Home » Diporto, Internazionale, News » La nave cilena della “tortura” visita North Vancouver ed accende la protesta

La nave cilena della “tortura” visita North Vancouver ed accende la protesta

White Lady, una goletta a quattro alberi, è la seconda nave a vela più grande del mondo, sicuramente molto bella, ma con un passato terribile. Oggi, l’Esmeralda è una nave scuola della Marina cilena ed il 5 agosto ha fatto visita alla City of North Vancouver.

Tutti gli appassionati di vela la conoscono come la Dama Bianca. Dopo il colpo di stato militare in Cile nel 1973, l’Esmeralda è stata utilizzata come prigione galleggiante e stazione di tortura da parte della dittatura del generale Augusto Pinochet.

Amnesty International, il Senato degli Stati Uniti e Cile, nel concludere le indagini, hanno scoperto più di 100 casi di detenzione senza processo, con pestaggi, torture e violenze sessuali a bordo della Dama Bianca, compreso un sacerdote, Michael Woodward.

La scelta di impiegare la goletta a nave scuola è stata a dir poco incauta; infatti ad ogni porto che vi attracca è costretta a subire proteste dalle associazioni della “non violenza” che puntualmente ricordano alla Dama Bianca il suo passato tragico; l’ultima protesta è stata a Victoria, dove il Consiglio comunale ha invitato il Presidente dell’assise di negare l’ingresso della nave in porto.

Il 18 luglio scorso, anche il Consiglio della City of North Vancouver ha approvato una mozione per negare all’Esmeralda il benvenuto formale che di solito si da alle navi da guerra straniere.

La motivazione espressa dal consiglio sottolinea che mentre il governo cileno  riconosce quello che è successo a bordo della nave, la sua marina militare ancora non lo ha fatto, ed il capitano attuale della Dama Bianca, in una recente intervista, ha negato qualsiasi tortura avvenuta a bordo della nave.

Nonostante le rimostranze, il 5 agosto scorso, la nave ha attraccato al molo della City of North Vancouver ed il sindaco Darrell Mussatto ha dovuto compiere il suo dovere da primo cittadino, dando il benvenuto alla Nave scuola cilena “Esmeralda” detta la Dama Bianca.

Abele Carruezzo
Foto: AP GraphicsBank

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Ancora una nave italiana in mano ai pirati
  2. UK: in salvo i 13 marinai della Pavit
  3. Trivellazioni alle Isole Tremiti: la protesta degli ambientalisti
  4. La nave di Sua Maestà
  5. NAVE INCAGLIATA A DUE MIGLIA DALLE COSTE PUGLIESI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3158

Scritto da Abele Carruezzo su ago 8 2011. Archiviato come Diporto, Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab