Motonautica: successo anche in Gara 2 per Abu Dhabi 4 che vince lo Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019

Abu Dhabi 4 (UAE) vince lo Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019. L’imbarcazione di Shaun Torrente e Faleh Al Mansoori ha bissato il successo di Gara 1, imponendosi anche in Gara 2 – che è stata preceduta dal saluto dei piloti UIM XCAT alla città di Stresa con un allineamento davanti alla costa – precedendo Dubai Police (UAE) del duo Arif Al Zaffain-Nadir Bin Hendi e Blue Roo (AUS) di Pål-Virik Nilsen e Jan Trygve Braaten.

La classifica finale dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019 vede al primo posto Abu Dhabi 4 (UAE) con 70 punti, Dubai Police (UAE) 56, Blue Roo (AUS) e Maritimo (AUS) 48, Abu Dhabi 5 (UAE) 34, 222 Offshore (ITA-AUS) 33, Swecat Racing (SWE) 22, Consulbrokers (ESP) e HPI Racing Team (ITA) 15, New Star Racing (RUS) e De Mitri (ITA) 12, Videx (ITA) 8 e Kuwait (KUW) 0.

Prima di Gara 2 è stato presentato, in anteprima per i team, il documentario realizzato lo scorso anno a Stresa sul mondo dell’XCAT e sul legame con la città.
La prossima tappa dell’UIM XCAT World Championship 2019 è in programma in Cina dal 13 al 15 settembre 2019.

Campionato Italiano Moto d’Acqua 2019: all’Idroscalo di Milano, disputate tutte le gare delle categorie Ski, Runabout, Freestyle ed Endurance

Si è appena conclusa presso l’Idroscalo di Milano la 3^ tappa del Campionato Italiano Moto d’Acqua, denominata “3° Gran Premio Città di Milano – Trofeo Cesare Vismara” e valida per le categorie del circuito classico (Ski, Runabout e Freestyle) e dell’Endurance (categoria Unica).

Lotta accesa nella Ski F1, dove la vittoria è andata a Nicola Piscaglia grazie all’ottima prestazione in gara2. Il romagolo dell’H2O Racing Team ha dovuto però faticare parecchio, avendo chiuso a pari punti con un agguerritissimo Ugo Guidi, il torinese dell’ASD Lago Aquabike 2° classificato di giornata. Alle loro spalle, 3° arrivato con di sei punti di distacco, il giovane forlivese Matteo Benini (classe 2003, portacolori dell’H2O Racing Team).

Appena fuori podio Andrea Guidi, che ha invece letteralmente dominato la gara della Ski F2; il torinese del Jet Revolution nella gara milanese ha regolato Fabrizio Calzi (il triestino del Club del Gommone TS) e Matteo Benini, rispettivamente 2° e 3° classificati.

Nella classe Ski F1 Veterans, unico partecipante Giuseppe Donà, il veneto del Radical Raiders.

Nelle classi Runabout, conquista punti Giuseppe Greco. Il bolognese del Jet Moto Sport ha vinto la tappa milanese della Runabout F1, imponendosi rispettivamente su Stefano Castronovo (agrigentino dello Scai Team) e su  Mattia Fracasso (vicentino del Circolo Nautico Marina 4).

Nella Runabout F2 ad aggiudicarsi la gara è stato invece Fabrizio Pepe, bolognese di Bentivoglio e portacolori del Jet Motor Sport; secondo posto per Gaetano Costagliola (1.5 Racing ASD), mentre ha chiuso terzo classificato Salvatore Babo (Fly Motor Show).

La classe Runabout F4 ha visto invece l’affermazione di Paolo Paesani che si è imposto rispettivamente su Roberto Mariani (Jet Revolution) e su Paolo Noris (Ass. Mot. Ligure).

Nella Runabout F4 Spark Femminile, a salire sul gradino più alto del podio è stata Gaia Costacurta, la giovane veneta del Circolo Nautico Marina 4; Sonia Carrara (del Jet Fly Aquabike) ha ottenuto il 2° piazzamento; 3^ classificata Cristina Malucelli (H2O Racing Team).

Nella classe Runabout F1 Veterans, vittoria di Sabato Pontecorvo (Fly Motor Show), che si è imposto su Richard Ingarra.

Nel Campionato Italiano Freestyle, Roberto Mariani, il romano del Jet Revolution, continua a macinare punti, salendo sul primo gradino del podio in entrambe le manches; secondo posto per il romano della Motonautica Partenopea, Massimiliano Pomponi; terzo classificato il napoletano Antonio Pontecorvo (Fly Motor Show).

Nell’Endurance cat. Unica, vittoria netta per il leader di classifica provvisoria Antonio Tadiello (Circolo Nautico Marina 4), che ha lasciato i gradini più bassi del podio a Michele Cadei (bergamasco del Jet-Fly Aquabike) e a Luca Vecchiori (Yacht Club Como MILA – CVC), rispettivamente 2° e 3° classificati.

All’Idroscalo di Milano, si è disputata anche la gara dei giovani piloti della Spark Giovanile; a imporsi nella classe 12-14 anni è stato il vicentino Alessandro Fracasso (Circolo Nautico Marina 4), seguito sul podio dalle due romane Carolina Vernata (Jet Revolution) e Stella De Luca (CSR Promotion), rispettivamente 2° e 3° classificate.

Nella Spark 15-18 anni, vittoria di Gaia Costacourta, la veneziana portacolori del C.N. Marina 4 che ha regolato Manuel Rosario Sciuto (Ass. Speedwave) e Jacopo Tomasini (Radical Raiders).

La successiva e penultima tappa del Campionato italiano Moto d’Acqua (Circuito ed Endurance) sarà quella romana di Anzio, dal 6 all’8 settembre.

(foto di apertura Milano Idroscalo 20-21 luglio 2019 Start SKI – ©MauroRossi2019)


Motonautica: Abu Dhabi 4 vince Gara 1 dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019

Successo per Abu Dhabi 4 (UAE) in Gara 1 dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019. L’imbarcazione condotta da Shaun Torrente e Faleh Al Mansoori si è imposta sul Lago Maggiore davanti a Maritimo (AUS) di Tom Barry-Cotter e Ross Willaton che aveva conquistato la Pole Position. A completare il podio, dopo una lunga bagarre e tanto spettacolo, è Dubai Police (UAE) di Arif Al Zaffain e Nadir Bin Hendi.

La classifica parziale dopo Gara 1 vede Abu Dhabi 4 (UAE) al comando con 35 punti, seguita da Maritimo (AUS) 30, Dubai Police (UAE) 26, Blue Roo (AUS) 22, 222 Offshore (ITA-AUS) 18, HPI Racing Team (ITA) 15, Abu Dhabi 5 (UAE) 12, Swecat Racing (SWE) 10, Videx (ITA) 8, New Star Racing (RUS) 6, Consulbrokers (ESP) 5, De Mitri (ITA) 4 e Kuwait (KUW) 0.

Entusiasta del successo di pubblico che l’UIM XCAT sta riscontrando a Stresa, Raffaele Chiulli (Presidente UIM) ha dichiarato: «Siamo molto contenti dell’accoglienza che ci ha riservato, anche quest’anno, la città di Stresa. C’è molta passione e molto calore da parte dei tifosi: tutto ciò è meraviglioso. Lo Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019, del resto, è un appuntamento molto importante a livello internazionale, visti i tanti paesi che sono qui rappresentati. Questo è anche un modo per esportare un modello di made in Italy nel mondo».

Oggi, domenica 20 luglio, alle ore 17:20, via a Gara 2 che decreterà il vincitore dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019.

Motonautica: Maritimo conquista la Pole Position dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019

Maritimo ha conquistato la Pole Position dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019. L’imbarcazione australiana, condotta da Tom Barry-Cotter e Ross Willaton, ha staccato gli avversari e partirà dalla prima posizione in Gara 1. A seguire Blue Roo (AUS), Abu Dhabi 4 (UAE), Dubai Police (UAE), 222 Offshore (ITA-AUS) e poi tutti gli altri. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 17:20, via a Gara 1 sul Lago Maggiore.

«Tornare qui mi emoziona moltissimo. Già l’anno scorso abbiamo raccolto un grandissimo successo di pubblico e sono felice che una città con una grande cultura di motonautica come Stresa possa aprire la nuova stagione del Campionato del Mondo UIM XCAT» ha dichiarato Raffaele Chiulli (Presidente UIM) nel corso della serata di gala che si è tenuta al Regina Palace Hotel. Nell’hotel stresiano, cornice di molti eventi collaterali alla tappa italiana dell’UIM XCAT World Championship 2019, si è tenuta anche la “Cocktail XCAT Regina Race”, una gara nella quale i piloti XCAT si sono cimentati nella preparazione di alcuni cocktail con l’aiuto di esperti barman. Il vincitore della serata, premiato dal Sindaco di Stresa Giuseppe Bottini e da Andrea Padulazzi del Regina Palace Hotel, è stato Andrea Comello del team Consulbrokers con il cocktail “Kepler”.

Sul litorale calabrese di Cariati (CS), fine settimana con le 2^ tappe dei Campionati Italiani Offshore cl. 5000, Endurance Boat Racing e Honda Offshore

A Stresa, sul lago Maggiore, 1^ tappa del Mondiale Offshore XCAT e 2^ tappa del Campionato Italiano della Formula Junior Elite

A Cariati, in provincia di Cosenza, appuntamento sabato 20 e domenica  21 luglio con i potenti bolidi di motonautica Offshore ed Endurance, in vista delle 2^ tappe stagionali del Campionato Italiano.

Un grande evento di motonautica agonistica organizzato dalla SSD ARL Tommy Offshore con il patrocinio del Comune di Cariati.

I 15 equipaggi partecipanti, sabato e domenica avranno a disposizione un’ora e mezza per le prove libere; domenica, a partire dalle ore 17.00, affronteranno le gare delle rispettive categorie.

La prossima tappa dei Campionati Italiani di Offshore e di Endurance sarà quella di Como dal 21 al 22 settembre; i Campionati si concluderanno in Sicilia, a Marina di Ragusa dal 4 al 6 ottobre, con l’assegnazione dei titoli italiani 2019.

Il programma orario di Cariati

Avan Programma Cariati

STRESA (VB), 19-21 luglio 2019

A Stresa, sul lago Maggiore, è in corso la tappa di apertura del Campionato Mondiale XCAT. Grande spettacolo di motonautica Offshore nella città piemontese con il ritorno dei potenti e affascinanti catamarani in fibra di carbonio, dotati di motori da 800 cv, capaci di superare i 200 Km/h.

La manifestazione, organizzata da ASD Cantiere Nautico Taroni e Città di Stresa, prevede anche lo svolgimento della 2^ tappa del Campionato Italiano Circuito giovanile di Formula Junior Elite (la cui classifica provvisoria vede al comando sui 13 piloti partecipanti, il romano Ottavio Petroni, seguito nell’ordine da Biagio Capuano e Federico Oldanini). Prossima tappa di Campionato sarà quella di Brindisi il 23-25 agosto.

Nel Mondiale UIM XCAT, sono 13 gli equipaggi partecipanti (provenienti da Australia, Emirati Arabi, Italia, Kuwait, Spagna, Svezia e Russia), tra cui i campioni del mondo in carica del team arabo Abu Dhabi 4: lo statunitense Shaun Torrente in coppia con l’emiratino Faleh Al Mansoori.

A rappresentare i colori italiani, 4 equipaggi in grado di competere ad alti livelli: su “222 Offshore”, n.10, il veneto Giovanni Carpitella che gareggia in coppia con l’australiano Darren Nicholson; su “De Mitri”, n.20, Roberto Lo Piano e Maurizio Carando (con Mario di Cosmo, reserve driver); e su “Videx”, n.22, Alfredo Amato in coppia con lo svedese Joackin Kumlin (con Saul Bibacco, reserve driver); in gara anche il team napoletano di Rosario e Giuseppe Schiano di Cola (su “HPI Racing Team”, n.96).

Previsti a Stresa anche numerosi eventi di intrattenimento e serali e un’area VIP dedicata.

Come da programma orario allegato, si inizia oggi con le prove ufficiali XCAT; sabato alle ore 11.20 la Pole Position XCAT, a seguire prove libere e cronometrate e Gara della Formula Junior Elite (Gruppo A); alle ore 17.20 la Gara 1 del Mondiale XCAT; a seguire Gara della Formula Junior Elite (Gruppo B); domenica, al termine delle Gare di Formula Future Elite, alle ore 17.20 Gara 2 del Mondiale XCAT. Premiazioni a seguire.

Prossima tappa del Mondiale X-CAT, (sulle 6 previste a calendario), in Cina il 13-15 settembre.

Ulteriori informazioni, su www.uim.sport e www.x-cat.racing (gara visibile in live streaming).

APStresa2019

Motonautica: convivialità e divertimento al Regina Palace Hotel prima dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019

In attesa che i motori inizino a rombare per lo Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019, sul Lago Maggiore si sono vissuti momenti di convivialità e divertimento. Nella splendida cornice del Regina Palace Hotel di Stresa, infatti, i piloti del circus si sono sfidati in un torneo di tennis tavolo a tema, per ricordare i 50 anni dallo sbarco dell’uomo sulla Luna. Ad avere la meglio è stata la squadra “lunare” SELENE, del team Abu Dhabi 4 (UAE) composto da Shaun Torrente e Faleh Al Mansoori.

L’hotel stresiano, nella serata di ieri, ha fatto anche da scenario – dopo il consueto briefing pre-gara dei piloti XCAT – alla presentazione del romanzo “La Transazione”, scritto da Riccardo La Cognata (Capo dell’Ufficio di Presidenza UIM).

Questa sera ancora convivialità al Regina Palace. In una serata a tema per ricordare i 50 anni dallo sbarco dell’uomo sulla Luna, i piloti dell’UIM XCAT World Championship saranno protagonisti del “Cocktail XCAT Regina Race”, una gara di cocktail nella quale saranno aiutati e giudicati da esperti del settore.

Da domani (sabato 20 luglio) spazio alle gare. Alle ore 11:20 prenderà il via la Pole Position e poi, dalle 17:20, ci sarà Gara 1 dello Stresa Grand Prix of Italy – UIM XCAT World Championship 2019. Domenica 21 luglio, sempre con partenza alle ore 17:20, via alla Gara 2.

Grande weekend di motonautica all’Idroscalo di Segrate (Milano), con la 3^ tappa del Campionato Italiano MOTO d’ACQUA

Torna a Milano la grande motonautica: dal 19 al 21 luglio l’appuntamento è con il “3° Gran Premio Città Metropolitana di Milano – Trofeo Cesare Vismara”.

Da venerdì pomeriggio a domenica, il piano d’acqua del Parco Idroscalo nella cittadina milanese di Segrate ospiterà la 3^ tappa del Campionato Italiano Moto d’Acqua, categorie del circuito classico (Ski, Runabout e Freestyle) e dell’Endurance (categoria Unica). In gara anche i giovani delle moto d’acqua Spark (classe 12-14 anni e classe 15-18 anni), che gareggiano con moto d’acqua federali Sea-Doo Spark.

L’evento milanese è organizzato dalla Federazione Italiana Motonautica e vedrà in azione circa 60 piloti a darsi battaglia in questa fase centrale del Campionato. Tra loro, i vincitori della 2^ tappa del Campionato disputata in Veneto a Caorle lo scorso 17-19 maggio, (dopo l’annullamento per maltempo della tappa di apertura in Calabria, a Scalea il 12-14 aprile).

Un evento prestigioso in una location – quella del bacino dell’Idroscalo – considerata il campo di gara più importante d’Europa per tutte le categorie motonautiche e particolarmente apprezzata dai piloti. Un campo gara perfetto soprattutto grazie alle sue peculiari caratteristiche: mancanza di navigazione turistica; posizione in un’area dove non esistono venti importanti; bordi obliqui che non creano pericolose onde di ritorno.

Il programma orario dell’Idroscalo prevede lo svolgimento delle prove libere e cronometrate  sabato mattina e, dalle ore 12.15, la 1^ manche di gara per tutte le categorie; domenica dalle 9.00 prove libere facoltative per tutti e, dalle ore 11.30, al via le 2^ manches di gara. Premiazioni domenica, 30 minuti dal termine dell’ultima manche.

Tutte le moto utilizzate in gara usano motori di nuova generazione progettati per un basso impatto ambientale, che non scaricano fumi in acqua e con tappi dell’olio e aste di livello bloccate per evitare la fuoriuscita di olio; inoltre i rifornimenti di carburante vengono effettuati lontano dalla riva e con un tappeto assorbente posizionato a protezione del suolo.

La successiva e penultima tappa del Campionato Italiano Moto d’Acqua sarà quella laziale di Anzio (RM), il 6-8 settembre. Il Campionato si concluderà il 20-22 settembre a Varca d’Oro – San Giuliano in Campania (NA).

In allegato, l’avanprogramma di gara.

Avanprogramma Milano CI Moto d’Acqua 2019 new

AQUABIKE, THOMS NICOLL FLY MOTOR SHOW AL CAMPIONATO ITALIANO A MILANO

I piloti del team partenopeo in gara nel Gran Prix in Lombardia

 

Torna in mare, prima della pausa estiva, il team Thoms Nicoll Fly Motor Show. Il nutrito gruppo di piloti partenopei sarà in gara all’Idroscalo di Milano nella terza tappa del Campionato Italiano di aquabike in cerca di un risultato positivo dopo l’esperienza a Olbia nel Campionato Mondiale dello scorso giugno. Nella categoria F2 saranno ben cinque i piloti in gara: da Salvatore Babo, Sabato Pontecorvo e Gaetano Costagliola, reduci dalla gara di Olbia, a Richard Ingarra e all’esordiente Salvatore Ancora. Per Pontecorvo, Ingarra e Costagliola, però, l’impegno sarà doppio con la partecipazione dei primi due anche alla gara della categoria F1 Veteran e di Costagliola a quella della categoria F1.

“Dopo le gare del Mondiale, che per noi hanno rappresentato un’anteprima assoluta, e l’organizzazione di un evento promozionale a Monte di Procida, torniamo con determinazione nel circuito del Campionato Italiano per portare a casa un risultato di prestigio – spiega Salvatore Babo -. Il nostro è un team giovane e in crescita, puntiamo ad avere con noi sempre più ragazzi che possano scoprire il fascino di questa disciplina e provarne le emozioni sia nel circuito agonistico sia al di fuori, in occasione degli eventi di promozione del territorio che continueremo a organizzare nei prossimi mesi”.

Diego e Max Testa, padre e figlio, all’assalto del Campionato Italiano di motonautica

NAPOLI – Comincerà sabato prossimo, 20 luglio, l’avventura del Sorbino Team al Campionato Italiano Endurance di motonautica. A bordo dello scafo ci saranno Diego e Massimiliano Testa, padre e figlio, pluridecorati piloti napoletani che quest’anno torneranno insieme all’assalto del titolo italiano dopo il successo del 2018. Diego, classe 1959, in carriera ha conquistato 7 titoli italiani, un Europeo e numerosi podi mondiali; Max, 19 anni, ha vinto in tutte le categorie giovanili prima di iniziare l’avventura tra i grandi insieme al padre.

La prima tappa del Campionato Italiano Endurance 2019 è dunque in programma nel corso del prossimo fine settimana. Sabato sono previste le prove libere, domenica spazio alla gara alle ore 17.00. Si gareggia a Cariati, in Calabria. Le altre tappe del circuito 2019 sono Brindisi, Como e Ragusa.

“Speriamo di fare un buon Campionato Italiano”, spiega Diego Testa. “C’è ancora un po’ di amarezza per il Mondiale dello scorso anno a Ischia, quando una barca ci speronò mentre eravamo secondi e stavamo coronando il sogno di salire sul podio iridato in casa nostra. Abbiamo lavorato a lungo per riportare l’imbarcazione nelle migliori condizioni: vogliamo fare bene per poter guardare con fiducia al prossimo Europeo di ottobre, a Ragusa. Ma il nostro è un progetto a lungo termine che ha come obiettivo i Mondiali 2020 in Italia”.

IL CAMPIONATO ITALIANO MOTO D’ACQUA 2019, 3° GRAN PREMIO CITTA’ DI MILANO – TROFEO CESARE VISMARA: Parco Idroscalo di Milano

dal 19 luglio al 21 luglio 2019 – Parco Idroscalo di Milano

 

Il Campionato Italiano Moto d’Acqua 2019, organizzato dalla Federazione Italiana Motonautica vedrà la partenza della sua terza tappa con il “3°Gran Premio Città di Milano Trofeo Cesare Vismara”, da venerdì 19 luglio a domenica 21 luglio dalle ore 10 alle ore 18 a Milano – Parco Idroscalo di Milano.

Prevista anche la II Tappa Campionato Italiano Femminile, alla sua seconda edizione, con le Moto Sea Doo Spark, più piccole, più leggere, potenza massima 60 cavalli e che raggiungono le 40 miglia di velocità. A differenza della scorsa edizione, questa specialità si sta svolgendo su più tappe a seconda degli accordi tra la Commissione sportiva FIM e i COL.

I piloti delle 13 categorie diverse che formano il Campionato 2019 di questa disciplina, saranno chiamati a misurarsi nelle due manche previste, la prima al sabato e la seconda alla domenica.

L’indiscussa preparazione atletica e tecnica dei piloti sarà anche quest’anno l’elemento fondamentale per avere successo in questa disciplina sportiva. La moto d’acqua è considerata una delle più significative, attraenti e divertenti attività della motonautica in tutto il mondo. Un settore giovane, in costante espansione, in cui forza fisica e grinta del pilota, purché sempre espresse nel rispetto dell’avversario, dominano e guidano il mezzo.

I tipi di moto d’acqua che partecipano nelle diverse categorie sono due: SKI e RUNABOUT, ognuna delle quali si divide in classi e discipline diverse a seconda delle modifiche apportate alla moto ed al motore, secondo quanto previsto dai Regolamenti vigenti.

Le categorie previste sono:

SKI CIRCUITO – Moto d’acqua che si guidano in piedi; sono sicuramente le più tecniche da guidare, occorre un eccellente allenamento fisico e tanto equilibrio per essere un talento. Velocità oltre 100 km/h. Classi: F3, F2, F1, F1 Veteran.

RUNABOUT CIRCUITO – Moto d’acqua decisamente più grandi e potenti che si guidano da seduti. Sono le più diffuse in quanto utilizzabili anche da due persone, ovviamente solo nell’uso diportistico.
Velocità oltre 130 km/h. Classi: F4, F2, F1, F1 Veteran – SPARK – femminile.

FREE STYLE – Il vero spettacolo del settore, evoluzioni sempre più incredibili da parte dei piloti più esuberanti di tutto il Campionato; la loro esibizione raccoglie migliaia di persone sia dal vivo sia sui social.

ENDURANCE – Questa è la più dura delle discipline, i piloti si sfidano con moto d’acqua da 130 km/h in circuito basato esclusivamente sulla velocità e sulla durata; partecipano a questa categoria i piloti più allenati e pronti a resistere contro ogni avversità. Classe unica unica F1, F2, F4.

Una delle peculiarità del Campionato Italiano Moto d’Acqua anche di quest’anno, è la sempre maggiore attenzione alla qualità: anche la tappa di Milano sarà un evento spettacolare in un contesto di assoluto pregio ed al cospetto di tanti spettatori, in una location di primaria importanza.

Idroscalo si conferma campo ideale di allenamenti e competizioni, un patrimonio unico nel suo genere – un parco di 1.600.000 mq di cui 800.000 d’acqua – dove si praticano tutto l’anno oltre 22 discipline sportive e si ospitano grandi eventi mondiali. Tutto nel pieno rispetto della dimensione ambientale.

Da sottolineare che per quanto riguarda l’impatto sull’ambiente delle moto d’acqua: i motori di questi mezzi non scaricano i fumi in acqua come le barche; i motori sono di nuova generazione 4 tempi, perciò progettati per un basso impatto ambientale.  Tutti i motori delle moto d’acqua hanno i tappi dell’olio e le aste di livello bloccate, per evitare la fuoriuscita di olio anche con la moto non in assetto da gara.  I rifornimenti vengono fatti come da regolamento in vigore: vengono eseguiti distante dalla riva; è inoltre proibito il rifornimento in acqua e, a protezione del suolo, va posizionato un tappeto assorbente.

Dopo il successo dello scorso anno, la categoria Runabout F4, una categoria importantissima dati i costi contenuti di acquisto e di manutenzione della moto, quest’anno vede raddoppiare il numero dei partecipanti.

Nel corso del Campionato anche in questa tappa, si potranno cimentare in pista le giovani leve del Campionato Italiano giovanile che nel 2018 hanno potuto usufruire delle 10 Seadoo Spark di proprietà della Federazione Italiana Motonautica e date in utilizzo alle Società che ne hanno fatto richiesta. La necessità di far crescere nuovi atleti (non solo di Moto d’Acqua ma anche delle altre discipline) è da sempre uno degli obiettivi più importanti che il Consiglio Federale della Fim si è dato fin dal suo insediamento nel 2016.

Un’altra grande novità del Campionato 2019 è rappresentata dalla maggiore attenzione che si è voluta dare al lavoro dei giudici di Gara. Infatti, oltre ai giudici di boa che già dallo scorso anno erano dotati ognuno di propria telecamera, quest’anno anche vi sarà la presenza di due ulteriori telecamere dedicate in particolare alle fasi di partenza, ma anche alle altre fasi della gara. Come dimostrato anche negli sport maggiormente praticati, l’ausilio video può essere molto utile per gli Ufficiali di Gara a dirimere in maniera più oggettiva eventuali reclami sportivi.

Tra i piloti in gara, anche quest’anno vi sarà la presenza di campioni italiani ed internazionali fra i quali:
Lorenzo Benaglia campione italiano categoria Runabout F1 2018, Roberto Mariani, pilota Free Style, anche lui campione italiano ed europeo in carica. Stefano Castronovo, campione Italiano in carica per la categoria Runabout F2. Andrea Guidi, vicecampione italiano della categoria Ski F1 e detentore del titolo italiano di Ski F2.

Molti gli iscritti al campionato 2019, che si prospetta davvero ricco di atleti provenienti non solo dall’Italia ma anche dall’estero.
L’obiettivo della Federazione Italiana Motonautica, organismo istituzionale che governa l’intera attività motonautica sul territorio nazionale, ivi compresa la disciplina sportiva delle Moto d’acqua, è quello di organizzare manifestazioni sempre più attraenti per il grande pubblico, non tralasciando l’aspetto fondamentale della sicurezza.

Dopo Milano, la IV tappa del Campionato Italiano Moto d’Acqua avrà luogo ad Anzio (Roma) dal 6- 8  settembre,  per concludersi a Varca d’oro a Giugliano In Campania (NA) dal 20 al 22 settembre.

 

PROGRAMMA ORARIO

Terza Tappa

IL CAMPIONATO ITALIANO MOTO D’ACQUA 2019

3° GRAN PREMIO CITTA’ DI MILANO – TROFEO CESARE VISMARA

dal 19 luglio al 21 luglio 2019 – Parco Idroscalo di Milano

 

VENERDI’ 19 luglio ’19:
• 16,30 – 19,30 Iscrizioni e Verifiche tecniche tutte le categorie
SABATO 20 luglio ’19:
• 08,00 – 09,00 Iscrizioni e Verifiche tecniche tutte le categorie.
• – 9.00 – 09.45    BRIEFING PILOTI

PROVE LIBERE: inizio ore 10,00 a seguire
• 20 minuti Ski
• 20 minuti Run
• 20 minuti Run F4
• 20 minuti Run F4 – Femminile
• 20 Endurance

GARE: inizio ore 11.50
• 1° manche Ski F3 10 minuti + 1 giro
• 1° manche Runabout F4 10 minuti + 1 giro
• 1° manche Endurance 30 minuti + 1 giro
• 1° manche Ski F2 12 minuti + 1 giro
• 1° manche Runabout F2  12 minuti + 1 giro
• 1° manche Spark Femminile  10 minuti + 1 giro

Pausa 2 ore si riprende alle ore 16.00
• 1° manche Runabout F1/F1 Veteran 15 minuti + 1 giro
• 1° manche Freestyle
• – 1° manche Ski F1/F1Veteran    15 minuti + 1 giro
• Fine gare ore 18.00

DOMENICA 21 luglio ’19:
PROVE LIBERE: dalle 9.00 (facoltative) per tutti.
Briefing Piloti ore 10.30
GARE: inizio ore 11.30
◦ 2° manche Ski F3 10 minuti + 1 giro
◦ 2° manche Runabout F4 10 minuti + 1 giro
◦ 2° manche Endurance 30 minuti + 1 giro
◦ 2° manche Ski F2 12 minuti + 1 giro
◦ 2° manche Runabout F2 12 minuti + 1 giro
◦ 2° manche Spark Femminile 10 minuti + 1giro

Pausa 2 ore – si riprende alle 16.00
◦ 2° manche Runabout F1/F1Veteran 15 minuti + 1 giro
◦ 2° manche Freestyle
◦ 2° manche Ski F1/F1Veteran  15 minuti + 1 giro
◦ Fine gare ore 18.00
PREMIAZIONI 30 minuti dal termine dell’ultima manche
Campionato Italiano Moto d’acqua 2019

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab