Al Cisanello di Pisa consegnato lo scanner per l’analisi batterica delle ustioni donato grazie al ricavato della 34° Regatalonga

Il macchinario Moleculight donato grazie alla raccolta fondi iniziata al Club Nautico Versilia con la premiazione del
24° Trofeo Ammiraglio Francese e conclusasi con quella della Veleggiata per non dimenticare le vittime del 29 giugno

Viareggio/Pisa- Questa mattina a Pisa, presso la Biblioteca di Ortopedia dell’Edificio 3 – Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale Cisanello, si è svolta la cerimonia di consegna del macchinario Moleculight (uno scanner per l’analisi batterica delle ustioni) donato al reparto Grandi Ustionati grazie al ricavato della 34° Regatalonga -la veleggiata organizzata nello scorso mese di giugno “per non dimenticare le vittime del 29 giugno”- e alla raccolta fondi partita dal Club Nautico Versilia in occasione della premiazione del XXIV Trofeo Ammiraglio G. Francese e conclusa il 23 giugno con quella della Regatalonga.

Presenti questa mattina il primario Antonio Di Lonardo, il vice presidente del Club Nautico Versilia Ammiraglio Marco Brusco, il presidente della LNI Viareggio Marco Serpi, i presidenti del Rotaract Club Viareggio Versilia per  A.R. 2018/19 e A.R. 2019/2020 Luca Del Soldato e Bruno Rodà, i soci del Rotaract Arianna Baldini, Alba Camarda, Lucrezia Eleonora dell’Aquila ed Angelo Rodà, il Rappresentante Distrettuale 2071 Rotaract Daniele Ciampalini e del “Mondo che Vorrei” Daniela Rombi e Claudio Menichetti, e alcuni sponsor (Raffaella Maria Rosa e Catia Pardini).

Il service è stato realizzato per il decimo anniversario della strage di Viareggio. L’evento, nato da un’idea di Arianna Baldini, é stato organizzato dal Rotaract Club Viareggio Versilia, Club Nautico, Lega Navale con la collaborazione di Avif e del Mondo che vorrei.
Il Rotaract Club Viareggio Versilia ha ringraziato le Associazioni coinvolte e tutti coloro che hanno contribuito all’iniziativa (Slow Food, Deluxe Wrap, Sunny Side, Immobiliare Al Mercato, Gianneschi Plums and Service, Moretto Reti).

IL TEAM INGLESE FORTITUDE IV VINCE LA TALISKER WHISKY ATLANTIC CHALLENGE: LA GARA DI CANOTTAGGIO PIÙ DURA AL MONDO

L’equipaggio, composto da quattro persone, ha tagliato il traguardo questa notte a mezzanotte e quindici ore italiane

Il team inglese Fortitude IV – composto da Ollie Palmer, Tom Foley, Hugh Gillum e Max Breet – ha vinto la Talisker Atlantic Challenge 2019 completando le 3000 miglia nautiche che separano le Canarie da Antigua in 32 giorni, 12 ore e 35 minuti. Arrivati in nottata a English Harbour, Antigua, hanno rivisto per la prima volta la terra ferma dopo più di un mese dalla loro partenza, il 12 dicembre dello scorso anno a La Gomera, isole Canarie.

Una gara tutt’altro che semplice per i vincitori che in quest’edizione si sono dovuti scontrare con le condizioni meteo proibitive e con il team degli inseguitori, i Rowed Less Travelled, quattro australiani che hanno battagliato fino all’ultimo per la vittoria e sono ora attesi ad Antigua entro 48 ore.

I Fortitude IV hanno saputo affrontare ogni difficoltà: dai venti dell’Oceano alle onde alte dodici metri, dai rovesciamenti dell’imbarcazione (a 72 ore dalla riva) ai remi rotti, fino all’inevitabile stress fisico e infortuni dovuti alle interminabili fatiche sostenute. Al loro arrivo ad English Harbour hanno registrato una velocità di 7 nodi, più del doppio della velocità media nella gara.

Accanto alla fatica e a condizioni estreme, tuttavia, i partecipanti hanno potuto osservare una natura meravigliosa e selvaggia durante il viaggio. Balene e orche sotto l’acqua cristallina, il guizzare dei pesci fin sopra la loro barca e addirittura contro i loro remi. Il giorno di Natale, i Fortitude IV hanno avuto la fortuna di incontrare un gruppo di delfini e tartarughe che si sono avvicinati alla loro imbarcazione, sollevando il loro spirito e umore in questa durissima avventura.

Le bellezze della natura, unite al sacrificio e alla sfida, sia mentale che fisica, rendono questo risultato un’esperienza unica, che cambierà per sempre la vita dei partecipanti e li spingerà ad inseguire sempre più i propri sogni con volontà e motivazione.

Guardando gli altri concorrenti, altre nove barche dovrebbero arrivare ad Antigua entro una settimana, mentre qualche equipaggio composto da una sola persona potrebbe impiegare altre 8 settimane prima di raggiungere Antigua.

Talisker Whisky è sponsor dell’Altantic Challenge da 6 anni, condividendo con i partecipanti lo stesso amore per gli oceani e l’avventura. Talisker, il whisky “Made by the Sea” ha uno storico legame con il mare: la distilleria fu fondata nel 1830 dai fratelli MacAskill, che partirono a remi da Eigg per raggiungere l’inospitale isola di Skye in cerca delle condizioni perfette per ottenere un whisky unico. Questa competizione, come Talisker, ha mostrato perfettamente cosa significa essere “Made by the Sea”

Per questo motivo Talisker è orgoglioso di comunicare che ha rinnovato la sponsorship con l’Atlantic Challenge per altri due anni. La TWAC 2019 ha visto Talisker festeggiare due volte, contando nel team vincente Ollie Palmer, dipendente Diageo in Gran Bretagna.

Poco dopo l’arrivo ad Antigua, hanno parlato Ollie Palmer e Hugh Gillum dei Fortitude IV:
OP: “È una sensazione incredibile – le parole non riescono a descrivere ciò che abbiamo passato, come ci si sente ad affrontare tutto questo e rivedere ora i nostri amici e le nostre famiglie. Lì fuori abbiamo vissuto esperienze uniche e ora abbiamo dei ricordi che ci porteremo dietro per tutta la vita. Quando stai tutto quel tempo in mezzo all’Oceano realizzi davvero ciò che è importante per te.

“La cosa più straordinaria che ho visto è stato un gruppo di stelle allineate, come un treno, saranno state 200 o 300, è stata davvero la cosa più incredibile che ho visto, assieme a tanta vita, come balene, delfini, tartarughe.”

HG: “Essere solo in mezzo all’Oceano in condizioni estreme, lontano da ogni rumore, ti fa comprendere ciò che è davvero importante. Quando sei lì fuori hai molto tempo per pensare senza distrazioni e puoi trovare ispirazione in diverse maniere.

“Abbiamo fatto qualcosa di unico, fin dalla partenza ci siamo detti che si trattava di un’occasione unica e che potevamo arrivare primi. Tutto questo è stato incredibile, dalle stelle cadenti in mezzo al mare fino all’arrivo qui stasera, oltre naturalmente al supporto che ci hanno dato amici e parenti. Ci sono stati momenti davvero duri di cui avremmo fatto volentieri a meno, ma essere qui adesso ci fa pensare che ne sia valsa davvero la pena.”

Natalia Montigny, Head of Global Marketing per Talisker ha commentato:
“Siamo davvero felici di accogliere i Fortitude IV ad Antigua nell’English Harbour come vincitori di questa edizione della Talisker Whisky Atlantic Challenge. Personalmente sono molto orgogliosa del mio caro amico Ollie Palmer, che è anche un collega, sono felice per lui e i suoi compagni che hanno saputo ottenere un risultato straordinario, che alcuni non riescono nemmeno a concepire. Talisker si unisce ora a loro e ai loro cari nei festeggiamenti, consapevole che questi Wild Spirits sapranno ispirare altri a seguirli in questo viaggio anche interiore, dove connettersi nuovamente con la natura e ciò che più conta nelle nostre vite. ”

CEO of Atlantic Campaigns, Carsten Heron Olsen ha dichiarato:
“Il team vincente – Fortitude lV con Tom, Ollie, Hugh e Max – è andato benissimo sin dall’inizio. Mi complimento con loro e, come ogni anno, non smettiamo mai di stupirci della tenacia e capacità dei concorrenti nel raggiungere un obiettivo che sembra impossibile- 3000 miglia a remi in mezzo all’Oceano Atlantico.

“Per i Fortitude IV è una grande vittoria, sono stati i primi ad arrivare al’English Harbour di Antigua e le loro facce, le loro espressioni, fanno intendere quanto siano cambiati in questa gara. Come ha detto uno dei partecipanti alla partenza, all’isola di La Gomera, ‘ il viaggio è un nuovo inizio’ ed è esattamente così”.

La lista completa dei partecipanti alla Talisker Whisky Atlantic Challenge 2019

Foto by Ben Duffy


ICS e FICSF firmano convenzione per la crescita e lo sviluppo del Canottaggio a Sedile Fisso

Firmata oggi dal Presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo, Andrea Abodi, e dal Presidente della Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso, Marco Mugnani, un’importante convenzione per la crescita e lo sviluppo del Canottaggio a Sedile Fisso. Un importante strumento per sostenere una Federazione che unisce sport e tradizione, anche attraverso la valorizzazione del territorio e delle proprie peculiarità, e che, anno dopo anno, annovera nuove Società. La FICSF è la seconda Disciplina Sportiva Associata a stipulare un protocollo d’intesa con l’ICS.

L’ICS intende favorire le migliori condizioni per l’effettivo sviluppo dell’attività di finanziamento in favore delle Discipline Sportive Associate e dei loro affiliati, che rappresentano una realtà sempre più rilevante e che occupano un posto di rilievo nel panorama sportivo nazionale.

L’accordo con la FICSF avrà durata triennale e consentirà alle società affiliate alla Federazione di accedere a prodotti dedicati a condizioni particolarmente agevolate, come il Mutuo “light” 2.0 per importi dai 15 mila ai 60 mila euro utili alla realizzazione, ristrutturazione e riqualificazione di impianti sportivi e acquisto di relativa attrezzatura. La durata massima del finanziamento è di 7 anni, con una procedura istruttoria semplificata che rende più facile l’accesso al credito.

Inoltre, la Convenzione consente alla Federazione, grazie a un plafond di 30 milioni di euro, di ottenere finanziamenti a tasso zero rimborsabili in 15 anni per la realizzazione o il miglioramento di impianti federali e l’acquisto di attrezzature sportive di alto livello.

.

Al Cisanello di Pisa la consegna del macchinario donato grazie al ricavato della 34° Regatalonga

Mercoledì 15 gennaio verrà consegnato il macchinario Moleculight donato grazie alla raccolta fondi conclusasi con la Veleggiata in memoria delle “vittime del 29 giugno”

Viareggio/Pisa-Mercoledì 15 gennaio alle ore 11, presso la Biblioteca di Ortopedia, al 1° piano dell’Edificio 3 – Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale Cisanello (Via Roma 67) di Pisa si svolgerà la cerimonia di consegna del macchinario Moleculight donato grazie al ricavato della 34° Regatalonga, la veleggiata organizzata nello scorso mese di giugno “per non dimenticare le “vittime del 29 giugno”.

La manifestazione si era conclusa con un grande successo di partecipazione -oltre trenta le imbarcazioni al via- e con una toccante cerimonia svoltasi presso le sale del Club Nautico Versilia durante la quale erano state illustrate le finalità dell’iniziativa e annunciato che il ricavato sarebbe stato devoluto al Centro Grandi Ustionati di Pisa per l’acquisto di apparecchiature mediche per l’analisi batterica delle ustioni che – come aveva sottolineato il rappresentante de Il Mondo che vorrei, Claudio Menichetti- dieci anni fa avrebbero potuto salvare la vita di numerose vittime.

Il Vice Presidente del Club Nautico Versilia, Ammiraglio Marco Brusco, aveva, inoltre, ringraziato il Rotaract Club Viareggio Versilia e il suo presidente Luca del Soldato per aver promosso questa meritevole iniziativa, complimentandosi per la raccolta fondi che era partita proprio dal sodalizio viareggino in occasione della premiazione del XXIV Trofeo Challenge Ammiraglio Giuseppe Francese e che si era appunto conclusa con la Regatalonga e il sorteggio di alcuni premi.

Nei vari interventi, (fra i quali quelli del padre di una delle vittime Claudio Menichetti e di rappresentanti del Rotary Bruno Viviani, Arianna Baldini e del vice presidente Bruno Rodà), sono stati anche ringraziati per il loro impegno i direttori sportivi del Club Nautico Versilia Danilo Morelli e della LNI sez. Viareggio Fabrizio Sartini, il presidente del CVM Pietrasanta Gianluca Duranti per aver fornito il gommone a Forte dei Marmi, quattro imbarcazioni che hanno ugualmente versato l’iscrizione pur non partecipando alla regata (la quota d’iscrizione comprendeva un contributo a favore della donazione) e tutti coloro che hanno lavorato al successo di questa iniziativa.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al Club Nautico Versilia (tel. 0584/31444 – e-mail: clubnauticovg@aruba.it) e al Rotaract Club (331/5886209 -334/2055843, e-mail racviareggioversilia@gmail.com)

Riva di Traiano: alla “Befana a Vela” si impone Excalibur di Fabrizio Gagliardi

36 barche in acqua in una splendida giornata di sole. Luduan 2.0 di Edoardo De Crescenzo conquista la Line Honours

Riva di Traiano- A Riva di Traiano è terminata una bellissima giornata di vela e di solidarietà, con un gran sole ed un vento che ha superato i 10 nodi ed ha reso felici i tanti regatanti che non sono voluti mancare a questa festa del CNRT, oramai una tradizione qui al Porto Turistico di Riva di Traiano.
In acqua sono scese 36 imbarcazioni, un numero “monstre” per questa regata che si svolge in un periodo non certo temperato, in acqua e fuori.

“Siamo soddisfattissimi della partecipazione e del bel clima che si è creato a Riva di Traiano…e non sto parlando del meteo – commenta il presidente del CNRT Alessandro Farassino -  con tante barche stanziali qui nel porto che hanno partecipato divertendosi. Regatare è divertente, e farlo in questo spirito di amicizia lo è ancora di più. Al briefing c’era più gente che durante il Campionato Invernale ed è stato un momento bellissimo.  Contento anche per la cifra raccolta, superiore alle aspettative, che invieremo alla Lega del Filo d’Oro, una Onlus che compie un lavoro indescrivibile con disabilità così gravi come nel caso dei sordociechi”.

La regata ha avuto anche una sua parte sportiva non certo trascurabile, con “Luduan 2.0” il bel GS 48R di Enrico De Crescenzo che ha bruciato tutti in tempo reale, concludendo  in 1:56:34, seguito da “Guardamago II”, l’Italia Yacht 11.98 di Massimo Romeo Piparo che, con 2:12:32 ha bruciato di soli 7 secondi quello che si sarebbe poi rivelato il vincitore assoluto in tempo compensato, ovvero “Excalibur”, l’X35 Mod di Fabrizio Galgliardi.

Sul podio, insieme al presidente dell’Uvai, sono saliti poi Federico Galdi, secondo con il suo X362 Sport “Soul Seeker”, e Edoardo Baldoni e Alessandro Pulsoni, terzi sul First 36.7 Mod “Sur”.

Riva di Traiano: alla Befana in acqua per la Lega del Filo d’Oro

Riva di Traiano (Civitavecchia)- Al Circolo Nautico Riva di Traiano si torna in acqua il 5 gennaio per la tradizionale veleggiata della Befana che il CNRT organizza insieme all’associazione Chiave di Violino e alla Lega Navale di Civitavecchia.

Il presidente del CNRT Alessandro Farassino: “Quest’anno nella calza troveremo anche un bel sole  e un vento giusto da NE che ci farà divertire. Sarà una giornata fatta per stare insieme in allegria ma anche un momento di solidarietà, perché le iscrizioni verranno interamente devolute alla Lega del Filo d’Oro, associazione che assiste i bambini sordociechi. Poi il 19 gennaio riprenderemo la nostra attività agonistica, con la quinta giornata del Campionato Invernale, mai così combattuto come quest’anno”.

La “Befana a Vela” si svolgerà su un percorso costiero non superiore alle 12 mn lungo il litorale tra la LNI di Civitavecchia ed il Castello di Santa Severa. La partenza è prevista per le ore 11:30, con un tempo limite fissato alle 14:30. Poi, ovviamente, ci sarà un brindisi e la Befana arriverà anche per i regatanti. Le iscrizioni potranno essere perfezionate entro le ore 19:00 del 4 gennaio presso la Segreteria del CNRT–Via Aurelia Km. 67,580 o via e-mail: cnrt@cnrt.it

Le quote di iscrizione sono:
Imbarcazioni fino a mt. 10,00 (LFT )€ 30,00
Imbarcazioni superiori a mt. 10,00 (LTF) € 50,00

Quello che la Lega del Filo d’Oro porta avanti dal 1964 è un impegno complesso a favore delle persone sordocieche e pluriminorate sensoriali che coinvolge non solo chi ha questi gravissimi handicap, ma anche le loro famiglie, in un progetto strutturato che può portare, quando possibile, alla riabilitazione o integrazione delle persone sordocieche nella realtà sociale e ambientale da cui provengono.

“Dopo i vergognosi rifiuti di prenotazioni per soggiorni o cene fatte da genitori e associazioni che assistono ragazzi autistici e disabili avvenuti durante queste feste in hotel e ristoranti – ha commentato il presidente Farassino – sentiamo di voler ribadire con ancor più forza il nostro impegno per l’accoglienza di questi amici, come abbiamo fatto in passato e faremo ancora in futuro. Per loro ci sarà sempre un Buon Vento”.

Il Club Nautico Versilia chiude con grande soddisfazione la stagione 2019

Il bilancio dell’anno che sta per concludersi, in attesa dei grandi progetti per il 2020
Già dai prossimi mesi il Club Nautico Versilia diventerà completamente plastic free

Viareggio-In attesa di ufficializzare il nutrito programma per il 2020 -nel quale spicca fra l’altro la determinazione già dai primi mesi dell’anno di rendere il Club completamente plastic free- e conclusa la tradizionale cena per lo scambio degli auguri svoltasi sotto l’attenta regia del maestro di casa Muzio Scacciati presso l’accogliente Ristorante del Club Nautico Versilia alla presenza di numerosi Soci, il sodalizio viareggino presieduto da Roberto Brunetti si appresta a chiudere un’altra stagione di grandi soddisfazioni, determinato ad avere un futuro sempre più prestigioso.

Il 2019 era iniziato con i successi dei timonieri Optimist della Scuola Vela Mankin (nata con la volontà di creare un ricambio generazionale nello sport della Vela, di essere un volano per il turismo versiliese e di insegnare ai giovani non solo ad andare in barca ma anche amare e rispettare il mare, il lago e il territorio), nelle trasferte a Napoli e a La Spezia ed è proseguito con un piacevolissimo incontro -presso le sale del Club Nautico Versilia- fra gli studenti e i docenti dell’l’Istituto Nautico Artiglio di Viareggio e i rappresentanti del CNV in occasione della pubblicazione del secondo numero de L’Eco del mare, la rivista studentesca del Nautico Artiglio che gli alunni hanno donato alle autorità cittadine, fra le quali anche il Club Nautico Versilia.

E’ stata quindi la volta della premiazione relativa alla stagione agonistica 2018, voluta dal Comitato Interregionale Toscana Umbria e La Spezia della FIV e svoltasi a Firenze presso la sede del Consiglio della Regione Toscana: al Club Nautico Versilia è stato assegnato l’attestato di merito sportivo per le progettualità svolte in favore degli studenti delle scuole dell’obbligo e al nostro giovane portacolori, Manuel Scacciati è andata una delle sei Borse di Studio Etiche assegnate dal Comitato agli atleti velisti meritevoli “per l’impegno e la continuità nella pratica sportiva, per i risultati conseguiti e per l’ottima condotta civica dimostrata”. A Manuel anche l’Attestato di merito sportivo per la vittoria al Campionato Zonale Optimist Cadetti e per il terzo posto al Campionato Italiano Optimist Cadetti.

Due importantissimi riconoscimenti per il Club Nautico Versilia e per il giovane velista che riempiono di orgoglio e premiano il grande lavoro e l’impegno svolto!

La stagione agonistica 2019 della Vela d’Altura del CNV è, invece iniziata con la tradizionale Coppa Carnevale – Trofeo Città di Viareggio, giunta alla 45° edizione e abbinata al concorso fotografico fra i regatanti “Vela & Foto in Versilia 2019”: dopo tre regate disputate nelle acque antistanti il porto di Viareggio, la vittoria e il Trofeo Mancini sono andati all’XP 44 Orizzonte armato da Paolo Bertazzoni (CNV), grazie ad un tris di vittorie in tempo reale. Nel Raggruppamento Open ha vinto Galeone di Enrico ed Angelita Casella e nel ORC Gran Crociera la prima posizione e il Trofeo Burlamacco sono, invece, andati a Blue Dolphin di Mauro Lazzarotti mentre Marco Giusti di Nagual ha vinto il concorso fotografico.

A fine marzo le sale del Club Nautico Versilia, hanno ospitato l’interessante conferenza aperta al pubblico sul tema: “Un’armata alla scoperta di una civiltà. La campagna d’Egitto di Napoleone Bonaparte 1798-1799.” Dopo il successo dei precedenti incontri di ambito storico militare, anche questa volta il relatore, Generale C.A. (ris) Silvio Ghiselli che si è avvalso della collaborazione del Col. (ris) Vittorio Lino Biondi, ha saputo catalizzare il pubblico presente.

Nel frattempo, a Cagliari la nostra Squadra Agonistica Optimist Scuola Vela V. Mankin si distingueva nelle Selezioni Interzonali Optimist 201 grazie a cinque i timonieri, e all’Istituto Tecnico Nautico Artiglio, si svolgeva la prova riservata agli allievi del triennio valida per decretare i vincitori della terza edizione dell’e Borse di studio intitolate a due grandi amici del CNV e rivolta agli alunni di tutte le classi e di tutti gli indirizzi del Nautico.

Il Club Nautico Versilia, ente di tradizionale e storico radicamento nel contesto di Viareggio e della Versilia, ha, infatti, istituito dal 2017 una borsa di studio intitolata a “Maurizio e Bertani Benetti”, figure storiche della cantieristica viareggina, organizzando il bando in modo differenziato per gli alunni del biennio e quelli del triennio.

A maggio si è, invece, svolta la 24° edizione della manifestazione riservata alle imbarcazione ORC International, ORC Club, Gran Crociera, Open, Barche d’Epoca Classiche e Vele storiche con la quale il Club Nautico Versilia vuole ricordare un uomo che ha dato tanto alla Versilia e alla città di Viareggio, il Trofeo Challenge Ammiraglio Giuseppe Francese. Si è regatato anche per i Trofei Altura CCVV e Artiglio per le vele d’epoca e storiche.

Per il secondo anno consecutivo la vittoria è andata all’XP 44 Orizzonte di Paolo Bertazzoni. Imponendosi nella classifica Overall, il portacolori del Club Nautico Versilia si è, infatti, aggiudicato il prestigioso Trofeo consegnato al termine di una toccante premiazione. Onfale di Bocci, invece, si è aggiudicato la vittoria nelle Vele storiche e classiche.

Dal 31 maggio al 2 giugno 2019 la SV Viareggina e il Club Nautico Versilia hanno organizzato con successo il Campionato Italiano Classe Star, LV Trofeo E. Benetti Historic Event ISCYRA, vinto dopo cinque prove, da Enrico Chieffi e Manlio Corsi.

A metà giugno, il CNV ha ben organizzato il Campionato Italiano Classe Fun: dopo quattro entusiasmanti giornate di regate, il tricolore Fun 2019 è andato a Funky 2 timonato da Lorenzo Carloia e armato da Gabriele Casini.

A fine giugno, con un grande successo di partecipazione -oltre trenta imbarcazioni al via- e una toccante cerimonia finale, si è svolta la 34° Regatalonga, la veleggiata organizzata per non dimenticare le “vittime del 29 giugno” il cui ricavato è stato devoluto al Centro Grandi Ustionati di Pisa per l’acquisto di apparecchiature mediche per l’analisi batterica delle ustioni che dieci anni fa avrebbero potuto salvare la vita di numerose vittime.

Le imbarcazioni hanno preso il via come da programma da Viareggio e, dopo aver girato la boa posizionata circa a 400 mt al traverso della testata del pontile di Forte dei Marmi, sono rientrate a Viareggio. Nel corso della cerimonia conclusiva, svoltasi presso le sale del Club Nautico Versilia, è stato rilasciato un attestato di partecipazione a tutti i concorrenti.

Quest’anno sono state le acque del lago di Massaciuccoli ad ospitare la quinta edizione del Trofeo Memorial Ezio Astorri, la tradizionale manifestazione riservata alla Classe Optimist organizzata ad anni alterni nelle acque viareggine o in quelle di Torre del Lago dal CNV con la collaborazione del Circolo Velico Torre del Lago Puccini. Ventiquattro le barche in acqua, tra Scuola Vela e Juniores. Tre le regate disputate. L’ambito Trofeo è costituito da una coppa messa in palio annualmente dal figlio Raffaello per ricordare l’Avvocato fiorentino, noto yacthtsman per tanti anni socio del Club Nautico Versilia.

Dopo il grande successo a fine ottobre del XV Raduno Vele Storiche Viareggio che ha catalizzato l’attenzione non solo degli appassionati di Vela ma di numerosi turisti e viareggini grazie alle splendide imbarcazioni intervenute, il CNV ha ospitato per altre belle giornate di Vela in Versilia i derivisti della Classe Finn con il classico Trofeo Bertacca, Regata Nazionale valida per la Ranking Nazionale FIV 2019 e come sesta ed ultima tappa della Coppa Italia Finn. Tre le regate disputate dai quaranta finnisti scesi in acqua nel tratto di mare antistante il porto di Viareggio. A Giacomo Giovanelli, primo nei Master, è andato il XVII Trofeo Bertacca.

Con una coinvolgente premiazione presso le sale del Gran Teatro Puccini a Torre del Lago si è conclusa l’edizione 2019 del Trofeo Memorial Renzo Migliorini, manifestazione ben organizzata sul Lago di Massaciuccoli dal Club Nautico Versilia e dal Circolo Velico Torre del Lago Puccini, dedicata alla memoria dell’avvocato da sempre grande appassionato di nautica e di mare, figura di spicco di Viareggio e del Club Nautico Versilia del quale fu presidente per molti anni, anima e mente negli anni d’oro della Viareggio-Bastia-Viareggio della quale curò tutte le edizioni fino al 1992 e grande sostenitore della vela giovanile.

Il Trofeo Memorial Migliorini si è svolto in occasione della terza tappa del VI Trofeo Memorial Ivo Agostini (le precedenti erano state disputate il 17 e il 24 novembre), il Campionato d’autunno riservato ad Optimist, Laser, Finn, 420, Vaurien e FJ che ha confermato l’ottima sinergia fra i due sodalizi. Grande l’affermazione nella classe Optimist dello juniores viareggino Manuel Scacciati che si è aggiudicato i due Trofei con cinque primi sulle cinque prove disputati.

Nel corso del 2019 molti altri Soci hanno tenuto alti i colori del Club Nautico Versilia: fra loro Patrizio Galeassi e Paola Capecchi che con My Fin si sono aggiudicati il Trofeo Challenge 2019 per le Regate di Altura.

La stagione agonistica si è conclusa con il Trofeo Faccenda 2019, tradizionale appuntamento ben organizzato con la collaborazione del Circolo Velico Torre del Lago Puccini e riservato alle classi Optimist, 420, Vaurien, FJ e Finn. La vittoria è andata a Italo Bertacca (Finn), Francesco Graziani con Alessandro Golinelli (Vaurien), Alessandro Baldi (Optimist Juniores), Lorenzo Trentini (Optimist Cadetti), Carlo Maremmani con Chiara Giannini (Fj) ed infine a Margherita Pezzella con Arianna Fubiani (420).

A metà dicembre, invece, le sale del sodalizio viareggino hanno ospitato la presentazione ufficiale del libro: “Come progettavano i velieri. Alle origini dell’architettura moderna di navi e yacht.” realizzato dall’Ammiraglio di Squadra (r) Cristiano Bettini, da sempre amico e socio Onorario del Club Nautico Versilia, che nei due volumi ha raccolto e sintetizzato le origini e l’evoluzione dell’architettura moderna di velieri e yacht nel mondo occidentale (a partire dal primo ’600 fino all’avvento del vapore per i vascelli, e fino a fine ’800 per gli yacht), sviluppando il tema storico e progettuale in modo inedito, integrandolo con la propria esperienza di governo in mare sia dei grandi velieri che degli yacht, e cercando di renderlo accessibile ad un’ampia platea di lettori.

E con questa presentazione, seguita con interesse da un pubblico molto numeroso e fortemente voluta dal Vice Presidente CNV, Ammiraglio Marco Brusco, e dal Presidente onorario Roberto Righi, si è conclusa in bellezza un’altra importante stagione del sodalizio viareggino sempre più determinato ad essere protagonista di tante pagine ancora da scrivere.

VELA OLIMPICA: LO STAFF TECNICO FIV

Aggiornamenti nello staff tecnico della Federazione Italiana Vela
I nuovi ruoli di Alp Alpagut e Giorgio Poggi
L’arrivo di Diego Negri a supporto della preparazione dei Singoli Maschile e Femminile, esordio a Palamos con la Christmas Race

L’ex atleta Olimpico della vela azzurra Diego Negri (due partecipazioni ai Giochi a Sydney 2000 e Atene 2004 con il singolo Laser Standard e una nel doppio a chiglia Star a Pechino 2008) entra nello staff tecnico del Settore di Preparazione Olimpica FIV. Sarà coinvolto direttamente nei programmi dei singoli Laser Standard Maschile e Radial femminile. L’esordio di Diego Negri già in questi giorni, alla Christmas Race di Palamos (Spagna).

L’innesto di Diego Negri è un valore aggiunto che si inserisce nel quadro di un nuovo assetto dello staff programmato dalla Direzione Tecnica e dalla Presidenza, in particolare per le classi Laser. Il tecnico Alp Alpagut è stato dedicato alle attività giovanili e del territorio, dove continuerà a lavorare seguendo le esigenze delle Zone come già nel recente passato.

Per il tecnico di riferimento della Classe Laser Standard (maschile) si è optato per la soluzione interna, rilocando Giorgio Poggi che negli ultimi mesi aveva seguito il Finn, e che da poco ha anche acquisito la qualifica di IV Livello CONI. Con il nuovo assetto, inoltre, le classi Laser Standard e Laser Radial (femminile) seguiranno una programmazione fortemente congiunta, secondo quanto già sperimentato con risultati positivi dalle due classi 470, dalle tavole a vela RSX, e in misura minore dagli skiff 49er (maschile) e 49er FX (femminile).

L’intervento di Diego Negri, che opererà inizialmente su alcuni appuntamenti predefiniti, sarà dedicato espressamente agli aspetti tecnici nella gestione della regata, con particolare attenzione alla tattica e alla strategia. L’obiettivo del nuovo assetto tecnico è sia a breve che a lungo termine e si baserà sul consolidamento di un nuovo gruppo di lavoro allargato. Focus innanzitutto su Tokyo 2020 e relativa qualifica Olimpica per Nazioni per i maschi (ultimo appuntamento e due posti in palio disponibili la tappa di Coppa del Mondo a Genova il prossimo Aprile) ma al contempo si lavorerà su atleti e atlete giovani e sul loro livello già in ottica 2024.

Le classi Laser maschile e femminile, anche per gli alti numeri di partecipazione che iniziano in età giovanile, sono considerate un serbatoio di base dal quale attingere anche velisti per altre discipline e altri ruoli, come già accaduto per alcune prodiere del catamarano misto Nacra 17, o per le classi 49er e FX.

L’ORGANIGRAMMA DELLO STAFF TECNICO FIV
SETTORE ASSOLUTO – PREPARAZIONE OLIMPICA
Questo è dunque il nuovo assetto dello Staff Tecnico della Squadra Nazionale della vela azzurra.

Direttore Tecnico: Michele Marchesini
Catamarano Misto: Gabriele Bruni
Skiff: Gianfranco Sibello (49er M), Daniel Loperfido (49er FX F)
Doppi: Gabrio Zandonà (470 M), Pietro Zucchetti (470 F), Marco Iazzetta
Singoli: Giorgio Poggi (Laser Standard M), Egon Vigna (Laser Radial F), Diego Negri
Windsurf: Riccardo Belli Dell’Isca (RSX M), Adriano Stella, (RSX F)
Performance Manager: Luca De Pedrini
Team Manager: Guglielmo Vatteroni
Preparatore atletico: Luca Parisi
Rule Advisor: Luigi Bertini

One Ocean Foundation e Luna Rossa Prada Pirelli Team: al via la partnership per la salvaguardia degli ecosistemi marini

Milano/Cagliari – One Ocean Foundation (OOF), iniziativa dedicata alla salvaguardia dei mari, e Luna Rossa Prada Pirelli Team, la sfida italiana alla 36^ America’s Cup, annunciano l’inizio della partnership dedicata alla promozione della salvaguardia degli ecosistemi marini e della cultura della sostenibilità ambientale.

Legate dall’amore per il mare, Luna Rossa Prada Pirelli Team e OOF uniscono le proprie forze per perseguire un obiettivo comune: proteggere gli ecosistemi marini e costieri.

A sustainable challenge è l’appello – lanciato da Luna Rossa Prada Pirelli Team con l’intento principale di accrescere la consapevolezza circa i temi della sostenibilità ambientale – al quale OOF ha deciso di rispondere supportando il team.

“Salvaguardare i nostri mari, sensibilizzando il maggior numero di persone sullo stato di salute in cui versano e sulla protezione degli ecosistemi marini, rappresenta il nostro obiettivo che ogni giorno perseguiamo attraverso numerose iniziative e progetti a cui ci dedichiamo a molteplici livelli insieme ai nostri partner” – ha commentato Riccardo Bonadeo, Vice Presidente di One Ocean Foundation – “Siamo felici che Luna Rossa Prada Pirelli Team abbia scelto OOF come Sustainability Partner per la sua sfida alla 36^ America’s Cup”.

Grazie alla partnership, Luna Rossa Prada Pirelli Team si schiera attivamente a favore del mare facendosi portavoce dei valori di One Ocean Foundation così come dei punti della Charta Smeralda: un codice etico innovativo e accessibile a tutti attraverso il sito www.1ocean.org. Come Luna Rossa Prada Pirelli Team, chiunque può sottoscriverlo e impegnarsi a osservare un codice di comportamento condiviso per la protezione dei mari.

OOF è infatti quotidianamente impegnata in molteplici attività di carattere educativo, a supporto della ricerca scientifica, di comunicazione e di natura sportiva con la mission di accrescere la consapevolezza circa la tutela ambientale stimolando al contempo relazioni costruttive tra tutti gli stakeholder di diverse fasce d’età e impegnati a più livelli nella preservazione degli ecosistemi marini.

“Il mare è la nostra casa e ogni giorno ci impegniamo per rispettarlo e proteggerlo. Numerosi sono i passi avanti fatti dal nostro team, come l’utilizzo di fibre più sostenibili per l’abbigliamento tecnico, l’introduzione di soluzioni alternative alle plastiche monouso e attività quotidiane di salvaguardia del territorio, come la pulizia delle acque antistanti la base. Ma ancora tanto c’è da fare. Da qui il lancio dell’hashtag #ASustainableChallenge che ci accompagnerà nel nostro percorso ricordandoci che tutto quello che facciamo lo dobbiamo al mare ed è quindi fondamentale promuoverne la tutela – ha commentato Max Sirena, Skipper e Team Director di Luna Rossa Prada Pirelli.

Nominato il nuovo Consiglio Direttivo della Fraglia Vela Riva: Alfredo Vivaldelli scelto come presidente

Riva del Garda- La Fraglia Vela Riva ha il suo nuovo Consiglio Direttivo. In linea con quanto manifestato dall’Assemblea di maggio, il 14 dicembre si sono svolte le elezioni da cui sono emersi i nomi dei nove componenti il nuovo management, che hanno poi conferito ad Alfredo Vivaldelli il ruolo di Presidente e a Ciro Giampiero Mercurio quello di vicepresidente e tesoriere.

Gli altri eletti sono: Paolo Benini Floriani, Gianfranco Busana, Andrea Camin, Carlo Demurtas, Federica Fanizza, Paolo Matteotti e Enio Meneghelli.

L’elezione del nuovo Consiglio Direttivo, anticipata a dicembre, permetterà alla Fraglia Vela Riva di organizzare al meglio la nuova impegnativa stagione delle squadre agonistiche e delle regate, a partire dal consueto appuntamento con il Meeting del Garda Optimist, regata dei record organizzata dal sodalizio benacense, e il Campionato del Mondo Optimist, in programma a luglio.

“Uno dei primi obiettivi che ci poniamo è quello di coinvolgere maggiormente i nostri Soci in tutte le attività del Circolo e riavvicinarci alla comunità locale anche attraverso i rapporti con le varie associazioni. Inoltre continueremo a lavorare affinchè la gestione economica si consolidi, come già fatto negli ultimi mesi” sono state le prime parole del neo-eletto presidente Alfredo Vivaldelli.

Foto: Fraglia Vela Riva/Zerogradinord

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab