Home » Diporto, Internazionale, Legislazione, News, Trasporti » IMO2020 comporterà un aumento del 50% dei costi del carburante sulla rotta commerciale Far Est-Europa

IMO2020 comporterà un aumento del 50% dei costi del carburante sulla rotta commerciale Far Est-Europa

Lancio gratuito della web-application BAF Calcolator per aumentare la trasparenza dei costi del carburante per gli spedizionieri e le compagnie marittime

I costi del carburante per TEU aumenteranno di oltre il 50% da gennaio 2020 a seguito delle norme IMO2020 che impongono alle compagnie marittime di passare a carburanti a basso contenuto di zolfo e più costosi. Le stime di MDS Transmodal, utilizzando il BAF Calculator, suggeriscono che un passaggio da IFO380 a MGO su un servizio di riferimento sulla rotta Far East-Europe utilizzando navi con capienza 18.500 TEU risulterebbe in un aumento del carburante pari a $62/TEU per la direzione principale e $39/TEU per la direzione di ritorno.

Questo livello di aumento porterà di per sé a trattative accese poiché gli spedizionieri cercheranno di evitare il costo aggiuntivo e le linee di navigazione cercheranno di proteggere i loro profitti. Tuttavia, i risultati del BAF Calculator per la tratta commerciale Far East-Europe mostrano che vi possono essere variazioni significative intorno a questi risultati di benchmark a seconda del servizio utilizzato; l’aumento potrebbe arrivare fino a $81/TEU per la direzione principale e $51/TEU per la direzione di ritorno.

Alcune linee di navigazione stanno decidendo di installare sistemi di lavaggio in modo da poter continuare ad utilizzare combustibili ad alto contenuto di zolfo e più economici. Queste società, tuttavia, dovranno recuperare il costo del loro investimento e potrebbero utilizzare il BAF Calculator per stimare il costo aggiuntivo derivante dall’uso di MGO sostenuto dai loro concorrenti e definire così le loro decisioni sui prezzi. Una maggiore trasparenza nel calcolo del BAF aiuterebbe quindi queste società a prendere le decisioni più appropriate alla vigilia della scadenza IMO2020.

MDS Transmodal ha lanciato oggi il suo BAF Calculator, un nuovo servizio online della società di consulenza marittima e di trasporto merci con sede nel Regno Unito. Il BAF Calculator consente agli spedizionieri ed alle compagnie di navigazione globali di calcolare il costo del carbonate per TEU per ciascuno dei 154 servizi di container su acque profonde che operano su sette principali rotte commerciali.

“Nell’autunno 2018 abbiamo elaborato la metodologia per il meccanismo Hapag Lloyd’ Marine Fuel Recovery (MFR) “, ha affermato Chris Rowland, Managing Director di MDS Transmodal. “Ma volevamo che l’intero mercato avesse accesso ad una fonte di dati indipendente e trasparente sui costi del carburante per container alla luce dell’avvicinarsi della scadenza dell’IMO2020″.

Caratteristiche e vantaggi del BAF Calculator includono:

• accesso gratuito al costo del carburante per TEU per i servizi marittimi di riferimento su sette principali rotte commerciali globali;
• accesso tramite abbonamento Premium al costo del carburante per TEU per tutti i servizi marittimi sulle sette corsie commerciali;
• separazione del costo del carburante per TEU per entrambe le direzioni di viaggio;
• la possibilità di cambiare i prezzi del carburante per tener conto dei diversi tipi di carburanti usati;
• la distanza in SECA viene presa automaticamente in considerazione;
• utilizzo della metodologia sviluppata da MDS Transmodal per il Marine Fuel Recovery (MFR) per Hapag Lloyd.

Il BAF Calculator è ora disponibile on-line all’indirizzo http://www.bafcalculator.com o contatta Antonella Teodoro al numero + 44- (0) 1244 348301 o antonella.teodoro@mdst.co.uk.

Leggi anche:

  1. Focus sulla Via della Seta, sui corridoi energetici, la rotta artica e i Big Data marittimi
  2. Panama Canal transito con carburante green del bunker
  3. Costi aggiuntivi ingiustificati sulla pesatura dei container
  4. Costi dei container ancora in calo
  5. Assemblea del Propeller Club Port Venice: dalle crociere al commerciale l’incerta rotta del porto di Venezia

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64474

Scritto da Redazione su lug 16 2019. Archiviato come Diporto, Internazionale, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab