27 novembre: tavola rotonda “Formazione, logistica e intermodalità: competenze e professionalità a supporto del settore”

Evento organizzato da ER.I.C., Emilia-Romagna Intermodal Cluster, e da Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica

Mercoledì 27 novembre alle ore 15.00 presso l’Auditorium della Regione Emilia-Romagna si terrà la Tavola rotonda “Formazione, logistica e intermodalità: competenze e professionalità a supporto del settore”, durante la quale i referenti dei principali nodi intermodali della Regione Emilia- Romagna si confronteranno con istituzioni ed esperti del settore sulle iniziative formative promosse da ER.I.C. (Emilia-Romagna Intermodal Cluster, fondato nel 2018).

Nel suo primo anno di attività, attraverso la costituzione di una Corporate Academy di rete, ER.I.C. ha dato vita a 2 progetti per la formazione di figure professionali tecniche e manageriali, con specifiche competenze in ambito logistico e intermodale.
Tale iniziativa, realizzata in collaborazione con la Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica e supportata dalla Regione Emilia-Romagna, ha recentemente ricevuto il premio come “Logistico dell’Anno 2019″.

L’Academy del Cluster è nata con la finalità di promuovere e supportare lo sviluppo di nuove professionalità, per contribuire alla qualificazione e alla crescita del settore logistico-produttivo e intermodale della regione, grazie alla costituzione di un bacino di competenze altamente specializzate in grado di incentivare la spinta al rinnovamento che il mercato richiede per lo sviluppo della competitività del settore.

Prenderanno parte alla Tavola rotonda: Giuseppe Acquaro, Amministratore Delegato Terminali Italia, Luigi Capitani, Presidente e CEO Cepim – Interporto Parma, Sergio Crespi, Direttore Generale Interporto Bologna Spa, Gino Maioli Presidente Dinazzano Po, Guido Nicolini, Amministratore Delegato Terminal Rubiera-Logtainer, Daniele Rossi, Presidente, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale, Piero Solcà, Presidente Consiglio di Amministrazione HUPAC Spa, Paolo Righetti, Presidente, Centro di Formazione Ferroviaria di Bologna.

Chiuderà i lavori il Vicepresidente e Assessore ai trasporti, reti, infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale, Regione Emilia-Romagna.

Nell’occasione verranno consegnate le qualifiche conseguite dagli studenti dei Corsi: Terminal Operator e Intermodal Terminal Manager.

L’evento è aperto al pubblico, previa iscrizione a cui si può procedere direttamente dal seguente link: http://bit.ly/370nL2u
Per info: bologna@fondazioneitl.org

Porto Canale, gli assessori Zedda, Todde e Pili al Mise: “Fatti passi avanti”

“È stata evidenziata la strategicità del Porto canale per il traffico dei containers – ha aggiunto la vicepresidente della Giunta Solinas – ed è stata anche esaminata la situazione delle Zone economiche speciali, le Zes; venerdì prossimo a Roma ci aspettiamo che vengano emanati i decreti”

Cagliari- “È stato un incontro proficuo: sono stati esaminati tutti gli aspetti della vertenza del Porto canale con passi avanti per il rilancio dello scalo commerciale cagliaritano, infrastruttura fondamentale per tutta la Sardegna”. Lo hanno detto gli assessori regionali del Lavoro, Alessandra Zedda, dell’Industria, Anita Pili, e dei Trasporti, Giorgio Todde, al termine del tavolo convocato a Roma al Ministero dello Sviluppo economico, al quale hanno partecipato anche il sottosegretario Alessandra Todde, il presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sardegna, Massimo Deiana, e le rappresentanze sindacali dei lavoratori del Porto canale di Cagliari.

“È stata evidenziata la strategicità del Porto canale per il traffico dei containers – ha aggiunto la vicepresidente della Giunta Solinas – ed è stata anche esaminata la situazione delle Zone economiche speciali, le Zes; venerdì prossimo a Roma ci aspettiamo che vengano emanati i decreti”. Si è parlato poi del vincolo paesaggistico; la Regione parteciperà al Tavolo insieme al Mibact a Palazzo Chigi per avviare subito una concertazione che porti alla rimozione del vincolo da parte della Presidenza del Consiglio dei ministri.

“Sul fronte dell’occupazione – ha sottolineato Alessandra Zedda – abbiamo illustrato le iniziative attivate dalla Regione: i lavoratori sono stati convocati e profilati e ora si procederà con l’inviduazione dei corsi. È stata fatta presente anche la necessità di far partire subito l’avviso internazionale per la ricerca del nuovo terminalista e il presidente Deiana ci ha assicurato che già dalla settimana prossima ci sarà la ‘call’ che presumibilmente durerà fino a febbraio”.

AdSP MACS-Formazione, logistica e intermodalità: competenze e professionalità a supporto del settore

Mercoledì 27 novembre alle ore 15.00 presso l’Auditorium della Regione Emilia-Romagna si terrà la Tavola rotonda “Formazione, logistica e intermodalità: competenze e professionalità a supporto del settore”, durante la quale i referenti dei principali nodi intermodali della Regione Emilia- Romagna si confronteranno con istituzioni ed esperti del settore sulle iniziative formative promosse da ER.I.C. (Emilia-Romagna Intermodal Cluster, fondato nel 2018).

Nel suo primo anno di attività, attraverso la costituzione di una Corporate Academy di rete, ER.I.C. ha dato vita a 2 progetti per la formazione di figure professionali tecniche e manageriali, con specifiche competenze in ambito logistico e intermodale.  Tale iniziativa, realizzata in collaborazione con la Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica e supportata dalla Regione Emilia-Romagna, ha recentemente ricevuto il premio come “Logistico dell’Anno 2019″.

L’Academy del Cluster è nata con la finalità di promuovere e supportare lo sviluppo di nuove professionalità, per contribuire alla qualificazione e alla crescita del settore logistico-produttivo e intermodale della regione, grazie alla costituzione di un bacino di competenze altamente specializzate in grado di incentivare la spinta al rinnovamento che il mercato richiede per lo sviluppo della competitività del settore.

Prenderanno parte alla Tavola rotonda: Giuseppe Acquaro, Amministratore Delegato Terminali Italia, Luigi Capitani, Presidente e CEO Cepim – Interporto Parma, Sergio Crespi, Direttore Generale Interporto Bologna Spa, Gino Maioli Presidente Dinazzano Po, Guido Nicolini, Amministratore Delegato Terminal Rubiera-Logtainer, Daniele Rossi, Presidente, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale, Piero Solcà, Presidente Consiglio di Amministrazione HUPAC Spa, Paolo Righetti, Presidente, Centro di Formazione Ferroviaria di Bologna. Chiuderà i lavori il Vicepresidente e Assessore ai trasporti, reti, infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale, Regione Emilia-Romagna.

Nell’occasione verranno consegnate le qualifiche conseguite dagli studenti dei Corsi: Terminal Operator e Intermodal Terminal Manager.
L’evento è aperto al pubblico, previa iscrizione a cui si può procedere direttamente dal seguente link: http://bit.ly/370nL2u Per info: bologna@fondazioneitl.org

Intergroup riceve il premio “Logistico dell’anno” da Assologistica a conferma di un percorso vocato all’eccellenza e forte innovazione IT

L’azienda di logistica ha vinto il prestigioso premio nella sezione “tecnologia” per aver operato investimenti sostanziali nell’innovazione dei processi legati alla movimentazione di merci e passeggeri con l’introduzione di software di gestione all’avanguardia

E’ stato consegnato a intergroup il premio “Logistico dell’anno 2019”, il riconoscimento che Assologistica conferisce ogni anno a imprenditori e aziende attive nel settore. L’azienda è risultata fra le vincitrici nella sezione “tecnologia”, settore in cui intergroup ha investito fortemente negli ultimi anni al fine di aumentare e migliorare l’automazione dei processi di produzione con l’obiettivo di proporsi al mercato con maggiore efficienza e con una gamma di servizi sempre più integrati.

L’associazione ha consegnato il riconoscimento nelle mani del direttore generale di intergroup, Riccardo Sciolti che ha sottolineato come “L’innovazione tecnologia anche nel settore logistico portuale è la chiave di sopravvivenza per il futuro” e che “per chi come noi fa logistica il premio il Logistico dell’anno è un ambizioso traguardo, a sottolineare l’eccellenza nel proprio operato quotidiano, non sarebbe stato possibile raggiungerlo senza la collaborazione di tutto il team aziendale che ha digerito negli ultimi mesi l’implementazione del nuovo ERP e soprattutto senza l’abnegazione del dipartimento IT a cui va un grande ringraziamento”.

L’assegnazione del premio conferma il successo degli investimenti informatici messi in campo da intergroup, che in 33 anni di attività non ha mai smesso di investire in innovazione, e che oggi svolge la propria attività nel settore della logistica integrata tramite 2 terminal portuali (Gaeta e Civitavecchia) e  5 retroportuali (La Spezia, Cagliari, Oristano, Formia, Sessa Auruca, con dei test in corso su magazzini a Catania e Gioia Tauro) e tramite gli uffici di Roma e Londra.

Nel corso del 2019, l’azienda ha completato l’implementazione di un sistema informatico aziendale introdotto gradualmente fin dall’inizio del 2017, che fornisce il supporto tecnologico per affrontare meglio le richieste dei clienti, automatizzando processi di più basso profilo, eliminando possibilità di errore e duplicazioni di input, aumentando la produttività e rispondendo a improvvisi picchi della domanda.
“In quest’ottica alla fine del 2016 si è deciso di rinnovare completamente l’infrastruttura software e hardware del gruppo. Il sistema informatico centralizzato copre quasi a 360 gradi le diverse attività che l’azienda svolge, in maniera totalmente integrata, e agevola il personale nello svolgimento delle proprie attività” spiega Enzo Bocchiola, ICT Manager del Gruppo.

“Il software sostituisce parte delle attività manuali con automatismi che garantiscono ai dipendenti la possibilità di concentrarsi sull’ attività di controllo, migliorando anche le condizioni di lavoro”. I sistemi sono particolarmente efficaci in occasione di movimentazione di migliaia di tonnellate di rinfuse o di merci varie sbarcate dalle navi, che entrano nei magazzini o sui piazzali intergroup per l’attività di stoccaggio e packaging, o in occasione dello sbarco di migliaia di tonnellate di merci, che il sistema gestisce dando a dipendenti e clienti in qualunque momento una “fotografia” dell’andamento delle operazioni.

Riccardo Sciolti, direttore di intergroup, ha dichiarato: “Ciò che probabilmente ha reso questo progetto meritevole di un riconoscimento è il concetto di integrazione totale, dal portale ordini all’ERP contabile/gestionale, al sistema di magazzino, ai trasporti, all’uscita dal porto, alle pese”.

I sistemi intergroup si avvalgono sia di soluzioni acquisite sul mercato da primari partner informatici, sia di applicativi sviluppati in house.

ALIS: “PIENA SODDISFAZIONE PER L’OPERATO DEL MINISTERO NELLA EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO MAREBONUS”

Marcello Di Caterina: “Il Ministro De Micheli conferma profonda attenzione nei confronti del trasporto intermodale, come emerso anche dal suo intervento nell’Assemblea Generale ALIS”

“Apprendiamo con soddisfazione la rassicurante conferma, da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’imminente adempimento del pagamento dell’incentivo Marebonus in favore degli armatori ritenuti ammissibili alla misura relativa alla prima annualità”.

Così il Direttore Generale di ALIS Marcello Di Caterina commenta la notizia, da parte della Direzione Generale del MIT per il trasporto stradale e l’intermodalità, dell’erogazione della misura incentivante che dovrebbe avvenire entro il mese di dicembre dell’anno in corso.

“Dopo una complessa fase istruttoria necessaria ai soggetti competenti per individuare gli aventi diritto, le compagnie armatoriali, unitamente alle aziende operanti nel trasporto combinato, attendevano da tempo l’avvio della fase di erogazione dei contributi riferiti alla prima annualità”.

“ALIS, sempre più portavoce delle istanze delle imprese che operano nel settore e che investono in digitalizzazione, sostenibilità e sicurezza, ha ripetutamente chiesto alle Istituzioni di confermare anche per i successivi anni l’erogazione di Marebonus e Ferrobonus, strumenti virtuosi per la conversione modale dalla gomma al mare e dalla gomma al ferro.” – aggiunge Marcello Di Caterina – “Siamo infatti convinti che lo stanziamento di simili incentivi garantisca lo sviluppo di un trasporto più sostenibile e meno dannoso per l’ambiente e, al tempo stesso, il miglioramento dei livelli concorrenziali e di competitività delle nostre aziende nei mercati nazionali ed europei”.

“Solo pochi giorni fa, intervenendo proprio all’Assemblea Generale di ALIS, il Ministro Paola De Micheli ha espresso la volontà di riproporre con emendamenti alla legge di bilancio i contributi del Marebonus e Ferrobonus per il prossimo biennio” – conclude il Direttore Di Caterina – “La conferma dell’avvio dell’erogazione del contributo Marebonus in relazione alla prima annualità è una ulteriore testimonianza della profonda attenzione del Ministro, e dell’intero Dicastero che rappresenta, nei confronti di un settore strategico per l’intera economia nazionale, quale è appunto quello del trasporto intermodale”.

Bisceglie (Puglia): Il 18 novembre convegno sulle Zes al castello svevo-angioino

Informare la Cittadinanza sulla grande opportunità rappresentata dalle Zone Economiche Speciali (Zes) come strumento per attrarre investimenti, favorire l’insediamento di nuove imprese e rilanciare così sviluppo e occupazione. È l’obiettivo del convegno organizzato dal Comune di Bisceglie che si terrà lunedì 18 novembre alle ore 17 al castello svevo-angioino.

Dopo i saluti di Angelantonio Angarano e Tommaso Minervini, rispettivamente Sindaci di Bisceglie e Molfetta, interverranno Cosimo Borraccino, Assessore allo sviluppo economico della Regione Puglia, e Ugo Patroni Griffi, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Basso Adriatico. Modererà Angelo Consiglio, Vicesindaco e Assessore alle politiche del territorio del Comune di Bisceglie. La Cittadinanza è invitata a partecipare.

Regione Puglia-Borraccino: Piano strategico di sviluppo delle ZES, positivo incontro a Taranto con le associazioni del territorio

Dopo la riunione di ieri con i rappresentanti del terzo settore in Fiera del Lavante a Bari per la ZES adriatica, organizzato dall’Assessorato regionale  allo Sviluppo Economico, oggi abbiamo incontrato  le associazioni del territorio jonico.

Nel corso della riunione sono intervenuti circa 35 referenti di diverse realtà associative  che hanno ben rappresentato le esigenze e le difficoltà della comunità.

Sono emersi contributi interessanti, che valuteremo, per mettere a punto Piani di  marketing  su misura per  cogliere al massimo le opportunità che offrono le due Zone Economiche Speciali interregionali pugliesi, quella jonica e quella adriatica.

L’obiettivo è  far crescere l’economia sui territori  favorendo sviluppo sostenibile e innovativo, creare nuova occupazione, attrarre nuovi  investitori.

Pensiamo che tutto ciò sia alla portata di una regione versatile come la nostra, che possiede eccezionali infrastrutture strategiche come porti ed aeroporti.

Continueremo a lavorare  in tale direzione e la partecipazione riscontrata, durante questo percorso, da parte di tutti gli  stakeholder, ci rafforza e ci fa ben sperare .

UCINA E ICE AGENZIA AL METSTRADE DI AMSTERDAM

UCINA CONFINDUSTRIA NAUTICA PRESENTE AL METSTRADE DI AMSTERDAM (19 – 21 NOVEMBRE) CON UNA COLLETTIVA DI 72 AZIENDE ITALIANE ORGANIZZATA IN COLLABORAZIONE CON ICE AGENZIA

Aprirà i battenti martedì 19 novembre il METSRADE di Amsterdam, il salone internazionale dedicato agli operatori del settore della componentistica e degli accessori per la nautica da diporto, che si concluderà il 21 novembre prossimo.

UCINA Confindustria Nautica sarà presente all’evento con una collettiva di 72 aziende italiane, organizzata in collaborazione con ICE Agenzia per il supporto e lo sviluppo delle attività di business e di networking degli operatori Italiani che esporranno i prodotti dell’eccellenza italiana sul mercato internazionale.

Saverio Cecchi, Presidente di UCINA Confindustria Nautica: “Prosegue in occasione del METSTRADE l’attività di internazionalizzazione promossa da UCINA Confindustria Nautica in partnership con ICE Agenzia. Con noi qui ad Amsterdam c’è tutta l’eccellenza del Made in Italy nel settore della componentistica e degli accessori. L’evento di Amsterdam sarà anche un nuovo momento per presentare la 60esima edizione del Salone Nautico a Genova (17-22 settembre 2020) dopo il lancio mondiale di New York lo scorso ottobre.”

UCINA Confindustria Nautica sarà sponsor dei Boat Builder Awards, legando il proprio nome a una delle otto categorie in concorso, nello specifico quella che premia l’Environmental Initiative. L’appuntamento per la proclamazione dei vincitori e la consegna degli IBI-METSTRADE Boat Builder Awards 2019 è in calendario per martedì 19 novembre, giorno di apertura del Salone.

In gara per i Boat Builder Awards 36 aziende di 15 paesi selezionate tra 82 candidature passate al vaglio di una giuria internazionale. Le aziende italiane che hanno ottenuto la nomination sono Amer Yachts per la categoria Environmental Initiative, Azimut Yachts e Riva per le iniziative di marketing e Opacmare con il cantiere Aquila per la collaborazione tra costruttori e fornitori; stessa “categoria”, ma riservata ai costruttori di superyacht, per Azimut Yachts assieme a Naviop-Simrad e per Benetti, a sua volta nominato anche per le soluzioni progettuali.

Il ruolo di protagonista a livello mondiale dell’industria nautica da diporto italiana è confermato dalla nutrita presenza dei prodotti Made in Italy tra le nomination del DAME Design Award, il riconoscimento internazionale per il migliore prodotto di design.
Sono cinque le aziende italiane che con i loro prodotti hanno ottenuto la nomination: per la categoria Deck equipment, sails and rigging Bamar, con l’innovativo avvolgiranda manuale (Boom Furling Manual Mechanism), Foresti & Suardi S.p.A, con FLATWASH, una doccia estraibile in ottone cromato, Powerplast Srl, con FUSIONE C, un nuovo materiale per vele con nano tubi di carbonio e Seares Srl, con l’innovativo ammortizzatore idraulico per ormeggi Seadamp EVO; per la categoria Machinery, propulsion, mechanical and electrical systems and fittings Marco S.p.A, con UP8-RE, una pompa elettronica reversibile. Tutti i prodotti che hanno ottenuto la nomination saranno esposti in una galleria dedicata.

UCINA Confindustria Nautica riconferma il suo ruolo di primo piano all’interno di ICOMIA – International Council of Marine Industry Associations e prenderà parte a numerosi meeting tecnici e working group di confronto a livello internazionale.

L’organizzazione della collettiva di aziende per il METS di Amsterdam chiude l’attività di promozione internazionale di UCINA Confindustria Nautica e ICE Agenzia per il 2019, che riprenderà inizio 2020 con una presenza istituzionale al BOOT di Düsseldorf (18 – 26 gennaio 2020).

AdSP MTS: Sulla via della digitalizzazione

I porti dell’Alto Tirreno fanno un passo in avanti sulla via della digitalizzazione delle procedure doganali, grazie al protocollo di intesa firmato nei giorni scorsi a Roma tra l’Agenzia delle Dogane e dei Monopolii e l’Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale.

Il Direttore generale dell’Agenzia, Benedetto Mineo, e il presidente dell’Autorità di Livorno Corsini hanno convenuto sulla bontà del progetto e sulla necessità di migliorare la digitalizzazione dei porti nel più breve tempo possibile (entro due anni). e si impegnano a realizzare gli interventi necessari per raggiungere tale traguardo.

Il programma dell’intesa prevede progetti per favorire l’automatizzazione delle procedure di ingresso/uscita dai varchi portuali e di imbarco/sbarco connesse all’import/export delle merci di rilevanza doganale, nonché le procedure di pagamento delle tasse portuali e di tracciamento dello stato doganale della merce.

L’accordo prevede anche lo studio e lo sviluppo di ulteriori soluzioni innovative per l’ottimizzazione della catena logistica relativamente agli aspetti di competenza doganale e portuale.

Le attività progettuali si svolgeranno in base al Documento di progettazione preliminare e al Piano di lavoro approvati dalle Parti.

Con la firma di ieri si estende ulteriormente la copertura territoriale del “cantiere” per la digitalizzazione nei porti e si arricchisce di nuovi interventi il portafoglio dei progetti da attuare.

Entro venti giorni dalla sottoscrizione del protocollo, che ha durata triennale, ciascuna delle parti costituirà un proprio team di progetto e nominerà un proprio referente, che avrà il compito di coordinare le attività dei team e monitorare lo stato di avanzamento delle attività e i relativi costi.

«Riteniamo che i nostri scali portuali siano un test-bed naturale per lo sviluppo di soluzioni mirate all’ottimizzazione del ciclo portuale, logistico e doganale delle merci» ha dichiarato il presidente dell’AdSP, Stefano Corsini a margine della firma.

«L’AdSP del Mar Tirreno Settentrionale si propone già da tempo come modello per l’integrazione nei sistemi informativi portuali di tecnologie standard ICT» ha proseguito Corsini, che ha aggiunto: «Con l’Agenzia della Dogane intendiamo fare passi in avanti sulla via della digitalizzazione e allinearci ai maggiori porti del mondo in materia di pre-clearing, dematerializzazione, e velocizzazione delle operazioni di ingresso/uscita delle merci dal compound portuale. L’obiettivo è quello di riuscire a efficientare ulteriormente il transit-time delle merci».

Regione Calabria-Logistica sostenibile: il prof. Russo è intervenuto a Rimini

Il Vicepresidente ha illustrato i progetti di City Logistics sostenibile per i comuni della Regione Calabria

Con l’Accordo di Parigi, sottoscritto nel 2015, gli stati membri della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici hanno definito un piano d’azione globale con cui si sono impegnati a contrastare il riscaldamento globale riducendo sensibilmente le emissioni di CO2. A partire dal 2020 l’obiettivo è limitare i rischi e gli effetti dei cambiamenti climatici.

La recente decisione degli Stati Uniti di uscire dall’Accordo potrebbe avere serie conseguenze sulle condizioni climatiche della Terra, considerato che il riscaldamento globale si sta già verificando e ogni anno perso per contrastarlo fa aumentare il rischio di produrre effetti irreversibili sul clima e sull’uomo a livello mondiale. CNR-IIA, Mobilitaria 2019 e Kyoto Club hanno organizzato il 6 novembre scorso un incontro sul tema Logistica merci: i progetti per la logistica smart in Italia. Il Convegno si è svolto a Rimini nell’ambito dell’importante appuntamento nazionale di Ecomondo. CNR-IIA, Mobilitaria 2019 e Kyoto Club sono da sempre impegnati sulle tematiche ambientali e del clima, per la riduzione dell’inquinamento, la tutela della salute dei cittadini e il rispetto del territorio.

All’incontro sono stati invitati a partecipare e portare il proprio contributo i rappresentanti di alcuni grandi comuni, di città metropolitane e regioni italiane, impegnati fortemente nelle politiche ambientali. Dopo l’introduzione di Francesco Petracchini, ricercatore del CNR, sono stati presentati i primi risultati del protocollo di intesa per la logistica Smart (CNR-Albo Nazionale autotrasportatori), da Laura Tomasetti, ricercatrice del CNR. Gianni Silvestrini, Direttore scientifico di Kyoto Club, ha trattato alcuni temi relativi al ruolo della tecnologia per la logistica del futuro. Quindi è intervenuto Paolo Fazzini del CNR-IIA di Rende che ha presentato le possibilità di uso dell’intelligenza artificiale per il controllo dei semafori urbani.

Nella seconda sessione sono intervenuti i rappresentanti delle città e delle regioni che stanno operando in modo sistematico e qualificato sulla distribuzione urbana delle merci. La prima presentazione relativa alle azioni previste per la consegna delle merci nel PUMS Metropolitano, è stata di Andrea Bardi, direttore generale dell’istituto sui trasporti e la logistica della regione Emilia Romagna, e di Laura Dell’Erba delle città metropolitana di Bologna. Quindi è intervenuto Matteo Campora, Assessore ai Trasporti, Mobilità integrata, ambiente del Comune di Genova, cui ha fatto seguito l’intervento di Stefan Guerra referente del progetto LifeAspire del Comune di Lucca.

La sessione è stata conclusa dalla Regione Calabria. Federica Fregato per l’interporto di Padova, ha presentato le buone pratiche della logistica sulla distribuzione delle merci-interporti. Il confronto conclusivo sul tema Innovazioni tecnologiche per il sistema di distribuzione delle merci del futuro è stato tra Anna Donati, coordinatrice del gruppo di lavoro “Mobilità sostenibile” del Kyoto Club e Massimiliano Delbianco, Project manager DHL Express Italy. Per la Regione Calabria è intervenuto il prof. Francesco Russo, Assessore alla Logistica e alla Programmazione e Vice Presidente Regione Calabria. Il prof. Russo ha illustrato I progetti di City Logistics sostenibile per i comuni della Regione Calabria. La City Logistics è una delle 100 misure del Piano Regionale dei Trasporti, approvato nel 2016, dotato di VAS e valutato positivamente dalla Commissione Europea.

La misura specifica è inserita nel quadro dell’azione per le aree urbane e definisce gli interventi per l’ottimizzazione della distribuzione delle merci nelle città. Gli interventi sono finalizzati al raggiungimento dell’obiettivo ambizioso europeo del Libro Bianco dei Trasporti di realizzare una logistica urbana a zero emissioni di CO2 entro il 2030, e sono coerenti con gli indirizzi delle politiche ambientali a livello mondiale finalizzate alla decarbonizzazione. La Calabria è in questo momento tra le prime Regioni Europee per misure poste in campo per il perseguimento dell’obiettivo. La Regione Calabria per la City Logistics ha realizzato un percorso in 4 step che va dalla pianificazione degli interventi, alla programmazione, alla realizzazione ed alla gestione.

I primi 3 step sono di competenza della Regione che, a valle del Piano Regionale dei Trasporti, ha approvato un Programma di Attuazione per la City Logistics (DGR 391/2017) ed ha avviato la realizzazione degli interventi con la pubblicazione di 2 Avvisi pubblici rivolti a tutti i Comuni per la concessione di contributi ai fini della realizzazione di progetti di logistica urbana. Il primo Avviso è stato pubblicato a settembre 2018 ed ha permesso di finanziare i 3 progetti ammissibili presentati. Nello specifico sono stati finanziati i progetti di: Vibo, Rende e Reggio. Gli interventi finanziati sono relativi alla regolamentazione dell’offerta, alla realizzazione di centri di scambio (CDU e NDA), all’impiego di ICT e ITS ed all’acquisto di veicoli a basso impatto ambientale. Il secondo Avviso è aperto e le proposte possono essere inviate entro il 29 novembre a: portale.regione.calabria.it/website/portaltemplates/view/view_bando.cfm?2998

La Regione ha messo a disposizione dei Comuni un gruppo di lavoro che fornisce assistenza tecnica frontale ogni martedì dietro richiesta alla casella logisticaurbana@regione.calabria.it. Il 18 Novembre si svolgerà un seminario tecnico scientifico a Vibo sulla city logistics. Nel percorso realizzato dalla Regione, la partecipazione e la condivisione sono stati gli elementi che hanno consentito di ottenere il risultato con il coinvolgimento attivo dei soggetti interessati, come enti pubblici, associazionismo, università. Programma di attuazione e Avvisi pubblici sono, infatti, il prodotto del confronto e dei contributi pervenuti dai soggetti coinvolti nei numerosi incontri organizzati per la City Logistics della Calabria.

Il prof. Russo ha evidenziato come la City Logistics sia uno strumento efficace per contenere gli impatti da traffico sull’ambiente urbano, e come possa permettere di aumentare la vivibilità dei centri e ridurre i costi per gli operatori del commercio e della distribuzione. Ha evidenziato infine che la City Logistics della Calabria, ad oggi a valere su fondi PAC, guarda già alla nuova programmazione comunitaria ‘21-’27 essendo coerente con l’Obiettivo 2 Europa più green.

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab