Domenica settima prova per l’Invernale di Riva di Traiano

Riva di Traiano- Nel mezzo di quella che oramai viene chiamata “L’estate di San Valentino”, si torna in acqua domenica 17 febbraio per la settima giornata del Campionato Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli.

“Arriviamo a questa giornata in media perfetta – commenta il Presidente del CNRT Alessandro Farassino – con 6 prove disputate compresa una costiera. Questo nonostante che per ben due domeniche non si sia regatato, segno che la formula della doppia prova, da effettuare quando il meteo lo consente, è vincente per dare maggior consistenza alla classifica”.

In testa alla classe Regata abbiamo il campione uscente, Tevere Remo Mon Ile di Gianrocco Catalano, che in IRC precede Ulika di Stefano Masi e Athyris di Piergiorgio Nardis, mentre in ORC è insidiato da Milù III di Andrea Pietrolucci a soli due punti, con Ulika sul grandino più basso del podio. In Crociera si riprende con la lotta a tre tra Malandrina di Roberto Padua, Soul Seeker di Federico Galdi e Fly Away 2 di Magliacani/Di Grazia rispettivamente a 6, 8 e 13 punti. Le boe verranno posizionate sabato per gli allenamenti e l’appuntamento per il briefing è per domenica alle 9:30 in piazzetta dei Marinai.

HEMPEL WORLD CUP SERIES 2019 GENOVA APRONO OGGI LE ISCRIZIONI

GENOVA – Aprono oggi – mercoledì 13 febbraio – le iscrizioni alla terza tappa delle Hempel World Cup Series 2019 che si terrà a Genova dal 14 al 21 aprile. Per la prima volta nella sua storia, la manifestazione approda in Italia e a Genova in particolare, città scelta da World Sailing per la sua storia e per i servizi innovativi che può offrire. Il campo di regata di Genova ha ospitato in passato regate pre-olimpiche e numerose settimane internazionali di vela olimpica.

La scelta di Genova è un grande riconoscimento al lavoro e all’impegno che la Federazione Italiana Vela mette in campo per far crescere il movimento velico in Italia. Gli ottimi risultati ottenuti dagli atleti italiani nelle manifestazioni internazionali rappresentano il giusto volano – uniti alla sua spettacolarità – affinché la vela diventi uno sport amato e apprezzato da un bacino di pubblico sempre più ampio. La location di Genova è perfetta per l’evento, e grazie al grande supporto a mare dello Yacht Club Italiano i 5 campi di regata saranno posizionati di fronte al rinomato “lungomare” della città, in un’area compresa tra il Porto di Genova e il quartiere di Genova Quarto e tutta l’area di regata sarà ben visibile al pubblico dalla “passeggiata a mare”.

Francesco Ettorre, Presidente Federazione Italiana Vela:”Con l’apertura delle iscrizione alla tappa italiana di Hempel World Cup Series inizia di fatto l’avvicinamento a quello che sicuramente può essere considerato l’evento internazionale più importante delle classi olimpiche. È sicuramente una soddisfazione enorme aver portato in Italia un evento come questo, che vede in solo tre tappe (Miami – Genova – Enoshima) l’intero circuito di Coppa del Mondo per le classi olimpiche. Un lavoro impegnativo, fatto di relazioni internazionali che hanno messo al centro la credibilità della vela italiana in tutto il mondo. Un risultato che vorrei condividere con tutti i circoli italiani, perché questo è il frutto di un lavoro di squadra, ed è sicura conseguenza di quello che i nostri atleti hanno saputo fare in giro per il mondo.

Sono certo che sapremo veicolare l’evento non solo dal punto di vista agonistico e sportivo, ma anche di trasformarlo in una vetrina della vela italiana, uno strumento per promuovere il nostro sport e promuovere l’Italia in quello che può senza dubbio considerarsi un grande evento sportivo. Un grazie sin d’ora a Comune di Genova, Regione Liguria, Camera di Commercio e CONI per il loro sostegno e patrocinio. E un grazie anche a tutti coloro che verranno coinvolti nell’organizzazione della manifestazione con la certezza che ci sarà spazio per chiunque voglia prendere parte alla preparazione dell’evento. Un grande sogno che diventa in realtà.”

E’ da oggi attivo il sito di riferimento della tappa italiana delle Hempel World Cup Series 2019 al seguente link: https://www.wcsgenova.com.Il sito dedicato conterrà tutte le informazioni inerenti alla regata e sarà un utile punto di riferimento per le delegazioni estere su pernottamenti e modalità di arrivo nelle aree interessate dall’evento.

Per quanto riguarda la tappa di Hempel World Cup Series di Genova la Direzione Tecnica della Federazione Italiana Vela, comunica che World Sailing ha pubblicato un aggiornamento al Qualification System (QS) per le World Cup Series 2019. Il QS regola la quota di partecipanti per ciascuna classe, le modalità e le priorità di accesso alle tappe di Coppa del Mondo, i quali meccanismi sono di competenza esclusiva di World Sailing e non coinvolgono le Federazioni Nazionali.

APPUNTAMENTO IN ADRIATICO Manifestazione velica di Assonautica Italiana

Una manifestazione per promuovere il turismo e la mobilità nautica e la cultura della pace e della sicurezza. Ormai un appuntamento storico quello di “Appuntamento in Adriatico” il tour velico di Assonautica Italiana che quest’anno soffia la 31 esima candelina. Una veleggiata nata nel 1988 dall’idea dell’allora presidente di Assonautica di Venezia e consigliere nazionale Gianfranco Pontel assieme al presidente di Assonautica di Pescara Gilberto Ferri per dare avvio all’attività del Raggruppamento di Assonautiche dell’Adriatico, e l’occasione per organizzarla fu data dall’inaugurazione del Porto Turistico di Pescara.

L’idea piacque subito ai diportisti, tanto che le imbarcazioni partirono da tutta la costa adriatica, da Trieste come da Gallipoli. L’anno seguente il raduno contava un centinaio di barche. Negli anni il tour, che ha avuto in media la durata di due mesi estivi, ha toccato i maggiori porti italiani del Mar Adriatico, del Mar Tirreno e del Mar Ionio, arrivando fino alla Grecia e all’isola di Malta. Uno sforzo notevole di organizzazione portato avanti nel tempo dal consigliere nazionale di Asso- nautica Paolo Dal Buono.

L’evento sportivo non è solo una prova di elevata marineria, ma anche occasione importante di proposte economiche e culturali. Ogni tappa è un momento di incontro con le autorità locali, Comune, Camera di Commercio e Capita- nerie di Porto e di realizzazione di convegni su vari temi, dalla sicurezza in mare alla mobilità eco-so- stenibile. Un tema questo che vide anche la partecipazione nel 2005 di un’imbarcazione elettrica salpata da Venezia.

E ogni anno, nella fase conclusiva già si pensa al percorso della edizione seguente ed agli eventi da realizzarsi nella stessa, che in sintonia con i fini istituzionali di Assonautica, avranno un forte legame con la promozione economica, pur mantenendo alto lo spirito nautico e sportivo che contraddistin- gue chi va per mare.

 

REGATA INTERNAZIONALE BRINDISI – CORFÙ 34° EDIZIONE

L’appuntamento ormai imperdibile della Regata Internazionale Brindisi-Corfu, organizzata dal Circolo della Vela Brindisi, giunta alla sua 34a edizione, quest’anno si svolgerà dal 16 al 18 giugno 2019.

La partenza dal porto di Brindisi, per la prima volta, avverrà di domenica anziché di mercoledì, circostanza che renderà ancora più attraente, non solo per gli amanti della vela, l’evento prepartenza che si svolgerà nella magnifica cornice del porto interno di Brindisi. Per una settimana sarà un susseguirsi di feste, allegria, eventi culturali musicali e sportivi.

Tra i molteplici appuntamenti, sabato 15 giugno presso Piazzale Lenio Flacco, dopo la cerimonia di presentazione degli equipaggi alla città, è stata invitata a partecipare la prestigiosa Banda dei Carabinieri che attraverserà in parata le strade del centro cittadino per concludere con un concerto alla presenza delle autorità e del pubblico.

Il Circolo della Vela ha previsto la possibilità di assistere alle fasi di partenza da specifiche imbarcazioni o dalla diga di Punta Riso. Grazie ad un sistema di rilevamento satellitare, si potrà seguire tutta la Regata comodamente dal palmare o dal computer di casa.

L’evento di apertura dell’estate si svolge sotto l’egida della Federazione Italiana Vela ed è sostenuto dalla Regione Puglia, dal Comune di Brindisi e dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale e vede la partecipazione di oltre 120 imbarcazioni provenienti da 8 Paesi e circa 1500 persone tra membri di equipaggio e accompagnatori e si stima che quest’anno possa attrarre a Brindisi migliaia di turisti che godranno di una città in festa.

71ª VIAREGGIO CUP: ECCO I 10 GIRONI

VIAREGGIO – Si è svolto questa mattina nella sala di rappresentanza del Comune di Viareggio il sorteggio dei 10 gironi (ciascuno formato da 4 squadre) dell’edizione numero 71 della Viareggio Cup (che si terrà dal 11 al 27 marzo 2019).

Presenti, oltre al presidente del Centro Giovani Calciatori Alessandro Palagi, il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro e il consigliere regionale toscano della Figc Giorgio Merl
ini.
Questi i raggruppamenti:

GRUPPO A *
Girone 1: Inter, Braga (Portogallo), Cagliari, Apia Leichhardt (Australia).
Girone 2: Empoli, Everton (Inghilterra), Ascoli, United Youth Soccer Stars (Stati Uniti).
Girone 3: Bologna, Bruges (Belgio), Ternana, América de Cali (Colombia).
Girone 4: Torino, Norchi Dinamoeli Tbilisi (Georgia), Rieti, Atletico Paranaense (Brasile).
Girone 5: Parma, Nania (Ghana), Venezia, Euro Liac New York (Stati Uniti).

GRUPPO B **
Girone 6: Sassuolo, Fk Rfs (Lettonia), Benevento, Pontedera,
Girone 7: Milan, Berekum Chelsea (Ghana), Spezia, Carrarese,
Girone 8: Fiorentina, Krasnodar (Russia), Perugia, Westchester United (Stati Uniti).
Girone 9: Genoa, Dukla Praga (Repubblica Ceca), Livorno, Atlantida Juniors (Uruguay)
Girone 10: Rappresentativa Serie D, Cina Under 19 (Cina), Spal, Salernitana.

* Le partite del gruppo A si disputeranno lunedì 11, mercoledì 13 e venerdì 15 marzo.
** Le partite del gruppo B si disputeranno martedì 12, giovedì 14 e sabato 16 marzo.

Campionato Invernale Tarantino della Flotta J24 pugliese: domina Pulsarino

TARANTO – Con il Campionato Invernale Tarantino, organizzato dal Circolo Ondabuena e dalla Sezione Vela Marina Militare, sono riprese le regate della Flotta J24 pugliese. “Le due giornate previste a febbraio, il 10 ed il 24, sono il prosieguo delle date 1-2 dicembre che valevano anche come tappa Nazionale del Trofeo J24, vinto per l’occasione da Anphitrite di Marc Arata.- ha spiegato il Capo Flotta Nino Soriano -Anno nuovo dunque, stessi equipaggi ma spirito rinnovato con sedute di allenamento condotte a gennaio da alcuni team che così si sono presentati più preparati sul campo di regata.

Vento da sud che ha raggiunto 14-15 nodi all’apice della giornata e direzione del Race Commettee affidata al duo Tortorella-Infante hanno garantito divertimento per tutti.” A dominare letteralmente la giornata è stato Ita 27 Pulsarino condotto dal giovanissimo Marco Iaquinta, nuova leva nel Circuito J24 Pugliese (il resto dell’equipaggio è costituito da giovani allievi della scuola vela del Circolo Nautico Il Maestrale, diretta da Nino Soriano) che con due primi ed un secondo posto ha messo una seria ipoteca sulle sorti del Campionato (11 Punti; 4,7,3,1,1,2).

Un’ottima seconda posizione di giornata in crescendo con un terzo, un secondo e un primo posto, per Ita 427 Jebedee, ottimamente condotto da un’altra giovane promessa del J24, il sedicenne Remo Soriano, già in equipaggio ai Nazionali e al Mondiale sul Garda, e ora comandante della sua barca (15 punti; 3,6,6,3,2,1).

Terzo di giornata ma secondo nella classifica generale stilata dopo sei regate e uno scarto Ita 439 L’Emilio Compagnia del Mare, armato da Ciccio Mastropietro (CV Molfetta) e timonato da Tony Macina, con un equipaggio del CN Il Maestrale (12 punti; 2,3,2,2,3,4). Seguono nella classifica di giornata Ita 386 Anphitrite di Marc Nicolas Arata (16 punti; 5,1,1,4,dsq,5), Ita 301 Piccolo Diavolo di Nando Capobianco (20; 6,2,ocs,5,4,3) e il nuovo equipaggio di Ita 47 Bestia Nera portato da Giovanni De Pasquale con team di giovani adepti (39; dnc,dnc,dnc, 6,5,6).

“Gli equipaggi hanno condotto bellissime manovre, con scambi resi più spettacolari e intensi dal vento di media intensità.- ha aggiunto il Capo Flotta Soriano -Da sottolineare la buona attitudine dei nuovi equipaggi: i primi tre formati da ragazzi giovanissimi tra i 15 e 22 anni, molto affiatati e combattivi che rappresentano un vivaio che la Classe J24 è la Federazione Italiana Vela dovrebbero ben tenere in considerazione ed incentivare. Peccato per l’assenza delle quattro barche della Marina militare che non hanno potuto scendere in acqua per problemi di collaudo alla loro gru. Prossimo appuntamento è fissato per domenica 24 febbraio. Dopo questa data, credo che uniremo le forze per disputare, con il sostegno di Compagnia del Mare che fa capo all’armatore Mastropierro, sia il Campionato Italiano a Cervia che l’Europeo a Patrasso.”

Soddisfazione anche da parte di Marc Nicolas Arata dell’Asd Puglia Sailing Team: “La Regione Puglia ha appena confermato il sostegno al nostro Team J24, sostenendoci in co-branding con #weareinPUGLIA per le partecipazioni ai Campionati Europei e Italiani. Una Regione, quindi, con una aspirazione “marina” che non si ferma alla battigia ma propone le sue coste e il suo azzurro mare ai navigatori del diporto “no impact”. Ricordo che sono in corso le selezioni dei giovani tarantini e pugliesi che faranno parte dell’equipaggio e dello Shore Team.

Prosegue il Circuito Zonale 2019 della Flotta J24 sarda: Aria passa al comando

CAGLIARI – Nelle acque del Poetto, ben organizzato dal Windsurfing Club Cagliari, è proseguito regolarmente con la seconda giornata di regate il Circuito Zonale J24 al quale stanno partecipando dieci equipaggi J24 provenienti da tutta la Sardegna. “Già da diversi giorni la flotta Sarda era in fermento per l’arrivo di una poderosa maestralata che, con venti previsti intorno ai 30 nodi, avrebbe reso complicata la seconda giornata della prima tappa del Circuito Zonale J24.- ha spiegato il Capo Flotta Marco Frulio -Invece la regata, organizzata dal Windsurfing Club di Cagliari, è stata caratterizzata da venti raramente sopra i 15 nodi.

Tali condizioni hanno permesso al Comitato di Regata, presieduto da Betty Lai, coadiuvata dal Presidente della III Zona FIV Massimo Cortese, di dare la partenza di tre avvincenti prove dove mai nulla è stato dato per scontato. Puntuale è stato il posizionamento del campo da parte dei posaboe e incalzante il ritmo delle tre prove con le partenze date poco dopo gli arrivi.

Le partenze sono state tutte tiratissime e i continui salti di vento hanno reso i bordeggi mai scontati. Avere costanza nei piazzamenti è stata una cosa veramente ardua per quasi tutti. Tutti tranne uno: Andrea Casale. Il più volte campione Italiano e due volte campione del mondo J24 ha infatti passato in testa tutte le boe di tutte e tre le prove lasciando agli altri solo la lotta per le altre posizioni del podio. Nella prima è giunta seconda Vigne Surrau, timonata da Aurelio Bini. Ottimo il recupero fatto durante la regata che gli ha permesso di arrivare davanti a Dolphins di Giuseppe Taras. La seconda prova ha visto Dolphins, timonata da Nicola Campus con alle scotte Augenio Basciu, tentare di tutto per passare chi conduceva la regata ma l’ottima velocità dimostrata non è stata sufficiente. Al terzo posto è giunta New Mollica di Sergio Contu che questa volta sembra aver trovato il passo che gli era mancato nella passata giornata di regate.

L’ultima prova è stata caratterizzata dal duello tra Aria e New Mollica ma l’imbarcazione timonata da Antonello Ciabatti è stata tenuta sotto controllo dall’esperto timoniere della North Sails. Al terzo posto è arrivata Vigne Surrau del Club Nautico Arzachena sempre pronta a dire la sua quando la lotta si fa dura.

Al termine delle regate gli equipaggi J24 si sono riuniti a parlare con il campione genovese che, oltre descrivere le vele che rappresenta, ha dato ottimi consigli sulla conduzione dell’imbarcazione e sulle scelte tattiche da tenere in condizioni come quelle di domenica. L’arrivo della pasta offerta dal WWC ha dato la giusta conclusione ad una bellissima giornata di mare e sport.”

La classifica generale (stilata dopo le prime 5 regate) vede ora in testa Ita 443 Aria della LNI Olbia (5 punti; 6,2,1,1,1), seguita da Ita 405 Vigne Surrau del Circolo Nautico Arzachena distanziata di 4 punti (9; 3,1,2,9,3) e da Ita 401 Dolphins di Giuseppe Taras (12 punti; 2,6,3,2,5). Il prossimo appuntamento con l’attiva Flotta sarda J24 è fissato il 16 e 17 febbraio per il week end conclusivo della prima tappa del Circuito dei J24 isolani.

Campionato Zonale Optimist: primi successi stagionali per Lorenzo Pezzilli e Diego Brera

MARINA DI RAVENNA – Si sono disputate domenica le regate valide per il Campionato Zonale Optimist, evento che ha aperto il 2019 del Circolo Velico Ravennate.
Al via poco meno di cinquanta atleti, presenti in rappresentanza dei club dell’XI Zona FIV, che hanno avuto il loro bel da fare per avere la meglio sull’inconsistenza della brezza da nord-ovest che mai, in corso di giornata, ha superato i 4/5 nodi di intensità. Molto paziente il Comitato di Regata, che fino all’ultimo ha tentato di portare a compimento anche una terza prova dopo le prime archiviate a cavallo dell’ora di pranzo.

Condizioni particolarmente tattiche, che hanno esaltato la sensibilità di Lorenzo Pezzilli (oggi 1-1), portacolori del Circolo Velico Ravennate primo tra gli Juniores su Giacomo Guardigli (3-2) del Club Nautico Cesanatico e sulla compagna di squadra Camilla Ivaldi (2-4), risultata la migliore tra le ragazze.

Proprio la Ivaldi e Pezzilli sono in partenza per unirsi al primo raduno del GAN (Gruppo Agonistico Nazionale), in programma nei prossimi giorni a Bari.
Tra i Cadetti, ovvero tra gli atleti più piccoli, l’ha fatta da padrone il debuttante Diego Brera (1-1) che, in virtù dei due primi messi a segno, ha superato Amerigo Bottura (2-3) e Linda Raspadori (4-4).

Conclusa a Miami la seconda tappa delle World Cup Series 2019

MIAMI – Assegnate ieri a Miami tutte le medaglie della tappa americana delle World Cup Series 2019. Ieri – domenica 3 febbraio – si sono svolte le Medal Race delle classi 470, Finn e Laser; mentre sabato 2 febbraio si erano svolte quelle di RS:X, 49er, 49er FX e Nacra 17.

L’equipaggio azzurro formato da Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) ha chiuso la Medal Race dei 470 maschili al quinto posto, concludendo la tappa americana di World Cup Series in sesta posizione nella classifica generale. L’oro è andato agli spagnoli Jordi Xammar Hernandez con Nicolás Rodriguez García Paz, l’argento agli svedesi Anton Dahlberg con Fredrik Bergström e il bronzo ai giapponesi Naoki Ichino con Takashi Hasegawa. 26esimo posto finale per Matteo Capurro e Matteo Puppo (YC Italiano).

Nei 470 femminili l’oro va alle tedesche Frederike Loewe e Anna Markfort; secondo gradino del podio per le connazionali Fabienne Oster e Anastasiya Winkel e terzo per le brasiliane Fernanda Oliveira con Ana Luiza Barbachan. 11esima posizione finale per Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) e 24esima per Elena Berta con Bianca Caruso (Aeronautica Militare/Marina Militare).
La cinese Dongshuang Zhang ha vinto l’oro nei Laser Radial; medaglia d’argento per la statunitense Paige Railey e di bronzo per la greca Vasileia Karachaliou.
15esima posizione finale per l’azzurra Silvia Zennaro (SV Guardia di Finanza) seguita in 22esima da Valentina Balbi (YC Italiano), in 41esima da Carolina Albano (RYCC Savoia) e in 44esima da Francesca Frazza (FV Peschiera del Garda).Il danese Hermann Tomasgaard si è aggiudicato la medaglia d’oro nei Laser Standard; l’argento è andato al neozelandese Sam Meech e il bronzo all’australiano Tom Burton.

Il migliore degli azzurri, Giovanni Coccoluto (SV Guardia di Finanza), ha chiuso in 15esima posizione. Gianmarco Planchestainer (SV Guardia di Finanza) in 43esima, Marco Gallo (SV Guardia di Finanza) in 46esima e Nicolò Villa (CV Tivano) in 53esima.Nella classe Finn ha vinto la medaglia d’oro lo svedese Max Salminen, seguito dall’argento del finlandese Oskari Muhonen e dal bronzo dello statunitense Luke Muller.
L’azzurra Flavia Tartaglini (SV Guardia di Finanza) ha chiuso la Medal Race degli RS:X femminili in sesta posizione finendo settima in classifica generale. Il podio è formato dalla cinese Yunxiu Lu, oro, seguita dall’israeliana Katy Spychakov, argento e dalla francese Charline Picon, bronzo. Le altre italiane sono Veronica Fanciulli (Aeronautica Militare) 15esima e Marta Maggetti (SV Guardia di Finanza) 18esima.

Negli RS:X maschili, Mattia Camboni (CS Fiamme Azzurre) è incappato in un OCS nella Medal Race di sabato, andando a chiudere la settimana di Miami in ottava posizione generale. Ha vinto l’oro il cinese Bing Ye, l’argento il polacco Radoslaw Furmanski e il bronzo il francese Pierre Le Coq. L’esperienza a Miami dell’altro azzurro degli RS:X, Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza) si è chiusa con la 13esima posizione finale.
Hanno vinto la medaglia d’oro nei 49er i tedeschi Erik Heil e Thomas Ploessel, seguiti dai britannici Dylan Fletcher-Scott e Stuart Bithell, argento e dai fratelli croati Sime e Mihovil Fantela, bronzo. L’avventura degli italiani a Miami si è chiusa in 25esima posizione per Simone Ferrarese e Valerio Galati (CV Bari/LNI Trani) e in 26esima per Uberto Crivelli Visconti e Gianmarco Togni (Marina Militare).

Nei 49er FX si sono aggiudicare l’oro le brasiliane Martine Soffiatti Grael con Kahena Kunze, l’argento le neozelandesi Alexandra Maloney con Molly Meech e il bronzo le britanniche Charlotte Dobson con Saskia Tidey. 28esima posizione finale per le azzurre Maria Ottavia Raggio e Jana Germani (CV La Spezia – Sirena CN).
A vincere nei Nacra 17, classe in cui non erano presenti equipaggi italiani, sono stati gli australiani Jason Waterhouse e Lisa Darmanin che vincono la medaglia d’oro, seguiti dai brasiliani Samuel Albrecht e Gabriela Nicolino de Sá, argento e dagli argentini Santiago Lange e Cecilia Carranza Saroli, bronzo.

Per la prossima tappa delle World Cup Series 2019 l’appuntamento è fissato, per la prima nella volta nella storia della manifestazione, in Italia, a Genova, città sede della Federazione Italiana Vela, dal 14 al 21 aprile.

Riva di Traiano: una costiera a tutta birra

RIVA DI TRAIANO – L’aspettativa era quella di dover affrontare una giornata dura, una di quelle da dimenticare velocemente, con alle spalle un sabato che, su tutto il Lazio, aveva portato veramente tanta pioggia, ed una domenica in cui se ne prevedeva ancora di più. Ed invece è arrivata la giornata che non ti aspetti, con più sole che pioggia ed un vento teso che metteva allegria, quasi più dell’incredibile e inusitato color verde brillante del mare di Riva.

“Le previsioni erano per una giornata dura – conferma il direttore di corsa Fabio Barrasso – sia come moto ondoso proveniente da sud ovest, sia come temperatura. Ma soprattutto si temeva per le possibili piogge.  Alla fine, invece, c’è stato solo uno scroscio all’inizio, mentre le barche prendevano posizione, poi molto più sole che nuvole. La scelta è stata di non fare le due prove classiche sulle boe, ma un’unica prova corposa come la costiera.

Alla fine la lunghezza totale è stata di 16.2 miglia per i Regata, che sono andati verso Capo Linaro, Santa Marinella, Santa Severa, di nuovo la boa di Capo Linaro e arrivo in Torre a Riva di Traiano, e di 12.7 miglia per i Crociera, che si sono limitati a Santa Marinella. La partenza è stata bella e molto tirata verso una boa di disimpegno che puntava su 215°, praticamente in direzione del vento. Poi una grande galoppata di due ore circa con un’onda di libeccio sui due metri, che non ha però causato particolari fastidi, ed un’intensità del vento che si è mantenuta costante tra i 16 e i 18 nodi, solo un po’ incostante nella direzione”.

La cavalcata più bella, in tempo reale, l’ha fatta Milù III, Il Mylius  14E55 di Andrea Pietrolucci, che ha chiuso in 1:49:36 conquistando la Line Honours, seguito da Ulika, lo Swan 45 di Stefano Masi a 1’ 37” e da Rosmarine 2 di Riccardo Acernese a 6’ 31”. Ma le classifiche in IRC e ORC parlano linguaggi ovviamente diversi e le protagoniste della giornata in classe Regata sono state White Pearl, Sun Odissey 44i di Roberto Bonafede, che ha vinto la prova in IRC, e Canopo, Grand Soleil 39.2 di Adriano Majolino che ha conquistato il gradino più alto del podio in ORC.  Si è ben difeso il leader della classifica, Tevere Remo Mon Ile di Gianrocco Catalano, che ha conquistato il 4° posto in IRC e il 2° in ORC, mantenendo così la testa in entrambe le classifiche. In IRC la piazza d’onore è andata a Vulcano 2, First 34.7 di Giuseppe Morani, che ha preceduto Canopo. Tutto il podio, quindi, è stato appannaggio degli IRC 2. La classifica generale, con il primo scarto effettuato, vede Tevere Remo Mon Ile in testa (6 punti) davanti a Ulika (16.5) e Athyris&C (19).

In ORC, Canopo ha preceduto Tevere Remo Mon Ile e  Athyris&C, Grand Soleil 43B di Piergiorgio Nardis. La classifica avulsa in ORC 2 ha visto Canopo davanti e Vulcano 2 e a Tes, M37 di Tommaso Di Nitto.Anche qui Tevere Remo Mon Ile è davanti in classifica generale, ma con soli due punti di vantaggio su Milù III e 5 su Ulika.

In Classe Crociera il consueto duello tra l’X 362 Sport Soul Seeker di Federico Galdi e il First 36.7 Malandrina di Roberto Padua si è risolto in favore del primo, con il terzo gradino del podio conquistato dal Dufour 34 Fata Ignorante di Stefano Sorgente. In classifica generale, Malandrina conserva due punti di vantaggio su Soul Seeker e 7 su Fly Away 2, Dufour 40 di Magliacani/Di Grazia
L’unico Gran Crociera in acqua, First Wave di Guido Mancini, ha fatto prova a se su un percorso limitato a Capo Linaro di 7.1 miglia.

IL NAUTILUS Anno 13 N°4

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere con un focus sull'Italian Cruise Watch e l'Ocean Cay di MSC Crociere. Due interviste esclusive ai presidenti di Autorità di Sistema: Pietro Spirito e Sergio Prete. Una riflessione sulla "Rotta Artica" ed un approfondimento sulla fascia costiera brindisina: estetica, criticità ed opportunità. Poi approfondimenti sulle Zes ed un progetto: "COSIRIFAREIBARI" che mira a cambiare il modo di spostarsi in città.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab