Home » Ambiente, Diporto, Internazionale, News, Trasporti » Nuovo primato per Energy Observer, prima nave a idrogeno e rinnovabili a raggiungere il Circolo Polare Artico

Nuovo primato per Energy Observer, prima nave a idrogeno e rinnovabili a raggiungere il Circolo Polare Artico

Energy Observer è la prima nave al mondo alimentata da energia rinnovabile e idrogeno a raggiungere il circolo polare artico. 2.400 miglia per navigare da San Pietroburgo a Spitsbergen, una destinazione iconica per molte ragioni.

Quest’isola nell’arcipelago norvegese delle Svalbard è profondamente influenzata dal clima, un fenomeno che verrà trattato approfonditamente da Energy Observer durante la sua Odyssey for the Future.

L’imbarcazione ha lasciato Tromso il 2 agosto scorso approfittando delle condizioni meteo favorevoli. Gli ingegneri hanno lavorato alacremente per ottimizzare le vele rigide Oceanwings® prima della partenza in modo che la traversata verso Spitsbergen potesse procedere nel modo più agevole possibile. Si tratta del viaggio più lungo effettuato da Energy Observer dalla sua partenza nel 2017.
Un meteo non sempre favorevole ha messo alla prova equipaggio ed imbarcazione, con venti fino a 40 nodi che hanno reso più complesse le procedure in uscita dal golfo di Finlandia.

Un vero laboratorio galleggiante, Energy Observer è alimentato da mix di energia solare, eolica e idroelettrica.
Parte del fotovoltaico presente a bordo è stato fornito dalla torinese Solbian  il cui metodo di incapsulamento brevettato fa sì che i pannelli siano al contempo resistenti, leggeri e adattabili a superfici curve. Se un pannello solare standard pesa fino a 20 kg per 300 W, quelli che equipaggiano Energy Observer, a pari potenza pesano solo 4 kg, un quinto dei moduli tradizionali.

Si tratta di pannelli della serie SP, basati su silicio monocristallino le cui celle raggiungono il record di conversione del 24% di luce solare in elettricità. Durante il refit invernale 2018, 27m2 di pannelli solari aggiuntivi, tutti prodotti dall’azienda torinese, hanno arricchito ulteriormente l’imbarcazione.

Leggi anche:

  1. Motonautica: Solar Energy Boat, a Montecarlo workshop su mobilità sostenibile
  2. AL SALONE NAUTICO VENEZIA ARRIVA “HEPIC” LA PRIMA BARCA A IDROGENO PER IL TRASPORTO PASSEGGERI IN LAGUNA
  3. MARINA MILITARE: NAVE ALLIANCE DIRIGE PER IL CIRCOLO POLARE
  4. MARINA MILITARE: LA MARINA MILITARE TORNA AL CIRCOLO POLARE ARTICO
  5. Il pre-clering su una nave Ro/Ro: primato Livorno

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65533

Scritto da Redazione su ago 8 2019. Archiviato come Ambiente, Diporto, Internazionale, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab