Home » Ambiente, Diporto, Italia, Nautica, News, Trasporti » Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale: Crociata anti-inquinamento

Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale: Crociata anti-inquinamento

L’obiettivo è comune: mitigare l’impatto ambientale che le attività portuali hanno sulla città di Livorno e definire una linea di azione comune per arrivare al risultato in tempi contingentati.

L’Arpat, l’Autorità di Sistema Portuale e il Comune, avviano la crociata anti-inquinamento. E lo fanno concretamente, riunendosi stamani nel quartier generale della Port Authority per affrontare il tema e trovare le prime soluzioni.

Gli strumenti conoscitivi per operare ci sono, e sono stati definiti dall’accordo quadro che l’Agenzia Regionale per la protezione ambientale della Toscana e l’AdSP hanno sottoscritto ad agosto del 2017 col fine di arrivare ad acquisire un quadro conoscitivo ampio ed aggiornato sullo stato ambientale e acustico in porto.

L’Arpat ha impiegato un anno intero per effettuare otto campagne di rilevamenti a 360 gradi e valutare l’impatto delle emissioni delle navi commerciali e passeggeri. Le postazioni scelte per sviluppare l’indagine sono state La Darsena Toscana Sponda Ovest e la Calata Sgarallino, di fronte alla Fortezza Vecchia.

I risultati di un’annualità di studi sono stati discussi stamani e si rivelano sorprendenti.

La campagna che si è svolta nel porto di Livorno ha evidenziato nel complesso una situazione positiva, con livelli di qualità dell’aria buona testimoniata dal pieno rispetto dei limiti di normativa per tutti gli inquinanti che sono stati monitorati: PM10, PM2,5, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene e biossido di zoldo.

È stato il coordinatore Arpat dell’Area Costa, Gaetano Licitra, a mettere in evidenza in dettaglio i risultati di questa indagine, comunicando per altro che «i limiti di normativa per l’SO2 sono stati ampiamente rispettati».

Tutto bene, dunque? No, affatto: per sostanze inquinanti come il biossido di zolfo e il toluene è stata riscontrata la presenza di picchi orari di concentrazione degni di nota presso tutte e due le postazioni scelte per effettuare le indagini.

Quindi, c’è ancora molto da fare, come ha sottolineato l’assessore comunale all’ambiente Giovanna Cepparello, che ha partecipato alla riunione presieduta dal dirigente dell’AdSp Claudio Vanni: «Il tema dell’inquinamento ambientale nelle città portuali esiste e viene giustamente percepito dai cittadini come una questione rilevante. È rincuorante che i livelli di concentrazione degli inquinanti rientrino nei limiti normativi, rimane tuttavia aperta la questione degli episodi di picco che devono essere approfonditi. La sinergia tra Regione, Comune e Autorità Portuale ci permetterà di inquadrare il problema in tutta la sua interezza e definire quanto prima una linea di azione comune».

All’inizio di settembre sono partite le nuove campagne di misurazione con laboratorio mobile previste dalla seconda annualità dell’accordo quadro. Nell’ambito dello sviluppo del progetto verranno affrontati i temi legati al particolato atmosferico, che saranno approfonditi anche sulla base delle segnalazioni fatte dai cittadini.

Leggi anche:

  1. Autorità di Sistema del Mar Tirreno Settentrionale-Porto della Chiusa: avanti tutta
  2. Successo al Seatrade di Amburgo per l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale
  3. L’Autorita di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale vola a New York
  4. Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale: Come ti cambio il porto
  5. Autorità di Sistema del Mar Tirreno Centro Settentrionale: “BClink: MOS for the future”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67848

Scritto da Redazione su ott 2 2019. Archiviato come Ambiente, Diporto, Italia, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab