Home » Cantieri, Diporto, Italia, Nautica, News » CANTIERE NAVALE VITTORIA, DALLA GRECIA L’ORDINE PER IL QUARTO FAST PATROL VESSEL DESTINATO ALLA GUARDIA COSTIERA

CANTIERE NAVALE VITTORIA, DALLA GRECIA L’ORDINE PER IL QUARTO FAST PATROL VESSEL DESTINATO ALLA GUARDIA COSTIERA

Il Ministero delle Politiche Marittime dello stato ellenico commissiona all’azienda veneta la fornitura dell’opzione prevista nel contratto per la realizzazione di tre pattugliatori sottoscritto a gennaio scorso. Valore della commessa 14 milioni di euro

 

Adria (Rovigo)-Si aggiunge una quarta sorella alle tre unità del tipo Fast Patrol Vessel che il Cantiere Navale Vittoria sta realizzando nel suo stabilimento di Adria (Ro) per la Ellinikí Aktofýlaki, la Guardia Costiera greca.

L’azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di imbarcazioni militari, paramilitari, da lavoro, commerciali e da trasporto fino a 100 metri di lunghezza (valore della produzione 29 milioni di euro nel 2018 e 60 milioni di euro previsto per il 2019 con oltre 65 dipendenti) ha ottenuto dal Ministero delle Politiche Marittime della Grecia un nuovo ordine – dal valore di circa 14 milioni di euro – per la costruzione di un pattugliatore destinato ad essere impiegato nelle operazioni di sorveglianza delle frontiere e di salvataggio in mare, in tutte le condizioni climatiche, dalla Guardia Costiera del paese ellenico.

L’unità appena ordinata corrisponde all’opzione già contemplata nel contratto per la realizzazione di tre FPV sottoscritto da Casa Vittoria lo scorso gennaio e andrà a rafforzare la flotta in dotazione al paese europeo.

Il contratto, che da oltre 41.5 milioni di euro arriva così ad avere un valore complessivo di oltre 55.5 milioni di euro, è il risultato dell’aggiudicazione di una gara internazionale indetta dal Ministero delle Politiche Marittime dello stato ellenico sostenuto (per il 90%) dal Fondo Sicurezza Interna (ISF) 2014-2020 dell’Unione Europea.

Le quattro imbarcazioni saranno assegnate, tra l’altro, alle missioni Frontex al di fuori delle acque greche, utilizzate per sorvegliare le frontiere marittime esterne dell’UE e per condurre ricerche e soccorsi limitati (SAR) nell’ambito di Frontex.

Il FPV che andrà a integrare le unità precedentemente commissionate sarà lungo 36 metri, largo 7 metri e avrà un dislocamento a pieno carico di 156 tonnellate. La consegna dell’unità è prevista per i primi mesi nel 2022 a 28 mesi dalla firma del contratto principale. L’imbarcazione viaggerà a una velocità massima di 37 nodi grazie alla propulsione dei due water-jets Rolls Royce Ka.Me.Wa. tipo S71-4, e potrà ospitare un equipaggio di 16 persone. Tra le dotazioni più importanti saranno installate due stazioni di comando remoto degli armamenti e due sistemi avanzati di sorveglianza e navigazione. L’imbarcazione sarà progettata e costruita secondo le regole del RINA (Registro delle navi italiano, membro dello IACS) e riceverà la massima notazione della classe.

«Si tratta di un nuovo e importante risultato e un nuovo traguardo nel nostro percorso di crescita – commenta Luigi Duò, presidente del Cantiere Navale Vittoria – il committente ha riconosciuto il nostro know how, la qualità delle nostre progettazioni, la nostra leadership nel settore e ha rinnovato la sua fiducia nei nostri confronti. Le tre Fast Patrol Vessel, attualmente in produzione, insieme alla quarta e ultima unità ordinata – conclude il Presidente Duò- andranno a potenziare l’attuale flotta greca e assicureranno un significativo salto di qualità per le capacità di sorveglianza, controllo e intervento nelle acque nazionali ed internazionali».

Cantiere Navale Vittoria
L’azienda, fondata ad Adria (Rovigo) nel 1927 dalla famiglia Duò, progetta e realizza imbarcazioni militari, paramilitari da lavoro, commerciali e da trasporto fino a 100 metri di lunghezza, rispettando i più elevati standard qualitativi comprovati dalle certificazioni ISO 9001 (Sistemi di gestione per la Qualità – Requisiti), ISO 14001 (Sistema di gestione Ambientale), OHSAS 18001 (Sistema di gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori) e ISO 3834-2 (Saldatura Automatica e Manuale).

Dalla sua fondazione il Cantiere Navale Vittoria ha costruito oltre 870 unità navali, vedendosi assegnate nel tempo diverse forniture per imbarcazioni della Guardia Costiera italiana, dei Vigili del Fuoco, della Guardia di Finanza e della Marina Militare. L’azienda si è aggiudicata inoltre numerose commesse internazionali da Malta, Cipro, Libia, Croazia, Slovenia, Tunisia, Algeria, Russia e Romania, oltre che diversi progetti da parte di alcuni dei più importanti armatori italiani dell’ Oil & Gas dei trasporti e dei lavori marittimi.

Leggi anche:

  1. CANTIERE NAVALE VITTORIA CONSEGNA ALLA FEDERAZIONE RUSSA IL RIMORCHIATORE “ROMA-MOSCA”
  2. CANTIERE NAVALE VITTORIA VARA RIMORCHIATORE “ROMA-MOSCA” DESTINATO ALLA FEDERAZIONE RUSSA
  3. CANTIERE NAVALE VITTORIA CONSEGNA IL RIMORCHIATORE C.869 ALLA PORT AUTORITY DI SKIKDA
  4. Cantiere Navale Vittoria consegna alla Tunisia nave scuola per sommozzatori
  5. RECORD PER IL CANTIERE NAVALE VITTORIA: DIPENDENTI PREMIATI CON UNA MENSILITÀ IN PIÙ

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65159

Scritto da Redazione su lug 29 2019. Archiviato come Cantieri, Diporto, Italia, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab