peyrani
Home » Diporto, News » Porto di Civitavecchia: denunciati cinque comandanti

Porto di Civitavecchia: denunciati cinque comandanti

Cinque comandanti di navi, ancorate al porto di Civitavecchia, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per gli effetti inquinanti provocati dall’eccessiva emissione dei fumi delle loro imbarcazioni. Una questione che, soprattutto negli ultimi giorni, è stata al centro delle proteste degli abitanti delle strade del centro che si affacciano sul porto.

All’argomento è stato dedicato ieri un incontro tra la Capitaneria di porto e le società armatoriale, invitate a sensibilizzare i rispettivi comandanti a ridurre al minimo le emissioni inquinanti e a raccogliere proposte tecniche utili alla rapida risoluzione del problema.

Inoltre, saranno ulteriormente intensificati i controlli coordinati dalla Procura della Repubblica locale. In proposito, la Guardia Costiera ha istituito uno speciale nucleo con il compito di svolgere un’attività di monitoraggio mirato 24 ore su 24, sanzionando gli eventuali trasgressori. Nell’ultimo trimestre, la Capitaneria ha effettuato circa settanta interventi anti-inquinamento, comminando pesanti sanzioni ai comandanti di tre navi da crociera.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: ritrovata ancora di epoca romana
  2. Il porto di Civitavecchia ha fatto registrare presenze record a Ferragosto
  3. Porto di Civitavecchia: Polverini promette sblocco Marina
  4. Porto di Civitavecchia: Monti e Grimaldi firmano accordo per nuovi collegamenti
  5. Porto di Ravenna: ordigno bellico trovato da una draga

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=3481

Scritto da Salvatore Carruezzo su ago 24 2011. Archiviato come Diporto, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab