La Flotta J24 protagonista nel week end a Mandello del Lario

Con il tradizionale appuntamento mandellese, prosegue nel week end la stagione agonistica della Classe Italiana J24


Mandello del Lario (Lago di Como)- Archiviata la prima Regata Nazionale 2020 svoltasi con successo nelle acque toscane di Marina di Carrara e vinta dal J24 del Centro Vela Altura Napoli della Marina Militare ITA 416 La Superba timonato da Ignazio Bonanno, per la Flotta Italiana J24 è già tempo di affrontare il secondo appuntamento di questa strana stagione agonistica.

La Regata, inserita all’interno del Campionato Italiano Mini Altura, si svolgerà questo fine settimana nelle acque del lago di Como, fra Mandello e Lecco e sarà organizzata dalla Lega Navale Italiana sezione di Mandello del Lario.

“Malgrado le difficoltà affrontate in questo 2020 a causa dell’emergenza sanitaria, siamo molto contenti di essere riusciti a confermare la nostra tradizionale tappa dedicata al Monotipo più diffuso al mondo. Al momento abbiamo 14 barche iscritte.- ha spiegato il Capo Flotta J24 del Lario Mauro Benfatto, armatore di Ita 498 NOTIFYMe Pilgrim –Per evitare al massimo i contatti, la segreteria della Lega Navale di Mandello del Lario chiede di completare le iscrizioni via Email (per i documenti da inviare) e tramite l’applicazione Myfedervela.

Il programma prevede per venerdì 2 ottobre (dalle ore 9.30 alle 17.30) e per sabato 3 (dalle ore 9 alle 11) la consegna delle autocertificazioni riguardanti la temperatura corporea ed il ritiro dei gadget. Si ricorda che tutti i comunicati, le classifiche e le iscrizioni di regata saranno consultabili solo sul notice board dell’applicazione My Federvela. Lo skipper meeting, nel pieno rispetto delle disposizioni in materia di Covid-19, si svolgerà sabato alle 11 mentre alle ore 12 verrà dato il segnale di avviso della prima prova. Le regate proseguiranno anche nella giornata seguente, domenica 4, e, entro due ore dal termine dell’ultima prova, si svolgeranno la cerimonia di chiusura (durante la quale verranno premiati i primi tre equipaggi classificati) e l’esclusivo rinfresco proposto dalla LNI Mandello con la consegna di mono porzioni preparate dal bar nel pieno rispetto dei protocolli.

Sono previste un massimo di sei prove e non ne potranno essere disputate più di tre al giorno. Domenica non sarà dato nessun segnale d’avviso dopo le ore 16.30. La tappa sarà valida anche con una sola prova completata e, con quattro regate valide, sarà applicato uno scarto. L’incanto del Lago di Como, la maestosità delle Grigne, l’ottima organizzazione della LNI sez. di Mandello del Lario e l’ospitalità della nostra Flotta J24 vi aspettano numerosi per regatare e divertirci insieme, sempre rispettando le disposizioni della FIV e dell’IJCA per il contenimento del Covid-19.”

Nell’edizione 2019, grazie a tre vittorie di giornata sulle quattro regate molto tecniche disputate con vento debole, era stato ITA 416 La Superba (MM; 3 punti, 1,2,1,1 i parziali) ad aggiudicarsi il gradino più alto del podio seguito dal vincitore della seconda prova, Ita 212 Jamaica, armato e timonato dal vice Presidente di Classe, Pietro Diamanti (CNMCarrara; 5 punti, 5,1,2,2) e da Ita 371 Joc Alce Nero armato e timonato dal Presidente della Classe Italiana J24 Fabio Apollonio. Quarto e quinto posto ex aequo (13 punti) per Ita 476 Dejavu armato e timonato da Ruggero Spreafico (CV Tivano, 9,3,4,6) e per Ita 473 Magica Fata timonato da Massimo Frigerio, co-armatore con Viscardo Brusori (CN Cervia Amici della Vela, 3,5,6,5).

TAPPA NAZIONALE J24
CLASSE J24
Mandello del Lario 03-04 Ottobre 2020
BANDO DI REGATA
Le attività di regate dovranno essere svolte secondo le disposizioni in
materia di contrasto e contenimento di diffusione del COVID 19 emanate
dalla Federazione che i Comitati Organizzatori attiveranno e a cui i
tesserati partecipanti si dovranno attenere sotto la vigilanza da parte
dello stesso Comitato Organizzatore. Eventuali casi di COVID 19 che
dovessero essere rilevati nel corso della manifestazione saranno
denunciati dal Comitato Organizzatore ai competenti organi sanitari
preposti


1.COMITATO ORGANIZZATORE
su delega della Federazione Italiana Vela:
Lega Navale Italiana sezione di Mandello del Lario Sezione di Mandello del Lario
Centro Sportivo Prà Magno Via Prà Magno, 8 – 23826 Mandello del Lario (LC)
Tel/Fax 0341 730355 mail: mandellodellario@leganavale.it

2. REGOLE
Le regate saranno disciplinate applicando:
a) il Regolamento di Regata World Sailing 2017/2020.
b) le Prescrizioni e le Normative FIV che sono da considerarsi Regola.
c) le Regole delle Classi per quanto non in contrasto con le Istruzioni di Regata.
d) Il presente Bando, le IdR e i Comunicati Ufficiali che saranno esposti all’Albo Ufficiale dei Comunicati. In
caso di contrasto tra questi prevarranno le IdR e i successivi comunicati ufficiali (Mod. RRS 63.7).
e) Aggiungere alla RRS 61.1 (a): “La barca protestante dovrà informare il Comitato di Regata riguardo la
barca/barche che intende protestare sulla linea d’arrivo immediatamente dopo essere arrivata.”

3. PUBBLICITA’
La pubblicità è libera, se non diversamente specificato nelle regole di Classe (Regulation 20 WS) . Il
Comitato Organizzatore potrà richiedere alle barche concorrenti di esporre la pubblicità dello sponsor
dell’evento.

Le imbarcazioni che espongono pubblicità personale dovranno essere in possesso della licenza FIV per la
pubblicità in corso di validità ed esibirla all’atto del perfezionamento dell’iscrizione.

4. ELEGIBILITA’ , ISCRIZIONI e TASSA DI ISCRIZIONE
La regata è aperta a tutte le imbarcazioni della Classe J24 e sarà inserita all’interno del Campionato Italiano
Mini Altura.

Le iscrizioni dovranno essere effettuate tassativamente tramite l’APP “My Federvela” , entro
le ore 23:59 del giorno 20 Settembre
Per concorrenti stranieri, che non possono accedere all’iscrizione tramite l’APP “My Federvela” , sarà
comunque possibile (senza sovraprezzo) perfezionare l’iscrizione presso la Segreteria, entro i predetti
termini

Ai concorrenti Italiani è richiesto di presentare via mail all’indirizzo direzione@lnimandello.it entro i predetti
termini i seguenti documenti:
• certificato di assicurazione oppure la Tessera FIV PLUS ,
• certificato di stazza o conformità
• tessera di Classe, ove ricorra
• eventuale licenza di pubblicità personale, ove ricorra

Le quote di iscrizione è fissata in € 150,00 l’iscrizione è stata sottoscritta entro le ore 24,00 del giorno 20
Settembre.
La tassa include il varo, l’alaggio, il parcheggio di barche e carrelli dal 02/10 al 05/10
La quota d’iscrizione dovrà essere saldata entro i termini del 20 settembre unicamente tramite bonifico
bancario al seguente iban:
IT22 Q030 6909 6061 0000 0136 994
Intestato a LNI Mandello del Lario
Indicare nella causale: iscrizione Nazionale J24 n. Velico xx

5. TESSERAMENTO
Come da Normativa FIV i concorrenti italiani potranno prendere parte alla regata solo se in possesso della
tessera F.I.V. per l’anno in corso regolarmente vidimata per la parte relativa alle prescrizioni sanitarie in
corso di validità.
Eventuali concorrenti stranieri dovranno essere in regola con quanto prescritto dalla propria Autorità
Nazionale.

6. PROGRAMMA
La regata si svolgerà nelle acque fra Mandello e Lecco con il seguente calendario
02 ottobre 2020: Ore 09:30 – 17:30 iscrizioni
03 ottobre 2020 : Ore 09:00-11:00 iscrizioni,
Ore 11:00 skipper meeting
Ore 12:00 segnale di avviso della prima prova in programma
04 ottobre 2020 : Regate
L’orario del segnale di avviso della prima prova per la giornata del 4/10 esposto entro le ore 18:00 del
giorno 3/10 In assenza di comunicato varrà l’orario del giorno precedente.
Il giorno 4 Ottobre non sarà dato nessun segnale d’avviso dopo le ore 16:30.
Rinfresco e premiazione entro due ore dal termine dell’ultima prova.

9. CONTROLLI DI STAZZA
Non sono previsti controlli di stazza preventivi. Le imbarcazioni, però, potranno essere ispezionate in
qualsiasi momento della regata.

10. ISTRUZIONI DI REGATA
Le Istruzioni saranno disponibili a partire dalle ore 08,30 del 02 Ottobre, presso la Segreteria.

11. PROVE E PUNTEGGIO
Sono previste un massimo di 6 (sei) prove. Potranno essere disputate al massimo 3 prove al giorno
La regata sarà valida con una prova completata.
Sarà applicato il Punteggio Minimo (Appendice A).
Quando siano state completate meno di 4 prove, il punteggio di una barca sarà pari al punteggio di tutte le
prove effettuate. Quando siano state completate in totale 4 il punteggio di una barca sarà il totale dei
punteggi delle prove effettuate scartando il risultato peggiore.

12. RESTRIZIONI PER LA MESSA A TERRA
Le barche non potranno essere messe a terra durante la regata salvo dispensa scritta ed in osservanza con
le condizioni poste dal CdR.

13. RADIOCOMUNICAZIONI
Una barca non dovrà né ricevere né trasmettere comunicazioni via radio che non siano disponibili a tutti i
concorrenti, tranne che in condizioni di emergenza o quando utilizza apparecchiature messe a disposizione
dal CO. Questa restrizione si applica anche ai telefoni cellulari e agli smartphones. Un’infrazione alla
presente regola potrà determinare una procedura secondo la RRS 69 per comportamento gravemente
sconveniente

14. PREMI
Premi al 1° -2° – 3° equipaggio classificato.

15. RESPONSABILITÀ:
Come da Regola fondamentale 4 WS, i partecipanti alla regata di cui al presente Bando prendono parte alla
stessa sotto la loro piena ed esclusiva responsabilità, i Concorrenti e le loro Persone di Supporto sono gli
unici responsabili per la decisione di prendere parte o di continuare la regata. Il Comitato Organizzatore, il
Comitato di Regata, il Comitato Tecnico, ove presente, la Giuria e quanti per qualsiasi ragione prendono
parte all’organizzazione della manifestazione, declinano ogni e qualsiasi responsabilità per danni che
possono subire persone e/o cose, sia in terra che in acqua, in conseguenza della loro partecipazione alla
Regata di cui al presente Bando. E’ competenza dei Concorrenti e delle loro persone di supporto decidere in
base alle loro capacità, alla forza del vento, allo stato del mare, alle previsioni meteorologiche ed a tutto
quanto altro deve essere previsto da un buon marinaio, se uscire in mare e partecipare alla regata, di
continuarla ovvero di rinunciare.

16. ASSICURAZIONE
Ogni imbarcazione dovrà possedere adeguata copertura assicurativa, come da Normativa Federale in
vigore, ovvero con un massimale non inferiore ad € 1.500.000,00
Copia della Polizza dovrà essere presentata all’atto del perfezionamento delle iscrizioni

17. DIRITTI FOTOGRAFICI E/O TELEVISIVI
I concorrenti concedono pieno diritto e permesso all’ente organizzatore di pubblicare e/o trasmettere tramite
qualsiasi mezzo, ogni fotografia o ripresa filmata di persone o barche durante l’evento, inclusi ma non
limitati a, spot pubblicitari televisivi e tutto quanto possa essere usato per i propri scopi editoriali o
pubblicitari o per informazioni stampate.

OSPITALITA
Il comitato organizzatore indicherà la posizione di ormeggio. Le barche saranno ormeggiate a cura
e sotto la responsabilità del proprietario o dello skipper.
Durante l’attesa per le operazioni alla gru dovrà essere assicurata la viabilità del porto ed il
passaggio di altre imbarcazioni.

HOTEL / ACCOMODATION
Hotel ”Al Verde” Via Privata ( Frazione Rongio) Mandello
tel.+39 0341 735104
Www.HotelAlVerde.com
Hotel “Grigna” Via Statale 29 Mandello del Lario
tel +39 0341 731105 mail : info@albergogrigna.it
www.albergogrigna.it
“Park Hotel” Via Nazionale 142, Abbadia Lariana
Tel +39 0341 730030 mail : info@parkhotel-abbadia.com
Www.parkhotel-abbadia.com
Camping “Abbadia Lariana “ Via al Campeggio 5, Abbadia Lariana
tel + 39 0341 731621 mail : info@campingspiaggia.com
www.campingspiaggia.com
B&B “Mamma Ciccia “ Piazza Roma, 15, Mandello del Lario
Tel +39 0341 733358
www.mammaciccia.it
B&B “Alla torre del Barbarossa “ Piazza S. Rocco 3 , Maggiana, Mandello
Tel +39 0341 733715 mail: info@allatorredelbarbarossa.it
www.allatorredelbarbarossa.it

2020 FORWARD WIP EUROPEAN CHAMPIONSHIP 49ER, 49ER FX, NACRA 17


Ad Attersee in Austria l’Europeo delle tre discipline veliche olimpiche acrobatiche
Tampone obbligatorio, al via in 250, l’Italia schiera 26 atleti (14 veliste e 12 velisti)

Mentre la vela italiana ricorda i giorni del ventennale dalle due medaglie d’oro e d’argento di Alessandra Sensini e Luca Devoti alle Olimpiadi di Sydney 2000, torna un importante appuntamento internazionale di vela olimpica.

L’Union Yacht Club sul lago Attersee, nei pressi di Salisburgo in Austria ospita il primo Campionato continentale di tre discipline olimpiche della vela: il 2020 Forward Wip European Championship delle classi 49er e 49er FX (derive doppie acrobatiche maschili e femminili) e Nacra 17 (catamarano misto foiling) dal 28 settembre al 4 ottobre. Al via 125 barche e 250 velisti. Rigide le misure sanitarie di prevenzione: tutti i partecipanti (atleti, tecnici, organizzatori) devono effettuare il tampone e risultare negativi al Covid-19, mentre le violazioni sull’obbligo di indossare la mascherina possono essere sanzionate nel punteggio della regata ai fini della classifica.

Nutrita la presenza della vela azzurra, con una squadra di 26 atleti (14 veliste e 12 velisti), con una età media tra le più basse dei paesi partecipanti. Presenti in Austria anche il DT Azzurro Michele Marchesini, il Dottor Giacomo Cappè dello staff medico, e i tecnici Gianfranco Sibello (49er), Daniel Loperfido (FX) e Gabriele Bruni (Nacra 17).

Il campionato Europeo, sponsorizzato dal produttore di caschi sportivi Forward Wip, è un test fondamentale nella rincorsa alla conquista del pass olimpico per nazione che manca in entrambe le discipline delle derive acrobatiche 49er maschile e FX femminile. Per i Nacra 17 invece l’appuntamento serve per confermare la grande qualità dei nostri equipaggi, ai vertici della ranking di specialità.

Tra i 65 49er maschili, al via quattro equipaggi azzurri, gli stessi terminati ai primi quattro posti al CICO di Follonica pochi giorni fa: Uberto Crivelli Visconti (Marina Militare) e Leonardo Chistè (FV Riva); Simone Ferrarese (CV Bari) e Gianmarco Togni (Marina Militare); Matteo Barison e Nicola Torchio (FV Malcesine); e Marco Anessi e Edoardo Gamba (AN Sebina).

La flotta dei 49er FX femminili vede al via 40 equipaggi, e ben cinque sono le coppie azzurre al via, tutte molto giovani ed emergenti: le neo campionesse italiane a Follonica Jana Germani e Giorgia Bertuzzi (Sirena Trieste-FV Malcesine); Carlotta Omari e Matilda Distefano (Fiamme Gialle- Triestina Vela); Margherita Porro (CV Arco) e Sveva Carraro (Aeronautica Militare); Alexandra Stalder e Silvia Speri (Marina Militare); e le esordienti in campo internazionale Arianna Passamonti (NC Castelfusano) e Giulia Fava (AV Civitavecchia).

Per il catamarano misto foiling Nacra 17, al via ci saranno 30 equipaggi, compresi alcuni extraeuropei a cominciare dall’oro olimpico di Rio 2016 Santiago Lange e Cecilia Carranza (ARG). L’Italia, tra le nazioni di riferimento in questa disciplina, è presente con ben quattro barche. Ci sono gli ex campioni del mondo Ruggero Tita (Fiamme Gialle) e Caterina Basnti (CC Aniene) e Vittorio Bissaro (Fiamme Azzurre) e Maelle Frascari (CC Aniene), i mondiali juniores in carica Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei (Compagnia della Vela di Roma) e si aggiungono i giovanissimi esordienti Gabriele Centrone (CV3V) e Alice Cialfi (CV Ventotene).

Il programma dell’Europeo sul lago Attersee in Austria prevede lunedi 28 una practice race, quindi regate di qualifica da martedi 29 a giovedi 1 ottobre; quindi da venerdi 2 a domenica 4 le Finali. Le previsioni meteo indicano condizioni di vento medio-leggero a eccezione della giornata di sabato 3 quando dovrebbe esserci vento più forte.

Comunicati e aggiornamenti e foto saranno diffusi dalla Federvela durante il campionato. Saranno disponibili immagini video con gli highlights del giorno.

LINK A RISULTATI E CLASSIFICHE
49er https://49er.org/event/2020-european-championship/#49erresults
49erFX https://49er.org/event/2020-european-championship/#49erfxresults
Nacra 17 https://nacra17.org/events/2020-european-championship/#results

MEDIA
Per richieste specifiche di materiale foto e video potete mandare una mail a: ufficiostampa@federvela.it

J/70 Cup 2020 Event 2: Notaro Team conquista il secondo evento del 2020

Malcesine- Cala il sipario sul secondo evento della stagione di regate promossa da J/70 Italian Class e il successo questa volta va a Luca Domenici con la sua Notaro Team che, protagonista di una serie di regate estremamente solida e consistente, si lascia alle spalle sul podio J-Curve di Mauro Roversi, già vincitore dell’evento inaugurale a inizio settembre, e Alice di Federico Leproux e Alessio Marinelli.

La giornata conclusiva ha messo alla prova i partecipanti con un freddo quasi invernale e Peler intenso, che ha permesso di completare tre ulteriori prove che si aggiungono alle quattro completate ieri, portando a sette il totale della serie e facendo così subentrare lo scarto del peggior risultato.

“A Malcesine abbiamo avuto giornate di vento forte e condizioni impegnative, che l’equipaggio ha saputo sempre affrontare bene e voglio ringraziare i ragazzi per la loro costanza e determinazione. Ci sono stati dei cambiamenti nella formazione rispetto al 2019, per cui inizialmente abbiamo dovuto ritrovare un po’ di sinergia a bordo, ma tutto è andato per il meglio, al punto che anche questa volta siamo riusciti a conquistare, oltre alla tappa, il titolo messo in palio con la Garmin Cup. Questa vittoria è una bella soddisfazione, soprattutto perché condivisa con la mia famiglia che era qui con me. Un grazie anche a chi mi supporta da casa, in particolare al personale del mio studio notarile, perché senza il loro aiuto non riuscirei ad essere qui a regatare” ha commentato l’armatore Luca Domenici a margine delle regate.

Nella categoria Corinthian, riservata a velisti non professionisti, la vittoria è andata a Aniene Young di Luca Tubaro, seguito da Junda – Banca del Sempione di Ludovico Fassitelli e da White Hawk di Gianfranco Noè.

La flotta J/70 si appresta ora a lasciare il Lago di Garda per far rotta su Sanremo, dove tra ottobre e novembre si disputeranno gli ultimi due eventi del 2020, validi anche per il circuito internazionale Med Cup.

La classifica è disponibile a questo link.

Garmin Roma per 2: Libertine riconquista la Coppa dell’Ammiraglio

Roma/Giraglia: magico Globulo Rosso

Alla Roma per 2 Line Honours e Coppa dell’Ammiraglio a Libertine. La Coppa Don Carlo a Dream Away. Alla Giraglia Globulo Rosso vince in IRC e ORC. Il GiragliOne va a Oscar Campagnola

Riva di Traiano – E’ stato il meteo il protagonista principale sia della Roma/Giraglia sia della Roma per 2, le due regate del CNRT partite insieme il 20 settembre u.s. per dirigersi una verso nord, verso Capo Corso e lo scoglio della Giraglia, l’altra verso sud, verso Ventotene e poi Lipari, per un tuffo verso il mare antico della Magna Grecia e ritorno.

255 miglia la prima, 539 miglia la seconda, per un totale di 794 miglia da gestire giorno per giorno,  ascoltando gli equipaggi, seguendone le rotte, guardando l’evoluzione del meteo praticamente su tutto il Mar Tirreno, da nord a sud.

Per i vincitori andiamo in ordine cronologico e rendiamo onore ai  quelli della Roma/Giraglia, a cominciare da L’Automobile Globulo Rosso, Este 31 di Alessandro Burzi, vero asso pigliatutto della regata che ha fatto sua la Line Honours ed ha vinto sia in IRC sia in ORC.  Alle sue spalle in IRC si è classificato Sventola, Bavaria 38 di Massimo Salusti, seguito da Palinuro, J99 di Gianluca Lamaro; in ORC secondo posto per Palinuro e terzo posto per Cygnus, First 36.7 della Marina Militare. Nella classe in doppio si è imposto Loli Fast, Sun Fast 3600 di Davide Paioletti e Giovanni Bonzio, che è anche passato per primo assoluto allo scoglio della Giraglia.

Il GiragliOne, il trofeo in solitaria, è andato al decano dei solitari italiani Oscar Campagnola che, a bordo del suo Comfortina 42 Fair Lady Blue, ha messo alle sue spalle il giovane Francesco Cerina, che ha però spinto al massimo il suo Giro 34 Lima. E le dimensioni contano!

Per la Roma è stata un’edizione con tante difficoltà, conclusa anzitempo a Lipari, causa le grosse perturbazioni in arrivo. La LIne Honours è stata conquistata, quindi, al passaggio dell’isola da Libertine, di Marco Paolucci e Lorenzo Zichichi, che hanno così difeso il loro titolo rimettendo nella propria bacheca il prestigioso Trofeo dell’Ammiraglio. L’altro grande trofeo il Palio, la Coppa Don Carlo riservata alla competizione in equipaggio, è stata conquistata da Dream Away, First 36.7 Mod di Sergio Poli. Nel raggruppamento IRC la vittoria è andata a Uma Fast, Sun Fast 3200 di Francesco Mengucci e Stefano Greco, seguito da Libertine e da Amapola, Sun Odyssey 40 di Gherardo e Matteo Maviglia. In ORC, si è imposto Triple9, di Andrea Gancia e Sito Aviles, seguito da Nuova, OT 40 di Sergio Mazzoli e Andrea Donato, e da Amapola.

“E’ stata un’edizione particolarmente molestata dal maltempo – commenta il presidente del Comitato di regata Fabio Barrasso – con groppi a non finire, fulmini, temporali e, in fondo alla Roma per 2, questa annunciata tempesta perfetta che alla fine è arrivata e che avrebbe spaccato in due la flotta, mettendo certamente in difficoltà qualche equipaggio, mentre altri si sarebbero riusciti sicuramente a presentarsi all’arrivo in condizioni accettabili”.

“Sono state due regate che ci hanno regalato una partenza fantastica  – sottolinea il presidente del CNRT Alessandro Farassino – ma che nel loro svolgimento si sono rivelate particolarmente difficili.  Alla Roma/Giraglia c’è stato di tutto, con pioggia, vento, fulmini ma anche il racconto di tramonti bellissimi. Regata complicata, come sempre, con scelte tattiche che si sono rivelate vincenti per L’Automobile Globulo Rosso, che ha vinto con pieno merito.

La Roma per 2 è stata caratterizzata da una prima parte con poco vento, con qualche groppo entrato poco prima del cancello di Lipari. Dopo Lipari abbiamo avuto il sentore che qualcosa nelle previsioni meteo stesse cambiando, come  ci ha subito confermato Andrea Boscolo, che ha curato il meteo per  queste due regate. Le previsioni evidenziavano una perturbazione molto profonda che avrebbe spazzato il Tirreno, come poi è effettivamente avvenuto con i danni che abbiamo sentito in questi giorni.

Abbiamo così deciso di terminare la regata al cancello di Lipari, dove i passaggi erano stati presi direttamente da una giuria presente sul posto. Come ogni decisione di questo genere anche questa ci ha lasciato, a noi e ai regatanti, un po’ d’amaro in bocca, ma a noi piace la grande vela d’altura in sicurezza. L’avventura per noi è questa e faccio i miei complimenti a tutti i vincitori, a Libertine, a Dream Away, a Uma Fast, a Triple9″.

J/70 Cup 2020 Event 2 – Malcesine: Il Peler conduce le prime quattro regate della serie, Notaro Team in vetta al ranking

Malcesine- Dopo il no race imposto ieri dal maltempo, prende il via a Malcesine la seconda tappa della J/70 Cup, circuito organizzato da J/70 Italian Class e che per l’occasione ha richiamato sulla linea di partenza gardesana oltre trenta equipaggi da sette Nazioni.

Il Peler, che si è mantenuto ben steso per tutta la giornata, seppur in lieve diminuzione nel corso del pomeriggio, ha permesso di completare quattro prove consecutive, il massimo previsto dal regolamento.

La prima vittoria del giorno è andata a Cheyenne di Federico Strocchi, alla seconda partecipazione ad un evento promosso da J/70 Italian Class, che mette il sigillo anche all’ultima prova di giornata, chiudendo il Day 1 al terzo posto nella classifica generale. Il bullet numero due della serie è andato a Luca Domenici con la sua Notaro Team e il numero tre a J-Curve di Mauro Roversi, vincitore incontrastato della prima tappa dell’anno, svoltasi a inizio settembre sempre sul campo di regata di Malcesine.

Grazie ai solidi parziali di 2-1-2-6, Notaro Team guadagna la vetta della classifica e il titolo di J of The Day, miglior barca di giornata. Segue al secondo posto Alice di Federico Leproux (5-9-7-3) e la già citata Cheyenne è medaglia di bronzo provvisoria. Chiudono la top-five J-Curve di Mauro Roversi (8-5-1-14) e Jeniale Eurosystem di Massimo Rama (6-14-5-10), a sua volta leader della classifica Corinthian.

La divisione riservata ai non professionisti vede al secondo posto Luca Tubaro con Aniene Young e Gianfranco Noè con White Hawk al terzo.

Le regate riprenderanno domani, giornata finale dell’evento, quando si potranno disputare fino a quattro prove.

La classifica è disponibile a questo link.

Pendragon e il Lightbay Sailing Team ad Ancona per la Regata del Conero

Ancona - Sono un centinaio gli scafi iscritti alla ventunesima edizione della Regata del Conero, evento ormai considerato come prova di avvicinamento alla Barcolana e considerato al pari di una classica Adriatica. Tra questi non manca il Lightbay Sailing Team, atteso sulla linea di partenza posizionata all’ombra del Passetto a bordo di Pendragon, maxi di 72 piedi già vincitore in passato della manifestazione organizzata da Marina Dorica.

Pendragon, arrivato nelle Marche alcuni giorni fa al termine di un lungo trasferimento iniziato la scorsa settimana da Punta Ala, dove la barca è stata sottoposta a una serie di manutenzioni in vista della stagione agonistica che avrebbe dovuto aprirsi lo scorso maggio con la partecipazione alla Rolex Capri Sailing Week, è gestito da Carlo Alberini e armato da Nicola Paoleschi.

Lungo il percorso che porterà la flotta da Ancona a Portonovo e ritorno, a bordo di Pendragon, originariamente concepito per competere nella Transpac, sarà impegnato un equipaggio composto da velisti professionisti e ospiti che in queste ore vivono con impazienza l’attesa del segnale di partenza, fissato per le 11 di domenica mattina. Tra i pro chiamati a raccolta dal project manager Carlo Alberini, oltre al comandante Francesco Agostini, ci saranno i già olimpionici Lorenzo Bodini e Andrea Trani e velisti come Santino Brizzi, Marco Furlan, Ettore Mazza, Alesssandro Sant’Angelo, Marco Burello, Federico Dal Zompo e Lorenzo Sabatini.

Tra le boe il Lightbay Sailing Team si confronterà con alcuni degli scafi più performanti del centro Adriatico, come il maxi Idrusa e altre imbarcazioni dal passato glorioso come Orlanda, il TP52 di Filiberto Sammarini.

“A bordo si respira quella sana tensione che anticipa ogni appuntamento sportivo di prestigio – commenta Alberini dai pontili di Marina Dorica – la Regata del Conero è una di quelle classiche cui è sempre bello partecipare e lo è ancora di più quando sai di avere a disposizione una barca che ti permette di competere per un risultato importante. La entry list è già paricolarmente nutrita ma va da sé che il reale numero di partecipanti lo scopriremo solo domenica mattina: qualora il meteo, attualmente degradato, dovesse migliorare c’è da scommettare che saremo ben più di una novantina ad animare questa domenica marchigiana di inizio autunno”.

Terminata la Regata del Conero, Pendragon prenderà il largo alla volta di Trieste dove, la seconda domenica di ottbre, sarà al via della Barcolana.

Supportano la stagione del Lightbay Sailing Team i partner Calvi Network, Titanium International Group, Iconsulting, Petrol Lavori e Officine Belletti.

J/70 Cup Event 2: Claudia Rossi torna a regatare con Petite Terrible a Malcesine

Malcesine- Petite Terrible non si ferma: nonostante l’importante incendio avvenuto ad Ancona in cui è andata distrutta l’imbarcazione J/70 ITA-853, che aveva portato l’equipaggio di Claudia Rossi a conquistare grandi successi nel mondo, la giovane armatrice Anconetana ha scelto di non interrompere il suo percorso agonistico sul J/70, ripartendo da Malcesine che da oggi a domenica è ospite della seconda frazione del circuito J/70 Cup.

Un rientro importante per Claudia Rossi, che nel 2020 non aveva ancora partecipato a nessuna manifestazione di questo affermato monotipo e che aveva già scelto di ripartire proprio da Malcesine con la stagione agonistica di quest’anno: “La cosa più bella che ho imparato durante questi anni di regata è che di fronte ai momenti difficili non c’è cosa più bella di saper reagire, quindi Petite Terrible non poteva mancare nel campo di regata J70.  Siamo pronti a metterci in gioco di nuovo, abbiamo fatto il possibile per arrivare qui “quasi” preparati, anche se una barca charterizzata e che conosciamo poco, ma nonostante questo daremo il massimo per farci valere” ha commentato l’armatrice anconetana.

A Malcesine, Petite Terrible ha richiamato le forze di un equipaggio “misto”: “Per portare alto il nome dei Terribili, sia Enfant che Petite, ho deciso di fare la tappa mischiando gli equipaggi, così da portare anche un po’ di Enfant con me. A bordo con me ci saranno Matteo Mason, Giovanni Cassinari, Manuel Weiller e Bianca Crugnola. Anche se non scenderemo in acqua con il format ufficiale e con la nostra amata barca, basta il numero ITA-853 sulla vela per darmi la forza di reagire e tirare fuori tutta la grinta che ho in corpo e portare alto il nome del Terribili” ha concluso Claudia Rossi.

La prima giornata di regate a Malcesine, in programma per oggi, si è conclusa con un no race per le condizioni meteo avverse: la flotta, composta da 31 imbarcazioni e tra cui non mancano i più importanti nomi del panorama J/70 Italiano, come J-Curve, White Hawk, Viva e Notaro Team, solo per citarne alcuni, tornerà in acqua domani alle 11.00.

Anywave Safilens: la stagione agonistica entra nel vivo

Il progetto R.Eco per la salvaguardia del mare sarà presentato al Salone Nautico di Genova

Dalle regate all’impegno ecologico la stagione del Maxi Anywave Safilens è tutta scrivere, con la passione che contraddistingue il team capitanato da Alberto Leghissa (4 titoli Mondiali, 3 titoli Europei, 4 titoli italiani, 1 titolo Mediterraneo) coadiuvato da velisti professionisti tra i quali Alessandro Alberti, Andrea Marengo, Andrea Bussani, Matteo Valenti, Ciro Di Piazza e Gian Battista Ballico.

Regate
La stagione agonistica per Anywave Safilens è cominciata con due partecipazioni fuori programma ricche di soddisfazioni. Il debutto nelle regate 2020 è avvenuto a La Ottanta, regata costiera del Circolo Nautico Santa Margherita di Caorle organizzata ad inizio settembre, in cui il Team di Alberto Leghissa si è imposto, ottenendo la Line Honour come prima imbarcazione assoluta al traguardo e la vittoria in classe Maxi.
Il trend positivo è poi continuato con la vittoria assoluta al Trofeo Insiel della Società Triestina della Vela, che rappresenta da sempre per i team un warm up per gli appuntamenti autunnali del Golfo di Trieste.

La stagione proseguirà con la partecipazione alle regate Trieste -San Giovanni in Pelago – Trieste il 25 settembre, seguito la settimana successiva dalla Portopiccolo Maxi Race e dal Trofeo Bernetti, per concludere domenica 11 ottobre con la Barcolana.
L’equipaggio si sposterà quindi il terzo week end di ottobre a Venezia, per due appuntamenti irrinunciabili all’insegna dello sport e del glamour, entrambi resi possibili grazie al supporto di Belmond Hotel Cirpiani, Luxury hotel di Venezia con il quale Anywave Safilens correrà la Venice Hospitality Challenge, regata riservata ai Maxi che regatano nel bacino di San Marco e la Veleziana.

Salone Nautico di Genova
Domenica 4 ottobre alle ore 12.30 presso il Teatro del Mare, nell’ambito delle iniziative della Federazione Italiana Vela (FIV), il Team Anywave Safilens presenterà invece il progetto R.Eco per la salvaguardia del mare, che ha recentemente ottenuto il patrocinio FIV.
Alberto Leghissa: “Siamo molto grati alla Federazine Italiana Vela per aver concesso il patrocinio alla nostra inziativa, nata da un’esigenza concreta che abbiamo sentito come Team e come velisti, navigando lungo le nostre coste, dove spesso abbiamo trovato rifiuti e materiale inquinante. Abbiamo sentito forte il richiamo ad un’azione concreta, che coinvolga tutti verso un cambio di visione, per un futuro più sostenibile per il nostro modo e per le nuove generazioni. Con il nostro impegno vogliamo creare un network di collaborazioni, che portino alla ricerca di nuove soluzioni con il minore impatto sull’ambiente. Per questo continuiamo il nostro viaggio… navigando verso la sostenibilità.”

R.Eco
Il R.Eco è una nuova figura da individuare a bordo, sarà il membro dell’equipaggio a cui verrà assegnato il compito di Responsabile Ecologico, che dovrà far attuare da tutto il team un atteggiamento ecosostenibile e green durante le regate e a terra, nel rispetto del mare e dell’ambiente.
Il progetto R.Eco offre un decalogo con indicazioni concrete, piccoli gesti quotidiani che ognuno di noi può seguire per evitare sprechi ed azioni dannose nei confronti del mare e per cercare di riutilizzare quello che viene gettato con troppa facilità. Il problema dei rifiuti in mare è ormai una questione di vitale importanza, come pure sensibilizzare chi lo vive quotidianamente in regata o per diporto ad attivare comportamenti pratici. Accanto all’aspetto agonistico, la missione di Anywave Safilens nel corso della stagione velica sarà infatti quello di dialogare e stimolare diportisti, regatanti, circoli ed istituzioni a nominare un Responsabile Ecologico con compiti chiari e concreti di salvaguardia del nostro ambiente, un’attività che richiede la collaborazione di tutti.

Giornale di bordo
Il “Giornale di Bordo, navigando verso la sostenibilità” è un pratico vademecum realizzato dal Team Anywave Safilens in collaborazione con lo sponsor Gesteco, azienda del Gruppo Luci specializzata in servizi integrati per l’ambiente, uno strumento utile alla divulgazione e condivisione di buone pratiche per una navigazione più attenta all’ambiente, in attesa di una più chiara e mirata normativa.
Il Giornale di Bordo by Anywave Safilens sarà inserito nella “sacca armatore” consegnata a tutti i partecipanti alla regata Barcolana, che ha accolto e condiviso fin da subito gli obiettivi del R.Eco.
Barcolana sarà inoltre la prima regata al mondo a chiedere agli armatori nell’iscrizione all’edizione 2020 di inserire, nella crew list, la figura del R.Eco indicandone nome e cognome, accanto a quello dello skipper e del timoniere.

Marevivo e App
Anywave promuove “Occhio al mare”, l’APP lanciata dalla Divisione Vela di Marevivo. Uno strumento di semplice utilizzo che consentirà a tutti i cittadini di osservare e foto-identificare specie marine, ma anche i rifiuti, soprattutto plastica, che inquinano e deturpano i nostri mari.  I dati raccolti correttamente saranno elaborati da Marevivo e consegnati ad organismi nazionali e internazionali andando così ad integrare le conoscenze su questi argomenti e a sostenere specifiche misure di conservazione delle specie.

La barca
Anywave Safilens è un Frers 63 restaurato e ottimizzato, è un Team di campioni e un progetto per i giovani, è uno sguardo attento al futuro, con la voglia di contribuire con una goccia di ottimistico impegno per fare una piccola differenza nell’oceano.
Progettato dal prestigioso studio German Frers nel 2000, Anywave Safilens è realizzata completamente in fibra di carbonio. Le linee dello scafo, i sistemi tecnologici avanzati e il ridottissimo dislocamento la rendono estremamente competitiva sia in prove costiere che d’altura e nelle regate a compenso IRC o ORC.

Il progetto per i giovani
In un progetto orientato al futuro non poteva mancare un team di giovani ed è così che accanto al Maxi 63 Anywave Safilens è nato Anywave Junior, Tod 33 che corre per il Sisitiana Sailing Team nelle regate a compenso, capitanato da Giulia Leghissa, giovane velista triestina che ha mosso i primi passi in deriva per poi approdare alle barche d’altura.
Anywave Junior parteciperà alla Settimana Velica Internazionale di Trieste, al Trofeo 2 Castelli, al Trofeo Bernetti, alla Barcolana e concluderà la stagione 2020 con il Trofeo Rilke a Sistiana.

Partners
La stagione sportiva di Anywave Safilens è sostenuta dal Main Sponsor Safilens, dagli Sponsor Gesteco, Ferrobeton, Scania Leiballi&Cozzuol, Plaxtech, Gianesini Erminio, Audio Pro, Belmond Hotel Cipriani – Venezia e dai Technical Partner Vennvind, Cantieri Navali San Rocco, Marlin Yacht Paints, Baita Salez e Acqua San Benedetto.
Anywave Safilens sostiene le charity DinAmici “Insieme per il volontariato” e InterSos, la più grande organizzazione umanitaria italiana in prima linea per portare aiuto nelle emergenze alle persone vittime di guerre, violenze e disastri naturali.
La stagione sportiva di Anywave Junior è sostenuta dagli Sponsor ZKB Credito Cooperativo del Carso, Percorso Sicurezza, CMG Costruzioni Meccaniche Generali, Autotrasporti Farosich.

J/70 Cup 2020 Event 2 – Malcesine

Tutto pronto per un nuovo evento a Malcesine, tra conferme e importanti rientri


Malcesine – J/70 Italian Class si prepara a dare il via a una nuova tappa del circuito di regate J/70 Cup, che dopo l’atto inaugurale di inizio settembre, venerdì ritroverà oltre trenta equipaggi sulla linea di partenza allestita dalla Fraglia Vela Malcesine.

Si preannuncia un evento di alto livello, con tante conferme importanti tra gli equipaggi e anche diversi rientri e nuovi arrivi: sarà presente J-Curve di Mauro Roversi, che ha dominato la prima tappa vincendo con una giornata d’anticipo, e gli altri due equipaggi saliti sul primo podio stagionale, Notaro Team di Luca Domenici e Viva di Alessandro Molla.

Grande ritorno anche per la Campionessa Europea in carica, Claudia Rossi su Petite Terrible, che si darà battaglia con tanti nomi noti della Classe J/70, tra cui ricordiamo, solo per citarne alcuni, White Hawk di Gianfranco Noè, Alice di Federico Leproux, La Femme Terrible di Paolo Tomsic e Asante Sana di Claudio Dutto.

La tre giorni di regate prenderà il via venerdì alle 13.00 e potrà contare su un massimo di otto prove da completare entro domenica.

L’entry list è disponibile a questo link.

Garmin Roma per 2: meteo in forte peggioramento, regata ridotta al passaggio di Lipari

Il Comitato di Regata, coadiuvato dalla Guardia Costiera,  sta avvertendo tutte le imbarcazioni che la regata è da considerarsi terminata


Riva di Traiano – Il Comitato di Regata della Roma per 2 comunica che la regata è stata ridotta e che il passaggio a Lipari verrà considerato come traguardo definitivo per determinare la classifica finale. La decisione è stata presa in considerazione del netto peggioramento delle condizioni meteo previste dalla notte di giovedì, come confermato dal meteorologo Andrea Boscolo che effettua le previsioni per la regata.

La Guardia Costiera è stata allertata per diffondere la notizia a quelle imbarcazioni in regata che ancora non sono state raggiunte telefonicamente dal Comitato di Regata. Preoccupa particolarmente la situazione di venerdì 25 con forti venti di ponente libeccio da 30 nodi ed oltre sotto raffica che investiranno Sardegna, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia con mareggiate sulle coste esposte.

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab