MSC CROCIERE AUMENTA PASSEGGERI A PALERMO, 256 MILA NEL 2020

ARRIVA OGGI PER LA PRIMA VOLTA L’AMMIRAGLIA MSC SEAVIEW, LA NAVE PIÙ GRANDE E TECNOLOGICAMENTE AVANZATA MAI COSTRUITA IN ITALIA

-Cerimonia di benvenuto alla presenza di numerose istituzioni e autorità, tra cui il Vice Sindaco Fabio Giambrone, il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Pasqualino Monti, il Comandante della Capitaneria di Porto, l’Ammiraglio Roberto Isidori, il Comandante della Polizia Municipale Vincenzo Messina, i rappresentanti della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri, il Presidente della Camera di Commercio Alessandro Albanese, il Capo dei Piloti Sebastiano Bartolotta, il Presidente degli Ormeggiatori Giovanni D’Angelo, Patrizia Abbate dell’Agenzia delle Dogane e Antonino Rubino della Sanità Marittima

-Beppe Lupelli, Area Manager di MSC Crociere: “Orgogliosi di incrementare il nostro traffico su Palermo, città di primaria importanza turistico-crocieristica, portando nello scalo siciliano la nostra ammiraglia, che è anche la nave più grande e tecnologicamente evoluta mai costruita in Italia”

-MSC Seaview è dotata delle più avanzate tecnologie ambientali e delle certificazioni internazionali più importanti, tra cui il riconoscimento “Green Star 3 Design” del RINA

Palermo- MSC Seaview, la nave più grande e tecnologicamente avanzata mai costruita in Italia, arriva oggi per la prima volta a Palermo. Nello scalo siciliano, durante la stagione 2020, MSC Crociere aumenterà sia le toccate (da 51 a 54) sia il traffico passeggeri, destinato a raggiungere quota 256 mila turisti movimentati, rispetto ai 248 mila di quest’anno: numeri che confermano la centralità rivestita dal porto palermitano, e dalla Sicilia intera, nelle strategie di crescita della compagnia crocieristica leader in Italia, Mediterraneo, Sud America, Sud Africa e paesi del Golfo.

Per celebrare il primo attracco di MSC Seaview, varata nel 2018 da una madrina d’eccezione come Sophia Loren, è stata organizzata a bordo della nave la tradizionale cerimonia del “Maiden Call”. Alla presenza del top management di MSC Crociere e di Salvatore Lo Re, Direttore Generale di MSC Sicilia, hanno scambiato il crest con il Comandante della nave, Giuseppe Galano, le principali istituzioni e autorità, tra cui il Vice Sindaco Fabio Giambrone, il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Pasqualino Monti, il Comandante della Capitaneria di Porto, l’Ammiraglio Roberto Isidori, il Comandante della Polizia Municipale Vincenzo Messina, i rappresentanti della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri, il Presidente della Camera di Commercio Alessandro Albanese, il Capo dei Piloti Sebastiano Bartolotta, il Presidente degli Ormeggiatori Giovanni D’Angelo, Patrizia Abbate dell’Agenzia delle Dogane e Antonino Rubino della Sanità Marittima.

Beppe Lupelli, Area Manager di MSC Crociere, ha dichiarato: “Siamo particolarmente orgogliosi di portare a Palermo la nostra ammiraglia, che è anche la nave più grande e tecnologicamente evoluta mai costruita in Italia, dotata delle tecnologie ambientali più avanzate. Il capoluogo siciliano rappresenta una destinazione crocieristica di primaria importanza e dalle notevoli potenzialità, grazie alle numerose attrazioni turistiche e culturali che possiede e ai molteplici incantevoli luoghi che circondano la città. In quest’ottica MSC Crociere ha deciso di incrementare il proprio traffico su Palermo, che nel 2020 registrerà una movimentazione pari a circa 256 mila crocieristi, grazie a 54 scali delle nostre navi”.

Grazie al suo design iconico e innovativo, MSC Seaview offre un’esperienza di vacanza in forte simbiosi con il mare, particolarmente adatta a chi ami navigare le acque temperate. La nave segna un punto di svolta nell’architettura navale contemporanea, offrendo grandi spazi all’aperto e una promenade esterna che la abbraccia per intero, garantendo agli ospiti l’esperienza unica di vivere la vacanza sempre a contatto con la realtà marina. La realizzazione di MSC Seaview ha richiesto un investimento pari a circa 800 milioni di euro.

Con una stazza lorda superiore a 153 mila tonnellate e una lunghezza di 323 metri, MSC Seaview è la nave più grande e tecnologicamente avanzata ad essere mai stata progettata e costruita in Italia. Per la sua realizzazione sono state impiegate oltre 10.000 maestranze specializzate, per un totale di oltre 10 milioni di ore/uomo. MSC Seaview è entrata in servizio a giugno del 2018, come quindicesima nave della flotta di MSC Crociere, nell’ambito di un piano di investimenti da 13,6 miliardi di euro che prevede il raggiungimento di 29 unità entro il 2027, anno in cui la capacità del gruppo crocieristico raggiungerà quota 5,5 milioni di passeggeri.

MSC Seaview sarà una delle navi più innovative a solcare i mari anche per quanto riguarda la tecnologia ambientale presente a bordo. La nave rispetta infatti i più elevati standard ambientali internazionali e raggiunge i massimi livelli di eco-compatibilità grazie alle innovative misure che contribuiscono a ridurne in maniera significativa l’impatto ambientale complessivo. Queste misure includono, ad esempio, il sistema di depurazione dei gas di scarico, il trattamento avanzato delle acque reflue, i sistemi per la prevenzione dello scarico dell’olio dai locali macchine, il sistema di trattamento delle acque di zavorra e il piano di gestione ambientale generale della nave. Per questa attenzione dedicata all’ambiente, MSC Seaview è stata certificata con i più alti standard internazionali nonché con il riconoscimento “Green Star 3 Design” del RINA.

Di seguito, alcune importanti innovazioni tecnologiche e ambientali di MSC Seaview. Scafo efficiente dal punto di vista energetico e del design complessivo. MSC Seaview è la seconda nave della classe Seaside a entrare in servizio. Per sviluppare il progetto Seaside, MSC Crociere ha interamente ridefinito il design dello scafo e ha ripensato la distribuzione complessiva della coperta, nonché la distribuzione dei pesi. Il design complessivo della nave, lo scafo, il timone e la prua a bulbo sono configurati per raggiungere un’idrodinamica e un’aerodinamica ottimali e per massimizzare l’efficienza energetica e del carburante.

Sistema di pulizia del gas di scarico (EGCS) per ridurre al minimo le emissioni di zolfo e di sostanze particolari. Un sistema di EGCS rimuove fino al 97,1% del diossido di zolfo e riduce notevolmente il particolato. Per soddisfare i più elevati standard ambientali e supportare gli obiettivi ambientali dell’azienda, tutte le navi MSC Crociere di nuova generazione entrano in servizio già dotate di un EGCS. Le navi della flotta esistente verranno inoltre anch’esse dotate della tecnologia EGCS. Il sistema installato su MSC Seaview, in particolare, è stato sviluppato da Wartsilä.

Alimentazione della nave da terra. MSC Seaview, come tutte le navi MSC Crociere entrate in servizio a partire dal 2017, è già equipaggiata per ricevere energia da terra grazie al cosiddetto “cold ironing”, un sistema che collega la navi da crociera alla rete elettrica locale mentre sono ormeggiate in banchina. Inoltre, le navi MSC Crociere consegnate a partire dal 2006 (classe Fantasia e classe Musica) sono equipaggiate con un box adatto a collegarle agli interruttori dedicati alla connessione a terra. MSC Crociere sta già equipaggiando le sue navi con questa tecnologia che contribuisce a ridurre le emissioni nelle aree portuali. Sistema di trattamento dell’acqua di zavorra/scarico.

Per proteggere l’ecosistema marino in cui naviga, MSC Seaview è dotata di un sistema di trattamento delle acque di zavorra conforme alle regole in materia definite dall’International Maritime Organization (IMO).  Gestione ambientale. Ogni nave MSC Crociere dispone di uno specifico piano di gestione ambientale e prevede la figura dedicata del responsabile ambientale per assicurarsi che tale piano sia costantemente monitorato e correttamente eseguito. Il rgesponsabile ambientale ha inoltre il dovere di istruire e addestrare i membri dell’equipaggio a bordo riguardo alla gestione ambientale e dei rifiuti.

Trattamento avanzato delle acque reflue. MSC Seaview è dotata di un avanzato sistema di trattamento delle acque reflue che va ben oltre gli standard normativi e soddisfa i più elevati criteri di settore. Il sistema di Wartsilä/Hamworthy tratta infatti le acque reflue ad altissima qualità e le elabora poi ulteriormente attraverso processi di filtrazione molto fini. Il prodotto finale consiste in un effluente di alta qualità che può considerarsi di livello più elevato rispetto alla maggior parte degli standard dei rifiuti urbani prodotti a terra.

La nave è dotata inoltre di un sistema elettronico che assiste l’intero processo nel pieno rispetto di tutte normative ambientali nazionali e internazionali.  Assistenza all’assetto della nave. MSC Seaview è dotata di un’applicazione software per monitorare e ottimizzare l’assetto in tempo reale. Questa tecnologia supporta gli ufficiali di bordo per mantenere il trim della nave ottimizzato per ridurre il consumo di carburante e migliorare le prestazioni.  Illuminazione a LED a risparmio energetico. MSC Seaview e le altre navi di MSC Crociere utilizzano solo luci a LED e fluorescenti.

Sistema intelligente di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria (HVAC). Riscaldamento e aria condizionata rappresentano una delle fonti di consumo energetico più importanti di una nave da crociera, ma il sistema di bordo MSC Seaview è progettato in maniera tale da ridurre sensibilmente i consumi. Distribuisce infatti in modo intelligente aria calda e fredda ed è pensato per recuperare, ad esempio, il calore sviluppato dalla lavanderia per riscaldare le piscine e le altre parti della nave.

Crescono nel terzo trimestre del 2019 i traffici dei porti campani

Mentre aumentano fortemente i passeggeri delle crociere, l’unico settore in controtendenza è quello dei veicoli commerciali

Nei primi tre trimestri del 2019, rispetto all’analogo periodo del 2018, i porti della Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Centrale registrano un andamento positivo sostanzialmente in tutti i segmenti di mercato.

Nel settore delle crociere i passeggeri crescono del 29%, con il 30,1% a Napoli ed il 14,7% a Salerno. Il traffico passeggeri locali e traghetti aumenta del 3,2%, con una punta per i viaggi di corto raggio da e verso le isole del Golfo (+3,6%).

Nel settore dei containers complessivamente si registra un incremento del 7,3%, con una dinamica di segno opposto tra il porto di Napoli, che cresce in termini di Teus del 21,6%, ed il porto di Salerno, che registra una contrazione delle Teus movimentate pari al 10%.

Il traffico delle rinfuse liquide si incrementa del 2,9%, mentre le rinfuse solide aumentano del 2,4. Aumenta anche la movimentazione nel segmento Ro-Ro, con una crescita del 5,4%, particolarmente accentuata a Salerno. L’unico segmento che registra un forte calo, peraltro connesso alle dinamiche recessive del settore, è il traffico dei veicoli commerciali, con una contrazione, rispetto al terzo trimestre del 2018, pari al 29,3%.

Callari, verso testo unico per gestione marine del Friuli Venezia Giulia

Udine- “La complessità della gestione amministrativa delle concessioni delle marine per la nautica da diporto richiede un intervento normativo unitario e una semplificazione delle procedure per limitare gli aggravi burocratici che mettono a rischio l’imprenditorialità del settore”.

Questo il concetto espresso oggi a Udine dall’assessore al Patrimonio del Friuli Venezia Giulia, Sebastiano Callari, al termine dell’incontro con la rappresentanza di Assonautica guidata dal presidente Mario Ordiner ed a cui ha preso parte anche il consigliere regionale Mauro Bordin.

Il nodo centrale al tavolo di confronto è stato la proroga delle concessioni demaniali delle marine della regione, quasi tutte in scadenza entro il 2020.

“Il tema è stato posto all’attenzione del ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, durante la sua visita di ieri in regione – ha rassicurato Callari – e abbiamo ottenuto dal Governo la conferma di una disponibilità a valutare la possibilità di concedere una proroga quindicennale delle concessioni, come già fatto per le spiagge”.

“Di certo – ha precisato l’assessore – questa è la proposta che verrà formulata nella prossima Conferenza Stato-Regioni del 28 novembre poiché esprime la posizione unanime emersa dalla Conferenza delle Regioni su un tema che è sentito a livello nazionale”.

Un’apertura su cui Assonautica confida molto e che potrà trovare una prima soddisfazione, entro i limiti di competenza regionale, nel testo unico che Callari intende proporre coinvolgendo le varie direzioni centrali interessate al tema della nautica da diporto.

L’obiettivo indicato da Callari “è giungere innanzitutto a una normativa omogenea, uniformando e raccogliendo in un testo unico la disciplina delle concessioni sul demanio marittimo e sul demanio idrico. Tutto ciò nel rispetto della normativa comunitaria su trasparenza e pubblicità delle procedure di assegnazione delle concessioni”.

Con un rapporto tra impresa e indotto di 1 a 7 (per ciascun dipendente diretto si creano 7 posti di lavoro nell’indotto), secondo Assonautica questo è uno dei settori con maggiori possibilità di crescita in Friuli Venezia Giulia, forte di una filiera unitaria che raccoglie sotto il marchio di rete Fvg Marinas il 95 per cento delle associazioni nautiche regionali.

Numeri con cui Assonautica confida di poter sviluppare progetti di valorizzazione turistica in sinergia con la Regione, a partire dal completamento dell’infrastrutturazione della Litoranea veneta nel tratto tra Bevazzana ed Aquileia, fino a un piano di intermodalità che metta in connessione le ciclovie regionali dell’entroterra con il trasporto su acqua in Laguna.

“Sono tutti progetti di grande interesse per lo sviluppo economico e turistico della Regione” ha confermato Callari, il quale non ha escluso che una parte dei provvedimenti di sburocratizzazione del settore possano essere inseriti già nel disegno di legge SemplificaFvg che arriverà in aula a gennaio. ARC/SSA/fc

Foto: ARC

A Brindisi il corso “Yachting and Tourism services management”: La sfida occupazionale arriva dal mare

L’offerta formativa incontra la domanda occupazionale. Ed è l’ITS Turismo Puglia a rispondere attraverso l’avvio a Brindisi del corso “Yachting and Tourism services management” valido per il biennio accademico 2019-2021. Si tratta di un percorso altamente specializzato che mette nelle condizioni di acquisire competenze nel settore dell’ospitalità a bordo di grandi navi da crociera e, più in generale, nell’ambito della ricettività e dei servizi turistici.

Il percorso formativo è particolarmente appetibile se si considerano i dati dei flussi turistici in Italia, con specifico riferimento agli oltre 11 milioni di passeggeri in transito attraverso le crociere. Un’occasione di crescita dunque concreta che permetterà di conseguire nozioni ed esperienza nell’affascinante mondo del cruise management. Accoglienza, informazione, entertainment, gestione della clientela e dei molteplici reparti collegati all’erogazione dei servizi. Non solo. Sarà possibile acquisire competenze anche nelle strategie di valorizzazione delle risorse legate al mare, della Blue Economy, dei collegamenti tra compagnie e territorio. E ancora formazione outdoor, laboratori pratici con software specialistici, visite e project work in azienda, workshop e seminari di approfondimento.

Il corso si rivolge a 25 giovani e adulti, anche occupati, in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore e/o della Laurea. Previste selezioni di accesso con test, prove tecniche e colloqui. È possibile consultare il bando e iscriversi attraverso il sito www.itsturismopuglia.gov.it. Due annualità per un totale di 2000 ore: 880 di stage in aziende del settore in Italia e all’estero e 1220 di formazione in contesti diversificati di apprendimento.

Al termine del percorso i partecipanti avranno conseguito il Diploma di Tecnico Superiore, 5° Livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, rilasciato dal Miur e valido in Italia, nell’ambito della Comunità Europea e per l’accesso ai concorsi pubblici. Il corso consente anche l’acquisizione di crediti formativi.

Conosci, scegli, costruisci il tuo futuro.” È con questo obiettivo che l’Istituto Tecnico Superiore per l’Industria dell’ospitalità e del Turismo allargato ha costruito il corso, strutturandolo sulla base della piena valorizzazione delle risorse legate al mare ma anche delle prospettive di crescita del fenomeno turistico. A rafforzare la proposta ci sono anche le importanti partnership che rappresentano uno degli aspetti di maggior interesse: Costa Crociere, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e Guardia Costiera di Brindisi.

FEDERBALNEARI FVG E SINDACATO BALNEARI FVG: SOSPENSIONE DEI CANONI 2020 FINO AL RISTORO DEI DANNI ALLE STRUTTURE E ALLE ATTREZZATURE GIA’ SUBITI E QUELLI DELLO SPIAGGIATO CHE SI RIVERSERA’ SULL’ARENILE CON LA PIENA DEL FIUME TAGLIAMENTO DEI PROSSIMI GIORNI

Giocano d’anticipo le associazioni di categoria dei concessionari demaniali del Friuli Venezia Giulia che sono Sindacato Italiano Balneari che fa capo a Confcommercio e Federbalneari che ha come riferimento Confapi.

Pesanti i danni subiti dai concessionari balneari (e anche a quelli di porti turistici) in questi giorni per l’acqua alta eccezionale di martedì 12 novembre che unita al vento di libeccio ha asportato intere porzioni di arenile e causato danni a strutture ed attrezzature. Dal pontile che porta al faro rosso di Sabbiadoro – a cui è ormai impossibile accedere -, ai bagni del Pontile a Mare (rifatti quest’anno dopo la mareggiata di fine ottobre 2018), dagli impianti elettrici del Kursaal fino alle vasche idromassaggio posizionate a sinistra della Terrazza a Mare a Sabbiadoro, dalla rampa del passo barca Lignano – Bibione al ristorante la Vecchia finanza di Riviera.

E il bello deve ancora venire, anzi il brutto.

La piena del fiume Tagliamento riverserà nei prossimi giorni grandi quantità di detriti, tronchi, ramaglie ed altro materiale sulla spiaggia, che andrà subito rimosso dall’arenile prima che il vento di Bora (che di solito segue di pochi giorni lo Scirocco) sotterri il materiale e ne renda difficile e molto costosa l’asportazione: per poter avere un arenile pulito per la stagione 2020, bisogna intervenire subito. L’asportazione e lo smaltimento di grandi quantità di spiaggiato sarà un onere notevole a carico dei concessionari demaniali. Altro problema creato dalla piena del fiume sarà per i porti turistici: il sedimento depositato sul fondo dello specchio acqueo andrà rimosso per garantire un adeguato pescaggio delle imbarcazioni. La procedura per ottenere le autorizzazioni è lunga, laboriosa e costosa, comprende carotaggi, analisi, relazioni di compatibilità, ecc., costi che vanno ad aggiungersi a quelli dei mezzi d’opera che eseguono l’escavo.

Altri danni a strutture ed attrezzature saranno misurabili solo quando termineranno le mareggiate in corso.

Per questo le due associazioni di categoria dei concessionari demaniali presenti in Regione Friuli Venezia Giulia fanno una proposta: spostare il pagamento dei canoni 2020 alla data in cui i concessionari saranno ristorati dai danni e comunque entro 5 anni. La proposta è motivata dai tempi lunghi delle procedure per ottenere il ristoro dei danni; quelli dell’ottobre –novembre 2018 non sono stati rimborsati che in minima parte. E’ una proposta molto simile al provvedimento preso dal Governo del premier Conte nella legge di bilancio 2018 la n. 145 del 30.12.2018 per i danni creati a fine ottobre-inizio novembre 2018 e che così recita: al comma 685, art. 1: “Quale misura straordinaria di tutela delle attività turistiche che hanno subito danni conseguenti agli eventi atmosferici verificatisi nei mesi di ottobre e novembre 2018, ubicate nelle regioni per le quali è stato dichiarato lo stato di emergenza con deliberazione del Consiglio dei ministri 8 novembre 2018, pubblicata snella Gazzetta Ufficiale n. 266 del 15 novembre 2018, è sospeso, quale anticipazione risarcitoria in favore delle imprese balneari, il canone demaniale fino all’avvenuta erogazione del risarcimento o comunque nel limite massimo di cinque anni”.
Visto che i canoni in Regione Friuli Venezia Giulia vengono introitati dalle Regioni, il governatore Massimiliano Fedriga può emanare una norma analoga.

Sindacato Italiano Balneari e Federbalneari invitano la Regione infine a riflettere sull’opportunità di studiare delle difese soffolte o sommerse per rompere le onde delle mareggiate di scirocco che sono le più dannose perché con un fetch notevole: il vento di Scirocco ha la stessa inclinazione del mare Adriatico e quindi le onde si caricano di forza almeno da Ancona e scaricano quanto immagazzinato sulla spiaggia asportando la sabbia.

Sindacato Italiano Balneari Friuli Venezia Giulia – Salvatore Sapienza
Federbalneari Friuli Venezia Giulia – Giorgio Ardito

NEL 2020 MSC CROCIERE PORTERÀ A CIVITAVECCHIA 560.000 TURISTI

OGGI IL PRIMO ARRIVO DI MSC BELLISSIMA, NAVE INNOVATIVA E SOSTENIBILE

v Cerimonia di benvenuto e dello scambio dei Crest alla presenza delle principali istituzioni e autorità civili e militari, tra cui i sindaci di Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Monte Romano e Tolfa e i rappresentanti di Guardia Costiera, Autorità di Sistema Portuale, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Vigili urbani, Polizia di frontiera, piloti, ormeggiatori, rimorchiatori

v Leonardo Massa, Country Manager di MSC Crociere: «Orgogliosi di portare a Civitavecchia uno dei fiori all’occhiello della nostra flotta. Nel 2020 movimenteremo in città circa 560.000 crocieristi, grazie a 117 scali che le navi della nostra flotta effettueranno in questo porto, segno della sua importanza per le strategie della nostra compagnia»

Civitavecchia– Arriva per la prima volta oggi a Civitavecchia con i suoi 5.700 passeggeri MSC Bellissima, una delle navi più moderne e tecnologicamente avanzate – anche sotto il profilo ambientale – della giovane flotta di MSC Crociere. Nel principale scalo crocieristico italiano, durante la prossima stagione 2020, la compagnia effettuerà complessivamente 117 scali, movimentando un totale di circa 560.000 passeggeri e confermando così la centralità rivestita da Civitavecchia e dal suo porto nelle strategie del gruppo crocieristico leader in Italia, Mediterraneo, Europa, Sud America, Sud Africa e Paesi del Golfo.

Per celebrare il primo attracco di MSC Bellissima è stata organizzata, a bordo della nave, la tradizionale cerimonia del «Maiden Call». Alla presenza del management di MSC Crociere, hanno scambiato il crest con il Comandante della nave, Mattia Manzi, le principali istituzioni e autorità civili e militari, tra cui il sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco, il sindaco di Santa Marinella, Pietro Tidei, il sindaco di Tarquinia, Alessandro Giulivi, il sindaco di Monte Romano, Maurizio Testa e il sindaco di Tolfa, Luigi Landi, il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Francesco Di Majo, il Comandante della Capitaneria di Porto, Capitano di Vascello Vincenzo Leone, il Colonnello Armando Franza, Comandante del Reparto Aeronavale della Guardia di Finanza, il Tenente Colonnello Claudio Maria Sciarretta, Comandante del Gruppo di Civitavecchia della Guardia di Finanza, il Direttore delle Dogane, Luca Turchi, il Comandante dei Vigili Urbani Ivano Berti, la Responsabile della Polizia di Frontiera Lorenza Ripamonti, il Capo Distaccamento dei Vigili del Fuoco Cosimo Argentieri, il Capo Pilota di Civitavecchia, Michele Scotto Lavina, il Presidente dei Rimorchiatori Laziali Alessandro Russo, Presidente del Gruppo Ormeggiatori Angelo Bonomo, il Presidente dell’Agenzia Marittima Bellettieri Massimo Soppelsa.

“Siamo particolarmente orgogliosi di portare a Civitavecchia uno dei fiori all’occhiello della nostra flotta, a testimonianza della centralità rivestita dallo scalo laziale nella strategia di crescita di MSC Crociere”, ha spiegato il Country Manager Leonardo Massa. “Civitavecchia non rappresenta, infatti, solo la porta di ingresso per la Capitale, ma è anche una meta turistica di prim’ordine, grazie a un territorio ricco di siti archeologici, culturali e naturali da non perdere”.

Come le altre navi di MSC Crociere, anche MSC Bellissima ha contribuito a innalzare gli standard dell’ingegneria e del design navale. A testimonianza dell’impegno della Compagnia per la tutela dell’ambiente, la nave è dotata delle tecnologie ambientali più innovative attualmente disponibili, tra cui un sistema all’avanguardia per la depurazione dei gas di scarico, un impianto avanzato per il trattamento delle acque reflue, sistemi che evitano lo sversamento di carburante dalle sale macchine, un sistema di trattamento delle acque di sentina e una serie di soluzioni per il risparmio energetico, dai sistemi di recupero del calore all’illuminazione a LED.

Approdata a Genova la nuova nave da crociera Sky Princess

La nuova nave da crociera Sky Princess, della compagnia Princess Cruises, questa mattina ha attraccato per la prima volta nel porto di Genova, a Stazioni Marittime, da cui proseguirà la sua inaugural season nel Mediterraneo in attesa di trasferirsi nei Caraibi.

La Sky Princess, costruita da Fincantieri, misura 140.000 tonnellate di stazza e 330 metri di lunghezza, e può trasportare fino a 4.250 passeggeri.

Grazie al lavoro svolto dalla Cemar Agency Network, la Princess Cruises del gruppo Carnival, diventa la terza compagnia presente nel porto di Genova che, secondo le previsioni, nel 2021 arriverà a movimentare 55.000 passeggeri all’anno con l’arrivo della nuova ammiraglia Enchantment Princess.

La scelta di Princess Cruises è un’ulteriore conferma della centralità del porto di Genova nel panorama crocieristico del Mar Mediterraneo.

A bordo della Sky Princess, affiancata da un’altra unità della flotta, la Pacific, si è svolta la Crest Cerimony, con il tradizionale scambio di crest tra il Comandante della nave Heikki Laakkonen e le Autorità Locali.

Missione in Qatar per i porti dell’Alto Tirreno

Missione a Doha per il Presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno Settentrionale , Stefano Corsini, che ha partecipato alla Qatar Silk Road Exhibition 2019, prima edizione della manifestazione internazionale qatarina del settore. La presenza del nostro Paese è organizzata dall’ICE in collaborazione con Invitalia.

La fiera si svolge dal 3 al 5 novembre 2019 presso il centro espositivo DECC – Doha Exhibition & Convention Centre. La partecipazione italiana riunisce Assoporti e UIR, le associazioni rappresentative dei principali Porti ed Interporti italiani.

Gia nel primo giorno della iniziativa, Corsini ha incontrato diversi player locali del settore della logistica interessati alle opportunità offerte dal sistema degli scali dell’Alto Tirreno, anche alla luce dei progetti infrastrutturali in via di definizione a Livorno e Piombino. La serata si è conclusa presso la residenza dell’Ambasciatore italiano in Qatar, Pasquale Salzano.

“Il Qatar – ha dichiarato Corsini – ha molte previsioni di sviluppo commerciale e produttivo, ma soprattutto ha un legame istintivo con l’Italia. Quella cui stiamo partecipando è la prima fiera annuale in tema di trasporti marittimi e logistica nel Paese, e la collaborazione con ICE e Invitalia ci ha consentito di presentare al meglio i punti di forza del paese. Sono onorato di poter partecipare a un evento di questo respiro in rappresentanza, con il collega Musolino, del sistema Italia”.

2021: TUTTI A BORDO DI ROYAL CARIBBEAN, DESTINAZIONE ALASKA

Il ritorno di Ovation, Radiance e Serenade of the Seas nel Pacifico nordoccidentale

Milano– Royal Caribbean International anticipa le numerose ed emozionanti crociere per la stagione 2021-2022 in Alaska, l’ultima frontiera, che offre panorami e scorci naturali unici al mondo. Per il secondo anno consecutivo, Royal Caribbean schiera ben tre navi della sua flotta in Alaska per l’estate 2021, Ovation, Radiance e Serenade of the Seas, proponendo diversi itinerari in partenza da Seattle, Vancouver, British Columbia e Seward, Alaska. A bordo gli ospiti potranno provare l’inedita formula di camere spa firmata dalla compagnia.
Le prenotazioni delle crociere in Alaska nel 2021 sono già aperte.

Ovation sarà la nave più grande a navigare nella regione. La nave di Classe Quantum offrirà una serie di crociere di 7 notti di andata e ritorno da Seattle, includendo importanti scali come Juneau, la capitale dell’Alaska e Skagway.
Radiance proporrà crociere “open-jaw” di 7 notti tra Seward e Vancouver, offrendo agli ospiti vedute spettacolari, dal Ghiacciaio Hubbard all’Inside Passage.
Serenade offrirà itinerari andata e ritorno di 7 notti in partenza da Vancouver, Canada, che includono anche Ketchikan in Alaska e la navigazione attraverso il fiordo Tracy Arm.

Prima di avventurarsi in Alaska, Serenade e Radiance faranno island hopping alle isole Hawaii, con scalo a Kailua, Hilo e Lahaina. Le crociere di 10 notti a bordo di Radiance – da Honolulu, Hawaii o da Vancouver – offriranno un pernottamento a Lahaina, mentre quelle di 11 notti su Serenade in partenza da Honolulu, una notte in questa remota area.

Su tutte e tre le navi debuttano le camere spa di Royal Caribbean. La nuova linea di camere con balcone offriranno il meritato relax agli ospiti e una vasta gamma di servizi e vantaggi, tra cui priorità per le prenotazioni di trattamenti spa, biancheria da letto e prodotti da bagno di lusso, arredi in toni lievi, tè, acqua, caffè e quotidiano in camera e imbarco prioritario.

L’ultima frontiera secondo Ovation of the Seas
Ovation ritorna in Alaska per il terzo anno consecutivo, offrendo avventure senza precedenti sullo sfondo incomparabile di spettacolari paesaggi. Sia sulla North Star (la capsula di vetro che si alza a 90 metri di altezza sul livello del mare) sia dal simulatore di caduta libera RipCord by iFly, sarà possibile osservare panorami unici al mondo, fiordi ricchi di fauna selvatica e lo scenario unico dell’Inside Passage. Il tutto sempre da bordo. Gli itinerari di 7 notti da Seattle toccheranno il meglio della regione, tra cui Skagway, per ripercorrere la storica Corsa dell’Oro del Klondike, visitare un deposito ferroviario del XIX secolo restaurato e, a Juneau, fare sleddog sul ghiacciaio Mendenhall o camminare per gli antichi sentieri delle miniere.

E dopo una giornata di escursioni, a bordo ci si può dedicare alle tante attività uniche che si trovano a bordo: dal simulatore di surf, FlowRider a quello che offre la sensazione di volare, RipCord by iFly, al SeaPlex, il più grande e rivoluzionario spazio per attività indoor sul mare, con scuola di trapezio, un campo da basket a grandezza naturale, una pista di pattinaggio e una pista per autoscontro. E poi c’è la Vitality Spa, con piscine al coperto e all’aperto, per ammirare il paesaggio in prima fila. L’offerta gastronomica spazia tra Chops Grille, Izumi o cucina italiana di Jamie’s. Per concludere la giornata con uno dei pluripremiati show, produzioni originali firmate Royal Caribbean. Con spettacolo assicurato!

Radiance e Serenade torneranno a navigare ancora una volta nella natura incontaminata.
Radiance offrirà itinerari di 7 notti alternando tra direzione sud e nord tra Vancouver e Seward, toccando luoghi iconici come Icy Strait Point, Sitka e Skagway, attraversando l’Inside Passage e passando accanto al Ghiacciaio Hubbard.

Gli ospiti a bordo di Radiance potranno prolungare il loro soggiorno prima o dopo la crociera con un pacchetto di viaggio Cruisetour, da 3 fino a 7 notti, con visite al Parco Nazionale e Riserva di Denali con esperti accompagnatori locali, escursione al Ghiacciaio Exit, praticare kayak sul Lago Eklutna, pedalate in bicicletta e molto altro.

Serenade ritorna per la seconda estate in Alaska, offrendo crociere andata/ritorno di 7 notti da Vancouver per Ketchikan, porta di ingresso per i suggestivi paesaggi marini del Fiordo Tracy Arm, Skagway, Sitka e Juneau. Le attività a terra sono davvero uniche: dalle slitte trainate dai cani a Skagway a un giro in elicottero con vista su monti e ghiacciai nelle vicinanze di Juneau.

Per non perdere nemmeno un dettaglio del paesaggio, Radiance e Serenade of the Seas dispongono di ascensori in vetro rivolti verso l’oceano e ampie vetrate a tutta parete. Pareti di arrampicata libera a 12 metri di altezza, cinema a bordo piscina e sotto le stelle e tanti golosi ristoranti tra i favoriti di sempre degli ospiti Royal Caribbean.

BATTEZZATA AD AMBURGO MSC GRANDIOSA, LA NUOVA AMMIRAGLIA PRONTA AD ARRIVARE IN ITALIA

·  MSC Grandiosa è dotata delle più avanzate tecnologie ambientali oggi disponibili

·  Madrina d’eccezione Sophia Loren, con Michelle Hunziker presentatrice della cerimonia che ha visto la presenza di numerose star internazionali

Amburgo – Sarà battezzata, oggi ad Amburgo, MSC Grandiosa, la nuova ammiraglia di MSC Crociere, nave dotata delle più avanzate tecnologie ambientali disponibili al mondo, in grado di stabilire nuovi standard nel campo dell’ecologia e della sostenibilità marittime. Dopo il battesimo, che ha avuto come madrina d’eccezione Sophia Loren, MSC Grandiosa è ora pronta a salpare verso l’Italia, dove sarà impegnata per l’intera stagione 2020 in crociere settimanali in partenza dai principali porti della Penisola.

La nuova ammiraglia di MSC Crociere, in grado di ospitare oltre 6.300 crocieristi, è stata festeggiata nella città anseatica nel corso di una serata di gala, presentata da Michelle Hunziker, che ha visto la partecipazione di numerose star internazionali. Particolarmente ricercato l’aspetto culinario dell’evento, curato da uno dei più celebri chef tedeschi, Harald Wohlfahrt, il cui ristorante è stato insignito per 25 anni consecutivi di 3 stelle Michelin.

MSC Grandiosa è la nave di MSC Crociere più avanzata dal punto di vista ambientale e testimonia l’impegno profuso dalla Compagnia per proteggere i mari e rispettare le comunità con cui collabora. La nave è equipaggiata con tecnologie d’avanguardia e orientate a ridurre le emissioni e migliorare le prestazioni ambientali complessive sia in mare che a terra.

MSC Grandiosa arriverà a Genova il prossimo 22 novembre per iniziare la sua stagione inaugurale con crociere di sette notti nel Mediterraneo Occidentale toccando Civitavecchia, Palermo, Valletta (Malta), Barcellona (Spagna) e Marsiglia (Francia).

A bordo della nave gli ospiti possono trovare moltissime attività adatte a soddisfare per ogni esigenza e desiderio, tra cui:

-due nuovi spettacoli del Cirque du Soleil at Sea, creati in esclusiva per gli ospiti di MSC Crociere;
-una promenade interna in stile Mediterraneo di 93 metri con un soffitto a led in grado di creare suggestive scenografie, luogo di incontro e di shopping, dove trovano spazio ristoranti tematici e corner di specialità culinarie internazionali;
-un’esperienza artistica unica, con la prima mostra d’arte sul mare che ospita 26 incisioni della serie Danse Dessin del pittore Edgar Degas;
-aree dedicate ai bambini, create in collaborazione con Chicco e Lego;
-e in ogni cabina la prima assistente di viaggio virtuale al mondo “ZOE”, disponibile in tutte le cabine.

Ad Amburgo, MSC Grandiosa è stata la protagonista di un coinvolgente spettacolo di luci realizzato presso il Blue Port. Spettacolari installazioni luminose create dal famoso artista Michael Batz hanno illuminato il porto di blu, colore che simboleggia il mare e l’impegno di MSC Crociere per la salvaguardia dell’oceano.  Il momento più emozionante della serata sarà il taglio del nastro per mano della madrina Sophia Loren, a seguire, uno straordinario spettacolo pirotecnico e la cena di gala per gli oltre 5.000 ospiti della serata.

Photo by Anthony Devlin/Getty Images for MSC

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab