Adaptive Windsurf all’Italian Slalom Tour 2018

TORBOLE – Corri sull’acqua-Windsurf 4 Amputees, il primo e unico progetto al mondo che avvicina i portatori di protesi e disabili fisici allo sport del windsurf, sarà presente quest’anno con Adaptive Windsurf all’Italian Slalom Tour a Torbole.

La seconda tappa del Campionato Italiano di Slalom 2018, intitolata 23º Trofeo Paolo Neirotti e valevole anche come tappa del Campionato Zonale AICW XIV zona, si svolgerà sabato 19 e domenica 20 maggio sull’alto Garda presso il Circolo Surf Torbole.
Con Adaptive Windsurf i protesizzati e i diversamente abili potranno partecipare, per la prima volta al mondo, a un campionato. Da quest’anno infatti tutte le persone disabili con il livello tecnico necessario e regolarmente tesserate FIV  (Federazione Italiana Vela) e AICW (Associazione Italiana Classi Windsurf) potranno gareggiare nelle varie classi, regatando insieme a tutti gli altri atleti e a competizione terminata avranno una classifica ufficiale dedicata.

Nel 2014, con la fondazione dell’associazione sportiva dilettantistica “Action 4 Amputees”, Francesco Favettini, istruttore di I Livello Tavole a vela FIV  e istruttore Windsurf e SUP VDWS, ha creato il progetto sociale “Corri sull’acqua… Windsurf 4 Amputees!”, il primo progetto al mondo che avvicina i portatori di protesi allo sport del windsurf, oggi ampliato a tutte le disabilità fisiche. Durante i 15 stage organizzati in diverse località italiane sono saliti sulle tavole oltre 40 ragazzi con vari tipi di protesi e disabilità. Grazie ai sorprendenti risultati ottenuti e modificando l’aspetto tecnico e la didattica, il 90% dei ragazzi che ha partecipato agli stage in Italia è riuscito a navigare.

Da maggio 2017 Francesco Favettini ha aperto a Porto Pollo (Palau, Sardegna), una delle capitali europee del windsurf, il “2 Sides Porto Pollo Water Sports Center” dove chiunque sia portatore di disabilità fisiche può imparare questo fantastico sport gratuitamente e che, grazie alle attività degli associati, supporterà le attività istituzionali riservate al mondo Adaptive. Durante il Windfestival di Diano Marina nel 2016 è stata organizzata la prima regata al mondo per disabili, con la partecipazione di dieci atleti che sono stati premiati dalla campionessa Alessandra Sensini (4 medaglie Olimpiche nel Windsurf). La seconda regata è andata in scena lo scorso 2 ottobre sempre in occasione del Windfestival di Diano Marina.

“Per migliorare ulteriormente l’esperienza velica” – dice Francesco Favettini – “abbiamo dotato le nostre tavole del nuovo dispositivo IDo Innovation che consente alla vela di non cadere in acqua facilitando l’apprendimento per chi ha problemi di equilibrio. Inoltre metteremo a disposizione di tutti gli amputati le nuove protesi della College Park Industries, appositamente studiate per l’attività sportiva e più stabili e comode rispetto alle normali e la nuova versione di Kingii Wearable, il più piccolo dispositivo di galleggiamento al mondo: si porta al polso come orologio, è riutilizzabile e può dispiegare in soli due secondi un cuscino autogonfiante capace di offrire 57 Newton di galleggiabilità aggiuntiva e mantenere a galla una persona di 130 Kg, un aiuto decisivo in caso di difficoltà.”.

Kingii e il progetto sociale Corri sull’acqua

Kingii Wearable dal 2016 è il Water Safety Partner di Corri sull’acqua – Windsurf 4 Amputees, aggiungendo al windsurf anche le pratiche di SUP, Kitesurf e Kayak. Corri sull’acqua, mediante un protocollo formativo specifico e attrezzature adattate, insegna ai portatori di protesi agli arti inferiori a cavalcare in libertà (e sicurezza!) le onde sul windsurf.

Motonautica italiana in festa: Alessandro Cremona tra i campioni premiati a Milano

MILANO – Altra giornata da ricordare per Alessandro Cremona, che è stato premiato nel corso della cerimonia con la quale la Federazione Italiana Motonautica ha festeggiato oggi (sabato 7 aprile) a Milano i suoi campioni che, durante il 2017, hanno conquistato titoli mondiali, europei ed italiani nelle varie discipline.
Il prestigioso appuntamento si è svolto al Palazzo delle Federazioni di via Piranesi, dove Cremona ha ricevuto il riconoscimento come campione mondiale 2017 nella categoria O/350. Una grande soddisfazione per il fuoriclasse piacentino che, il 17 marzo scorso, è stato anche tra i protagonisti dei Montecarlo UIM World Champions Awards, il gran gala con il quale la federazione sportiva internazionale della motonautica premia i vincitori dei titoli iridati. Massimiliano Cremona, fratello di Alex, è stato invece premiato per il bronzo mondiale conquistato nella classe O/250.

La motonautica piacentina nel suo complesso ha brindato a Milano anche a livello di team: il premio “Paolo Mora” per le vittorie internazionali è stato assegnato ex aequo ad Associazione Motonautica San Nazzaro e a Effeci Racing Team, per i trionfi conseguiti nel 2017 rispettivamente da Alessandro Cremona e Luca Finotti e da Claudio Fanzini. Tornando ai singoli premiati, grande festa anche per gli altri piacentini Claudio Fanzini (campione del mondo e campione d’Italia nella classe O/250, argento mondiale nella classe O/350, bronzo europeo nella classe F.350), Giuseppe Rossi (campione europeo O/500, grazie al titolo conquistato in casa nella gara disputata a San Nazzaro) del Circolo Nautico Chiavenna e Luca Finotti (campione d’Italia nella classe OSY/400), monticellese che gareggia per il C&B Racing Team con il cremonese Mattia Ghiraldi (argento italiano in classe OSY/400).

Applausi anche per il sannazzarese Matteo Gandolfi (bronzo europeo in classe F.250 e argento italiano in classe O/250) dell’Effeci Racing Team e per Marco Malaspina (bronzo nell’italiano O/250) del Circolo Nautico Chiavenna. Da segnalare i due premi alla forte carpigiana Natasha Chiossi (argento mondiale e italiano nella Boat Production) della Motonautica San Nazzaro, che corre in coppia con il lecchese Christian Cesati. Nella radiocomandata, infine, esulta Maurizio Daverio (oro italiano nelle classi offshore F1 1/4 e OD27) del Circolo Nautico Chiavenna.

MAREINCITTA’: IL CALENDARIO DELLE ATTIVITA’ IDROSCALO 7-10 GIUGNO 2018

MILANO –  Il bellissimo bacino idrico dell’Idroscalo ospiterà anche quest’anno la manifestazione ludico sportiva Mareincittà. L’evento avrà luogo dal 7 al 10 giugno e vedrà protagoniste tutte le discipline acquatiche con tante novità per coinvolgere campioni, atleti, principianti e scuole.Tante le attività che si stanno definendo per coinvolgere le famiglie e tutti coloro che resteranno a Milano nel mese di giugno.

“Divertirsi facendo sport, questo il nostro obiettivo.” – spiega Alessandra Sarpedonti Presidente del Club Sportivo Ambrosiano ASD organizzatore della seconda edizione della manifestazione. “Ho molto a cuore che Mareincittà sia un evento per tutti, l’evento dell’inclusione sociale. Quest’anno vorremmo garantire anche la partecipazione di associazioni di disabili e portatori di Handicap come ad esempio la prima squadra al mondo di pallanuoto tutta composta da atleti disabili”.

La Motonautica, madrina della prima edizione, sarà sempre una delle protagoniste con i GT15 guidati da ragazzi di 14-17 anni. “Mareincittà è un evento a cui non possiamo mancare” – queste le parole del Presidente della Federazione Vincenzo Iaconianni, di cui si è fatto portavoce Giorgio Galli, Presidente Comitato Regionale FIM della Lombardia.
Gli amanti della canoa e del canottaggio potranno provare le bellissime Dragon Boat e, per tutti coloro che desiderano cimentarsi, sarà possibile sperimentare l’emozione di respirare sott’acqua con maschere e bombole accompagnati e guidati da Istruttori e Dive Master.

Decathlon, sponsor tecnico della manifestazione, organizzerà un bellissimo villaggio sportivo con tante idee coinvolgenti come il Bubble Football (divertenti bolle di gomma da indossare durante una partita di calcetto), i tornei di ping-pong e le sfide con i racchettoni da spiaggia.
Tra le novità anche il Trofeo School Edition, una sfida che vedrà gareggiare quattro istituti scolastici dell’hinterland milanese che si confronteranno nelle seguenti discipline: Atletica, Basket, Handball e Calcetto.

Gli appassionati di pesca sportiva potranno seguire dal vivo la prima gara “Pesca Sportiva Mareincittà” a cui prenderanno parte circa 60-70 pescatori professionisti che si renderanno disponibili nei giorni della manifestazione per fare formazione gratuita a grandi e piccini che vogliono avvicinarsi a questa disciplina.
Il carattere sportivo-agonistico sarà avvalorato da tappe del Campionato Italiano quali: Canoa Polo Sabato e Domenica e SUP (Stand Up Paddling) Sabato. Sport quest’ultimo con un forte trend di crescita sin dal 2001, promosso dalla Federazione Italiana di Sci Nautico.

Mentre ad intrattenere, divertire e far camminare gli amici dell’idroscalo amanti dello sport all’aria aperta ci sarà Michele Evangelisti – noto Runner – che nella mattinata di domenica 10 giugno organizzerà una corsa non competitiva aperta a tutti, anche agli amici a quattrozampe, lungo tutto l’anello dell’Idroscalo. Sei km di passeggiata dove sarà possibile ammirare la biodiversità del bacino e la bellezza della natura circostante.
Un ruolo importante sarà dato anche alle amiche dell’Associazione Pink Amazons cha hanno “scelto lo sport come occasione di recupero fisico e mentale e come opportunità per trovare condizioni di ‘normalità’ per le donne che sono state operate di tumore al seno”.

“La forza di Mareincittà è la sinergia fra le diverse discipline che pur utilizzando gli stessi spazi in momenti diversi, dimostreranno, come anche appunto in città, sia possibile trovare e praticare quegli sport che solitamente si legano prettamente a località turistiche”, queste le parole di Paolo Bianchi responsabile eventi, sport e logistica dell’Idroscalo di Città Metropolitana e condivise da Claudio Vigano’ organizzatore della gara di pesca sportiva e promotore del progetto per il recupero dei bacini idrici CIS Martesana.

CICO 2018: IL GIORNO DOPO, IL PUNTO DEL DT MICHELE MARCHESINI

GENOVA – Si sono da poco spente le luci del Padiglione B di Jean Nouvel della Fiera di Genova che ha ospitato i 180 equipaggi che hanno partecipato al Campionato Italiano Classi Olimpiche 2018, forse non ancora tutti i 200 atleti sono giunti a casa con le proprie imbarcazioni, sicuramente ognuno di loro avrà ancora negli occhi le migliori manovre effettuate e, come spesso purtroppo accade, penserà soprattutto a quello che avrebbe potuto fare meglio.

Michele Marchesini, il Direttore Tecnico della Federazione Italiana Vela, ha lasciato Genova, ieri sera dopo la premiazione, con un bagaglio di informazioni sulla Squadra Nazionale in più su cui lavorare da domani, quando prenderà il volo verso il tradizionale appuntamento di marzo per le Classi Olimpiche, il Trofeo Princesa Sofia a Palma di Maiorca.
Prima di partire ha condiviso le sue considerazioni tecniche sul CICO 2018.

“E’ stata una bella manifestazione, riuscita molto bene dal punto di vista tecnico. Abbiamo visto la vela olimpica tornare in quella che è la sua culla in Italia, Genova è stata pioniera delle regate olimpiche, delle classi olimpiche e della vela in Italia, il primo circolo è nato qui, la Federazione è nata qui ed è stata una bellissima emozione.

Da un punto di vista personale è stata una grande soddisfazione vedere i ragazzi della Squadra Nazionale performare e prendere con grandissima serietà ed entusiasmo questo evento che è un appuntamento di confronto con tutto il panorama nazionale, con gli altri ragazzi ed i circoli. Grande soddisfazione devo dire da parte nostra.

Ci sono poi state parecchie conferme tra i nostri atleti: notevoli nei Nacra 17,  dove quello che ci aspettavamo si è verificato, abbiamo due equipaggi di altissimo livello che sono rappresentati da Ruggero Tita e Caterina Banti e da Vittorio Bissaro con Maelle Frascari, ottima anche la performance di Gianluigi Ugolini che con Maria Giubilei sale sul podio con il bronzo ed è una cosa notevole per dei ragazzi così giovani, per loro abbiamo preparato un percorso Under 23 che culminerà quest’anno  con il Mondiale delle classi giovanile a Marsiglia. E questi sono i frutti dell’intenso lavoro fatto dal gruppo di allenamento a Cagliari.

Per quanto riguarda il Laser Radial bellissima la conferma di Joyce Floridia, veramente una grandissima soddisfazione, come anche vedere Valentina Balbi sfilare una medaglia d’argento ad un atleta di grande valore come Silvia Zennaro, sono segnali molto importanti.
Peccato per Giovanni Coccoluto che nell’ultimo giorno non è riuscito a convertire in un podio o in successo al Campionato Italiano tutta quella carica agonistica che ha, un Campionato Italiano meritatamente vinto da Marco Gallo. Mi sarebbe piaciuto vedere i ragazzi potersi confrontare con Francesco Marrai che è fermo per degli accertamenti clinici e speriamo che la cosa possa risolversi in tempi molto brevi.

Nella tavola femminile Flavia Tartaglini non ha avuto rivali, fondamentalmente mancava Marta Maggetti che anche lei è in infermeria per un problema ad una mano ma dovrebbe tornare in acqua alla regata di Palma di Maiorca.
Tanti begli spunti in tante classi, Alessio Spadoni ha fatto il suo mettendo in riga tutti gli altri con una serie di primi posti importante.

Bellissima davvero la sfida nel 470 femminile con le due coppie Di Salle/Dubbini e Paternoster/Caruso dello Yacht Club Italiano che hanno avuto la meglio sull’equipaggio campione italiano uscente che erano Elena Berta e Sveva Carraro, sono tutti equipaggi molto giovani e ci tengo a sottolineare come in questa classe, così come nel 470 maschile, lo scenario italiano sia molto diverso rispetto allo scorso quadriennio Olimpico, iniziamo ad avere equipaggi veramente performanti a livello internazionale con le stesse Berta/Carraro che l’anno scorso hanno fatto medaglia d’argento al Campionato Europeo, e anche Di Salle/Dubbini hanno fatto molto bene. La stessa soddisfazione nel campo maschile, dove abbiamo Ferrari/Calabrò Campioni Italiani e sesti al Mondiale l’anno scorso.

Il CICO quest’anno è stato un bel appuntamento  e un momento di verifica interna più sulla performance che sui risultati della preparazione invernale, e adesso entriamo in una fase di competizioni molto serrate: ci sono tante regate ed appuntamenti importanti che vanno a comporre un mosaico molto complicato che è la stagione 2018. Palma di Maiora, Hyères, la finale di Coppa del Mondo e soprattutto il Mondiale di Aarhus con l’allocazione della prima tornata del 40% di posti nazione per le Olimpiadi di Tokyo. Ci sembra di essere pronti, sicuramente abbiamo lavorato bene. C’è ancora tanto da fare, ma non ci spaventiamo”.

MOTO D’ACQUA FREGENE Domenica 25 a sostegno della Associazione Onlus Farmacisti in Aiuto

FREGENE – Domenica 25 marzo ’18 dalle ore 10,00 nello specchio d’acqua antistante il Capanno dei Pescatori a Fregene (Roma), si svolgerà la prima Gara Interregionale di Moto d’Acqua della Federazione Italiano Moto Nautica, a  sostegno  dell’Associazione Onlus Farmacisti in Aiuto.

Si tratta di un evento importante dato il coinvolgimento di molti piloti, provolenienti da un gran numero di regioni italiane, si avvicina la Primavera e torniamo a sentire il rombo delle Moto d’Acqua, una manifestazione nella quale i piloti  ricominceranno a sgranchirsi i muscoli in preparazione dell’imminente inizio del Campionato Italiano 2018, che partirà  nel mese di Maggio.

La commissione Moto d’Acqua presieduta da Giorgio Viscione ha deciso per questa importante competizione sportiva di sostenere l’ Associazione Onlus Farmacisti in Aiuto, la cui mission è “Collaborare con le popolazioni povere e bisognose per favorire il loro progresso sociale e culturale così da poter un giorno lasciare operare in autonomia e piena dignità coloro che hanno beneficiato del loro sostegno.”

Gara di pesca sportiva per la la prossima Nazionale Italiana di Canna da Natante

ROSIGNANO – Si svolgerà nelle secche di Vada nei giorni 23-24 e 25 marzo la gara di pesca sportiva “Club Azzurro di Canna da Natante 2018”, organizzata dalla Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee A.S.D., Sezione Provinciale di Livorno, in collaborazione col Circolo Nautico Canottieri Solvay, per la selezione della prossima Nazionale Italiana di Canna da Natante. I partecipanti si imbarcheranno presso il Porto turistico di Rosignano Marina Cala de’ Medici, che ha offerto collaborazione alla F.I.P.S.A.S. anche per quanto riguarda l’ormeggio delle due imbarcazioni su cui saliranno a bordo i partecipanti: Ariel e Evolution.

La squadra che si formerà sarà impegnata a settembre ai Mondiali della specialità. Alla gara parteciperanno i migliori atleti provenienti da tutta Italia: i primi 20 classificati del Campionato Italiano 2017 e i componenti del Club Azzurro 2018 con all’interno la Nazionale uscente. L’età media degli atleti sarà di circa 40 anni, ciascuno con un bagaglio tecnico di notevole spessore.

La competizione si svolge con canna da pesca a bordo di grandi imbarcazioni. La durata di ogni gara è di 4 ore, con un notevole impegno degli atleti, che non hanno praticamente nessuna sosta tra una prova e l’altra. Il campo di gara è considerato tra i migliori esistenti in Italia, con una grande varietà di specie ittiche rigorosamente catturate nella taglia di legge. L’atleta che non si attiene a questa regola viene immediatamente squalificato. Le esche utilizzate saranno totani (congelati). Al termine della gara sarà effettuata la pesatura, assegnando un punto per ogni grammo pescato. Le prove di gara, divise in tre giorni, prevedono nel primo e secondo giorno due manche, in cui la resistenza degli atleti sarà messa a dura prova: i migliori passeranno alla manche del terzo giorno.

Il ritrovo e la partenza delle barche avverrà, come di consueto, dal Cala de’ Medici, che da oltre 10 anni ospita la FIPSAS garantendo ausili e personale. “Senza l’aiuto del Marina e del Comune di Rosignano Marittimo che ci agevola nello svolgimento delle pratiche che occorrono per effettuare tali eventi sportivi, non sarebbe stato possibile far nascere a Rosignano un punto di riferimento per questa specialità”, fa sapere Andrea Lami, Presidente della FIPSAS Sezione Provinciale di Livorno.

Alessandro Cremona a Montecarlo: “L’obiettivo è il quinto titolo mondiale”

MONTECARLO – Alessandro Cremona è stato tra i grandi protagonisti della nona edizione dei Montecarlo UIM World Champions Awards, l’ambito evento monegasco con il quale la federazione sportiva internazionale della motonautica premia i campioni del mondo della stagione precedente. Nella splendida location della Salle des Etoiles dell’iconico Sporting Monte-Carlo del Principato, sabato sera Cremona è stato premiato come iridato 2017 della classe O 350, conquistata per la quarta volta in carriera dopo i trionfi del 2008, 2010 e 2015.

E’ stato un appuntamento nel quale il nome di Piacenza è salito molto in alto: insieme a Cremona hanno infatti ricevuto analogo riconoscimento altri due piacentini, Alex Carella e Claudio Fanzini, che hanno primeggiato nelle reciproche categorie.

Ai giornalisti che lo hanno intervistato nella press conference per i media internazionali, Cremona ha spiegato i segreti dei suoi ripetuti successi: “I tre fattori principali alla base dei quattro titoli mondiali – ha raccontato Alex – sono l’inesauribile passione per il mio sport, il grande lavoro svolto dal mio team, che mi ha sempre messo nelle condizioni per essere ad alti livelli, e il costante supporto della mia famiglia, al quale si aggiunge il profondo affetto degli amici e dei fans”.

Sulle motivazioni per continuare a correre dopo tanti allori italiani, europei e mondiali, Cremona è stato esplicito: “Lo stimolo numero uno è quello di vincere un altro mondiale nella classe O 350, per diventare il più titolato di sempre in questa categoria. Altri grandi stimoli – ha concluso Cremona – vengono dalla creazione della scuola per nuovi talenti, che in futuro spero potranno seguire le orme dei campioni che li hanno preceduti”.

Alessandro Cremona a Montecarlo per gli UIM World Champions Awards

MONTECARLO – Ennesimo prestigioso riconoscimento per Alessandro Cremona. Domani (sabato 17 marzo) il fuoriclasse piacentino sarà tra i protagonisti della nona edizione dei Montecarlo UIM World Champions Awards, l’atteso evento monegasco con il quale la federazione sportiva internazionale della motonautica premia i vincitori dei titoli iridati.

Cremona riceverà il premio come campione mondiale 2017 nella categoria O 350, conquistata per la quarta volta in carriera dopo i trionfi del 2008, 2010 e 2015: “E’ una grande soddisfazione e un grande stimolo per la stagione 2018 in arrivo – spiega Alex – poter tornare per la terza volta a Montecarlo per questo splendido evento, che riunisce il top delle diverse categorie del mio sport”.

Cena di gala e cerimonia di premiazione si svolgeranno dalle 20.30 di domani (sabato 17 marzo) nella favolosa cornice della Salle des Etoiles dell’iconico Sporting Monte-Carlo del Principato. Campioni (tra gli altri ci sarà anche Claudio Fanzini, iridato della classe O 250), stakeholders del mondo della motonautica, membri della federazione internazionale, rappresentanti delle federazioni nazionali e ospiti vip saranno presenti all’evento, al quale è atteso anche il Principe Alberto di Monaco, che attira da sempre l’attenzione dei media internazionali. Anche quest’anno verrà assegnato lo Stefano Casiraghi Memorial Trophy, dedicato alla memoria di Stefano Casiraghi.

DOMANI IL GRAN FINALE DELLA COPPA ITALIA DI WINDSURF A POZZUOLI

POZZUOLI – Il vento da Sud che soffiava a 10 nodi non ha tradito neanche oggi i 180 atleti che partecipano alla Coppa Italia di windsurf delle classi Techno 293 OD e Plus e RS:X, organizzata dall’ASD Black Dolphin del presidente Gianluca Montuoro. Nello splendido scenario delle acque antistanti il Lido Giardino di Lucrino, con mare poco mosso, si sono svolte le prove della seconda giornata della manifestazione, che si concluderà domani con partenza prevista dalle ore 10.30.

Nella classe RS:X è arrivato il primo successo, nella terza regata, per Giorgia Speciale (Sef Stamura), che si conferma al terzo posto nella classifica generale alle spalle di Nicolò Renna (Circolo Surf Torbole) e Giorgio Stancapiano (Circolo Lauria Palermo). Tra i Techno, la categoria under 17 vede la conferma al primo posto di Davide Antognoli (Nauticlub Castelfusano), così come la Plus vede ancora in testa Niccolò Gatti (Circolo Surf Torbole).

Tra gli under 15 si conferma anche Alessandro Melis (Club Cagliari), con tre vittorie e un secondo posto. Nella categoria under 13, invece, cambio al vertice della classifica provvisoria con Giuseppe Paolillo (Horizont Margherita di Savoia) che passa in testa grazie alla vittoria della quarta prova. Le classifiche delle categorie giovanili (CH3, CH4 ed Experience) saranno comunicate in serata dopo la verifica di alcune proteste presentate alla giuria.

La prima tappa della Coppa Italia di windsurf è organizzata con la V Zona FIV, con il supporto tecnico di sei circoli (RYCC Savoia, CN Posillipo, Circolo Nautico della Vela, Lega Navale di Pozzuoli, Bacoli e Procida), il patrocinio della Regione Campania e dei comuni di Pozzuoli e Bacoli e con il patrocinio e il supporto di FederAlberghi Campi Flegrei, oltre all’assistenza della Guardia Costiera. La logistica sarà assicurata dal Lido Giardino, che è sede del circolo organizzatore e base operativa delle regate, da Alma, dal Complesso Turistico Lo Scoglio, dal Play Off e dal Montenuovo Village. L’evento è sostenuto da Bacogas, Sea Office, D’Orta e Dionisio Gioielli, oltre a numerose altre aziende del territorio.

FINAL FOUR DI COPPA ITALIA, PRO RECCO FA TREDICI

BARI – La ventisettesima edizione della Coppa Italia made in Bari segna il tredicesimo sigillo nazionale per la Pro Recco, sesto consecutivo. Nonostante la domenica elettorale lo Stadio del Nuoto è nuovamente sold out per la Coppa Italia di pallanuoto dopo il sabato di doppia semifinale. “Questo grande successo di pubblico e i complimenti ricevuti dai grandi club arrivati in Puglia – spiega Emanuele Merlini, presidente della Waterpolo Bari, organizzatrice della due giorni di Final Four – segnano un nuovo punto a favore alla capacità di costruire eventi dedicati al meraviglioso mondo della pallanuoto e ci motivano ad andare avanti, nonostante le mille difficoltà quotidiane”.

Inno di Mameli con mille tifosi in piedi allo Stadio del Nuoto, pronto a cantare all’unisono con i big della Pro Recco e dell’Associazione Nuotatori Brescia, protagoniste della finale. Un minuto di doveroso e commosso silenzio invece in memoria di Davide Astori, capitano della Fiorentina deceduto la scorsa notte a Udine.

Sotto gli occhi del ct del Settebello Sandro Campagna e del suo vice Amedeo Pomilio, Pro Recco e An Brescia hanno dato vita a una bellissima battaglia in acqua che ha visto prevalere per 7 a 5 la squadra capitanata dall’ex colonna della Nazionale Stefano Tempesti che ha difeso i pali dei pluricampioni d’Italia. Recco ha tenuto testa a un avversario tenace e di altissimo livello, che annovera tra i suoi pali un altro gigante, l’attuale numero uno del Settebello azzurro, Marco Del Lungo.

Grande entusiasmo sugli spalti dell’impianto di via Maratona intitolato ad Angelo Albanese: il pubblico pugliese ha potuto ammirare giocate fantastiche sia in difesa che in attacco da parte delle due formazioni. Alla fine l’ha spuntata la squadra più attrezzata, quasi invincibile (l’unica sconfitta dei liguri degli ultimi anni risale al maggio dello scorso anno in campionato, proprio a opera dei lombardi, dopo una striscia durata tre anni). La Pro Recco vince così la sua tredicesima coppa nazionale, la sesta consecutiva, si gode l’abbraccio dei tanti tifosi giunti a Bari e la premiazione alla quale ha partecipato l’assessore allo Sport del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli.

Nella finale per il terzo e quarto posto tra Canottieri Napoli e BPM Sport Management, mister Paolo Zizza della Canottieri Napoli ha regalato anche a Luca Bellino, classe 2001, barese e compagno di avventure pallanuotistiche modugnesi come Matteo Basile, la convocazione nella Final Four. Ma ad imporsi 7-15 è la Sport Management guidata da Marco Baldineti, che guadagna così il terzo posto nella Final Four di Coppa Italia.I dettagli della cronaca delle finali con i tabellini completi, sono disponibili nella pagina dedicata alla Final Four di Coppa Italia su  www.federnuoto.it

I risultati degli incontri della Final Four di Coppa Italia:
3 marzo 2018
Semifinale 1 17.30 Pro Recco N – C. C. Napoli 20-3
Semifinale 2 19.00 A. N. Brescia – Banco BPM Sport Management Verona 10-8

4 marzo 2018
Finale 3°/4° posto 14.00 C. C. Napoli – Banco BPM Sport Management Verona 7-15
Finale 1°/2° posto 16.00 Pro Recco N – A. N. Brescia 7-5

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab