La Classe Italiana J24 e il mondo della Vela salutano con tristezza il Presidente Fabio Apollonio

Un vero Signore della Vela, punto di riferimento per tutti gli equipaggi
Tanti i ricordi, fra i quali quello di Cino Ricci, con lui su Azzurra nel 1983

La Classe Italiana J24 saluta con tristezza Fabio Apollonio, presidente della Classe Italiana J24 dal 4 aprile 2019 e a lungo Capo Flotta del Garda, regatante instancabile con il suo JOc Alce Nero e da sempre grande appassionato della Vela (fu, fra l’altro, uno dei protagonisti del successo di Azzurra nella Coppa America del 1983), ma soprattutto un caro Amico e un vero punto di riferimento per tutti gli equipaggi e per la Vela Italiana.


Persona affabile e ben voluta, lungimirante e serio commercialista, per il suo modo di essere, la sua disponibilità e il suo sorriso non mancherà solamente ai suoi affetti più cari ma anche alle persone che hanno avuto il piacere di conoscerlo e frequentarlo.
A riprova del suo grande amore per il mare e per la sua Città e nel rispetto delle sue volontà, saranno le acque di Trieste a custodirne le ceneri.
“La presidenza della J24 Class Association Of Italy A.D.S è un giusto riconoscimento ad un vero Signore della Vela, sempre discreto e corretto che in questi anni ha dato tanto a tutti i regatanti J24, cambiando il clima della Classe Italiana e restituendole il giusto spirito di andare in mare.”

aveva detto Pietro Diamanti che, dopo due mandati da Presidente e in accordo con tutti i Consiglieri, aveva proposto alla Presidenza l’Amico con il quale si consigliava sempre, concordando e condividendo tutte le decisioni importanti, non solo della Classe J24 ma della vita.


Considerando la sua modestia e il suo carattere schivo, forse pochi erano a conoscenza dei grandi risultati ottenuti da Apollonio nel mondo della Vela: fra i principali, il titolo di campione mondiale 12 Metri S.I. nel 1984, i cinque titoli tricolore ottenuti nel 1967 in FD in equipaggio con Marco Cobau, nel 1971 e nel 1972 con il Tornado, nel 1979 in V Classe IOR e nel 1981 in III Classe IOR. Inoltre ha partecipato a più di 40 Barcolane (l’ultima è stata la mitica N° 50 nel 2018) e alla campagna della Coppa America nel 1983 con Azzurra nel ruolo di grinder, prendendo parte a tutte le regate.


Da questa esperienza aveva scritto il libro “Azzurra a Newport” edito da Mursia nella collana Biblioteca del mare e illustrato dalle foto di Franco Pace.
Ed è proprio Cino Ricci a ricordarlo così: “Apo non é più fra noi. Voglio spendere due parole su di lui perché quando si è proposto ho tentato di dissuaderlo dicendogli le frasi fatte che si dicono nella circostanza. Avevo davanti un uomo che aveva un lavoro e una famiglia a cui promettevo soltanto soddisfare la sua passione per la vela e dimenticare tutto per un lungo periodo. La sua risposta fu laconica, ho già deciso. E da allora è stato un esempio per tutti. Puntuale, preciso, sempre pronto senza tante chiacchiere, senza mugugni e adatto ad ogni compito.

Non c’è altro da dire, abbiamo perso un UOMO. Sarà come per tutti noi sempre nel nostro gruppo che vivrà fino all’ultimo che celebrerà tutti gli altri.”
Il suo ricordo anche nei tanti altri messaggi ricevuti, soprattutto dal suo equipaggio: “Ci sono persone speciali che lasciano un segno profondo dentro di noi e tu sicuramente sei tra quei pochi. E’ stato un privilegio essere su Joc per così tanti anni e tante regate, è stata una scuola di vita prima che una scuola di vela.

Ci hai insegnato l’umiltà di un grande velista, il rispetto per l’avversario, la correttezza sempre anche nelle situazioni maggiormente avverse, doni preziosi e rari soprattutto nei contesti dove la competizione spinge tutti verso il traguardo. Mancheranno i tuoi silenzi, i tuoi sigari, il tuo sguardo attento ad ogni minimo dettaglio, mentre resteremo noi, il tuo team, che ci porteremo dietro questo gran bagaglio di esempio.

Un caro saluto da chi “imparava con gli occhi” ” Al ricordo di Adriana Rosa, si aggiunge quello di un altro membro dell’equipaggio: “Ciao, sono Fabio, vieni a fare regate con noi? Rimango ammutolito un attimo, poi, rispondo: ‘dimmi, se riesco molto volentieri, è un onore. Ma per quale regata?’ ‘ma per tutte, mi piacerebbe che tu facessi parte del nostro equipaggio.’ un brivido mi viene alla schiena. Io? ha scelto me? Ma perché? Ma come faccio ad essere stato scelto? Cosa ha visto in me?. Mi ricompongo un attimo. ‘ma quale ruolo? Non so se sono all’altezza del vostro livello.’ ‘non ti preoccupare, vai bene cosi. ‘ma sei sicuro? facciamo una prova.

Magari cambi idea.’ dall’altra parte, con un sorrisino che usciva dalla sua voce ‘dai, vieni, poi vediamo’. E sono cominciati tre anni di regate in tutta Italia, in cui ho imparato di tutto, assorbito tanta sensibilità sulle vele, sulla barca, sulle andature, sull’imparare ad attendere, ma cercare l’attimo, sempre, guardare all’obiettivo finale, decidere in sua funzione ma, soprattutto, imparare che equipaggio è stare in barca tutti insieme, in silenzio, a guardarla, ad ascoltarla, a coccolarla, a controllare che tutto sia a posto, una, due, tre volte e, se hai un dubbio, anche quattro.

Con calma ma sempre sulla barca, sempre in barca sempre con la barca. Parlare con il silenzio, con uno sguardo, con un sorriso, sempre disponibile per aiutare i tuoi e gli altri equipaggi. E la bandiera di protesta sempre ricoperta, orgogliosamente ammuffita. ‘non si protesta, mai’. E ti rendi conto che le Amicizie nascono naturalmente, non è questione di età, è questione di rispetto, di tendere una mano. Ciao, Fabio, Amico mio, con te se ne va un altro dei miei fari.

IL PROGRAMMA FIV SVILUPPO & UNDER: Cos’è e a chi si rivolge

Obiettivi del programma rivolto alla fascia intermedia tra classi giovanili U19 e classi Olimpiche.
Già oltre quindici raduni svolti nel 2021, e altri 3 previsti solo ad aprile.
Le collaborazioni tra FIV, CONI e territorio

Dopo la fase progettuale e di impostazione, è partito da gennaio 2021 il nuovo Programma tecnico FIV denominato Sviluppo & Under (S&U), dedicato specificamente alla delicata fase di attività agonistica degli atleti nel passaggio dalle classi propedeutiche giovanili alle classi Olimpiche. S&U è un Programma della Federazione per le classi Olimpiche per il quale il Settore Giovanile si affianca a quello Assoluto di Preparazione Olimpica, si avvale inoltre dell’importante collaborazione dell’Istituto di Scienza dello Sport del CONI e chiama in causa anche le strutture territoriali FIV, Zone, Circoli e i rispettivi allenatori e preparatori.

Il Programma si pone come obiettivo di seguire i giovani atleti più interessanti, possibilmente già coinvolti con le attività tecniche nazionali Under 19, che sono passati o stanno valutando il passaggio a una disciplina Olimpica, in una fascia di età indicativa fino a 25 anni, per aiutarli a strutturare e programmare al meglio la preparazione. In questa prima fase il Programma S&U coinvolge un gruppo di circa 50 atlete e atleti, per i quali sono programmati allenamenti e raduni su base mensile con lo staff tecnico federale. Inoltre S&U si integra con il programma specifico sulla Preparazione Atletica già avviato a fine 2020 con l’intervento dell’Istituto di Scienza dello Sport del CONI attraverso propri docenti ed esperti.

Da Gennaio a oggi sono stati già svolte oltre 15 attività, tra stage e allenamenti, per le classi IQ Foil (il nuovo windsurf olimpico foiling per Parigi (Marsiglia) 2024), ILCA 6 e ILCA 7 (gli ex Laser Radial feminile e Standard maschile), Formula Kite (altra nuova specialità olimpica 2024), Nacra 17 doppio misto foiling e il 470 Misto. Le attività hanno interessato il centro tecnico federale di Cagliari (Formula Kite e IQ Foil a gennaio e marzo; Nacra 17 a febbraio e marzo), il Club Velico Crotone (ILCA 6 a gennaio e febbraio), il centro federale di Loano (ILCA 7 e febbraio), la LNI Civitavecchia (IQ Foil a marzo), infine lo Yacht Club Punta Ala per ILCA 7 e ILCA 6 tra fine marzo e inizi di aprile, e le località di Ostia e Trapani per i 470 affiancati ai raduni PO. Già in calendario uno stage a Vada (LI) per due giorni seguito da una regata Kitefoil tra l’8 e l’11 aprile, e un altro al Windsurfing Club Cagliari (IQ Foil) dal 12 al 22 aprile.

Le attività già svolte, oltre alla parte in mare, hanno compreso: preparazione atletica, test fisici e quattro lezioni sugli aspetti biologici e fisiologici e adattamento dell’allenamento, a cura del Dottor Antonio Gianfelici, responsabile medico dell’Istituto di Scienza dello Sport del CONI, nonché sessioni specifiche dedicate al riscaldamento e all’approccio alla gara.

A definire con chiarezza l’importanza del Programma ci sono gli esempi delle due nuove specialità olimpiche 2024, il windsurf IQ Foil e il Formula Kite, per le quali le attività S&U e quella Olimpica saranno gestite in comune, fino a dopo i Giochi di Tokyo, quando inizierà di fatto il triennio Olimpico successivo, con la strutturazione definitiva della Preparazione Olimpica. Una fase, quella attuale, di preparazione e di osservazione sui risultati.

Sulle finalità del Progetto S&U e sulle sue linee generali, sono intervenuti in primo luogo il Consigliere federale Domenico Foschini e quindi i DT Michele Marchesini e il DT Giovanile Alessandra Sensini.

Domenico Foschini: “Finalmente grazie alle risorse reperite dalla presidenza federale, si è riusciti nell’intento di sintetizzare tutto il lavoro svolto con caparbietà dal territorio e dai riferimenti tecnici del Settore Giovanile con l’esperienza del Settore Assoluto per il cambio di passo necessario al momento del passaggio verso obiettivi ancora più ambiziosi.
Potremo così contribuire alla formazione di una filiera, un vivaio di eccellenza che potrà poi impegnarsi su attività di parametri assoluti all’interno dei percorsi su classi Olimpiche ma anche su situazioni altamente gratificanti e alternative come si è visto recentemente nella manifestazione d’eccellenza velica, l’America’s Cup, con tanti giovani protagonisti formati in precedenti esperienze di Club e grazie agli sforzi della stessa Federazione.”

Michele Marchesini: “Un passo significativo per la Federazione, un programma dedicato alla formazione di atleti ed equipaggi più pronti agli obiettivi Olimpici, che li segue nel passaggio all’alto livello e soprattutto nella creazione del corretto approccio e mentalità, la cui importanza va oltre quella della semplice acquisizione del gesto tecnico e conoscenza degli attrezzi”.

Alessandra Sensini: “ll progetto si propone di assegnare alla FIV il giusto ruolo di guida nel passaggio cruciale degli atleti dall’attività giovanile, seppure di alto livello, a quella Olimpica che richiede una programmazione e un volume di lavoro più intenso, dovuto anche ad un cambio di imbarcazione, per il quale, oltre ad un periodo di adattamento, diventa essenziale la definizione degli obiettivi.
Questo ruolo si concretizza fondamentalmente nell’essere presenti laddove i circoli non siano attrezzati e agevolare il lavoro degli allenatori locali dove invece esiste una buona struttura organizzativa. Fondamentale sarà anche agevolare la fase di programmazione del lavoro di allenamento e relativa stagione agonistica.
Un caloroso ringraziamento allo staff dell’Istituto di Scienza dello Sport del CONI per la grande mole di lavoro affrontata fino ad oggi.”

Disabilità e inclusione sociale: il Ministro per la disabilità Stefani e il Sottosegretario alla Difesa Pucciarelli incontrano il Presidente della Lega Navale Italiana Marzano

Roma-Questa mattina il Ministro per la disabilità, Sen. Erika Stefani e il Sottosegretario alla Difesa Sen. Stefania Pucciarelli hanno incontrato il Presidente Nazionale della Lega Navale Italiana (LNI) ammiraglio di squadra (a) Donato Marzano.

Con l’occasione, il Presidente della LNI ha avuto modo di illustrare i numerosi progetti avviati negli ultimi anni sulla disabilità e l’inclusione sociale nelle diverse regioni grazie anche alla capillare diffusione sul territorio delle strutture periferiche; peraltro, la promozione delle attività sportive “in acqua” senza limiti di età e con particolare attenzione alle categorie sociali meno agiate e alle persone diversamente abili rappresenta una delle principali aree di attività dell’Ente istituzionale.

Proprio nel prioritario settore dell’inclusione sociale da evidenziare il recente accordo di collaborazione firmato con il Comitato Italiano Paralimpico (CIP) e l’organizzazione del prossimo campionato mondiale di vela per atleti diversamente abili con le imbarcazioni della classe Hansa 303 presso la Sezione di Palermo della LNI nel prossimo mese di ottobre 2021 proprio con la Federvela (FIV) e il CIP.

L’ammiraglio Marzano ha altresì evidenziato che “si tratta di una missione che la Lega Navale Italiana porta avanti con la passione e lo spirito di servizio dei suoi soci che credono nella centralità del Mare come moltiplicatore di potenza dell’economia del Paese ed al tempo stesso come maestro di vita; dobbiamo essere pronti ad una rapida ripartenza post-pandemia sempre con il mare al centro delle nostre attenzioni. Oggi ho anche avvertito una forte sintonia da parte delle Istituzioni con l’operato della LNI”.
La Sen. Pucciarelli ha poi aggiunto “La Lega Navale è una perfetta sintesi delle più importanti sinergie legate al mare, che grazie alla passione di uomini e donne che ci credono fino in fondo, sarà in grado di portare al largo e in sicurezza anche persone speciali con qualche difficoltà. La Difesa c’è e resterà sempre al fianco di chi vorrà mantenere e vivere il mare come elemento senza barriere.”.

Infine, “La Lega Navale Italiana è un mirabile esempio di come la cultura dell’accessibilità possa e debba essere un valore da promuovere, valorizzare, al centro di sempre nuove iniziative e progettualità. La sua capacità di unire la cultura del mare, lo studio e la diffusione delle nozioni specifiche e di realizzare progettualità dedicate alle persone con disabilità consentono a tutti di poter godere e fruire pienamente di questo straordinario patrimonio. Il fatto che tutto questo sia, in special modo, rivolto ai giovani, diventa un potentissimo veicolo di formazione. Un futuro più accessibile è un futuro migliore per tutti” ha commentato il Min. Stefani.

La Lega Navale Italiana (LNI), fondata nel 1897, è un Ente pubblico non economico, senza fine di lucro, a carattere associativo, avente lo scopo di diffondere nella popolazione, quella giovanile in particolare, lo spirito marinaro, la conoscenza dei problemi marittimi, l’amore per il mare e l’impegno per la tutela dell’ambiente marino e delle acque interne.
Ad oggi si presenta costituita da circa 50.000 soci ordinari, su un complesso di 80 basi nautiche, oltre 260 strutture periferiche tra Sezioni e Delegazioni con un parco imbarcazioni sociali a vela e a motore che raggiunge le 14000 unità distribuite lungo tutta la costa nazionale. La Lega Navale Italiana da anni non riceve fondi pubblici e si autofinanzia dai contributi dei propri soci.

NELLA MARINA DELLA FIERA L’HEADQUARTER DI WATER SPORT CENTER DAL PROSSIMO AUTUNNO A GENOVA UNA PIATTAFORMA DEDICATA ALLA VELA ESTREMA CON SOLE IMBARCAZIONI RACING

In attesa della Grand Finale della Ocean Race nel 2023 e degli importanti appuntamenti di Ocean Race Europe e del Marina Militare Nastro Rosa Tour, Giro dell’Italia a vela, Porto Antico di Genova SpA si appresta a dare il benvenuto nel prossimo autunno a Water Sport Center, una piattaforma commerciale dedicata alla vela che prende spunto dal modello organizzativo e commerciale di PADI ( leader mondiale nella subacquea ) . Il Water Sport Center andrà ad arricchire le attività presenti all’interno della Marina della Fiera. Select Advisor, società di consulenza on-demand con sede a Milano e consolidata esperienza nel turismo, nello sport e nelle marine, è advisor dell’operazione.

Mission di Water Sport Center è la destagionalizzazione delle attività in mare, rendendole fruibili da un pubblico business e leisure 4 stagioni e 365 giorni l’anno.

Con una flotta di quattro Volvo Open 70s, un Volvo Open 60 – icone per i velisti di tutto il mondo, già protagoniste nella Whitbread e nella Volvo Ocean Race – e due catamarani Extreme 40, Water Sport Center opererà a 360° nei settori leisure, corporate e academy rivolgendosi a principianti, professionisti e aziende con soluzioni tarate per ogni esigenza, dalle crociere al team building, dalla giornata a bordo ai match race più sfidanti.

L’approccio competitivo alla vela, con l’organizzazione di regate aperte sia agli agonisti – che troveranno nelle basi di WSC il supporto tecnico e logistico necessario – sia l’approccio crocieristico rivolto ai velisti amatori che verranno formati a tutti i livelli, fino alla navigazione oceanica con istruttori di altissimo livello, saranno il cuore dell’attività che si svilupperà a bordo e a terra, in aule per lezioni, simulazioni e tattiche di regata, magazzini per lo stoccaggio di vele, attrezzature e materiali e di una clubhouse per la socializzazione di allievi ed equipaggi.

Per le aziende WSC proporrà esperienze incentive e imbarcazioni brandizzate a disposizione per eventi speciali, sempre supportati da un team di professionisti del settore MICE con una grande attenzione alle soluzioni hardware utilizzate e a prodotti racing innovativi.

La base di Genova sarà l’headquarter di WSC, che si sviluppa in totale su cinque basi, altre due in Italia – a Fiumicino e Punta Ala – e due in Spagna – a Valencia presso la King Marine, nella ex base di Emirates Team New Zealand, e a Puerto Calero, sull’Atlantico, nell’isola di Lanzarote – Canarie.

IEG, PESCARE SHOW 2021 SI VESTE DI NUOVO

Il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group lancia un blog con contenuti originali di atleti e volti noti del settore e si rifà il look con un logo più contemporaneo.

Nuove date da segnare in calendario: 26-28 novembre 2021.

www.pescareshow.it

Vicenza, 29 marzo 2021 – Pescare Show, il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto firmato Italian Exhibition Group, rinnova il suo impegno nell’engagement della community attesa nel quartiere fieristico IEG di Vicenza dal 26 al 28 novembre 2021 con una serie di iniziative strategiche, originali e innovative per la manifestazione di riferimento per gli sportivi e gli appassionati sul panorama nazionale.

Si parte con un nuovo blog accessibile dal sito della manifestazione (https://www.pescareshow.it/it/blog). Un contenitore di approfondimenti di settore pensato per offrire una selezione di contenuti originali creati da atleti e da alcuni dei personaggi più seguiti e amati sia dai pescatori che dal pubblico dei social media.

Il messaggio di Pescare Show sarà ancora più completo e crossmediale grazie alla media partnership con Italian Fishing TV e allo speciale progetto editoriale dedicato agli appassionati. Già dai prossimi mesi sarà attiva una programmazione dedicata alla manifestazione sul canale tematico 811 di Sky, per un countdown all’evento scandito anche dal ricco calendario di appuntamenti digitali promossi dai social di Pescare Show.

Forte della doppia partnership con FIPSAS – Federazione Italiana Pesca Sportiva e FIOPS – Federazione Italiana Operatori Pesca Sportiva, che supporteranno l’organizzazione dell’evento nello sviluppo di contenuti sempre più innovativi e con cui è stata condivisa la scelta di spostare il Salone di una settimana, l’edizione 2021 sarà completamente coniugata al futuro anche grazie alla nuova identità visiva, con il restyling del logo in chiave contemporanea mantenendo in primo piano il legame sempre più forte con il mondo della pesca.

Selezione Interzonale Optimist: da oggi al Circolo Nautico Livorno la tappa riservata alla II, III e IV Zona Fiv

Per il sodalizio labronico presieduto da Beppe Guarneri è la prima manifestazione organizzata dall’insediamento del nuovo Direttivo.
Spettacolo assicurato nello specchio acqueo antistante l’Accademia Navale sino a domenica.

Livorno-E’ il Circolo Nautico Livorno ad ospitare da oggi a domenica la Selezione Interzonale Optimist per i giovani timonieri della II (Toscana, Umbria e provincia di La Spezia), III (Sardegna) e IV Zona Fiv (Lazio) nati dal 2006 al 2010. Lo specchio acqueo antistante l’Accademia Navale farà, infatti, da splendido scenario alla manifestazione molto attesa alla quale sono iscritti 130 timonieri.


“La regata arriva in Seconda Zona in uno dei momenti più complessi del calendario nazionale FIV- ha commentato il Presidente regionale Toscana Umbria della Federazione Italiana Vela, Andrea Leonardi -in questo inizio anno avremmo tutti atteso il ritorno alla normalità, anche sportiva, ma è chiaro che tocca a tutti adesso appellarsi nuovamente a quel senso di responsabilità che ha distinto gli atleti e gli affiliati già nei mesi passati. Il compito di ogni dirigente sportivo adesso è dare l’esempio ai nostri piccoli atleti ma sono sicuro che lo sport e la vela in particolare sapranno vincere di nuovo su ogni avversità.”


Tanto l’entusiasmo e la voglia di ospitare i piccoli grandi protagonisti da parte del neo eletto Presidente del Circolo Nautico labronico, Beppe, Guarneri “Abbiamo accettato con grande piacere la proposta del Presidente della nostra Zona Fiv, Andrea Leonardi, di organizzare questa importante Selezione, anche se i tempi erano davvero stretti (inizialmente era stata affidata al CN Marina di Carrara che solo recentemente ha rinunciato, ndr) e, le cose da fare sono tantissime, soprattutto in un periodo come quello che stiamo attraversando.

Tutte le attività, in acqua e a terra, si svolgeranno secondo le disposizioni in materia di contrasto e contenimento di diffusione del COVID 19 emanate dalla FIV, nella più totale sicurezza, ma questa Selezione saprà ugualmente offrire uno spettacolo davvero coinvolgente. Questa è la prima manifestazione organizzata dal nuovo Consiglio Direttivo eletto lo scorso 22 gennaio ma ufficialmente in carica solamente da ieri e sono davvero felice di iniziare il nostro percorso con un evento dedicato ai regatanti che rappresentano il futuro della Vela Italiana.

I velisti di questa Classe hanno grinta, entusiasmo, determinazione, voglia di regatare e dimostrano un grande impegno con ogni condizione meteo: vederli regatare è per tutti una vera carica di ottimismo e un bel segnale soprattutto in questo periodo. Purtroppo le manifestazioni collaterali e la premiazione saranno fortemente condizionate dalle restrizioni sanitarie ma speriamo ugualmente di far apprezzare la nostra ospitalità a tutti partecipanti. Il nostro Direttivo è formato da un bel gruppo di persone motivate, entusiaste, con tanta voglia di fare.

Fra loro sono stati eletti regatanti titolati come Francesco e Giovanni Marrai, Gianni e Fabio Galli, e poi Fabio Lotti un vero tuttofare sempre disponibile, Stefano Rosini che continua la tradizione del padre, già nel Consiglio e oggi in pensione, il tesoriere Lorenzo Vivaldi e il responsabile dell’Altura Leonardo Barcali. Abbiamo tutti voglia di accrescere il lustro del nostro Circolo che dal dopo guerra ad oggi, all’interno del Porticciolo Nazario Sauro, ha rivolto grande attenzione allo sviluppo e al sostegno dell’attività sportiva organizzando le prime scuole di vela e consentendo a numerosi atleti di ottenere importanti affermazioni in campo Nazionale ed Internazionale.”


Il Programma della Selezione labronica prevede nel pomeriggio di oggi il perfezionamento delle iscrizioni e la timbratura delle vele che proseguirà anche domani, venerdì, quando si svolgeranno (ore 10.30) anche lo Skipper meeting e l’eventuale consegna dei nastri. Il segnale di avviso della prima prova verrà, invece, dato alle ore 12.30.


Le regate (ne sono previste nove e non ne potranno essere corse più di tre al giorno con uno scarto al compimento della quarta prova) proseguiranno sino a domenica. Al termine, la premiazione dei primi cinque classificati.
Il Comitato di Regata sarà presieduto da Roberto Lachi coadiuvato da Massimo Scarpa, Alessandra Virdis, Loretto Giusti e Giovanna Benucci mentre il Comitato delle Proteste impegnerà il presidente Giorgio Bolla con Luca Supplizi, Giuseppe Scognamillo e Matteo Chimenti.


Dalla Interzonale di questo fine settimana a Livorno passeranno alle Selezioni Nazionali 28 timonieri. La selezione Nazionale è articolata in due tappe: la prima a giugno e la seconda a luglio.
Il Campionato Italiano Optimist 2021 si svolgerà a Cagliari dal 2 al 5 settembre, il Mondiale, invece, sarà a Riva del Garda dal 30 giugno al 10 luglio e l’Europeo a El Puerto de Santa Maria- Cadiz (Spagna) dal 20 al 27 giugno.

Il Club Nautico Versilia consegna le borse di studio “Maurizio e Bertani Benetti” 2019

Considerato il protrarsi dell’emergenza sanitaria, la premiazione della terza edizione dell’iniziativa rivolta agli alunni dell’Istituto Tecnico Nautico Artiglio di Viareggio si svolgerà senza cerimonie formali.

Viareggio– Considerando il perdurare dell’emergenza sanitaria, il Club Nautico Versilia ha deciso di procedere alla consegna delle Borse di Studio “Maurizio e Bertani Benetti” relativa all’edizione 2019 direttamente alla Dirigente Scolastica dell’Istituto Tecnico Nautico Artiglio di Viareggio senza cerimonie formali.


Sarà quindi la professoressa Nadia Lombardi a ricevere a nome dei vincitori le borse di studio che avrebbero dovuto essere consegnate lo scorso anno: la cerimonia di consegna, prevista presso le sale del Club Nautico Versilia il 20 marzo dello scorso anno (e cioè in pieno lockdown) era stata, infatti, rimandata a seguito della decisione assunta dall’Istituto Nautico in ottemperanza al DPCM 4/3/20 che stabiliva le misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del COVID -19.


Purtroppo, anche quest’anno, a causa delle restrizioni ancora in atto, sarebbe stato impossibile organizzare la cerimonia presso le sale del sodalizio viareggino alla presenza delle numerose autorità e dei tanti ragazzi e ragazze del Nautico che avevano animato le due passate edizioni.
Fortemente voluta dal Presidente del Club Nautico Versilia, Roberto Brunetti, per ricordare non solo due figure storiche della cantieristica viareggina ma anche due grandi amici, le Borse di Studio sono rivolte a tutte le Classi e a tutti gli indirizzi dell’Istituto Tecnico Nautico Artiglio e sono organizzate in modo differenziato per gli alunni del biennio e quelli del triennio.


Il Comitato Tecnico-Scientifico, riunitosi presso la sede del Club Nautico Versilia lo scorso 22 maggio 2019, aveva decretato i vincitori della terza edizione:
per il Triennio si sono distinti Francesco Masini per le Terze, Alessio Baldini per le Quarte (già vincitore nel 2018 per le Terze) e Lorenzo Barsottelli per le Quinte
mentre per il Biennio hanno vinto gli studenti delle Classi II A, I B, II B, IA e IC.


L’iniziativa che si propone fra l’altro di incentivare il profondo legame storico, socio-economico e culturale fra la Scuola e il contesto territoriale e di ribadire la grande attenzione rivolta ai giovani dal Club Nautico Versilia, rimane temporaneamente sospesa a causa dell’emergenza sanitaria ma sarà ripresa appena le condizioni lo permetteranno.

I ravennati in America’s Cup salutano Auckland e il New Zealand Yacht Squadron

Auckland – E’ finita la 36ma America’s Cup anche per i soci del Circolo Velico Ravennate che con diversi ruoli hanno partecipato all’evento portando un po’ di Adiratico nell’emisfero australe. Umberto Molineris (grinder), Jacopo Plazzi (osservatore) e Andrea Bazzini (elettronica) erano nella squadra di Luna Rossa Prada Pirelli, Matteo Plazzi (direzione operativa sull’acqua) e Antonio Vettese (press officer) nel COR36, organizzatore della regata di selezione sfidanti Prada Cup.

Tutti assieme hanno partecipato presso la sede del Royal New Zealand Yacht Squadron a una informale cerimonia proprio di fronte alla Auld Mug nel corso della quale Matteo Plazzi e Aaron Young, Commodoro dello Squadron, hanno scambiato i rispettivi guidoni dei Club.

Il Circolo Velico Ravennate entra così in relazione con uno dei templi della vela contemporanea, un’amicizia che comincia nel giorno in cui iniziano i lavori per l’edizione numero trentasette della Coppa.

Soldini su Maserati: una tempesta spegne le speranze di battere il record sulla Monaco-Porto Cervo. Ma non è tutto perduto

Niente da fare per Giovanni Soldini e il suo team. La speranza di battere il record di 7 ore, 53 minuti e 31 secondi stabilito da Brian Thompson nel 2016, a bordo del Maserati Multi 70 sulla rotta Monaco-Porto Cervo, è svanita la scorsa notte a causa di una tempesta nelle acque del Nord Tirreno. Il trimarano italiano era partito da Monaco alle 22 di sabato 13 marzo ma a causa di un peggioramento delle condizioni meteorologiche con vento di mistral molto forte e grandi onde al traverso sul multiscafo, già provato da un’avaria, l’equipaggio è stato costretto al ritiro e a scegliere una navigazione più sicura verso terra.

Spiega Soldini: “Appena partiti da Monaco un timone si è sganciato con 45 nodi di vento e grandi onde. In quelle condizioni era troppo pericoloso rimettere in posizione il timone. Valuteremo se è meglio tornare a La Spezia o fermarsi da qualche parte nel mezzo. Ci riproveremo il prima possibile!”.

Non si perde d’animo, il grande velista italiano accompagnato da un team di altrettanti campioni, tra cui Ambrogio Beccaria, il giovane navigatore primo vincitore italiano della MiniTransat, la traversata dell’Atlantico su minibarche missile da 6,5 metri. Ambrogio commentava così prima dell’inizio di questa avventura: “Sono molto contento… questo sport l’ho scoperto quando ho letto Nel Blu, quindi direi che per me navigare con Giovanni è il massimo.

Inoltre navigare con un marinaio completo come Soldini è importante credo che quelli della sua generazione siano meno “professionalizzati” di noi, ma hanno l’esperienza di chi sa fare tutto su una barca dalla laminazione in poi.  Infine poter navigare su una barca di questo tipo è una bellissima occasione.”
Proprio in queste ore l’equipaggio di Soldini sta tornando verso la Spezia, al sicuro. Un tentativo di cui fare esperienza per la prossima sfida da seguire insieme quanto prima.

Elide Lomartire

Al porto turistico Marina di Scarlino si danno appuntamento armatori e atleti di grande fama

Da aprile a ottobre sette eventi di portata internazionale, attese oltre seimila presenze in 25 giorni di regate

ITA. Scarlino-Nato nell’ottobre 2020, lo Yacht Club Isole di Toscana si appresta ad affrontare una intensa stagione velica: da aprile a ottobre saranno numerose le manifestazioni che vedranno diverse classi di imbarcazioni monotipo e derive tra le più prestigiose al mondo sfidarsi nelle acque maremmane.
Il rispetto delle norme sanitarie rappresenta il primo requisito che vede il team dello Yacht Club già al lavoro per individuare procedure e protocolli, da declinare in base alle norme vigenti. L’attenzione all’ambiente e l’impegno a organizzare eventi eco-sostenibili rappresentano l’altro grande presupposto della stagione 2021.


Alla Marina di Scarlino tutto è pronto per accogliere eventi velici di alto livello internazionale.
“Una stagione come quella che ci accingiamo ad ospitare è la riconferma dell’ottimo lavoro svolto negli ultimi anni, grazie alla sinergia tra il Comune di Scarlino, il cantiere Nautor’s Swan Global Service e la Marina di Scarlino con il suo Resort. Siamo lieti che lo sport della vela – spiega il General Manager di Marina di Scarlino Stefan Neuhaus – rappresenti un elemento fondamentale per lo sviluppo economico locale e per la crescita dei flussi turistici internazionali di qualità.”

L’anno agonistico della compagine scarlinese prenderà avvio con un fine settimana dedicato agli Swan One Design (9-11 aprile), in occasione dei quali circa venti equipaggi tra ClubSwan 50 e ClubSwan 36 testeranno le loro capacità tecniche nel golfo, di fronte alla Marina di Scarlino, per prepararsi al circuito The Nations League 2021, che vedrà il proprio inizio nelle stesse acque.
Il calendario proseguirà con la prima tappa delle Melges World League, che da quest’anno vedrà le tre classi di punta del cantiere Melges riunite in un unico evento. Melges 32 (15/17 aprile), Melges 20 (16/18 aprile) e Melges 14 (17/18 aprile) attrarranno nutrite flotte di velisti da tutta Europa. Sono attese una 50ina di imbarcazioni, divise nelle tre classi.


A chiudere un intenso mese di aprile, la selezione per i Campionati Mondiali della classe Optimist (23-25 aprile) che vedrà darsi battaglia 160 agguerriti giovani atleti verso la conquista dell’ambita qualificazione.
Il mese di maggio rappresenterà il clou dell’attività dello Yacht Club, che vedrà dal 25 al 29 l’organizzazione dello Swan Tuscany Challenge, tappa del circuito The Nations League, che per la terza volta ha scelto le acque di questo meraviglioso golfo della Maremma. Le due classi ClubSwan 50 e ClubSwan 36 attrarranno alla Marina di Scarlino circa 30 equipaggi, schierando sulla linea di partenza i velisti più celebri al mondo.

Nel periodo estivo lo Yacht Club Isole di Toscana si dedicherà all’organizzazione di attività di avviamento alla vela dedicate ai giovani del territorio e ai turisti, integrando l’offerta turistica all’insegna dello sport e del tempo libero nel rispetto dell’ambiente.
Il golfo sarà di nuovo sotto i riflettori a settembre, quando sarà la volta di due tappe consecutive dell’attesissimo circuito TF35. Si tratterà dell’esordio su acque salate dei catamarani su foil di ultima generazione, che saranno in grado di regalare emozioni e adrenalina, sfidandosi “volando” sulle acque maremmane. I due eventi si svolgeranno il 9/12 e 23/26 settembre.
Il programma 2021 non poteva finire meglio che con una tappa dell’ambito circuito 44 Cup.
Le straordinarie imbarcazioni RC44, classe che vede schierati armatori e velisti di altissimo livello, si contenderanno la Scarlino 44 Cup dal 6 al 10 ottobre, regalando immancabile spettacolo e un grandioso fine di stagione.

Lo Yacht Club Isole di Toscana può godere del supporto del Comune di Scarlino, di Marina di Scarlino, Nautor’s Swan Global Service Scarlino e Resort Baia Scarlino.
“Lo sport rappresenta un volano importante per l’economia del territorio scarlinese – dichiara il sindaco di Scarlino Francesca Travison – in questo periodo così difficile, il calendario di eventi dello Yacht Club Isole di Toscana rappresenta una boccata d’ossigeno e ci fa ben sperare per il futuro. Siamo certi che ogni iniziativa sarà organizzata nel rispetto puntuale delle norme anti-contagio”.
Ad affiancare la stagione del Club, il consolidato rapporto con l’azienda di eccellenza Rigoni di Asiago, con la quale la passione per il mare, l’ambiente e le energie pulite sono valori condivisi.

Per consultare il Calendario Regate nel dettaglio, cliccare a QUESTO LINK.

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab