TUTTO PRONTO A CERRO PER IL TROFEO GIACOMO ASCOLI

MONVALLE – Tutto pronto sulle banchine del Circolo Velico Medio Verbano per l’inizio del Trofeo “Match Race Giacomo Ascoli”, appuntamento di solidarietà sul lago Maggiore che si ripropone quest’anno per la sua quarta edizione e che si svolgerà, dal 20 al 22 luglio, a Cerro di Laveno Mombello.

«Questo evento è in memoria di mio fratello Claudio, scomparso nel 2015 – spiega Marco Ascoli, presidente della Fondazione Giacomo Ascoli – e della sua passione per la vela, che lo ha visto per anni presidente del Circolo Velico Medio Verbano. Lui portava i ragazzini in giro per l’Europa a fare regate, e alcuni sono diventati dei grandi velisti, ma soprattutto il suo scopo era quello di insegnare loro la dedizione per questo sport fin da piccoli. La barca vela è un mondo che va oltre il campo di regata, che ti costringe a non parlare se non con se stessi e a misurarsi con le forze della natura.

La barca a vela è fatta di sguardi, di silenzi, di rispetto delle regole, di lezioni da prendere, ma anche di convivenza con altri da cui poter sempre imparare, un viaggio lontano dai ritmi frenetici della quotidianità, in uno spazio che è solo apparentemente limitato, perché in realtà diventa un tutto di persone, stati d’animo, ambiente che ci circonda . E questi sono i valori e lo spirito con cui da anni proponiamo questo Trofeo, i cui proventi andranno a sostenere i progetti della Fondazione, in particolar modo la ristrutturazione del Day Center pediatrico e oncoematologico pediatrico dell’Ospedale Del Ponte di Varese».

Le imbarcazioni della classe H22 sono sono già state preparate per gli equipaggi (4 membri) guidati da 8 noti skipper: Fabio Ascoli, Aldo Bottagisio, Flavio Favini, Marco Fizzotti, Luca Marolli, Enrico Negri, Pietro Nicolini e Roberto Spata, tutti velisti di chiara fama sia a livello nazionale che internazionale che si sfideranno con la formula match race.

Nei due giorni di gare verrà completata una serie di “voli” (così nel gergo velico si definiscono le regate testa a testa) sul campo di regata verbanese su un percorso a bastone (andata e ritorno – bolina/poppa, bolina/poppa – intorno a due boe da compiere due volte). A dirigere le operazioni in mare il noto velista lavenese Tiziano Nava che ricoprirà il ruolo di arbitro mentre i giudici Roberto Tommasi, Silvio Duma e Gino Zoccali comporranno il Comitato di Regata.
Le regate saranno seguite dell’emittente locale “Telesettelaghi” che riprenderà le fasi della competizione che saranno successivamente proiettate su grande schermo a terra,con interviste durante fasi delle varie prove, mentre Claudio Mazzanti e Gianni Armiraglio, giornalisti di grande esperienza nel campo della vela agonistica, faranno la radiocronaca dal vivo.

La manifestazione si aprirà ufficialmente domani venerdì venerdì 20 luglio alle ore 19.30 con la cena presso l’Associazione Velica Monvalle, nel corso della quale verranno effettuati gli abbinamenti fra skipper ed equipaggi.
Sabato 21 luglio a partire dalle ore 8.30 gli equipaggi scenderanno in acqua presso il Circolo Velico Medio Verbano di Cerro per dare inizio al programma sportivo: la giornata si concluderà con la cena di gala presso il Palazzo Perabò di Cerro, nel corso della quale saranno proiettate le immagini delle regate disputate durante il giorno e le interviste ai concorrenti.

Le regate proseguiranno per tutta la giornata di domenica 22 luglio, sempre a partire dalle ore 8.30 e sullo stesso campo di regata, posizionato nello specchio d’acqua antistante il lungolago di Cerro.A conclusione delle prove, alle ore 17.30, si svolgerà la cerimonia di premiazione a Palazzo Perabò, con un rinfresco per amici e partecipanti.

Per tutta la durata della manifestazione negli spazi a terra saranno allestiti punti di informazione e di raccolta fondi, grazie alla presenza degli amici e volontari della Fondazione che allestiranno anche laboratori per bambini.
L’evento nasce con l’intento di raccogliere fondi a sostegno dei progetti della Fondazione Giacomo Ascoli, che dal 2006 si prende cura dei bambini affetti da malattie onco-ematologiche e delle loro famiglie e sostiene la ricerca scientifica in questo campo.

2018 YOUTH SAILING WORLD CHAMPIONSHIP: equipaggi azzurri sempre nei primi dieci

CORPUS CHRISTI – Delle nove classi in gara a Corpus Christi in Texas per i 48esimi Campionati del Mondo di Vela Giovanile, di sei si stanno già delineando i potenziali podi a due giorni dal termine, ma per tre classi tutto è ancora possibile, ed una di queste è proprio l’RS:X della nostra Giorgia Speciale (SEF Stamura).

Giorgia deve purtroppo usare lo scarto per una bandiera nera presa nell’ultima prova di ieri, che registra con un primo ed un terzo posto, si trova questa mattina al secondo posto un punto dietro l’olandese Veerle ten Have e due punti avanti alla britannica Islay Watson. Negli RS:X maschili anche Nicolò Renna (Circolo Surf Torbole) è secondo (4, 2, 1) dietro l’americano Geronimo Nores, davanti al francese Fabien Pianazza.

Nei 420 maschili continuano a comandare la classifica gli americani Hermus/Henry, che vincono anche le due prove di ieri, australiani e polacchi restano secondi e terzi; i nostri Matthias Menis con Nicolas Starc (SV Barcola e Grignano) prendono una bandiera nera nella partenza della prima prova – che scartano – e con il nono nella seconda prova si trovano in decima posizione. Le ragazze del 420, Giorgia Sinigoi con Sara Zuppin (YC Cupa/CN Sirena), con i parziali di 3 e 7, sono quinte a otto punti dal podio. Qui troviamo ancora le sorelle americane Cowles, le britanniche e le spagnole nelle stesse posizioni.

Federico Zampiccoli con Luca Fracassi (CV Arco) nei 29er sono settimi dopo le tre prove di ieri (7, 6, 8), qui la testa della classifica è la medesima del giorno prima con i norvegesi Mathias Berthet e Alexander Franks-Penty in testa e neozelandesi Lardies/McKenzie e australiani Larkings/Davey saldamente in seconda e terza. Nei 29er femminili Michelle Waink con Claudia Gambarin (CV Gargnano) sono ancora quarte a 11 punti dalle terze dopo le tre prove di ieri (7, 8, 9); nel podio provvisorio un avvicendamento in testa, le russe Novikova/Sabirova superano le norvegesi Andersen/Edland con le americane Puig/Casamento che restano al terzo posto.

Nei Nacra 15 Andrea Spagnolli con Giulia Fava (FV Malcesine/ AV Civitavecchia) conquistano ben tre posizioni grazie ai due secondi posti di ieri, più un 14esimo che scartano, sono quinti a pari punti con i quarti e ad un solo punto dai terzi, i tedeschi Muhle/Mackenbrock, in seconda posizione i neozelandesi  Stewart/Fyfe e saldi in prima posizioni gli argentini Romairone/Cittadini.
Un primo ed un sesto posto nelle prove di ieri per Guido Gallinaro (FV Riva), che è settimo nella competitiva flotta dei Laser Radial maschili, qui i giochi sono ancora molto aperti: dal terzo al decimo posto tutti i giovani atleti sono racchiusi in 20 punti. Il neozelandese Josh Amit è ancora in testa, seguito dall’argentino Juan Cardozo che supera l’australiano Zac Littlewood. Nelle ragazze dei Laser Radial Federica Cattarozzi (CV Torbole) risale di una posizione, è nona con 12 e 6 come parziali di giornata; in testa si conferma l’americana Charlotte Rose seguita dall’olandese Emma Savelon con la polacca Wiktoria Golebiowska che scalza la russa Valeriya Lomatchenko dalla terza alla quarta posizione.

Le regate riprendono oggi alle 12 ora locale (18 in Italia) per la penultima giornata, prima di incoronare nella notte italiana tra venerdì e sabato i nuovi Campioni del Mondo di Vela Giovanile.

AZZURRA SECONDA NEL CORSO DEL ROLEX TP52 WORLD CHAMPIONSHIP

CASCAIS – Con un secondo e un settimo posto Azzurra nelle due regate di ieri, Azzurra si posiziona seconda alle spalle Quantum nel Rolex TP52 World Championship in corso a Cascais, in Portogallo. Oggi 19 luglio è prevista una prova costiera.

Sono solo due i punti che separano la barca dello Yacht Club Costa Smeralda da Quantum Racing, terzo e quarto nelle due prove disputate oggi e vinte rispettivamente da Luna Rossa e Alegre, a ulteriore dimostrazione di quanto si siano livellate in alto le prestazioni di tutti i team.

Oggi si sono svolte, come da programma, due prove a bastone con vento da nordovest tra i 14 e i 20 nodi. Nella prima Azzurra è partita a destra, lato barca comitato, molto veloce mentre Luna Rossa ha fatto altrettanto al pin, sulla sinistra. Le due barche sono arrivate appaiate alla boa di bolina, con Luna Rossa che ha saputo approfittare di essere interna per avvantaggiarsi quel tanto che le ha consentito di allungare e andare a vincere. In mare non è mancato lo spettacolo, con vento, onda e una flotta compatta a combattere per ogni singolo metro. Il finale è stato al cardiopalma con Quantum che ha cercato di insidiare la posizione di Azzurra arrivando sul traguardo a meno di una lunghezza dal lato opposto del campo di regata.

La seconda prova era costituita da un percorso a bastone inusuale: dopo la prima bolina le barche hanno percorso un lato di poppa lungo il doppio, per poi risalire al traguardo posto a metà percorso di bolina.L’intera prova ha visto Quantum marcare stretta Azzurra fin dalla partenza, dove è stata rallentata anche dal resto dei concorrenti che battagliavano per partire sul lato destro. Nel mentre Alegre, solitario, ne ha approfittato per partire libero a sinistra, sul pin, e incrociare in controllo sulla flotta. Azzurra ha girato la boa di bolina quinta, ha recuperato nella prima parte della poppa per poi perdere due posizioni nella seconda parte a causa di un salto di vento e del serrato controllo di Quantum, in marcatura soprattutto nel corso della bolina finale.

Lo skipper Guillermo Parada ha analizzato la giornata: “La prima è stata una buona regata, con un piccolo rimpianto per non aver anticipato un incrocio con Luna Rossa che forse ci avrebbe permesso di essere primi, ma siamo comunque soddisfatti del secondo posto. Nella seconda prova siamo rimasti un po’ rallentati in partenza, con il senno di poi l’opzione di Alegre era decisamente migliore. Comunque abbiamo fatto bene la prima bolina e la prima metà della poppa, poi siamo andati verso il largo, a destra, mentre il vento ha girato a sinistra di 10 gradi, così abbiamo perso due posizioni e poi Quantum ha fatto bene il suo lavoro di marcatura nei nostri confronti. Sono riusciti a mantenere il loro quarto posto pur controllandoci in modo che non passassimo Provezza e Platoon che ci avevano sopravanzato in poppa. Noi abbiamo guadagnato un punto su di loro nella prima regata e ne abbiamo persi tre nella seconda, abbiamo due punti di distacco e tre giorni di regata per continuare a combattere.”

Oggi alle ore 14 in Italia, le 13 locali, prenderà il via la prova costiera con previsioni di vento analoghe a quelle odierne. La regata sarà trasmessa in live streaming, ma potrà essere seguita anche con il Virtual Eye e attraverso la pagina FB e il profilo Twitter di Azzurra.

Pezzilli, del Circolo Velico Ravennate, in Nazionale per il Campionato Europeo Optimist

MARINA DI RAVENNA – Confermando un trend di crescita importante, e forte del terzo posto ottenuto al recente Campionato Europeo Optimist di Scheveningen (Olanda), dove si è confrontato con una nutrita schiera di avversari particolarmente competitivi, il giovanissimo velista ravennate Lorenzo Pezzilli (Piccì per gli amici) è stato inserito nella compagine che, a Ledro, rappresenterà l’Italia in occasione del Campionato Europeo Optimist a Squadre in programma tra il 20 e il 24 agosto.

Nato e cresciuto dal punto di vista agonistico presso il Circolo Velico Ravennate dove, dopo la Scuola Vela, ha iniziato a regatare mettendosi subito in evidenza con ottimi piazzamenti che gli sono valsi diverse convocazioni ai raduni tecnici sia interzonali che nazionali, il dodicenne talento del sodalizio bizantino era già da tempo tra i selezionati del GAN (Gruppo Agonistico Nazionale).

La convocazione in Nazionale deriva dall’esperienza maturata nel corso di questi anni, esperienza che lo ha portato a sviluppare grandi qualità tecniche, forza di volontà, determinazione e voglia di misurarsi con i più forti.
Attualmente la squadra Optimist del Circolo Velico Ravennate, della quale Lorenzo è capitano, ha vinto il titolo italiano di Team Race e a fine luglio cercherà  di confermarsi anche per il 2018.

Intanto, nel mese di  giugno appena trascorso, il team ha conquistato il terzo gradino del podio del prestigioso Trofeo Internazionale Marco Rizzotti, finendo a un soffio dalla squadra tailandese, cui è andato il successo assoluto.
Cosa molto importante, Lorenzo riesce a conciliare l’intensa attività sportiva con lo studio, grazie anche alla collaborazione e sensibilità del Dirigente Scolastico e delle Professoresse della Scuola Media Guido Novello.

2018 YOUTH SAILING WORLD CHAMPIONSHIP: gli equipaggi azzurri

CORPUS CHRISTI – Concluse anche le regate del secondo giorno del Campionato del Mondo Giovanile di Vela a Corpus Christi, in Texas, un’altra giornata di ottima vela con la termica da sud est del Golfo del Messico.
Nelle classifiche le distanze tra i primi 4/5 equipaggi e il resto della flotta è cresciuto dopo due giornate e la squadra italiana può essere soddisfatta fin qui di avere tutti i propri equipaggi nei primi 10, facendo trovare l’Italia al secondo posto nella sfida tra Nazioni, dietro i padroni di casa, gli Stati Uniti, ma è comunque ancora presto.
Giorgia Speciale (SEF Stamura) balza in prima posizione negli RS:X femminili dopo aver vinto tutte e tre le prove di ieri, ma la neozelandese Veerle ten Have è subito dietro di lei, così come la britannica Islay Watson. Nella classifica maschile Nicolò Renna (Circolo Surf Torbole) resta saldamente al secondo posto con due secondi ed un terzo posto che scarta, sono quattro i punti che lo separano dal primo, l’americano Geronimo Nores, e tre dal terzo, il francese Fabien Pianazza.
Nei 420 maschili continua il dominio a stelle e strisce con l’equipaggio Hermus/Henry che ha vinto entrambe le prove di ieri, gli australiani che entrano vigorosamente al secondo posto con due secondi e i polacchi Paszek/Reiter che scendono al terzo a causa di una giornata non perfetta. Giornata non perfetta anche per i nostri Matthias Menis con Nicolas Starc (SV Barcola e Grignano) che dal secondo posto di ieri scivolano al quarto ad un solo punto dai terzi. Nei 420 femminili Giorgia Sinigoi con Sara Zuppin (YC Cupa/CN Sirena) sono seste con un quinto ed un terzo posto di giornata; il podio provvisorio è rimasto lo stesso del giorno prima.
Sesti anche i ragazzi del 29er, i gardesani Federico Zampiccoli con Luca Fracassi (CV Arco) che dal terzo posto scivolano qualche punto più giù per la giornata non eccezionale (18, 6, 12), i norvegesi passano in prima posizione, lasciando i leader di ieri gli australiani Larkings/Davey in terza mente i neozelandesi Lardies/McKenzie restano secondi. Nelle ragazze Michelle Waink con Claudia Gambarin (CV Gargnano) restano quarte con i parziali di 4, 8 e 6, norvegesi e russe, Andersen/Edland e Novikova/Sabirova, restano prime e seconde, mentre al terzo poso si inseriscono le americane Puig casamento.
Nei Nacra 15 Andrea Spagnolli con Giulia Fava (FV Malcesine/ AV Civitavecchia) sono ottavi con i parziali di 11, 4 e 10; gli argentini Romairone/Cittadini salgono al primo posto facendo passare i tedeschi Muhle/Mackenbrock al secondo mentre entrano in podio i neozelandesi Greta Stewart con Tom Fyfe.
Nei Laser Radial maschili il nostro Guido Gallinaro (FV Riva) si riprende dalla bandiera nera nella prima prova della serie grazie allo scarto e al terzo ed undicesimo posto di ieri, è nono, la risalita è lunga ma non impossibile; in testa da oggi troviamo il kiwi Josh Amit, seguito dall’australiano Zac Littlewood e dall’argentino Juan Cardozo. Nelle ragazze Federica Cattarozzi (CV Torbole) risale in decima posizione con i parziali di 12 e 7; in testa c’è l’americana Charlotte Rose seguita dall’olandese Emma Savelon (che hanno invertito le loro posizioni rispetto al giorno prima) e in terza posizione la russa Valeriya Lomatchenko.
Oggi si torna in acqua alle 12 ora locale (18 in Italia) per altre regate di qualifica e così fino all’ultimo giorno, venerdì 20 luglio.

BENINI FLORIANI MEDAGLIA D’ORO E CINGOLANI DI BRONZO AI MONDIALI GIOVANILI LASER 4.7

DANZICA – Chiara Benini Floriani (FV Riva) è Campionessa del Mondo 2018 per la classe Laser 4.7 giovanile grazie alla medaglia d’oro vinta stamane nelle acque della Baia di Danzica  alla sua prima uscita internazionale. Medaglia di bronzo per l’altra azzurra Giorgia Cingolani (CV Torbole).

I due prestigiosi piazzamenti sono frutto di una settimana fatta di grandi prestazioni per le due ragazze che hanno dominato fin dalle prime regate nelle acque di Gdynia. Secondo gradino del podio femminile e medaglia d’argento per la singaporiana Simone Chen.

Chiudono la loro avventura in Polonia anche: Maria Giulia Cicchinè 12esima (CV Portocivitanova), Ginevra Rosà 13esima (FV Malcesine), Alessia Palanti 18esima e quinta delle U16 (CV Torbole), Sara Martina Arseni 27esima (RYC Savoia), Alina Iuorio 29esima e decima delle U16 (CV Portocivitanova), Sara Savelli 37esima e 14esima delle U16 (CV Bellano), Beatrice Inì 59esima e 23esima delle U16 (CV Bellano), Sofia Paradisi 62esima e 24esima delle U16 (CN Sambenedettese), Clara Finotello 65esimo (CV Mestre), Gaia Bolzonella 70esima e 29esima delle U16 (CV Torbole), Margherita Picarazzi 86esima e 37esima delle U16 (Tognazzi Marine Village), Isotta Bernardoni 89esima (CN Rimini), Nicol Guaragna 112esima e 50esima delle U16 (CV Bellano), Anna Sofia Privileggio 126esima (CV Bellano), Chiara Laurenzi147esima e 71esima delle U16 (CN Sambenedettese).

Le dichiarazioni di Chiara Benini Floriani:
“Innanzitutto ero curiosa di vedere il mio livello visto che questa è la mia prima partecipazione a un campionato internazionale e non avevo idea di come mi sarei potuta posizionare. Una volta fatta la prima prova ho visto che ero veloce e che riuscivo a stare nelle prime posizioni. La settimana non è stata semplice perché abbiamo quasi sempre dovuto regatare con vento da nord molto rafficato – 10/12 nodi di media con raffiche sui 18 – e di difficile interpretazione con molti salti a sinistra che si dovevano riuscire a prevedere. Però giorno dopo giorno ho sempre ottenuto dei bei piazzamenti che mi hanno portata – con la penultima prova – a vincere il titolo.”

Il commento di Giorgia Cingolani:
“È stata una settimana molto dura con il vento molto instabile, sono abbastanza soddisfatta di questo risultato, ora andiamo avanti cercando di fare sempre meglio.”
Per quanto riguarda la flotta maschile, la classifica finale vede il singaporiano Daniel Hung vincere la medaglia d’oro e laurearsi Campione del Mondo seguito dall’australiano Michael Compton medaglia d’argento e dal peruviano Stefano Viale medaglia di bronzo.

I ragazzi italiani che portano a termine oggi il Mondiale sono: Cesare Barabino 17esimo (YC Olbia), Antonio Persico 20esimo (RYC Savoia), Simone Scarpetta 23esimo (CN Sambenedettese), Valerio Palamara 34esimo (Compagnia dello Stretto), Alessandro Montefiori 43esimo e 12esimo degli U16 (GDV LNI Follonica), Martino Pettini Bonomo 53esimo (CV Bari), Francesco Novelli 57esimo e 17esimo degli U16 (FV Malcesine), Matteo Bedoni 71esimo (FV Riva), Niccolò Nordera 77esimo (RYC Savoia), Gregorio Moreschi 93esimo (FV Riva), Lorenzo Collo 97esimo (CN Andora), Edoardo Valletta 113esimo (CN Varazze), Matteo Saita 117esimo e 38esimo degli U16 (CN Bardolino), Riccardo Lister 129esimo (FV Desenzano), Pietro Delmastro 133esimo (CV Bellano), Alessandro Maravalle 137esimo e 46esimo degli U16 (CV Bari), Filippo Costa 141esimo (SV Barcola e Grignano), Filippo Guerra 143esimo (CN Bardolino), Alessandro Bartoli 167esimo e 61esimo degli U16 (CN Bardolino), Federico Costantini 168esimo (CN Sambenedettese), Andrej Sabadini 170esimo (CV Punta Marina), Valerio Cosentino 176esimo (RYC Savoia), Matteo Terenzi 180esimo (CN Sambenedettese), Davide Girolami 184esimo (CN Sambenedettese), Lapo Pulcini 189esimo e 70esimo degli U16 (CN Bardolino), Stefano Palamara 197esimo (Compagnia dello Stretto), Maximiliano Testa 209esimo e 83esimo degli U16 (FV Malcesine), Alessandro Fracassi 220esimo e 91esimo degli U16 (LNI Follonica), Federico Giuseppe Uricchio 221esimo e 92esimo degli U16 (FV Malcesine), Ferdinando Conte 224esimo (CV Bari),  Enrico Bracciani 239esimo (CN Sambenedettese), Lorenzo Cameli 268esimo (CN Sambenedettese) e Max Bernardini 274esimo (CN Sambenedettese).

AZZURRA SUBITO AL COMANDO DEL ROLEX TP52 WORLD CHAMPIONSHIP

CASCAIS – Con un primo e un secondo posto nel primo giorno di regate, la barca dello Yacht Club Costa Smeralda si porta al comando della classifica provvisoria del campionato del mondo a pari punti con l’avversario di sempre, Quantum. In terza posizione Platoon. Le regate si concluderanno sabato 21 luglio.

Previsioni di vento rispettate, tra i 20 e i 25 nodi da nordovest, oggi a Cascais per il primo giorno di regate del campionato del mondo della classe TP52, valido come terza prova della 52 Super Series e supportato da Rolex.Nelle acque dell’Atlantico si è riproposto l’appassionante e ben conosciuto duello tra Azzurra e Quantum, che hanno vinto una regata ciascuno mentre l’avversario diretto ha chiuso viceversa al secondo posto.

Azzurra ha vinto la prima prova con grande autorevolezza mentre nella seconda la barca ha dimostrato un’ottima velocità e l’equipaggio grande determinazione. Qualità che unite all’abilità di manovra con vento sostenuto e onda ripida hanno consentito ad Azzurra di recuperare una partenza non perfetta e concludere al secondo posto dietro a Quantum in un appassionante avvicendarsi di posizioni con Sled e Alegre. Terzo posto per Platoon a pari punti con Alegre, quarto.

Nella prima regata la chiamata tattica per Azzurra era di virare mure a sinistra e navigare sul lato destro del campo, scelta che ha consentito di prendere quasi subito il comando della flotta andando poi a incrementare il proprio vantaggio. Quantum, quinto alla prima bolina, ha fatto un gran recupero fino al secondo posto nel lato di poppa, mantenendo poi la posizione. Grande sfortuna per Luna Rossa, vittima di un problema idraulico allo strallo poco prima della partenza che l’ha costretta al ritiro.

Nella seconda prova il Principal Race Officer Maria Torrijo ha fatto posizionare il pin un poco più avanzato, in modo che risultasse favorevole partire a sinistra evitando così la ressa dei concorrenti per partire in barca comitato. Azzurra, partita sopravento a Quantum nella parte sinistra della linea, non era lanciata come avrebbe voluto perdendo così qualcosa nelle prime fasi. Ma ha dimostrato grandi capacità di recupero girando le boe sempre ingaggiata con il gruppo di testa e recuperando nel corso dell’ultima poppa dalla terza alla seconda posizione ai danni di Alegre.

Guillermo Parada, skipper: “Lo abbiamo sempre detto, con vento più sostenuto siamo maggiormente a nostro agio, e oggi lo abbiamo dimostrato. È stato il miglior inizio di quest’anno e dobbiamo continuare così, vogliamo avere l’opportunità di vincere questa regata. Nella prima prova abbiamo controllato abbastanza bene fin dall’inizio, anche se abbiamo subito una partenza aggressiva di Platoon che ci ha chiuso in barca comitato. Ma siamo stati pazienti e navigando a destra abbiamo ben presto recuperato la mezza lunghezza che avevamo lasciato all’inizio. Nella seconda prova invece non sono partito bene, quindi non sono completamente soddisfatto della giornata. Noi abbiamo scarrocciato un po’ in partenza mentre Quantum ha fatto un lavoro migliore mantenendosi con più velocità e questo ha condizionato la nostra partenza e tutta la prova. Il team ha fatto un ottimo lavoro e siamo a pari punti con Quantum.”

Santiago Lange, tattico: “Sono ovviamente contento, soprattutto perché abbiamo navigato bene, cosa che considero ancora più importante del risultato, l’equipaggio ha fatto un lavoro incredibile, mi hanno messo a disposizione tutta la loro esperienza su questo campo di regata a loro ben conosciuto, le manovre sono state perfette e la barca non ha dato alcun problema.”

Petite Terrible è la prima Campionessa Italiana J/70

MALCESINE – Il Lago di Garda dà il meglio di sé nell’ultima giornata del Campionato Italiano J/70 di Malcesine, permettendo ai settantaquattro equipaggi provenienti da quattordici paesi del mondo, riunitisi in Italia per la terza frazione della J/70 Cup, di sperimentare la forza del Peler mattutino, costante fino a quasi mezzogiorno con raffiche oltre i venti nodi.

Dopo una serie di nove regate, a conquistare il primo titolo di Campione Italiano J/70 è stato l’equipaggio di Petite Terrible-Adria Ferries (11-5-3 i parziali odierni) della due volte campionessa europea Claudia Rossi: “Di rientro dal campionato europeo, siamo felici di essere saliti sul podio qui a Malcesine e di esserci classificati al primo posto tra gli equipaggi composti da velisti Italiani. Onore ai vincitori della tappa su Calvi Network, che hanno portato a termine una serie di regate dai risultati ineccepibili. A Trieste ci aspetta un finale di stagione molto combattuto” ha commentato l’armatrice anconetana al rientro in banchina.

Come da normativa FIV, infatti, il titolo di Campione Nazionale è stato assegnato al primo equipaggio interamente composto da velisti Italiani, mentre la vittoria dell’evento, terza frazione del circuito nazionale open J/70 Cup, è andata a Calvi Network (5-17-2) di Gianfranco Noè: “Il gioco di squadra ha fatto la differenza per il successo in questa tappa valida anche come Campionato Italiano J/70: l’equipaggio è stato più unito che mai e ciò ci ha permesso di recuperare punti importanti nel ranking stagionale in vista della fine del circuito” ha dichiarato a margine della cerimonia di premiazione.

Una serie di piazzamenti particolarmente consistenti, quelli messi a segno da Calvi Network, che gli hanno consentito di lasciarsi alle spalle l’imbarcazione monegasca Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato (3-7-4), che ha commentato: “Finalmente, dopo mesi di lavoro intenso, siamo riusciti a cogliere un risultato importante anche in questa Classe nella quale mi diverto molto. La barca mi piace, è divertente, la flotta numerosa e molto competitiva, il livello di equipaggi e timonieri molto alto. I ragazzi a bordo, Paul Goodison, Flavio Favini, Matteo Savelli, Stefano Ciampalini e Giulia Masotto hanno fatto un ottimo lavoro, sono stati capaci di metterci nelle condizioni di competere con i primi. Questo secondo posto è un risultato che ci dà morale e fiducia per il proseguo della stagione”. Terzo gradino del podio overall per la sopracitata Petite Terrible di Claudia Rossi.

La classifica Corinthian incorona Noberasco DAS (9-13-16) di Alessandro Zampori come primo Campione Italiano della storia della Classe J/70, mentre la vittoria della terza frazione del circuito va all’entry russa Joyfull (42-14-17) di Denis Cherevatenko, al comando della divisione riservata ai non professionisti sin dalla prima giornata di regate. Secondo posto nella classifica Corinthian per il già nominato Noberasco DAS e medaglia di bronzo per La Femme Terrible (26-35-11) di Paolo Tomsic e Mauro Brescacin.

Dopo una pausa estiva, la stagione organizzata da J/70 Italian Class riprenderà da Trieste, nel weekend tra il 7 ed il 9 settembre: in quell’occasione, si determinerà il vincitore del circuito J/70 Cup 2018. La classifica generale dopo tre eventi è guidata da Calvi Network con 71 punti, seguito da Enfant Terrible con 76 e da Petite Terrible con 93.

AZZURRA AL VIA DEL ROLEX TP52 WORLD CHAMPIONSHIP

CASCAIS – La barca simbolo sportivo dello Yacht Club Costa Smeralda si presenta al Mondiale di classe, terza tappa della 52 Super Series, determinata a risalire posizioni in classifica, consapevole del grande valore dei suoi avversari.
Dopo due giorni di allenamento con vento insolitamente leggero per la costa atlantica del Portogallo e una practice race con vento fresco, Azzurra e il suo equipaggio sono pronti per il Rolex TP52 World Championship, terza tappa della 52 Super Series 2018.

La flotta in questa occasione è costituita da nove barche, sono assenti Gladiator e Paprec rispetto alle due tappe in Adriatico, tutte ben determinate a far proprio il titolo iridato e posizionarsi al meglio nella classifica di campionato in vista della quarta tappa, prevista nella seconda metà di agosto a Puerto Portals, sull’ isola di Maiorca. Al comando della classifica generale provvisoria si trova Quantum, tallonato da due team a pari punti: Platoon e Sled. Il primo è il campione del mondo in carica e vicecampione della 52 Super Series, mentre Sled appare in netta crescita da quando sono saliti in pozzetto il tattico Ray Davies e lo stratega Adam Beashel. Quarto posto per Luna Rossa, recente vincitrice della Zadar Royal Cup, che vorrà certamente confermare il suo ottimo stato di forma dimostrato già alla seconda tappa della 52 Super Series.

Per Azzurra si è trattato di un inizio di stagione con luci e ombre: dopo la vittoria nel test event di PalmaVela, ai primi di maggio, Azzurra non è riuscita a trovare il giusto passo con l’avvio del campionato in Croazia, nelle tappe di Sebenico e Zara. Un nuovo assetto dell’equipaggio, brezze leggere e imprevedibili unite ad alcuni inaspettati problemi tecnici hanno relegato Azzurra a metà classifica, posizione certamente inusuale per i campioni in carica della 52 Super Series.

Il campo di regata di Cascais ha sempre visto Azzurra offrire buone performance anche in virtù delle perfette manovre dell’equipaggio con vento forte e mare formato. Ben sapendo quanto tutti i suoi avversari siano altamente competitivi e non concedano nulla, l’equipaggio di Azzurra è consapevole delle proprie capacità e determinato a far bene.Le previsioni meteo per la settimana parlano di vento da Nordovest più intenso domani, con raffiche fino a 25 nodi, mentre per il resto della settimana dovrebbe soffiare tra i 15 e i 20 nodi. Condizioni ben diverse da quelle riscontrate in avvio di stagione e decisamente più consone ad Azzurra.

Così si è espresso lo skipper, Guillermo Parada: “Siamo al via di un nuovo Campionato Mondiale che ci offre la possibilità di fare una buona settimana e invertire la tendenza negativa di questa prima parte del campionato. Stiamo lavorando molto per analizzare gli errori commessi e siamo fiduciosi di poter navigare meglio. In passato questo campo di regata si è mostrato congeniale alle nostre caratteristiche e vorremmo approfittarne per rientrare in lotta per la stagione”.

“Una squadra ha bisogno di sentire il supporto dei propri tifosi soprattutto quando deve recuperare, ed è questo il caso della nostra Azzurra alla vigilia del Rolex TP52 World Championship di Cascais – ha affermato Riccardo Bonadeo, commodoro dello YCCS. Il nostro cuore è vicino ai velisti e alla famiglia Roemmers, sappiamo quanto stiano lavorando duramente e siamo certi che il loro sforzo verrà premiato”.

Il segnale di avviso verrà dato alle ore 13 locali, le 14 in Italia. Le regate potranno essere seguite sia con il Virtual Eye che in diretta con commento in inglese sul sito www.52superseries.com oppure su www.azzurra.it

2018 YOUTH SAILING WORLD CHAMPIONSHIP: oggi le prime regate

CORPUS CHRISTI – Cominciano oggi, alle 12.00 ora locale (18.00 in Italia), le regate del 48esimo Campionato Mondiale di Vela Giovanile con 382 giovani atleti tra i 16 ed i 19 anni, provenienti da 66 Nazioni, che si sfideranno fino a venerdì 20 luglio nelle acqua americane del Golfo del Messico a Corpus Christi, in Texas.

Il Campionato Mondiale di Vela Giovanile è l’evento più importante per ogni giovane velista che sogna le Olimpiadi, la Coppa America o di fare di questo sport una carriera. Trai vincitori delle passate edizioni si possono annoverare Ben Ainslie, Russel Coutts e più recentemente Peter Burling.

Tra i medagliati dello Youth Sailing World Championship dell’anno scorso, che si era tenuto a Sanya in Cina, ci sono anche due italiani. Giorgia Speciale (SEF Stamura) è qui per cercare di conquistare la medaglia d’oro negli RS:X che ha perso l’anno scorso all’ultima prova dopo una lunga battaglia con l’inglese Emma Wilson. La nostra Speciale si è dovuta accontentare dell’argento dopo aver fatto seconda all’ultima prova dietro alla Wilson.
Anche Guido Gallinaro (FV Riva) ritorna con il Laser Radial maschile per provare a vincere una medaglia di diverso colore: l’anno scorso è stata di bronzo a soli sei punti dal vincitore.

Gli altri italiani presenti sono nei 29er Federico Zampiccoli con Luca Fracassi (CV Arco) e Michelle Waink con Claudia Gambarin (CV Gargnano), nei 420 Matthias Menis con Nicolas Starc (SV Barcola e Grignano) e Giorgia Sinigoi con Sara Zuppin (YC Cupa/CN Sirena), nei Laser Radial femminili c’è Federica Cattarozzi (CV Torbole), negli RS:X maschili troviamo Nicolò Renna (Circolo Surf Torbole) e nei Nacra 15 ad equipaggio misto ci sono Andrea Spagnolli con Giulia Fava (FV Malcesine/ AV Civitavecchia).

Alessandra Sensini, direttore tecnico giovanile FIV:“Finalmente si inizia, con la regata di prova abbiamo preso confidenza con il campo di regata e i ragazzi hanno avuto subito un buon feeling, per tutta la settimana le previsioni danno vento sui 16 nodi in aumento nel corso del pomeriggio con onda corta e ripida dovuta al basso fondale della baia, condizioni che richiederanno una buona preparazione tecnica ed atletica anche considerato il caldo e l’altissima percentuale di umidità. Con 66 nazioni presenti ci sono i migliori Under 19 del mondo, i nostri ragazzi sono pronti e determinati a dare il loro meglio”

Le regate partono oggi alle 12.00 ora locale (le 18.00 in Italia) con 29er femminili, 420 e Laser Radial maschili, sui tre campi di regata, e andranno avanti fino alla tarda notte di venerdì 20 luglio.

IL NAUTILUS Anno 13 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ad Assologistica e alle idee per il futuro messe insieme dall’associazione di categoria: le commissioni interne hanno espresso i loro orientamenti in maniera dettagliata e su questo tracciato si disegnano le decisioni future. All’interno di questo numero troverete anche tante informazioni sui porti di Livorno, Piombino, Trieste, Civitavecchia, Venezia e Genova ma anche le direttive internazionali sull’utilizzo di Gnl per uso energetico e la Brexit.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab