peyrani
Home » Diporto, Italia, News » Nautica da diporto e politica: la vice di Vendola, Loredana Capone, accusa

Nautica da diporto e politica: la vice di Vendola, Loredana Capone, accusa

Che ci sia una certa alleanza politica tra Italia Navigando e Regione Puglia per lo sviluppo della portualità turistica è risaputo: Ernesto Abaterusso, presidente del CdA di Italia Navigando, controllata di Invitalia, insieme con l’assessora Sviluppo economico, Loredana Capone, hanno lavorato per sponsorizzare progetti in Puglia (Gallipoli:12 milioni di euro  e per Lecce 6,5 milioni di euro).

Già nel 2010, la regione Puglia aveva firmato un Accordo di programma quadro con Italina Navigando (Invitalia e Ministeri interessati) per la portualità turistica pugliese: a Gallipoli, con un solo progetto si sta pensando ad una rivalutazione globale del porto stesso, da levante a ponente, come afferma il Sindaco Venneri. Mentre a Lecce si sta ancora discutendo di una proposta dell’assessora condivisa da Italia Navigando, ma si aspettano i pronunciamenti del sindaco Paolo Perrone.

A Viareggio, invece, la settimana scorsa, durante la Convention UCINA SATEC 2011, in cui è stato presentato lo studio ISPO del Prof. Renato Mannheimer “Le Amministrazioni locali e la Nautica”, la vice presidente della Regione Puglia, Loredana Capone, intervenendo ha sostenuto che riguardo ai porti turistici il problema non si pone nella progettualità e costruzione, con dragaggi connessi, ma riguarda il sistema di infrastrutture e della produzione di servizi nautico/turistici. La Capone, sviluppando questo concetto, ha rimarcato: “la Puglia è consapevole che la nautica esprime grandi potenzialità.

Stiamo promuovendo un sistema di porti turistici che non solo faccia aumentare i posti barca, guardate la Francia e le Baleari, ma tutto il sistema turistico che ruota intorno ai porti con le produzioni industriali e dei servizi connessi”. Naturalmente tutti i presenti non hanno battuto ciglio;  in casa Confindustria nautica era proprio un invito a costruire porti e porticcioli ed il Ministro Matteoli le ha ricordato l’ultimo decreto del Governo proprio su queste linee liberali.

Poi, la Capone, ricordandosi che fa parte della giunta Vendola, ha criticato la politica del governo sullo sviluppo della nautica: “c’è bisogno di una strategia di politica industriale nazionale chiara e netta, che non parli di burocrazia zero solo come slogan, ma detti regole chiare e pretenda efficienza nella loro applicazione, che non parli di federalismo demaniale e poi pretenda che i distretti turistici siano addirittura riconosciuti dal Presidente del Consiglio dei ministri che non dica di voler investire sui porti e poi vessa le imprese che vogliono investire e s’inchina a Fincantieri invece di chiederle di restare con un buon piano industriale”.

Occorre, però sottolineare che certi argomenti tecnici, a volte ostici, non sono e non possono essere trattati solo politicamente, se si crede ad uno sviluppo turistico e nautico come la Puglia Corsara afferma. Parlare di Distretto della nautica pugliese solo dal punto di vista politico, come sta accadendo da qualche giorno; non porta a realizzare nessun obiettivo strategico; come pure nel vasto campo dei mestieri del mare, tutti si affannano a realizzare corsi importati da altre realtà marittime che non appartengono alla storia marinara pugliese.

Occorre prima di tutto effettuare una seria rilevazione dei fabbisogni formativi delle imprese di settore legate seriamente alla nautica e all’organizzazione del lavoro portuale operanti nel distretto nautico. Sulla base di questi dati rilevati si può predisporre un piano per la reale offerta formativa, tralasciando corsi di ceramica e di soffiatura del vetro. Le imprese del distretto della nautica pugliese hanno bisogno di una azione di formazione professionale specifica prima e, in un secondo momento, di innovazioni per evitare di cavalcare il “nuovo” con le scarpe “vecchie”.

Abele Carruezzo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Turismo nuovo e nautica da diporto
  2. Nautica da diporto inglese e la Maritime Labour Convention
  3. Porticciolo, turismo, diporto e distretto della nautica
  4. Capone: “La nautica in Puglia cresce del 300%”
  5. Considerazioni sulla Nautica da diporto

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1457

Scritto da Abele Carruezzo su giu 4 2011. Archiviato come Diporto, Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab