta in questo percorso di crescita e supporto al parasailing che la nostra Federazione ha intrapreso e continua a seguire ormai da parecchi anni».

Infine, ma non ultimo, sono tutti sicuri di ben figurare grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale e regionale che sosterranno la Sicilia e Palermo in questo mondiale. E’ indubbio che un evento di tale richiamo potrà costituire un volano turistico molto significativo, grazie al coinvolgimento di tutto l’indotto che vi ruota intorno.

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab