peyrani
Home » Diporto, News » Le imbarcazioni da diporto fanno la “differenziata”?

Le imbarcazioni da diporto fanno la “differenziata”?

Sicuramente. L’unico consiglio che ci sentiamo di dare è quello di fare attenzione alle ordinanze della Capitaneria di Porto dove quest’estate intenderete attraccare.

In molti porticcioli, non avendo la figura del Direttore tecnico, non fidatevi dei vari ormeggiatori e/o marinai ingaggiati solo “per caso” per lo smaltimento dei rifiuti.

I rifiuti solidi riconosciuti dalla MARPOL ‘73/78 e successivi emendamenti (MARine POLlution) sono: plastica, metallo, carta, alluminio, vetro, ceneri, cibo e ceramica.

Esempi di  rifiuti speciali prodotti a bordo sono: bombolette spray, rifiuti ospedalieri, olio alimentare esausto, neon, componenti elettroniche, batterie (di tutti i tipi), residui di macchine lavasecco, stracci oleosi di motori, pirotecnici, toner per stampanti, etc.

E’ chiaro che ogni tipologia di rifiuto andrà identificato e separato già a bordo; la raccolta differenziata del rifiuto (garbage) può avvenire con appositi contenitori e quindi identificati con apposite etichette e simboli di colori diversi in base al tipo di rifiuto.

Mentre i rifiuti liquidi sono: acque reflue, cioè quelle grigie di drenaggio proveniente da macchine lavapiatti, dalle docce, lavanderia, bagno e lavandino; le acque nere cioè gli scarichi idrici provenienti dai servizi igienici e le acque oleose di sentina.

Ricordiamo, che l’area dell’imbarcazione in fondo alla carena è detta “sentina”: cioè l’area in cui si raccolgono  le acque varie ( acqua di lubrificazione dei premistoppa dell’albero, quella del sistema di raffreddamento dei motori, degli evaporatori e di altri macchinari).

Anche se la MARPOL prevede la discarica a mare di alcuni rifiuti liquidi,  tenendo in considerazione  la distanza dalla costa (fuori dalle dodici miglia), la velocità di navigazione, se si è all’interno o all’ esterno di aree speciali, il tipo di rifiuto, le acque di sentina devono contenere una quantità di olio non superiore a 15 ppm (parti per milione).

Inoltre, le acque nere, prima di essere scaricate, devono essere trattate con sistemi chimici di MSD (Marine Sanitation Device). La discarica  fuori bordo delle acque nere e grigie deve avvenire fuori dalle aree protette. Sembra strano. Ma le rotte di turismo nautico per certi porticcioli vengono definite anche da questi problemi di “differenziata”.

Abele Carruezzo

Foto: Simone Rella

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Ancora sui titoli professionali marittimi del diporto
  2. Diporto nautico: quale barca?
  3. Anche le piccole imbarcazioni sotto l’International Ship and Port Security (ISPS)
  4. Nautica da diporto e politica: la vice di Vendola, Loredana Capone, accusa
  5. Porticciolo, turismo, diporto e distretto della nautica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2670

Scritto da Abele Carruezzo su lug 20 2011. Archiviato come Diporto, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab